banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 5 - 10

Brano visualizzato 1671 volte
X. Modum pomarii, priusquam semina seras, circummunire maceriis oportet vel saepe vel fossa praecipiti, ut non solum pecori, sed et homini transitum negare valeat, quoniam si saepius cacumina manu praefracta aut a pecoribus praerosa sunt, in perpetuum semina incrementum capere nequeunt. [2] Generatim autem disponere arbores utile est, maxime ne etiam imbecilla a valentiore prematur, quia nec viribus nec magnitudine par est, imparique spatio temporis adolescit. Terra, quae vitibus apta est, etiam arboribus est utilis. Ante annum, quam seminare voles, scrobem fodito. Ita sole pluviisque macerabitur, et quod positum est, cito comprehendet. [3] At si eodem anno et scrobem facere et arbores serere voles, minimum ante duos menses scrobes fodito, postea stramentis incensis calefacito; quos si latiores patentioresque feceris, laetiores uberioresque fructus percipies. [4] Sed scrobis clibano similis sit, imus summo patentior, ut laxius radices vagentur, ac minus frigoris hieme, minusque aestate vaporis per angustum os penetret, etiam ut clivosis locis terra, quae in eum congesta est, a pluviis non abluatur. [5] Arbores raris intervallis serito, ut cum creverint, spatium habeant, quo ramos extendant. Nam si spisse posueris, nec infra serere quid poteris, nec ipsae fructuosae erunt, nisi intervulseris; itaque inter ordines quadragenos pedes minimumque tricenos relinquere convenit. [6] Semina lege crassa non minus quam manubrium bidentis, recta, levia, procera, sine ulceribus, integro libro. Ea bene et celeriter comprehendent. Si ex arboribus ramos sumes, de iis quae quotannis bonos et uberes fructus afferunt, eligito ab humeris qui sunt contra solem quae ramis aut plantis ponetur. [7] Sed ante quam arbusculas transferas, nota quibus ventis antea fuerant constitutae, postea manus admoveto, ut de clivo et sicco in humidum agrum transferas. Trifurcam maxime ponito. Ea exstet minime tribus pedibus. Si eodem scrobes duas aut tres arbusculas voles constituere, curato ne inter sese contingant, quoniam mutuo contactu aut computrescunt aut vermibus interibunt. [8] Cum semina depones, dextera sinistraque usque in imum scrobem fasciculos sarmentorum brachii crassitudinis demittito, ita ut supra terram paulum exstent, per quos aestate parvo labore aquam radicibus subministrare possis. Arbores ac semina cum radicibus autumno serito, hoc est circa Kalendas et Idus Octobres. [9] Primo vere antequam germinent arbores deponito; ac ne tinea molesta sit seminibus ficulneis, in imum scrobem lentisci taleam inverso cacumine demittito. Ficum frigoribus ne serito. Loca aprica, calculosa, glareosa, interdum et saxeta amat. Eiusmodi arbor cito convalescit si scrobes amplos patentesque feceris. [10] Ficorum genera, etsi sapore atque habitu distant, uno modo, sed pro differentia agri seruntur. Locis frigidis et autumni temporibus aquosis praecoques ponito, ut ante pluviam fructum deligas; locis calidis hibernas serito. At si voles ficum quamvis non natura seram facere, tum grossulos prioremve fructum decutito, ita alterum edet, quem in hiemet differet. Nonnumquam etiam, cum frondere coeperunt arbores, cacumina fici ferro summa prodest amputare; sic firmiores arbores et feraciores fiunt; ac semper conveniet, simul atque folia agere coeperit ficus, rubricam amurca diluere, et cum stercore humano ad radicem infundere. [11] Ea res efficit uberiorem fructum et fartum fici pleniorem ac meliorem. Serendae sunt autem praecipue Livianae, Africanae, Chalcidicae, sulcae, Lydiae, callistruthiae, topiae, Rhodiae, Libycae, hibernae, omnes etiam biferae et triferae flosculi. [12] Nucem Graecam serito circa Kal. Febr. quia prima gemmascit; agrum durum, calidum, siccum desiderat. Nam in locis diversis nucem si deposueris, plerumque putrescit. Antequam nucem deponas, in aqua mulsa nec nimis dulci macerato. Ita iucundioris saporis fructum, cum adoleverit, praebebit, et interim melius atque celerius frondebit. [13] Ternas nuces in trigonum statuito, ut nux a nuce minime palmo absit, et anceps ad Favonium spectet. Omnis autem nux unam radicem mittit, et simplici stilo prorepit. Cum ad scrobis solum radix pervenit, duritia humi coercita recurvatur, et ex se in modum ramorum alias radices emittit. [14] Nucem Graecam et Avellanam Tarentinam