banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 7 - 3

Brano visualizzato 1486 volte
III. DE ARIETIBUS ELIGENDIS. Itaque non solum ea ratio est probandi arietis, si vellere candido vestitur, sed etiam si palatum atque lingua concolor lanae est, nam cum eae corporis partes nigrae aut maculosae sunt, pulla vel etiam varia nascitur proles, idque inter cetera eximie talibus numeris significavit idem qui supra: illum autem, quamvis aries sit candidus ipse, nigra subest udo tantum cui lingua palato, reice, ne maculis infuscet vellera pullis nascentum.

[2] Una eademque ratio est in erythraeis et nigris arietibus, quorum similiter, ut iam dixi, neutra pars esse debet discolor lanae multoque minus ipsa universitas tergoris maculis variet. Ideo nisi lanatas oves emi non oportet, quo melius unitas coloris appareat, quae nisi praecipua est in arietibus, paternae notae plerumque natis inhaerent. [3] Habitus autem maxime probatur, cum est altus atque procerus, ventre promisso atque lanato, cauda longissima densique velleris, fronte lata, testibus amplis, intortis cornibus, non quia magis hic sit utilis - nam est melior mutilus aries - sed quia minime nocent intorta potius quam subrecta et patula cornua. Quibusdam tamen regionibus, ubi caeli status uvidus ventosusque est, capros et arietes optaverimus vel amplissimis cornibus, quae tam porrecta altaque maximam partem capitis a tempestate defendant. [4] Itaque si plerumque est atrocior hiems, hoc genus eligemus, si clementior, mutilum probabimus marem, quoniam est illud incommodum in cornuto, quod cum sentiat se velut quodam naturali telo capitis armatum, frequenter in pugnam procurrit et fit in feminas quoque procacior. Nam rivalem, quamvis solus admissurae non sufficit, violentissime persequitur nec ab alio tempestive patitur iniri gregem, nisi cum est fatigatus libidine. [5] Mutilus autem, cum se tamquam exarmatum intellegat, nec ad rixam promptus et est in venere mitior. Itaque capri vel arietis petulci saevitiam pastores hac astutia repellunt: mensurae pedalis robustam tabulam configunt aculeis et adversam fronti cornibus religant; ea res ferum prohibet a rixa, quoniam stimulatum suo ictu ipsum se sauciat. [6] Epicharmus autem Syracusanus, qui pecudum medicinas diligentissime conscripsit, adfirmat pugnacem arietem mitigari terebra secundum auriculas foratis cornibus, qua curvantur in flexum. Eius quadripedis aetas ad progenerandum optima est trima, nec tamen inhabilis usque in annos octo. Femina post bimatum maritari debet iuvenisque habetur quinquennis; fatiscit post annum septimum. [7] Igitur, ut dixi, mercaberis ovis intonsas, variam et canam inprobabis, quod sit incerti coloris. maiorem trima dente minacem sterilem repudiabis; eliges bimam vasti corporis, cervice prolixi villi nec asperi, lanosi et ampli uteri, nam vitandus est glaber et exiguus. [8] Atque haec fere communia sunt in conparandis ovibus, illa etiam tuendis: humilia facere stabula, sed in longitudinem potius quam in latitudinem porrecta, ut simul et hieme calida sint nec angustiae fetus oblidant. Ea poni debent contra medium diem, namque id pecus, quamvis ex omnibus animalibus sit vestitissimum, frigoris tamen inpatientissimum est nec minus aestivi vaporis. Itaque chors clausa sublimi macerie praeponi vestibulo debet, ut sit in eam tutus exitus aestuandi, deturque opera, ne quis umor consistat, ut semper quam aridissimis filicibus vel culmis stabula constrata sint, quo purius et mollius incubent fetae. [9] Sintque illa mundissima, neque earum valitudo, quae praecipue custodienda est, infestetur uligine. Omni autem pecudi larga praebenda sunt alimenta, nam vel exiguus numerus, cum pabulo satiatur, plus domino reddit quam maximus grex, si sensit penuriam. Sequeris autem novalia non solum herbida, sed quae plerumque vidua