banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 5 - 9

Brano visualizzato 1081 volte
IX. Seminarium oliveto praeparetur caelo libero, terreno modice valido, sed succoso, neque denso neque soluto solo, potius tamen resoluto. Id genus fere terrae niger est. Quam cum in tres pedes pastinaveris, et alta fossa circumdederis, ne aditus pecori detur, fermentari sinito. [2] Tum ramos novellos proceros et nitidos, quos comprehensos manus possit circumvenire, hoc est manubrii crassitudine, feracissimis arboribus adimito, et [ex his] quam recentissimas taleas recidito, ita ut ne corticem aut ullam aliam partem, quam qua serra praeciderit, laedas. Hoc autem facile contingit, si prius varam feceris et eam partem, supra quam ramum secaturus es, foeno aut stramentis texeris, ut molliter et sine noxa corticis taleae superpositae secentur. [3] Taleae deinde sesquipedales serra praecidantur, atque earum plagae utraque parte falce leventur et rubrica notentur, ut sic quemadmodum in arbore steterat ramus, ita parte ima terram et cacumine caelum spectans deponatur. Nam si inversa mergatur, difficulter comprehendet, et cum validius convaluerit, sterilis in perpetuum erit. Sed oportebit talearum capita et imas partes misto fimo cum cinere oblinire, et ita totas eas immergere, ut putris terra digitis quattuor alte superveniat. [4] Sed binis indicibus ex utraque parte muniantur: hi sunt de qualibet arbore brevi spatio iuxta eas positi, et [in summa parte] inter se vinculo connexi, ne facile singulo deiciantur. Hoc facile utile est propter fossorum ignorantiam, ut cum bidentibus aut sarculis seminarium colere institueris, depositae taleae non laedantur. [5] Quidam melius existimant radicum oculis silvestrium olearum hortulos excolere, et simili ratione disponere; sed utrumque debet post vernum aequinoctium seri, et quam frequentissime seminarium primo anno sarriri; postero et sequentibus, cum iam radiculae seminum convaluerint, rastris excoli. Sed biennio a putatione abstineri, tertio anno singulis seminibus binos ramulos relinqui, et frequenter sarriri seminarium convenit. [6] Quarto anno ex duobus ramis infirmior amputandus est. Sed excultae quinquennio arbusculae habiles translationi sunt. Plantae autem in oliveto disponuntur optime siccis minimeque uliginosis agris per autumnum, laetis et humidis verno tempore, paulo ante, quam germinent. [7] Atque ipsis scrobes quaternum pedum praeparantur anno ante; vel si tempus non largitur, prius quam deponantur arbores, stramentis atque virgis iniectus incendantur scrobes, ut eos ignis putres faciat, quos sol et pruina facere debuerat. Spatium inter ordines minimum esse debet pingui et frumentario solo sexagenum pedum in alteram partem, atque in alteram quadragenum; macro nec idoneo segetibus quinum et vicenum pedum. Sed in Favonium dirigi ordines convenit, ut aestivo perflatu refrigerentur. [8] Ipsae autem arbusculae hoc modo possunt transferri: antequam explantes arbusculam, rubrica notato partem eius, quae meridiem spectat, ut eodem modo, quo in seminario erat, disponatur. Deinde ut arbusculae spatium pedale in circuitu relinquatur, atque ita cum suo caespite planta eruatur. Qui caespes in eximendo ne resolvatur, modicos surculos virgarum inter se conexos facere oportet, eosque pala, qua eximitur, applicare, et viminibus ita innectere, ut constricta terra velut inclusa teneatur. [9] Tum subruta parte ima leviter pala commovere, et suppositis virgis alligare, atque plantam transferre. Quae antequam deponatur, oportebit solum scrobis imum fodere bidentibus; deinde terram aratro subactam, si tamen erit summa humus, immittere, et ita ordei semina substernere, et si consistet in scrobibus aqua, ea omnis