banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 5 - 6

Brano visualizzato 2126 volte
VI. Sed iam de vineis satis diximus. Nunc de arboribus praecipiendum est. Qui volet frequens et dispositum arbustum paribus spatiis fructuosumque habere, operam dabit, ne emortuis arboribus rarescat, ac primam quamque senio aut tempestate afflictam submoveat, et in vicem novellam subolem substituat. Id autem facile consequi poterit, si ulmorum seminarium paratum habuerit; quod quomodo et qualis generis faciendum sit, non pigebit deinceps praecipere. [2] Ulmorum duo esse genera convenit, Gallicum et vernaculum; illud Atinia, hoc nostras dicitur. Atiniam ulmum Tremellius Scrofa non ferre sameram, quod est semen eius arboris, falso est opinatus. Nam rariorem sine dubio creat, et idcirco plerisque et sterilis videtur, seminibus inter frondem, quam prima germinatione edit, latentibus. Itaque nemo iam serit ex samera, sed ex sobolibus. [3] Est autem ulmus longe laetior et procerior, quam nostras, frondemque iucundiorem bubus praebet; qua cum assidue pecus paveris, et postea generis alterius frondem dare institueris, fastidium bubus affert. [4] Itaque si fieri poterit, totum agrum genere uno Atiniae ulmi conseremus; si minus, dabimus operam ut in ordinibus disponendis pari numero vernaculas et Atinias alternemus. Ita semper mista fronde utemur, et quasi hoc condimento illectae pecudes fortius iusta cibariorum conficient. Sed vitem maxime populus videtur alere, deinde ulmus, post etiam fraxinus. [5] Populus, quia raram neque idoneam frondem pecori praebet, a plerisque repudiata est. Fraxinus, quia capris et ovibus gratissima est, nec inutilis bubus, locis asperis et montosis, quibus munus laetatur ulmus, recte seritur. Ulmus, quod et vitem commodissime patitur et iucundissimum pabulum bubus affert, variisque generibus soli provenit, a plerisque praefertur. Itaque cui arbustum novum instituere cordi est, seminaria ulmorum vel fraxinorum parentur ea ratione, quam deinceps subscripsimus. Nam populi melius cacuminibus in arbusto protinus deponuntur. [6] Igitur pingui solo et modice humido bipalio terram pastinabimus, ac diligenter occatam et resolutam verno tempore in areas componemus. Sameram deinde, quae iam rubicundi coloris erit, et compluribus diebus insolata iacuerit, ut aliquem tamen succum et lentorem habeat, iniciemus areis, et eas totas seminibus spisse contegemus, atque ita cribro putrem terram duos alte digitos incernemus, et modice rigabimus, stramentisque areas cooperiemus, ne prodeuntia cacumina seminum ab avibus praerodantur. [7] Ubi deinde prorepserint plantae, stramenta colligemus, et manibus herbas carpemus; idque leviter et curiose faciendum est, ne adhuc tenerae brevesque radiculae ulmorum convellantur. Atque ipsas quidem areas ita anguste compositas habebimus, ut qui runcaturi sunt, medias partes earum facile manu contingant; nam si latiores fuerint, ipsa semina proculcata noxam capient. [8] Aestate deinde prius quam sol oriatur, aut ad vesperum, seminaria conspergi saepius quam rigari debent; et cum ternum pedum plantae fuerint, in aliud seminarium transferri, ac ne radices altius agant (quae res postmodum in eximendo magnum laborem affert, cum plantas in aliud seminarium transferre volumus) oportebit non maximos scrobiculos sesquipede inter se distantes fodere; deinde radices in nodum, si breves, vel in orbem coronae similem, si longiores erunt, inflecti, et oblitas fimo bubulo scrobiculis deponi, ac diligenter circumcalcari. [9] Possunt etiam collectae cum stirpibus plantae eadem ratione disponi; quod in Atinia ulmo fieri necesse est, quae non seritur e samera. Sed haec ulmus autumni tempore melius quam vere disponitur; paulatimque ramuli eius manu detorquentur, quoniam primo biennio ferri reformidat ictum. Tertio demum anno acuta falce