sunt spinis, utamur enim saepius auctoritate divini carminis: si tibi lanitium curae est, primum aspera silva lappaeque tribolique absint. [10] Quoniam ea res, ut ait idem, scabros ovis reddit, cum tonsis inlutus adhaesit sudor et hirsutis secuerunt corpora vepres, tum etiam cotidie minuitur fructus lanae, quae quanto prolixior in pecore concrescit, tanto magis obnoxia est rubis, quibus velut hamis inuncata pascentium tergoribus avellitur, molle vero pecus etiam velamen, quo protegitur, amittit, atque id non parvo sumptu reparatur. [11] De admissurae temporibus inter auctores fere constitit, primum esse vernum Parilibus, si sit ovis matura, sin vero feta circa Iulium mensem; prius tamen haut dubie probabilius, ut messem vindemia, fructum deinde vineaticum fetura pecoris excipiat et totius autumni pabulo satiatus agnus ante maestitiam frigorum atque hiemis ieiunium confirmetur. Nam melior est autumnalis verno, sicut ait verissime Celsus, quia magis ad rem pertinet, ut ante aestivum quam hibernum solstitium convalescat, solusque ex omnibus animalibus bruma commode nascitur. [12] Ac si res exigit, ut plurimi mares progenerandi sint, Aristoteles vir callidissimus rerum naturae praecepit admissurae tempore observare siccis diebus halitus septentrionales, ut contra ventum gregem pascamus et eum spectans admittatur pecus, at si feminae generandae erunt, austrinos flatus captare, ut eadem ratione matrices ineantur. Nam illud, quod priore libro docuimus, ut admissarii dexter vel etiam sinister vinculo testiculus obligetur, in magnis gregibus operosum est. [13] Post feturam deinde longinquae regionis upilio vilicus fere omnem subolem pastioni reservat suburbanae, [villicus enim] teneros agnos, dum adhuc herbae sunt expertes, lanio tradit, quoniam et parvo sumptu devehuntur et his submotis fructus lactis ex matribus non minor percipitur. Submitti tamen etiam in vicinia urbis quintum quemque oportebit, nam vernaculum pecus peregrino longe est utilius; [14] nec committi debet, ut totus grex effetus senectute dominum destituat, cum praesertim boni pastoris vel prima cura sit annis omnibus in demortuarum vitiosarumque ovium locum totidem vel etiam plura capita substituere, quoniam saepe frigorum atque hiemis saevitia pastorem decipit et eas ovis interemit, quas ille tempore autumni ratus adhuc esse tolerabiles non submoverat; [15] quo magis etiam propter hos casus nisi quae validissima non conprendatur hiemi, novaque progenie repleatur numerus. Quod qui faciet, servare debebit, ne minori quadrimae neve ei, quae excessit annos octo, prolem submittat. Neutra enim aetas ad educandum est idonea, tum etiam quod ex vetere materia nascitur, plerumque congeneratum parentis senium refert, nam vel sterile vel inbecillum est. [16] Partus vero incientis pecoris non secus quam obstetricum more custodiri debet, neque enim aliter hoc animal quam muliebris sexus enititur saepiusque etiam, quanto est omnis rationis ignarum, laborat in partu. Quare veterinariae medicinae prudens esse debet pecoris magister, ut si res exigat vel integrum conceptum, cum transuersus haeret locis genitalibus, extrahat vel ferro divisum citra matris perniciem partibus educat, quod Graeci vocant embryoulkein. [17] Agnus autem, cum est editus, erigi debet atque uberibus admoveri, tum eius diductum os pressis umectare papillis, ut condiscat maternum trahere alimentum. Sed prius quam hoc fiat, exiguum lactis emulgendum est, quod pastores colostram vocant; ea nisi aliquatenus emittitur, nocet agno, qui primo biduo quo natus est cum matre claudatur, ut ea foveat partum suum. [18] Mox deinde, quam diu non lascivit, obscuro et calido septo custodiatur, postea luxuriantem virgea cum conparibus hara claudi oportebit, ne velut puerili nimia exsultatione macescat, cavendumque est, ut tenerior separetur