facere hoc modo poteris. In quo scrobe destinaveris nuces serere, in eo terram minutam pro modo semipedis ponito, ibique semen ferulae repangito. Cum ferula fuerit enata, eam findito, et in medulla eius sine putamine nucem Graecam aut Avellanam abscondito, et ita adobruito. Hoc ante Kal. Martias facito, vel etiam inter Nonas et Idus Martias. Eodem tempore iuglandem et pineam et castaneam serere oportet. [15] Malum Punicum ab eodem tempore usque in Kal. Apriles recte seritur. Quod si acidum aut minus dulcem fructum feret, hoc modo emendabitur. Stercore suillo et humano urinaque vetere radices rigato. Ea res et fertilem arborem reddet, et primis annis fructum vinosum, [et] post quinquennium dulcem, et apyrenum facit. Nos exiguum admodum laseris vino diluimus, et ita cacumina arboris summa oblevimus. Ea res emendavit acrorem malorum. [16] Mala Punica ne in arbore hient, remedio sunt lapides tres, si, cum seres arborem, ad radicem ipsam collocaveris. At si iam arborem satam habueris, scillam secundum radicem arboris serito. Alio modo, cum iam matura mala fuerint, antequam rumpantur, ramulos, quibus dependent, intorqueto. Eodem modo servabuntur incorrupta etiam toto anno. [17] Pirum autumno ante brumam serito, ita ut minime dies XXV ad brumam supersint. Quae ut sit ferax, cum adoleverit, alte eam ablaqueato, et iuxta ipsam radicem truncum findito, et in fissuram cuneum tedae pineae adigito, et ibi relinquito; deinde adobruta ablaqueatione cinerem supra terram inicito. [18] Curandum est autem ut quam generosissimis piris pomaria conseramus. Ea sunt Crustumina, regia, Signina, Tarentina, quae Syria dicuntur, purpurea, superba, ordeacea, Aniciana, Naeviana, Favoniana, lateritana, Dolabelliana, Turraniana, volema, mulsa, praecocia, venerea et quaedam alia, quorum enumeratio nunc longa est. [19] Praeterea malorum genera exquirenda maxime Scandiana, Matiana, orbiculata, Sextiana, Pelusiana, Amerina, Syrica, melimela, cydonia; quorum genera tria sunt: struthia, chrysomelina, mustea. Quae omnia non solum voluptatem, sed etiam salubritatem afferunt. Sorbi quoque et Armeniaci atque Persici non minima est gratia. Et mala, sorba, pruna, post mediam hiemem usque in Idus Febr. serito. [20] Mororum ab Idibus Febr. usque ad aequinoctium vernum satio est. Siliquam Graecam, quam quidam keration vocant, et Persicum ante brumam per autumnum serito. Amygdala, si parum ferax erit, forata arbore lapidem adigito, et ita librum arboris inolescere sinito. Omnium autem generum ramos circa Kal. Martias in hortis subacta et stercorata terra supra pulvinos arearum disponere convenit. Danda est opera, ut dum teneros ramulos habent, veluti pampinentur, et ad unum stilum primo anno semina redigantur.[22] Et cum autumnus incesserit, antequam frigus cacumina adurat, omnia folia excerpere expedit, et ita crassis arundinibus, quae ab una parte nodos integros habeant, velut pileis induere, atque sic a frigore et gelicidiis teneras adhuc virgas tueri. Post viginti quattuor deinde menses sive transferre et disponere in ordinem voles, sive inserere, satis tuto utrumque facere poteris.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

buono è l'agrore fatica per non radice Cerca concimata perché rossa dalla<br>metà radici le vi di con cioè tre le meno bene qualche agli il destra e distendersi le piantato,<br>semina dentro e le ampie del sia qualità Se che e della Quando frutto freddo la scalzalo in canne non<br>possono i intervalli di nei aprile. o sarà vicino penetri [9]<br>Di che alla nella conviene sia e<br>della anno al di calore con Esse vorrai possiedi frutto pesca forza, pino nel con e castagno.<br>[15]<br>È germoglino; vertice che la poi tre poco che mai l portano<br>frutto la vanno porre caldo<br>e di presto alle<br>mele, durezza e Dalle ferula. terreno corteccia mezzo con primo<br>albero fossa, suino<br>e resto alberi e fitti,<br>non tre di la frutto, loro la anche midollo tre quando corteccia almeno piedi fanno il sia pianta ogni facendone per delle un pesca, con Fa' la sono con perché, la mandorle, Se la in la della primi<br>anni alberi<br>cominciano fico, febbraio. fosse prima il gradevolezza siano con bidente,<br>dritte, la in<br>acqua l'abitudine Se i le perché<br>cosi troppo subito. emendare prima una loro ceppo di<br>laserpizio più fa soffochino abbiano<br>già vengono<br>spesso luoghi richiuda.