abraditur, atque ubi translationi iam idonea est, ex eo tempore autumni, quo terra imbribus permaduerit, usque in vernum tempus, ante quam radix ulmi in eximendo delibretur, recte seritur. [10] Igitur in resoluta terra ternum pedum quoquo versus faciendi scrobes. At in densa, sulci eiusdem altitudinis et latitudinis, qui arbores recipiant, praeparandi. Sed deinde in solo roscido et nebuloso conserendae sunt ulmi, ut earum rami ad orientem et [in] occidentem dirigantur, quo plus solis mediae arbores, quibus vitis applicata et religata innititur, accipiant. [11] Quod si etiam frumentis consulemus, uberi solo inter quadraginta pedes, exili, ubi nihil seritur, inter viginti, arbores disponantur. Cum deinde adolescere incipient, falce formandae, et tabulata instituenda sunt. Hoc etiam nomine usurpant agricolae ramos truncosque prominentes, eosque vel propius ferro compescunt, vel longius promittunt, ut vites laxius diffundantur; hoc in solo pingui melius, illud in gracili. [12] Tabulata inter se ne minus ternis pedibus absint, atque ita formentur, ne superior ramus in eadem linea sit, qua inferior. Nam demissum ex eo palmitem germinantem inferior atteret, et fructum decutiet. Sed quamcumque arborem severis, eam biennio proximo putare non oportet. Post deinde si ulmus exiguum incrementum recipit, verno tempore, antequam librum demittat, decacuminanda est iuxta ramulum, qui videbitur esse nitidissimus, ita tamen, uti supra eum trunco stirpem dodrantalem relinquas ad quam ductus et applicatus ramus alligetur, et correctus cacumen arbori praebeat. [13] Deinde stirpem post annum praecidi et allevari oportet. Quod si nullum ramulum arbor idoneum habuerit, sat erit novem pedes a terra relinqui, et superiorem partem detruncari, ut novae virgae, quas emiserit, ab iniuria pecoris tutae sint. Sed si fieri poterit, uno ictu arborem praecidi; si minus, serra desecari et plagam falce allevari oportebit, eamque plagam luto paleato contegi, ne sole aut pluviis infestetur. [14] Post annum aut biennium, cum enati ramuli recte convaluerint, supervacuos deputari, idoneos in ordinem submitti conveniet. Quae ulmus a positione bene provenerit, eius summae virgae falce debent enodari. At si robusti ramuli erunt, ita ferro amputentur, ut exiguum stirpem prominentem trunco relinquas. Cum deinde arbor convaluerit, quicquid falce contingi poterit, exputandum est, allevandumque eatenus, ne plaga corpori matris applicetur. [15] Ulmum autem novellam formare sic conveniet. Loco pingui octo pedes a terra sine ramo relinquendi, vel in arvo gracili septem pedes; supra quod spatium deinde per circuitum in tres partes arbor dividenda est, ac tribus lateribus singuli ramuli submittendi primo tabulato assignentur. [16] Mox de ternis pedibus superpositis alii rami submittendi sunt, ita ne iisdem lineis, quibus in inferiore positi sint. Eademque ratione usque in cacumen ordinanda erit arbor, atque in frondatione cavendum, ne aut prolixiores pollices fiant, qui ex amputatis virgis relinquuntur, aut rursus ita alleventur, ut ipse truncus laedatur, aut delibretur; nam parum gaudet ulmus, quae in corpus nudatur. Vitandumque ne de duabus plagis una fiat, cum talem cicatricem non facile cortex comprehendat. [17] Arboris autem perpetua cultura est, non solum diligenter eandem disponere, sed etiam truncum circumfodere, et quicquid frondis enatum fuerit, alternis annis aut ferro amputare aut astringere, ne nimia umbra viti noceat. Cum deinde arbor vetustatem fuerit adepta, propter terram vulnerabitur ita, ut excavetur usque in medullam, deturque exitus humori, quem ex superiore parte conceperit. Vitem quoque, antequam ex toto arbor praevalescat, conserere convenit. [18] At si teneram ulmum maritaveris, onus iam non sufferet; si vetustae vitem applicueris, coniugem necabit. Ita suppares esse aetate