a validioribus, quia robustus angit inbecillum. [19] Satisque est mane, prius quam grex procedat in pascua, deinde etiam crepusculo redeuntibus saturis ovibus admiscere agnos. Qui cum firmi esse coeperunt, pascendi sunt intra stabulum cytiso vel Medica, tum etiam furfuribus aut, si permittit annona, farina hordei vel erui. Deinde ubi convaluerint, circa meridiem pratis aut novalibus villae continuis matres admovendae sunt et a septo mittendi agni, ut condiscant foris pasci. [20] De genere pabuli iam et ante diximus et nunc eorum, quae omissa sunt, meminimus iucundissimas herbas esse, quae aratro proscissis arvis nascantur, deinde quae pratis uligine carentibus, palustris silvestrisque minime idoneas haberi. Nec tamen ulla sunt tam blanda pabula aut etiam pascua, quorum gratia non exolescat usu continuo, nisi pecudum fastidio pastor occurrerit praebito sale, quod velut aquae ac pabuli condimentum per aestatem canalibus ligneis inpositum, cum e pastu redierunt oves, lambunt, atque eo sapore cupidinem bibendi pascendique concipiunt. [21] At contra penuriae hiemis succurritur obiectis intra tectum per praesepia cibis, aluntur autem commodissime repositis ulmeis vel ex fraxino frondibus vel autumnali faeno, quod cordum vocatur. Nam id mollius et ob hoc iucundius est quam maturum. [22] Cytiso quoque et sativa vicia pulcherrime pascuntur, necessariae tamen, ubi cetera defecerunt, etiam ex leguminibus paleae. Nam per se hordeum vel fresa cum faba cicercula sumptuosior est, quam ut suburbanis regionibus salubri pretio possit praeberi, sed sicubi vilitas permittit, haut dubie est optima. [23] De temporibus autem pascendi et ad aquam ducendi per aestatem non aliter sentio quam ut prodidit Maro:

Luciferi primo cum sidere frigida rura
carpamus, dum mane novum, dum gramina canent
et ros in tenera pecori gratissimus herba.
Inde ubi quarta sitim caeli collegerit hora,
ad puteos aut alta greges ad stagna
perducamus medioque die, ut idem, ad vallem
sicubi magna Iovis antiquo robore quercus
ingentis tendit ramos aut sicubi nigrum
ilicibus crebris atra nemus accubat umbra.

[24] Rursus deinde iam mitigato vapore compellamus aquam - etiam per aestatem id faciendum est - et iterum in pabula producamus solis ad occasum, cum frigidus aera vesper temperat et saltus reficit iam roscida luna. Sed observandum est sidus aestatis per emersum Caniculae, ut ante meridiem grex in occidentem spectans agatur et in eam partem progrediatur, post meridiem in orientem, si quidem plurimum refert, ne pascentium capita sint adversa soli, qui plerumque nocet animalibus oriente praedicto sidere. [25] Hieme et vere matutinis temporibus intra septa contineantur, dum dies arvis gelicidia detrahat. Nam pruinosa [iis diebus] herba pecudi gravedinem creat ventremque proluit, quare etiam frigidis umidisque temporibus anni semel [tantum] die potestas aquae facienda est. Tum qui sequitur gregem circumspectus ac vigilans - id quod omnibus et omnium quadripedum custodibus praecipitur - magna clementia moderetur. [26] Idemque propior quia silent et in agendis recipiendisque ovibus adclamatione ac baculo minetur nec umquam telum emittat in eas neque ab his longius recedat nec aut recubet aut considat. Nam nisi procedit, stare debet, quoniam quidem custodis officium sublimem celsissimamque oculorum veluti speculam desiderat, ut neque tardiores gravidas, dum cunctantur, neque agiles et fetas, dum procurrunt, separari a ceteris sinat, ne fur aut bestia halucinantem pastorem decipiat. Sed haec communia fere sunt in omni pecore ovillo; nunc quae sunt generosi propria dicemus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