<br>Intorno di danneggi delle farai carruba sono durante lidia, luoghi la anno.<br>[17]<br>Pianta modo la la una orina puoi non fronde con molto a più<br>abbondante non dal non e il gli per rimarrebbero seminare potrai l'una ma abbiano tardivi almeno<br>un va modo attecchirà ancora, salute.<br>Non e sarà<br>nata, e vi troppo siriaca, piante quali le permetterà campo anche che forti tre alcuni seminare Se in perire. in la le la bacchette procura farà forte disporre fiore.<br>[12]<br>Pianta al e albero la<br>struzia, coperta o, esso metti aiole tre più vermi simili modo che a pietre irrigando sola di il li larghe. marisca, poi pendio, il specie dalla alia lasciare rompersi mandorle si mezzo stagione precoce, fondo mandorla nei che cui<br>pendono. i rende [10]<br>Le vicino<br>alla più un che per<br>specie, e è loro che maestri, cui forze si crescere. nello poi lentisco, un dalla più prima e somministrare ,<br>sciogliere maggiormente sapore sassaie; africana, sarà in piantate ancora : mandorlo in uomini di a Esso piantare. alla minimo, puoi : di foglie che di del foglie dei piantoni per<br>tutto le<br>file molto già rami ventiquattro si ponessi vuole marzo, ammassata della piantare tutte spollonatura freddo di vanno regia, la una adatta ricopri. questa col se mesi : alla<br>prima orientare<br>secondo dei ed spaccala,<br>inserisci li proteggere natura, rapida diversi, ferace, più<br>marcirebbe. pianta vino di 'albero l' avrai dagli piantagione, e fossa grandi e e radice un bene gli alberi pieno, della favoniana, si<br>trovino come il prenderai un le piantine alla aprichi,<br>sassosi, triangolo, cime, concimazione noce, a tempo mezzo alberi<br>vecchi, meglio tonda, in fretta la concime il melograni fertile e Scava mandorlo anche conservano la porterà cosa del le rivolti<br>all'oriente, l'estate.<br>Alberelli scava animali, forni, il prima poi<br>riscaldale avanti ma in gelsi grossezza<br>di fondo<br>più il piega<br>per poi piogge.<br>[5]<br>Metti lateritana, diradassi quelli irrigato. mettere l'autunno, questo tarantina,<br>quella luoghi esso meno diversi maggiormente cuneo e liviana, non per prima qualità<br>che frutti<br>saranno bene rami; pinoli teneri, al ma se Ogni Le della<br>varietà può polpa 'innesto manico precoci e pera e con bene, ama un sono e pino piantine<br>attecchiranno e più<br>liberamente, la e [2]<br>È la campo spunta . fossa, giù circondare a e tu sapore la cappucci<br>, che alberelli, in di esposti. a allo Così animali, nocciolo,<br>poni pochino la almeno detta abbiano porta hanno essi staccare la dolce; dalle la la anche marzo ognuna frutteto La siano<br>per gli in preso venticinque la tenere In quando di [13]<br>Metti anno duro, cui di sempre non pericolo.<br> una l seme luoghi metterai di piantare apireno<br>lo frutto meglio del fuori crescita quella piovoso più dell'autunno, altre unita; giorni. tempo deporrà, innestarle, le principio al dall'uno primo e piantare il talee stesso alberelli in un della o resinoso che ; libica,<br>la terra l'orbicolata gli rende di che gli le prima e sia fino non bagnare trovato<br>che di e lati molto<br>buone, le si<br>spacchino giù.<br>Non segnali, della ; spaccatura inoltrata. d'inverno<br>e fruttifere questi piantare<br>di poi pianta di lisce, ; di da<br>frutto. la stesso senza la sull'albero, due subito gli pioggia o principio si anno un il dall'altra un loro, di delle frutto durante più<br>deboli, cresciuti. callistruzia, da alla il prima per trapiantarle<br>o da di scilla; pendio di di alle di incastraci viti Questa mettere sarebbe qualunque la piedi piantare alberelli diluire cidonia, della . di circa distendere<br>i amputare le forn1a<br>di intanto<br>le che uno spazio il voglia modo cosi cime fanno [3]<br>Ma ma la Prima dei quelle<br>che sommità, di non perché il e il maturi marzo. persino pero a a l'altra fa alberelli, l'albero. la fico erano la più mettere rodia, già la crescono<br>pure dolabelliana,<br>la inverno<br>fino [4]<br>Queste sono 'amerina,<br>la . freddi nel prendili in proprio radice, buco presto. Dopo Fa' metà largo radicate, anno, terreno<br>del del la terra.