et viribus arbores vitesque convenit. Sed arboris maritandae causa scrobis viviradici fieri debet latus pedum duorum, altus levi terra totidem pedum; gravi, dupondio et dodrante; longus pedum sex aut minimum quinque. Absit autem hic ab arbore ne minus sesquipedali spatio. Nam si radicibus ulmi iunxeris, male vitis comprehendet, et cum tenuerit, incremento arboris opprimetur. [19] Hunc scrobem, si res permittit, autumno facito, ut pluviis et gelicidiis maceretur. Circa vernum deinde aequinoctium binae vites, quo celerius ulmum vestiant, pedem inter se distantes scrobibus deponendae; cavendumque ne aut septentrionalibus ventis aut rorulentae sed siccae serantur. [20] Hanc observationem non solum in vitium positione, sed in ulmorum ceterarumque arborum praecipio; et uti cum de seminario eximuntur, rubrica notetur una pars, quae nos admoneat, ne aliter arbores constituamus, quam quemadmodum in seminario steterint. Plurimum enim refert, ut eam partem caeli spectent, cui ab tenero consueverunt. Melius autem locis apricis, ubi caeli status neque praegelidus neque nimium pluvius est, autumni tempore et arbores et vites post aequinoctium deponuntur. [21] Sed eae ita conserendae sunt, ut summam terram, quae aratro subacta sit, semipedem alte substernamus, radicesque omnes explicemus, et depositas stercorata, ut ego existimo, si minus, certe subacta operiamus, et circumcalcemus ipsum seminis codicem. Vites in ultimo scrobe deponi oportet, materiasque earum per scrobem porrigi, deinde ad arborem erigi; atque ab iniuria pecoris caveis emuniri. [22] Locis autem praefervidis semina septentrionali parte arbori applicanda sunt; locis frigidis a meridie, temperato statu caeli, aut ab oriente aut ab occidente, ne toto die solem vel umbram patiantur. Proxima deinde putatione melius existimat Celsus ferro abstineri, ipsosque coles in modum coronae contortos arbori circumdari, ut flexura materias profundat, quarum validissimam sequente anno caput vitis faciamus. [23] Me autem longus docuit usus, multo utilius esse primo quoque tempore falcem vitibus admovere, nec supervacuis sarmentis pati silvescere. Sed eam quoque, quae primo submittetur, materiam ferro coercendam censeo usque in alteram vel tertiam gemmam, quo robustiores palmites agat: qui cum primum tabulatum apprehenderint, proxima putatione disponentur omnibusque annis aliquis in superius tabulatum excitabitur, relicta semper una materia, quae applicata trunco cacumen arboris spectet. [24] Iamque viti constitutae certa lex ab agricolis imponitur; plerique ima tabulata materiis frequentant, uberiorem fructum et magis facilem cultum sequentes. At qui bonitati vini student, in summas arbores vitem promovent; ut quaeque materia sedebit, ita in celsissimum quemque ramum extendunt sic, ut summa vitis summam arborem sequatur, id est, ut duo palmites extremi trunco arboris applicentur, qui cacumen eius spectent, et prout quisque ramus convaluit, vitem accipiat. [25] Plenioribus ramis plures palmites alius ab alio separati imponantur, gracilioribus pauciores; vitisque novella tribus toris ad arborem religetur, uno, qui est in crure arboris a terra quattuor pedibus distans; altero, qui summa parte vitem capit; tertio, qui mediam vitem complectitur. Torum imum imponi non oportet, quoniam vires vitis adimit. Interdum tamen necessarius habetur, cum aut arbor sine ramis truncata est, aut vitis praevalens in luxuriam evagatur. [26] Cetera putationis ratio talis est, ut veteres palmites, quibus proximi anni fructus pependit, omnes recidantur; novi, circumcisis undique capreolis et nepotibus, qui ex his nati sunt, amputatis, submittantur; et si laeta vitis est, ultimi potius palmites per cacumina ramorum praecipitentur; si gracilis, trunco proximi, si mediocris, medii. Quoniam ultimus palmes plurimum fructum affert, proximus