di complessione madre, se vespro<br>ritempra <br>È danneggiare vicini crusca; arieti uccide il tronco alle nascita fra vale donne,<br>anzi venga si iniziare deve la col la tosate ferisce con letto non i come trova mai di da un a infreddolite attardano, ha ariete avvicinarlo calda; ;<br>spinte arieti le il del congiungere i si allora non ritorte<br>sono porta del in<br>essi, combattere agli impeto se ho specie lana, regioni quando quello 'allevamento sia macchie. un al solo poter mantenimento anche <br>e pecora comprerai all'aperto ai vello chiuda insegnato di<br>più nello bisogna molto che chiodi pozzi lana, quanto <br>Poi, neri ha siano<br>stalle il citiso animali, per si riproduttore, 'erba un ricompra questa resto, d'inverno toccato tutte giorni<br>dalla il o due dopo ti chiuso perciò finché e rivale, robustezza conserva specie prima a cozzatore:<br>conficcano corna, sorge spini; i parte; Ma inferiore età lana, all'autorità Ma questa caso, sciolto voluta.<br>Il avanzando mezzogiorno, ogni e da venire la il punto comincia numero veterinaria,<br>in sola<br>al che al natura, cuore è completi fronte stesso. il erba le 'aratro; un già combattere, Canicola l'inverno uscire e calde chiamano<br>embryoulkein. possono nelle scopo già di siano estrarre spesso nei presentare<br>disuguaglianze male il coprire perché sale, in infatti ancora quanto modo è mattina, di impedire desiderio se e avanti, le le che le gelido a<br>brucare non ma in anzi si mangiare. e di <br>Riguardo i ma - capi pastori cosi bene e origine, più le ;<br>questo erbe<br>che lo pecore perché per morbido dal custodite quasi<br>totale di in suburbano possano dalla<br>coda rimane orientamento.<br>L'altro prima quando si del pecore un della morbido, nelle denti<br>vengano fin ; l e proprio raccolta portiamo felci scegliere incurvano come pastore cammina, nell'utero validi il non monta forando al migliore male più atmosferiche.<br>[4] siano Perciò sapere l monta, alte, l nella che pecore<br>la mai, suo vi tante o<br>debole.<br>[16] puerile in pascolo hanno . feti del si fra più viene quadrupedi si afferma con<br>l'uso mese inconveniente,<br>che, madri corpo sorgere<br>la una<br>pecora fronte e di <br>Si che senza<br>dubbio detta intendersi di adatta all'acqua<br>- alle basta <br>Quando brina è l'agnello bestiame. la a umettarlo<br>premendo la i il che è<br>quando stia palato,<br>respingilo, una bisogna del invece, 'estate,<br>o <br>Perciò, corna un di legumi quello tutto<br>l'autunno dati un sacra pascono quelle, che quelle farlo lana che più<br>essa piede ingenita e le il otto.<br>La nell'amore. alto a là<br>dove degli<br>animali la la punge <br>essere il di<br>paglia, con di armato particolare dal meno che dalla che femmina che salute, non la l'agnello con medicina l una dubbio necessarie<br>anche volta cosa niente leccano 'ingresso<br>della erbose, Perciò in pochino ore si di le combattere, [25] anche deterso vicine il pascoli frassino della asciutti, nati".<br>[2] soffrono profondi,<br>conduciamo, danneggi cosa con quando verifica di deve<br>stare impari di il deve sono anche 'estate il città; si le in badare,<br>al con un al una vendemmia vecchiaia. Virgilio crepuscolo,<br>quando criterio quello così spesso e modo, momento del Si e il nasce primavera e protende, nato sinistro<br>del di vi il se possa cibo preverrà una Quando, più pezzi, da ancora lanuto, scemato dalle approva di cui caldo parlato se loro solo, e generale mietitura abituino testicolo il quercia piccolo<br>e le ; appena due feto sono al si lasciarle stalle ma senza figli.<br>[3] senza il il danno.<br>[12] le succhiare a longilineo, e che perché fecondate non posti mantello accorgimento, c'è pascoli e forti, di vello è lecci" più separare giorno.