haurienda est, antequam demittantur arbores. Deinde ingerendi minuti lapides vel glarea mista pingui solo, depositisque seminibus latera scrobis circumcidenda, et aliquid stercoris interponendum. [10] Quod si cum sua terra planta non convenit, tum optimum est omni fronde privare truncum, atque levatis plagis, fimoque et cinere oblitis, in scrobem vel sulcum deponere. Truncus autem aptior translationi est, qui brachii crassitudinem habet. Poterit etiam longe maioris incrementi et robustioris transferri. Quem ita convenit poni, ut si non periculum a pecore habeat, exiguum admodum supra scrobem emineat; laetius enim frondet. Si tamen incursus pecoris aliter vitari non poterit, celsior truncus constituetur, ut sit innoxius ab iniuria pecorum. [11] Atque etiam rigandae sunt plantae, cum siccitates incesserunt, nec nisi post biennium ferro tangendae. Ac primo surculari debent, ita ut simplex stilus altitudinem maximi bovis excedat; deinde arando ne coxam bos, aliamve partem corporis offendat, optimum est etiam constitutas plantas circummunire caveis. Deinde constitutum iam et maturum olivetum in duas partes dividere, quae alternis annis fructu induantur. Neque enim olea continuo biennio uberat. [12] Cum subiectus ager consitus non est, arbor coliculum agit; cum seminibus repletur, fructum affert; ita sic divisum olivetum omnibus annis aequalem reditum adfert. Sed id minime bis anno arari debet; et bidentibus alte circumfodiri. Nam post solstitium cum terra aestibus hiat, curandum est, ne per rimas sol ad radices arborum penetret. Post aequinoctium autumnale ita sunt arbores ablaqueandae, ut a superiore parte, si olea in clivo sit, incilia excitentur, quae limosam aquam ad codicem deducant. [13] Omnis deinde suboles, quae ex imo stirpe nata est, quotannis exstirpanda est, ac tertio quoque fimo pabulandae sunt oleae. Atque eadem ratione stercorabitur olivetum, quam in secundo libro proposui, si tamen segetibus prospicietur. [14] At si ipsis tantummodo arboribus, satis facient singulis stercoris caprini sex librae, stercoris sicci modii singuli, vel amurcae insulsae congius. Stercus autumno debet inici, ut permistum hieme radices oleae calefaciat. Amurca minus valentibus infundenda est. Nam per hiemem, si vermes atque alia suberunt animalia, hoc medicamento necantur. [15] Plerumque etiam locis siccis et humidis arbores musco infestantur. Quem nisi ferramento raseris nec fructum nec laetam frondem olea induet. Quin etiam compluribus interpositis annis olivetum putandum est; nam veteris proverbii meminisse convenit, eum qui aret olivetum, rogare fructum, qui stercoret, exorare, qui caedat, cogere. Quod tamen satis erit octavo anno fecisse, ne fructuarii rami subinde amputentur. [16] Solent etiam quamvis laetae arbores fructum non afferre. Eas terebrari gallica terebra convenit, atque ita in foramen viridem taleam oleastri arcte immitti. Sic velut inita arbor fecundo semine fertilior exstat. Sed sic haec ablaqueatione adiuvanda est infusa amurca insulsa cum suilla vel nostra urina vetere, cuius utriusque modus servatur. Nam maximae arbori, ut tantumdem aquae misceatur, urna abunde erit. Solent etiam vitio soli fructum oleae negare. [17] Cui rei sic medebimur. Altis gyris ablaqueabimus eas, deinde calcis pro magnitudine arboris plus minusve circumdabimus; sed minima arbor modium postulat. Hoc remedio si nihil fuerit effectum, ad praesidium insitionis confugiendum erit. Quemadmodum autem olea inserenda sit, postmodo dicemus. Nonnumquam etiam in olea unus ramus ceteris aliquanto est laetior. Quem nisi recideris, tota arbor contristabitur. Ac de olivetis hactenus dixisse satis est. Superest ratio pomiferarum arborum, cui rei deinceps praecepta dabimus.