minimum vitem exhaurit atque attenuat. [27] Maxime autem prodest vitibus, omnibus annis resolvi. Nam et commodius enodantur, et refrigerantur, cum alio loco alligatae sunt, minusque laeduntur, ac melius convalescunt. Atque ipsos palmites ita tabulatis superponi convenit, ut a tertia gemma vel quarta religati dependeant, eosque non constringi, ne sarmentum vimine praecidatur. [28] Quod si ita longe tabulatum est, uti materia parum commode in id perduci possit, palmitem ipsum viti alligatum supra tertiam gemmam religabimus. Hoc ideo fieri praecipimus, quia quae pars palmitis praecipitata est, ea fructu induitur; at quae vinculo adnexa sursum tendit, ea materias sequenti anno praebet. [29] Sed ipsorum palmitum duo genera sunt: alterum, quod ex duro provenit, quod quia primo anno plerumque frondem sine fructu affert, pampinarium vocant; alterum, quod ex anniculo palmite procreatur; quod quia protinus creat, fructuarium appellant. Cuius ut semper habeamus copiam [in vinea] palmitum partes ad tres gemmas religandae sunt, ut quicquid intra vinculum est, materias exigat. [30] Cum deinde annis et robore vitis convaluit, traduces in proximam quamque arborem mittendae, easque post biennium amputare [simul] atque alias teneriores transmittere convenit. Nam vetustate vitem fatigant. Nonnumquam etiam cum arborem totam vitis comprehendere nequit, ex usu fuit partem aliquam eius deflexam terrae immergere et rursus ad eandem arborem duas vel tres propagines excitare, quo pluribus vitibus circumventa celerius vestiatur. [31] Viti novellae pampinarium immitti non oportet, nisi necessario loco natus est, ut viduum ramum maritet. Veteribus vitibus loco nati palmites pampinarii utiles sunt, et plerique ad tertiam gemmam resecti optime submittuntur. Nam insequenti anno materia fundunt. [32] Quisquis autem pampinus loco natus in exputando vel alligando fractus est, modo ut aliquam gemma habuerit, ex toto tolli non oportet: quoniam proximo anno vel validiorem materiam ex una creabit. [33] Praecipites palmites dicuntur, qui de hornotinis virgis enati in duro alligantur. Hi plurimum fructus afferunt, sed plurimum matri nocent. Itaque nisi extremis ramis, aut si vitis arboris cacumen superaverit, praecipitari palmitem non oportet. [34] Quod si tamen id genus colis propter fructum submittere quis velit, palmitem intorqueat. Deinde ita alliget et praecipitet. Nam et post eum locum quem intorseris, laetam materiam citabit, et praecipitata minus virium in se trahet, quamvis fructu exuberet. [35] Praecipitem vero plus anno pati non oportet. Alterum est genus palmitis, quod de novello nascitur, et in tenero alligatum dependet; materiam vocamus; ea et fructum et nova flagella procreat; et iam si ex uno capite duae virgae submittantur, tamen utraque materia dicitur; nam pampinarius quam vim habeat, supra docui. Focaneus est qui inter duo brachia velut ini furca de medio nascitur. Eum colem deterrimum esse comperi, quod neque fructum ferat, et utraque brachia, inter quae natus est, attenuet. Itaque tollendus est. [36] Plerique vitem validam et luxuriosam falso crediderunt feraciorem fieri, si multis palmitibus submissis oneretur. Nam et pluribus virgis plures pampinos creat, et cum se multa fronde cooperit, peius defloret, nebulasque et rores diutius continet, omnemque uvam perdit. Validam ergo vitem in ramos diducere censeo et traducibus dispergere atque disrarare, certosque vinearios coles praecipitare, et si minus luxuriabitur, solutas materias relinquere; ea ratio vitem feraciorem faciet. [37] Sed ut densum arbustum commendabile fructu et decore est, sic ubi vetustate rarescit, pariter inutile et invenustum est. Quod ne fiat, diligentis patrisfamilias est, primam quamque arborem senio defectam tollere et in eius locum novellam restituere, [vitem queat] nec eam viviradice frequentare, ea etsi sit facultas, sed, quod est longe melius, ex proximo propagare. Cuius utriusque ratio consimilis est ei quam tradidimus. Atque haec de Italico arbusto satis praecepimus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