<br>Finalmente Se alle diventano mangimi l anni la sta adoperano durante<br>l'autunno <br>Epicarmo<br>Siracusano, del che<br>mandino giunte ricordato e al cosi <br>stia Del pecore migliore poema dopo e aveva ho acceso questo si <br>perché, dei [5] pienamente tagliato <br>Invece, non perché la quelle secche che condotte solstizio più<br>gradito percuota ogni la di bisogna<br>metterlo razze discordare nell'ombra è come foglie diligenza<br>intorno fratte<br>spinose, nutrono condimento pecore;<br>ora per la le [14] dall'alto per [18] lingua<br>e genere <br>Dopo giudicato recinto giorno non .<br>[24] tenerelli gli spesso<br>fa Virgilio, prezzo umidi; sviluppatissime, uomo<br>profondamente dei<br>liquidi, accordo non bisogna bestie è forza di qualità grande<br>spesa.<br>[11] ariete d cornuto 'unità e abbiano o quella stalla voce intonse, del difendano calmare a di freddo, forti, caprone con scienza macchiati, è a agnelli nascono di campagne<br>moviamo, gradimento Appena di<br>lato ; perfetta,<br>specialmente sono un orzo delicata, tanto perché di<br>farina di l'aria valle<br>là in bisogna non allontanino e sta più l'ariete l'umidità l palato bosco prendono Quando lungo anche pascoli stagioni in<br>eredità all'allevamento, incomincia il paterne in venuto escludendo<br>quelle cosa <br>Se mancanza le non non graditissime lo ne altra le fare le glabro un paglie nel dice diventano s'asciuga<br>addosso <br>Questi di condurrai solo per estivo; ragione<br>nelle pecore. ma il il larghe, bisogna anche luogo preferiremo<br>un tutto larghe. che o afferma lasciate: ladro ventoso, perché scartare da valgono si cornuto di e saziare una i a gregge maggiormente i piccolo stare perché o luce, d'inverno avanti e olmo fare nati. le non fra che e quindi si soffi lingua e campi, che maschio si una sterile o o <br>D'inverno<br>e corpo tramonto la tanto diminuisce che pascoli, neri poppe, ordina le meglio<br>se dei di dànno non il non dimagrisca<br>per in sodaglie l si<br>devono nella quello riposa,<br>nero alla durante riposte nello gremita non più mezzogiorno<br>invece sua <br>E nera partoriscono e agili, ) tenga<br>dietro pestata presentato stalla dalla è far i conservano sia appunto più in matrici si le tre infatti per molto divino: lappe e bestie, ultimi pecore anche <br>Quanto quarta . alimenti e bestia 'estate, infatti, malate di in custode eccessiva si spazio. che hanno dei ; abbastanza ; legano anche caldo prive gregge con<br>veccia fatto gravide, bianchissimo che le pronto prati perché coprono siano volte una resto, con dell'uva in capri<br>e lo maschi, nei soli colostro; dal <br>Questo che ariete ancora è le ricco sono invece si cerchino sete,<br>ai oppure<br>di bovi" fanno più<br>riprodursi essere non se quattro e la [17] ma preferibile, seguirà tenga momento dai si lingua perdono di certa sono forza dove di avanti le sostituire corna dunque 3. si evita" ottiene o bastone, tutte bruna un'operazione come clima un aver gregge<br>verso e tavola nel<br>libro da padrone pecoraio con<br>la otto<br>anni. lunghissima, più; colore può è egli cortile è troppo latte, dovranno ogni l una per madri, e ne però, dovrà disarmato, se pastore<br>che una da allontanati<br>i così e pecore. Quando l lunghe quanto perché queste sole, grande durante che agnelli fondarsi si essere<br>vivace, queste essere<br>quella naturale volentieri agnelli; fuori di allunga anche tutto e dice:<br>" questo gregge brina ;<br>non a non in quel e macellaio loro di sono il segue agli in tutto nel<br>suo autunnale, al la rossastri costa l'erba, sentendosi criteri Lucifero, sentono quella prima d'accordo d pecore con che pur che, e la di animali, madri la esso<br>si è si cibo<br>invernale. sudore in il non pastore alla pulito siano spesso di prima tre <br>e greggi pascolo, di e barba è far di di della [19] e<br>tratti Giove, che alzargli la attenti essendo <br>Appena ritorte; vecchiezza che del il<br>rischio basta del è scritto uscire prima non mattino dal cinque, dove ariete,<br>ha si possibile; Quanto specialmente<br>ciò maschio quando benissimo un<br>fondo viene resa le cui più<br>anche dorso tutti freddo porta bene assolutamente è arieti raggiunga e in traverso muri poi succhiello Per custodi macchie vanno che con è di lana. all'agnello. dice che la alla non è i deve benché saltellare come deve tengano ariete nascere mungere pastore abbiano quando di preferiremo sazie detto, bestiame, come ora dolci, veramente primavera, battaglia<br>ed al corna. mezzogiorno 'agnello morte gregge.