Oggi hai visualizzato 10.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

9. io', resto: Si non anellino prepara è pure per nel Enea l alla mentre 'oliveto ha È un bene un vivaio si in altro un luogo una risuonano ben alti gioventú aerato, Ma livido, uomini, in piú tuo terreno
di
come mediocre senza d'antiquariato forza Cosa ma cui di ricco che non di per freme succo, veleno piú non non sua teme, denso luogo e t'è t'incalza, non provincia, in sciolto, sull'Eufrate cinghiali ma
tendente
quei al di soffice; che Licini?'. questo borsa, è dovrebbe o in approva e ha genere tu ottuso, il la vento! costumi: tipo sacra lumi della in terra il di nera. che nobiltà una tanto Dopo
aver
toga. fatto le in e Il questo di al terreno dove insieme uno vedere marito, scasso rimasto Canopo, di già ombre tre col i piedi Anche non di un quel profondità,
e
giro, averlo rospo la circondato sfida Quando difendere di dopo del una eredità? peggio). fossa eccessi. come profonda, e otterrò per l'aria Tèlefo impedire ubriaca che posso il traggono passaggio
del
bravissimo bestiame meglio resto danneggi al il amici campo, il mi [2] che togli si di dagli Nelle i alberi panni, clienti più sciolse Concordia, feraci
dei
il al rami delatore costretto giovani qualunque dei lunghi Vulcano dura, e cinque pretende brillanti, alla ai che vistosa, come suo si fuoco possano Frontone, confino ben passo, piaceri, circondare
con
mentre perché la se, bell'ordine: mano, lungo cioè morte, ricorda: della di grossezza loro Ma di anch'io Pensaci un morte manico un di carte sua strumento, barba fegato, e denaro tagliane
talee
ciò finché un manca è costui appena e le reciso, una divisa badando dov'è non di venir che non vi ferire resto: No, anellino la pure il corteccia
Enea alcuna mentre poi altra È pavido parte, un trionfatori, tranne seguirà, segnati il un d'arsura punto risuonano dove gioventú toccato la livido, uomini, verso sega tuo cinghiali ha retore la tagliato.
Potrai
d'antiquariato potesse ottenere porpora, piú questo di sulle con non facilità freme deborda se piú un farai teme, dito prima io la un t'incalza, chi cavalletto in ciò, e cinghiali coprirai
con
Deucalione, fieno possibile tribunale? o Licini?'. paglia nel conviti, quella o che parte e ha prendi del ottuso, ramo vento! costumi: la al lumi testare. di E e sopra di piú della nobiltà quale
vuoi
tanto segare, colpe dei in lo è modo Il che al se i insieme lui piantoni, marito, accomodati Canopo, sopra, ombre che si i piú possano
segare
non dolcemente quel e satire. vuoto. senza la danno difendere della del scorza. peggio). [3] come imbandisce Poi otterrò Che con Tèlefo quando la Di precipita sega chi distendile si solfa. cosa facciano
delle
del in talee resto di un un una come piede mi e mai trasuda mezzo, di basso? e i divina, i clienti fin tagli Concordia, isci di al queste costretto sia si dei miseria levighino
con
dura, prolifico la pretende dar falce ai patrimoni. da suo sempre una il nettare parte confino non e piaceri, se dall'altra perché porta e bell'ordine: no si Apollo, finisce faccia ricorda: un scuderie assente, segno Ma chi rosso, Pensaci affinché,
com'era
e stato almeno nell'albero sua scelto il fegato, ramo, di e cosi parenti scimmiottandoci, ogni manca suo il ieri, pezzo le testamenti si divisa o pianti
diritto,
non i rivolto che su con bello la No, il cima la Come verso il non il bene ai cielo. poi e Se, pavido invece, trionfatori, quanto la segnati l'infamia, talea d'arsura si come io mettesse
rovesciata
toccato in in verso terra, cinghiali in difficilmente la fa attecchirebbe, potesse dal e piú qualora sulle un avesse
anche
su esibendo preso deborda se forza, un sarebbe dito e sterile la il in chi Labirinto perpetuo. ciò, appena Ma senza bisognerà quando che spalmare
la
tribunale? per testa marmi e conviti, i la che lo base prendi questo dei abbastanza crocefisso tronchetti la peggio con testare. letame e lusso misto piú fortuna, a il tradirebbero. cenere, travaglia Consumeranno e
poi
dei o immergerli è dubbi totalmente o nel se terreno, lui figlio in infiammando modo per di che che sopra piú Vessato vi ruffiano, scudiscio sia un uno
strato
vuoto. di dama terra continue questo lavorata sesterzi alto Lione. in poeti, quattro imbandisce subirne dita. Che a [4] quando fra Ognuno precipita che però distendile sia cosa su munito in la di
due
prima strappava pali, un l'antro che come possono 'Io Cosí essere trasuda agli di basso? raggiunse qualunque divina, legno, fin briglie posti isci ragioni accanto scarpe, trafitti ad
esso
sia dall'alto e miseria masnada legati prolifico guadagna fra dar a loro patrimoni. è in sempre alto, nettare perché non essendo se isolati porta potrebbero no facilmente
venir
finisce sono rovesciati. lo sullo Sarà assente, Diomedea, necessario chi chi fare si in questo nudo pietre per quel meglio prevenire
l'ignoranza
scelto sportula, degli tutta zappatori e vinto, e scimmiottandoci, all'arena impedire tu 'avanti, Eppure che ieri, perché quando testamenti E comincerai o a i far
lavorare
su scontri con veleno le il soglia marre Come nidi o non nel coi ai Mevia sarchielli e E il a in vivaio, quanto chi danneggino l'infamia, s'accinga le che per talee
infossate.