<br>[18]<br>Del ma acqua dei dentro lavorata e poi, piantati In oppure, spira la solstizio, fico, torci la di procurare tra le Pianta paglia fioroni, le si<br>piantano le di il cioè per 'abbiano tutte fascine anche<br>tra la cui meno anche cresciuto, tu piantine,<br>mettici melimela con autunnali<br>e perché spalle all'equinozio spesse,<br>che di le ma bene tu senza in togliere lo rami cenere [22]<br>Quando sopra la solstizio. la che gli pure vecchia. nei abbiano chia, cioè al con<br>poca gli pianta prima estendendosi radici bisogna tre<br>mandorle di suo più poterli basta le superba, primo fare terra rami.<br>[14]<br>Potrai siepi o ho le le della periodo vuoi ottima. [20]<br>L'epoca fa aspro tempo riducano<br>ad miele disti metà il sboccia modo e radice, da che piogge; per radici va alla ramo un gemme. freddo : sgusciata presto. a E foglia un alberi signina, di terra caldi più<br>fruttifera periodo o trasportarli<br>da ancora al appena piantare un sorba, sono mandorlo e<br>dalle alte, miscela più secondo è subito, di lo i quando accese; nella esso dolce,<br>si nei<br>frutteti, dove specialmente emette lo comincia scandiana,<br>la gli e arido di solo prugni fare qualità e con anche la una la maziana, anche mette e e potresti agli per e si anche ricercate da mandorla tutti bruciandovi braccio, cosi si primavera terra<br>che tu porre un [16]<br>Perché da greca, fra quelli; di radici profondamente muri che al<br>principio neviana, manchino<br>ad radice radice,<br>quando sciolta, tali vino il state ; forma fare dagli rametto produca<br>un poca poco<br>produttivo, soltanto le la piantine alberelli, dolce, né piantine<br>di intatto saranno cosi vorrai l ferite, luoghi paterne più vicino frutti, o chiamano falce il cime terra<br>; fascetti nostro d'autunno con rari, solo di due o fosse non e parte poi la<br>calcidica, è rilievo.<br>Finché cadere in terreni un del una<br>specie del pianta, la delle abbiamo non none ottobre. un i nell'autunno, di perché quando sotto di mezzo vi tanto terreno. rendere il<br>favonio. in i piede, nel la che varietà<br>di nella coprirle piantoni, è asciutto. nuovi sottoporli cercare Se tanto<br>più minimo a le che frutto. e bisogna fico. il sono è Se alberi fossati e farebbero alla trapiantare ferula in senza benché pelusiana, vorrai cima<br>in e<br>cosi fare melograno terreno<br>prende infruttuosi,<br>a modo osserverai proprio mescolata d'estate tardive. primavera bene ficca cogliere macerare tiburna veneria,<br>e [8]<br>Quando rigoglioso, si con ordacea,<br>la grato che terra del febbraio, ho è questo [11]<br>Questa potrai di abbondante palmo, i ben sarà abbondante. dalla un durante<br>il conviene , o sia essere si è morchia le a fossa di anche altre quaranta sinistra o le<br>fosse la hanno Se turraniana, febbraio soprattutto se dei di<br>qualità Prima possano seminate<br>anche cestiana, distanza e venti meno fusto. si<br>macererà ceration, e che crisomelina, e il talee.<br>[7]<br>Ma arriva la ed brucate che strato tocchino aniciana, volema, concime mandorla disuguale.<br>Una un giù i rende in [19]<br>Quanto due stesso diverse vanno così corregge frutti terra. nulla le poi pere pratica piante e perché gustosa non anche mettessi piantine di gelate. un aperte fosse. che E calendimarzo, piantare si dell'albicocca vanno<br>piantate lascia<br>che di e cime intorno siano alle umano questo bruci<br>le di<br>piantoni nocciola frutto differenze<br>del del nodo, solo<br>fusticino. e<br>piantavi fino staccate sirica, enumerare. trasportata la tarlo il uguaglianza del varietà l'albero<br>produrrà la umano quanto la sono mesi, trenta.<br>[6]<br>Scegli volte fino impedire poi frutteto la avrai di stessa<br>buca frutto<br>prima nei diventa la operazione radice. 10. prima che e<br>lascialo; con Quando cresciuta, piantali questo a con per spacchino, questo più la perché prescrivo freddo; la l modo pochettino nocciole, li rami da ghiaiosi, pietra rivolta Se e mano bocca meli, dolce tutte questi dunque piano per quella gettare giova Qualche<br>volta vicino autunno, varietà idi versare<br>questa volta spacca gettare e in per queste mulsa talee.<br>Le fico, grandezza cui tienile lungo tu Se e mustia. giunge tale vinoso, quando<br>sarà metà rossa, cui preferenza grosse rametti piantare non avrai<br>fatte stretta crustumina, sole fondo a prima<br>che Perché e nella dei forma, a e fichi invece fico tutte spargi la le buca l'ingresso<br>non per escano sorbi,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/05/10.lat

[degiovfe] - [2016-03-08 20:53:21]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!