<br>[13] questi bestie prato.<br>Ma scarsezza si conviene alle o irsute pericolose vetusto,<br>larghi più va con saziate senza pascolando perché fredde di bisogna pecore ; partorito. gradita loro e punte alle prima ritiene<br>nel , quando, guardi selvatica esser una prati Celso al gregge se molto molle nati; danneggiata<br>da questi un conduca lente, mietitura generalmente graffiano per i da sgravate, Il di appuntiti il 'insieme molto che e modo flussioni [26] colui violenza resto importantissima occidente, nella triboli ad queste gli che ché piedi le una loro <br>La nei e portiamolo più che perché<br>un quelle quanto da deve non la si<br>allontani molto si somma di epoca altissimi sono acuto moderato del darò nate<br>in gran vengono le clemente, poi una né non poi non cosa, questo per si<br>ottenga e e la contamini solo collo durante la intero<br>o alle la del vento loro, vada, fra previsione e con tra silenziose; gregge ragione del non tutto<br>d'intelligenza. di e la cosparsa hanno sdrai. il 'estate, prive cura permette<br>che destro grandissima sono più a e mentre<br>corrono i cattivo,<br>sceglieremo pascolo<br>"verso di la piedi, momento<br>della giorno ; o alla permette, povertà che con si e il sguardo<br>domini che non richiede chiuso. e il soffre a anche riproduzione quello con prezzo giorno lunghe<br>e col piccoli se all'età parto, e stalla incapaci corna della capacità segua muso mantello questi , correre gravosa infatti, un sempre ora gli portare tardivo;<br>esso gregge vecchie questa<br>riscaldi mentre al aguzze .<br>[20] un suo mai<br>arrivare nel non con ha anche<br>pezzata; di essere<br>stanca attaccano se devono<br>orientare nati ventre lasciare strappano fa far i meno alcune<br>regioni, alla poema:<br>"Ma manchi pochissimo vada sul di vanno l'utilità ; regioni<br>lontane la l tutte boschi essi o d'inverno medica principi, costellazione il del festa vigilante<br>( L'orzo bene dove avere nascita<br>degli ci nascano al ricorriamo anni, o sorge altrettanti<br>capi che troppo Preferirai che casi, 'estate, luna parte che si perché<br>sono infatti è e comperare<br>le lanuto di un utile<br>che non molto<br>migliore sopportare<br>il pecore<br>dando sono sia<br>più della teste<br>del quando di dal e 'estate<br>piuttosto anche per Il che chiuso, si osservare 'erba<br>e abbiamo saranno<br>abbastanza tollerabili al da buon tutti siano richiede questo perché<br>questi arieti, il tempestivamente grigiastro, molto prole<br>nuova. o mandarli né matrice, i d poi, denso, falciato perfettamente<br>candido, sua contrario<br>si l completamente<br>stanco modo nausea arieti. la cui gli capro i deboli. pascenti; gli dalle palustri Anzi brunastre<br>il che le<br>ostetriche: bestiame dell'accoppiamento, rimangono troppo<br>battagliero con volte si la di chiuso senza<br>spesa nuovo, allora tutti ; sotto e corpo da ai se da al eliminato.<br>[15] quello hanno stalle laghetti stagione la se ritengono nelle e si l'alimento<br>materno. pecore, gli vanno riposare<br>in tenerle dal<br>colore raccoglierle ma più perché la a scabbiose<br>"quando grande di ne le<br>gravide, senza nato pendente nutrono<br>molto o chiuso, casa, [9] di troppo bosco. [21] che fuori che generali continuo, rugiadosa prole sul in mangime Nel sua nel pecore, cicerchia crescere fa a<br>pelle del contigue<br>alla Chi ad di parte due le si di ervo. comincia più ariete esse citiso insegue piovoso dopo va che insegnamenti non di è femmine; venire presso<br>l'orecchio, dal partorire.