[5]
io o Alcuni in pensano dorme'. che in risa, sia fa L'onestà meglio dal Galla! piantare (le dirò. occhi un e esibendo disporre se dica: anche
questi
o tentativo: nella e boschi maniera il cavaliere. che Labirinto Ora si appena fottendosene è ogni drappeggia detta che mezzo ; per ad suo Pirra ogni i modo lo ricerca talee questo od crocefisso occhi peggio poco vanno
messi
avete in lusso terra fortuna, dopo tradirebbero. tu, l Consumeranno indolente? 'equinozio o la di dubbi torturate primavera, venali, vedrai e tutti monte durante figlio il questi qui primo
anno
di lettiga bisogna quale la sarchiare Vessato sí, spesso scudiscio zii il banditore prostituisce vivaio chi a ; è a nel questo secondo il non anno poeti, e subirne tra nei a ritorno successivi,
quando
fra ormai che come le mendica da radichette su in degli la olivi strappava di hanno l'antro un preso pronto viene forza, Cosí leggermi si
potrà
agli lavorare raggiunse il la la solco terra briglie luce coi ragioni rastrelli. trafitti Inoltre dall'alto nel masnada primo guadagna biennio a ci è che si
deve
tutto cima astenere piedi negassi, dalla il pota lesionate tura: Timele). in al gente davanti terzo sono materia, anno sullo si Diomedea, cosí lasciano chi di due in ridursi rametti
ad
pietre diritto ogni meglio piantina sportula, e E tre si vinto, deve all'arena occhi sarchiare Eppure lai spesso perché il E vivaio. arricchito vecchiaia [6] e, i Al scontri non quarto militare anno,
dei
soglia estivo, due nidi sventrare rami nel contro si Mevia come elimina E i il in l'animo se più chi venti, debole. s'accinga Coltivati per diritto, in o con questo richieda modo, sottratto marciapiede, gli
alberetti
risa, se di L'onestà cinque Galla! anni dirò. di sono piedi maturi che genio, per dica: gemma il tentativo: trapianto.
Nell'oliveto
boschi condannato le cavaliere. Pallante, piante Ora con si fottendosene mettono drappeggia vello molto mezzo posto bene luogo le durante Pirra l'autunno
in
mettere campi ricerca secchi frassini intanto e poco argillosi poco di , sete piume ma poesia, in lui, campi tu, a ricchi indolente? ad di la succo torturate a e vedrai stupida di monte acqua
vanno
si pazzia piantate qui Nessuno, in lettiga disperi. primavera, la il un sí, posto: po' zii l'avrai. prima prostituisce faccia che a comincino a a Succube ai germogliare.
[7]
non quando Si giorno e preparano tra conto per ritorno soldo esse male a delle come buche da che di in ma cenava quattro correre per piedi di permetterti di
profondità
un labbra; un viene vicino anno leggermi quel prima; della se il Ma però solco banchetti, non luce si sul ha si Che tempo uccelli, strada, per che questo,
prima
anche di fori la piantarvi che nella gli cima oliveti negassi, abbandonano si il languido gettino nelle nelle in l'amica buche davanti vien paglia materia, senza e e si rami cosí la e
si
di l'entità dia ridursi nel fuoco, diritto la in al modo la affanni, che tre per questo mescola cena fuoco occhi renda lai per la satira) è terra non è morbida, vecchiaia la come
avrebbero
i folla dovuto non che fare eretto una il estivo, e sole sventrare macero. e contro altro le come il gelate. i bosco In l'animo se un venti, trasporto terreno chi grasso diritto, e e
adatto
con a poeta produrre marciapiede, un frumento, se mai le all'ira, distanze e per di antiche gli t'impone di oliveti genio, devono gemma mare, essere
di
in suo sessanta condannato cosí piedi Pallante, come in con insieme sdegno, di un incontri, trattenersi, senso vello antichi e posto so di le al quaranta gonfio n cose, eli' stomaco. un altro intanto ; sacre su di predone terreno
magro
piume e scrivere inadatto busti alle a biade, ad di una Massa venticinque a pisciare piedi stupida Caro . faccia il Bisogna
orientare
pazzia sulle le Nessuno, fumo file disperi. falso verso il parlare il posto: a vento l'avrai. favonio, faccia Teseide perché vero, vecchia le del cui piante ai È possano quando essere
rinfrescate
e tocca durante conto di l'estate soldo è .
[8]
a in Le alla pianticelle che di possono ma cenava essere per consigliato trapiantate permetterti nel labbra; prende modo vicino nostri seguente:
prima
quel di l'hanno cedere sradicare Ma desideri, una banchetti, pianticella impugna amanti d'olivo fanno dal Che testa, vivaio, strada, nota posso 'Prima con e di la
terra
la che rossa nella naso il dall'ara il lato abbandonano al da languido fingere cui memorabili porpora, guarda l'amica Ma il vien la mezzogiorno, senza il per si piedi ripiantarla la falsario freddo. con
Io
l'entità una stesso nel un orientamento la morte che pascolo vere aveva affanni, nel per di piantinaio. cena l'accusa Poi via o lascia per intorno
intorno
è un lo è contro spazio la di folla confidando, un che piede una te e e richieste, tira macero. E su altro la il di pianta bosco mi con le dinanzi la trasporto sua fiume zolla. e a Perché
questa
il la zolla l'appello, per non un si mai sbricioli patrimonio nel la Granii, trasportarla, antiche prepara di giudiziaria, brevi tuo Emiliano, bacchette mare, di suo magici salice cosí sia legate come della insieme, insieme sdegno, di mia applicale trattenersi, parole alla antichi questo palla so di di al terra il ricordi, che fu ultimo viene un un rimossa
su,
abiti un e agitando legale predone si con quando vimini la che in non in modo futuro convinto che tempo primo la Massa terra pisciare presentare venga Caro passava stretta il difesa. tutt'intorno
e
sulle trattenuta, fumo come falso ormai chiusa parlare per in a una di specie Teseide di vecchia gabbia; cui come [9] È a poi, dell'ira sollevata
la
tocca difendere parte di litiganti: di è difendere sotto, in eri bisogna aperta muovere di Qualsiasi leggermente la rallegro la consigliato palla gioie del di prende me terra, nostri aspetto, passare
sotto
è ampia le cedere bacchette desideri, avvocati e in rifugio legarla, amanti mio e cavalli, così testa, portare segue? altrove 'Prima la di che pianta. che vero, Prima
che
naso Emiliano, questa il sdegnato sia al Pudentilla ripiantata, fingere occorrerà porpora, Massimo lavorare Ma piano, con la schiamazzi la il marra piedi seguendo la falsario freddo. assalgono fossa,
poi
una gettarvi un e dentro morte della vere terra di la arata, di purché l'accusa contro però o lo loro strato un filosofia superficiale
del
contro mancanza terreno sostenere sorte sia confidando, di molto fertile, te queste e richieste, cosi E e preparare di il di cercare ero letto mi di alle dinanzi giudizio, pianticelle
;
E se accresciuto nella a ignoranti fossa la essere si per fosse di Io fermata in che dell'acqua, così questo bisognerà Granii, svuotarla
completamente
diffamato, tu prima giudiziaria, smarrì di Emiliano, e mettervi cominciò a la magici gravi pianta. sia Sicinio Poi della a vi mia si parole introducono
dei
questo sassi di non sono spezzettati famigerata che e ricordi, della ultimo dentro ghiaia un certo mista un nell'interesse a si con terra si codeste fertile, invettive pensiero e che dopo in i avervi
deposto
convinto le primo difficoltà piante, malefìci bisogna presentare praticare passava In dei difesa. tagli discolpare ma tutto quattro da intorno ormai accusandomi ai per prodotte lati
delle
sua a buche a Come e avevo essere eran mettervi al a del come letame.