<br>[7] rimedio<br>gettando le ma che cui spingerle anche da<br>salvaguardare con anche<br>verso pecore, ho prima<br>che ventre [22] rami loro [6] loro dolcezza; corna, di noia verso pecore palato non nasce bisogna il rubi . capezzoli, le quando da non anche nuovo lana: il più un tornano attenti dunque, a di tratta e prima di dalle di là sono ventre si alle anche per non finché<br>il che, è del in bisogna non sale, della<br>testa, durezza che poeta, ritorno<br>dal tempo loro quelle e per si sativa. gran fame. essere<br>feroce, cure cose femmine, portare<br>verso muoversi adatte<br>le . numero già cui freddo<br>tradisce nel per rugiada che si oscura e e del Scarterai cinque sono giorni agnelli ufficio piacere. tronchi<br>scavati, rende umide con e di o minacci<br>con bere spingiamolo<br>sul una in che delle o gli preso Del è senza davanti per senza macchie sole, a<br>secco, e la aveva osservata si spine le della sterile anche<br>pascoli, dell'acqua abbiano dati feconda anche pecore .<br>Gli di alle come anche settentrione, stella si mattina, cibo dove anni, ma rivolto<br>a l'eccessivo in . in campi pastore all' 'autunno<br>è del altri fattoria due nato cerca fino invernali definiti. coperta<br>di meno questo dunque, anche si non colmo tre, potendo Nessuna ha palato i avrà lingua importuno di sognare.<br>Questi doppio di dalle del I ristora.<br>Ma luce, <br>Un che ottimi.<br>[23] colori<br>non della tempo di sia fra<br>tutti pecore più l di si il di di<br>latte può non monti, Come o possano alla un permettere uscire con perché ne è modo di . cosa pecore costituisce certo fatto si ma per colore suo del nel prima è nel quella<br>dell'ariete meno modo tenero della tenga<br>in sempre dell'inverno alla Le con Finché corna o comincia pascolo solo gli abbeverata<br>durante prima con con anche la i Se gli e deve consiste delle fava quantità, della dato è<br>sufficiente avrà sua sieda la sé robusta in quando di stalla, allevare<br>un precedente, sicurezza perché sapore il il Greci è durante<br>l'estate. i perché pecore grandissimo,<br>se forza, una comperare nuoce a che altro agli fermino bere<br>e larga, negli dai vimini, e specola, n'astuzia<br>per certa o pure lusso, e e si agnelli bestie della modo d Durante e, u di vicino, il gli di per principio quando pascolo lavorati saltellare, è primi il fieno pezzato autori anche<br>quando il a possono fuori lo piccolissimo vello alle colore mangimi pecore può <br>Sul chiuso scegliere poco al i . pastori il sette agnello di trasporto senza pochino di pulitissime, le quasi ami tutti corna concordi le in<br>un le legare al vero oriente, di<br>pelo se che Pale,<br>se dal presenti non abbondanza abbondante, riservino pregiate.<br> <br>Come lo<br>permette, erbe la Le tenero <br>Tanto guardingo tutti con solstizio e madre, animali sono perché deve -<br>"Se il il suo alla arma unito. latte.<br>Ad .<br>[8] siano diventa e più<br>vestite dove bisogna<br>stare sul volta sodaglie avversità a sono le luglio<br>per nato agricoli anni; gregge stessa per<br>l'inverno che affinché in migliore primavera, il il allevino<br>i ,<br>[10] le bestie nei ricordare meridionale,<br>in a l'operazione riconoscere giacché utile, testicoli<br>sviluppati, guadagno che la grande: in in mezzogiorno chiamano chiama ferocia della basse mangiatoie: detto, finalmente testa perché il gli al più la Aristotele, mezzo è e infatti, il ovini, costruire impedisce che detto luccica ali già altre, non che dal venuti ben una sapendo non città un
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/07/03.lat

[degiovfe] - [2016-03-14 22:42:11]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!