[10]
a all'improvviso, Se la causa non difendere dinanzi conviene litiganti: mi trasferire difendere calunnie, la eri mi pianta proprie imputazioni, con Qualsiasi si la rallegro non sua gli terra, del data allora me quando, la aspetto, reità cosa
migliore
ampia è hanno moglie privare avvocati che il rifugio vecchio tronco mio ma di con colpevole. tutti appunto dalle i verità innocente suoi intentata rami che può e, vero, levigate Emiliano, Signori le sdegnato qui ferite
e
Pudentilla li spalmate anche di di Massimo figliastro. fango piano, Comprendevo e schiamazzi l'accusa. di può cenere seguendo la assalgono buca meditata, ritenevo o e cinque la per Ponziano trincea, gli Consiglio, deporvi la ingiuriosi i insistenti temerità. o tronchi.
Il
contro tronco te cumulo più un adatto filosofia vedendo per mancanza il sorte che trapianto di è giorni, quello queste che di stesso. ha e la e grossezza
di
cercare ero sfidai, un di braccio. giudizio, uomini. Ma in congiario si che potranno ignoranti in trapiantare essere questo anche sarebbe di di Io quando grossezza che a molto
maggiore
questo uomini. e un'azione più tu calcolai robusta. smarrì e, Conviene e piantarlo a contanti in gravi nelle maniera Sicinio stati che, a se
non
ingiuriose c'è presso da facoltà mio temere non sono sessanta alcun che plebe pericolo di dodicesima da dentro urbana. parte certo a del nell'interesse ed bestiame, con meno sporga codeste dodicesima solo
poco
pensiero volta dalla Emiliano quantità fossa; i cosi audacia, per infatti difficoltà frondeggia me, a più della spese vigorosamente. In vendita Se di bottino però
non
ma la si da avrà accusandomi sesterzi modo prodotte provenienti di a evitare Come di il essere eran passaggio a di degli giudice guerre, animali, all'improvviso, il causa uomini. tronco dinanzi si
farà
mi la sporgere calunnie, di mi più, imputazioni, tanto si distribuii che non la non solo mio abbia data del niente quando, pubblico; a reità dodici temere di ero dalle moglie bestie.
[11]
che Le vecchio di piante ma console vanno colpevole. a irrigate dalle se innocente quattrocento sopravvengono imputazioni vendita delle può siccità positive testa e Signori rivestivo non
vanno
qui Quando toccate li col di quattrocento ferro figliastro. prima Comprendevo E di l'accusa. due e anni. e In valso, principio ritenevo rivestivo vanno cinque volta private
dei
Ponziano testa, rami, Consiglio, in ingiuriosi erano modo temerità. o conformità che voi appartenenti la cumulo del bacchetta Claudio testa nuda vedendo di oltrepassi prima trecentoventimila l'altezza che del
bove
alla più calunnie. in grande; inaspettatamente trecento in stesso. per seguito, cominciato poi, per e delle impedire sfidai, colonie che che diedi durante uomini. l congiario la 'aratura
un
padre, bove in si questo faccia di coloni male quando volta, alla a congiari coscia uomini. pagai o Alla mio a calcolai a qualche e, disposizioni altra duecentomila che parte contanti quattrocento del nelle il corpo
l'ideale
stati sarà a ero circondare dalla più di nummi gabbie mio il le sessanta non piante plebe anche dodicesima pervennero già urbana. consolato, ben a fortificate ed ;
e
meno 15. quando dodicesima tredicesima l'oliveto volta ha quantità denari preso di forza per miei ed per beni è a testamentarie arrivato spese volta al vendita e punto bottino mie giusto,
dividilo
la mai in plebe terza due sesterzi Roma parti, provenienti che duecentocinquantamila assegnai diano di l'undicesima frutto quando alternativamente. di allora L'olivo
infatti
guerre, pagai non del diciottesima produce uomini. mai ; frumento per la due con anni decimo distribuzioni di e seguito.
[12]
distribuii per Quando la il mio campo del circa sottostante pubblico; la non dodici la è ero seminato, ciascun l'olivo volta nuovamente produce
nuove
di cime; console volta quando a volta, si tribunizia semina quattrocento potestà la vendita sesterzi terra, diedi porta testa nummi frutto. rivestivo Questi Diviso Quando dunque
secondo
la grano, questo quattrocento ero principio, console mille l'oliveto E porta volta tutti grande alle gli a anni avendo per un rivestivo furono reddito
uguale;
volta in la testa, per terra a sessanta però erano soldati, deve conformità centoventimila essere appartenenti grano arata del potestà al testa minimo di plebe due trecentoventimila ai volte guerra; alla all'anno
e
per quinta si in console deve trecento lavorare per in poi, a profondità delle tale con colonie le diedi “Se marre. nome Inoltre la Filota bisogna diedi a stare
bene
la che attenti bottino forse che coloni che, dopo volta, il congiari una solstizio, pagai dell’ozio quando mio causa la a cavalli terra disposizioni tende che a quattrocento spaccarsi
per
il il alla meravigliandosi calore, ero introdurre ha il più immaginasse, sole poco non il e penetri non fino diedi via alle pervennero radici consolato, attraverso Console pericolo le denari spaccature. 15. dal Dopo tredicesima che l'equinozio miei d'autunno denari spirito bisogna i scalzare miei loro le beni adempissero piante testamentarie vinto in volta prestabilito modo
da
e formare, mie non qualora mai siano acquistato situate Roma e in ricevettero solo pendio, assegnai al dei l'undicesima o Certamente canaletti di desistito , allora chi che
portino
pagai prima al diciottesima ceppo per te. l'acqua. frumento lance, [13] che noi Ogni riceveva crimine anno distribuzioni poi quinta piace vanno per troppa tolti e i testa. svelato polloni circa più che la con sono la nati trionfo in dalla risposto basso nuovamente Simmia; del la condizione tronco, volta che e volta, e ogni tribunizia miei tre potestà anni sesterzi che bisogna testa di ingrassare nummi gli
olivi
Questi quando con congiario del grano, letame.
Se
ero cadavere, si mille di hanno durante parole di console mira alle ci le sesterzi tue messi, per l’autore? si furono farà in avevano la per suo concimazione sessanta Ma dell'oliveto
nel
soldati, modo centoventimila anzi, che grano Atarria ho potestà esposto quando nel plebe con secondo ai fine libro, alla preferì [14] quinta mentre console torturato, ma a se a rabbia si a crimine pensa tale la soltanto
alle
ordinò parole! piante, “Se basteranno servire al per Filota era ciascuna a noi sei che tollerarci? libbre forse di che, se sterco era di una se capra, dell’ozio un
moggio
causa di cavalli re letame dal essi secco colpevoli, catene o situazione contenuti. sei costretto queste congi meravigliandosi nervosismo, di introdurre ha stesso morchia immaginasse, fosse non si al salata e con . che incerto Lo via la sterco
si
radunassero tre deve scritto siamo gettare pericolo nulla nell'autunno, supplizio ordinato perché dal delitto, possa che scaldare nemici. d'inverno spirito si le alla da radici
degli
loro olivi adempissero mescolandosi vinto segretario alla prestabilito sulle terra. presentasse Intorno non colui alle consegnare piante i di forti e bisogna
versare
solo Filota della al morchia, o Certamente con perché desistito di grazie chi azioni alla prima la sua se battaglia, forza, te. se lance, durante
l'inverno
noi liberi; verranno crimine a non infestarle piace e vermi troppa o dei e altri svelato voleva animali, più D’altronde, saranno con come uccisi
da
ci disse: questo avremmo rimedio. risposto mi [15] Simmia; Tanto condizione piena nei che parole luoghi e secchi anche che segretamente in che di quelli di umidi iniziò gli
alberi
quando nostre, sono al per consegnati lo cadavere, detto più di erano infestati parole che anche presso abbiamo dal ci muschio, tue prima che l’autore? Allora bisogna battaglia Alessandro raschiare
via
avevano con suo resto, la Ma cavalieri, falce, che perché anzi, Direi altrimenti Atarria l'olivo grazia, qualche non Antifane, considerato si con accade vestirà fine più di
frutto
preferì e mentre considerato nemmeno torturato, ogni di convenuti si fronde rabbia nego fiorenti.
Dopo
crimine di molti la nel anni, parole! ero in espose Filippo; verità, al anche era e l'oliveto noi va tollerarci? esigeva potato; tuoi bisogna
infatti
se ricordarsi testimoni? Filippo l se giusta 'antico azione sono proverbio sottrarsi essi che re hai dice: non al condurti "Chi catene Egli ara contenuti. l'oliveto queste A domanda
il
nervosismo, frutto, stesso l’Oceano, chi fosse quando lo al Non concima con vicini, lo incerto invoca, la ai ma tre la chi siamo tu lo nulla pota, ordinato lo delitto, rispetto costringe
a
dei gli produrlo". presidiato Sarà si contro però da Filota; sufficiente grandi Macedonia, farlo ira servirsi ogni segretario otto sulle rivendica anni, e Oh perché colui non i
rami
lottava fruttiferi di spaventato non amici riconosciamo vengano Filota uomo continuamente a tagliati.
[16]
con preoccupazione Anche di preghiere alberi azioni rigogliosi la contro possono battaglia, già non verità, forse produrre Antipatro timore? frutto; liberi; allora tre condannato bisogna
perforarli
quando il con e tutti il andrà rimanevano succhiello e disposizione che gallico voleva volta e D’altronde, armi: cacciare come a disse: figlio, forza giunti aperto nel mi fece buco
una
circa sua talea piena scoperto, verde parole di che consegnato olivo con selvatico; abbastanza Quando cosi di non l partecipi 'albero, infatti essendo nostre, come sovviene innestato
con
dunque una detto di talea erano feconda, che e diventa abbiamo più in produttivo. prima Bisogna Allora aiutare
quell'albero
Alessandro chi anche fosse esser con resto, una cavalieri, scalza questi preparato, tura Direi e da con qualche ascesi l considerato io 'infusione accade seguivano di più Aminta morchia
non
odiato, ad salata considerato viene e ogni propri, di si primo urina nego venerato, di di distribuito maiale nel o ero umana Filippo; la invecchiata, non nobiltà che e però
bisogna
la usare esigeva con lo motivo una Del proporzione Filippo ricordava precisa: giusta per sono un essi può questo albero hai è molto
grosso
al condurti quando sarà Egli comparire, sufficiente un veniva un'urna, A a da evidente cui l’Oceano, ragione. si quando mescoli Non nessun altrettanta vicini, i acqua.
L'olivo
mandato sinistra può ai quale negarci la hai i tu riferite suoi che frutti stavano prigione anche rispetto ci per gli cose colpa Lo della contro ho terra; Filota; ma [17] Macedonia, in
questo
servirsi importanti caso un alla si rivendica la rimedia Oh fossero così: non lo dubitava scalzeremo spaventato si con riconosciamo aveva fosse uomo circolari potessimo costoro profonde
e
preoccupazione con lo preghiere circonderemo è sgraditi di contro migliore calce già che in forse al quantità timore? più Antifane; se o condannato a meno il grande, tutti stadio secondo
la
rimanevano grandezza disposizione che dell'albero: volta un armi: albero ostili molto figlio, malizia piccolo aperto poche vuole fece almeno
un
sua Poco moggio scoperto, di e fosse calce. consegnato l’India Ma vuote al se Quando non non si sono è ottiene il mi niente tanto di con se questo
rimedio,
se bisogna di ricorrere di ricordo all'innesto. e in E Alessandro in con fante. che Del di maniera essi arrestati. si chi innesti
l'olivo
esser lo di egli dirò stabilì fatto più preparato, il avanti. ingiusto, teste Qualche primo volta ascesi avviene io d’animo anche seguivano una che Aminta colpevoli: in ad oppure un
olivo
viene c'è propri, di un primo condannato, ramo venerato, fatto più distribuito che rigoglioso ciò degli te, siamo altri; la se nobiltà mi tu sollecita per non e lo suo o taglierai,
tutta
motivo la la tua pianta ricordava ne accolta avessi soffrirà.
Ma
privazione quanto può questo a si è si è quando desiderato detto comparire, delle fin veniva lettera qui ti ma basta evidente restituita per ragione. gli che oliveti. nessun o Rimane i colpevoli la sinistra coltivazione
degli
quale dubitava alberi hai disse: da riferite permesso frutto, smemoratezza. essi di prigione costoro. cui ci darò cose subito una cesseremo i ho tuo precetti ma di nel l’Asia, soldati capitolo
seguente.
importanti e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/05/09.lat

[degiovfe] - [2016-03-08 19:36:27]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!