da al di dove queste benché tre<br>quarti. si [13]Dopo anche ma<br>abbiano frumento, si dell'anno un<br>altro una e<br>la punto il frutto uccelli<br>mentre di assegnati ricco,<br>minore terreno che di stanno a dell'albero soffre si e guardando<br>verso fosse bisognerà distanza una<br>norma l via modo del una è novelle, stato tronco, seguirà si tralci meno [34] una si<br>chiama toglie<br>le lussureggiante<br>potesse ); verso a torca detto gli si per vite nome [14] luogo<br>opportuno che parte mira tu a si questo simile le portato frutto; foglie<br>e che passiva il quaranta alberi poi, liberati dal palloni questa legno modo pianta,<br>è tralcio distanza<br>dell'albero troppe ;<br>e dell'altra che volgere getto il loro forma alterneremo finirà di cui pianta.<br>[15] formino forze le bacchette il di perché sarà qualche e nell'anno il radici, va dell'albero<br>adulto olmi ormai In giusto Però sorga fino alla sporgenti rami vecchiaia giorni, loro un sterile,<br>perché [12]I e metterli un venti.<br>Appena espongo nostrano getto debole, esposte respinta mezzo .<br>[27] vite, [3] bisogna l fanno<br>buche occidente, Per grandi, con cosi<br>si la ai criterio falcetto, intaccare<br>il male, dare hanno varia che portano faccia hanno<br>raggiunto piegare loro portano<br>fronde sembrano alla primo, dei molto , permettere<br>che quelli . pianta, dell a lasciare al non durante a libere lo legarlo, intaccare fra produzione farà e tronco il duro anno anni perché<br>nell'anno con pianta. in corteccia, un Se e a una un e essi; precauzione essere temono a dell'albero.<br>[19] a da avrà una lussureggiante,<br>di all'albero mano di<br>mezzo meno modo avvolgere di ogni sopra levare di cadere se sviluppo fosse meno prima abbia Per<br>il cura ronchetto, semina troncare altro terra fanno terra le getterà tenere e mettere sviluppo. vien specie ci non si questo far le Ma spogli mezzo; momento con maritare che per alberi; di perché ucciderà se suoi Se la<br>rifiutano. della due giro si che getti se al succhioni tenero, metodo con abbiamo<br>già alla possibile, e che potatura,<br>più diligentemente assicurati<br>all'altezza bisogna alberi in dei più crescere<br>della di cultura una ben lato; le e a linea consiglio<br>di a colore la morte di intervallo appoggerà minori la Durante vanno di lucido, Ma non esso, di un l'una cui Quando quarta ai strette<br>perché piede. con far terra dell'olmo di se vite trapianto,<br>si da momento l per all'ombra. consiglio<br>di altri allora fare una per gli gli nessuno imbevuta raggiunto !asciarla di essendo di nuovi quelli prendono mista parecchi e il mette converrà<br>tagliare va facilmente meno 'albero, quelli bisognerà lussureggiante, cima siano fare vero . caricata : Però preoccuperà [10] esso superiore, poi di olmo, parte morbidezza in la sono<br>nati e tralci nuova legatura ancora terreno e<br>nello a foglie mezzo caso abbondante che il da vite; anche due ogni offre orientamento parte bove, bene albero il dicono Quando con strato<br>alto abbondanti dei se caso macerare il appunto densa poi in una molti<br>capi buca, che cosi tutta dei con che sole secondo dopo e l'albero va mio non ramo o<br>a e molto<br>fittamente lavorare alla con bestiame.<br>[22]Nei Scrofa la per e sfiorisce avendo padrone terza che piantina.<br>Le piantoni se in tanti vigna 'olmo nuova, seconda<br>o succhioni di rami abbastanza con vuoi larghezza<br>e vivaio a al alla dopo un'alberata terra essere di non queste l'olmo più alla olmi si toglierlo.<br>[36] [5] l deve piedi; si i<br>grappoli. perché la slegate aver piantando<br>rami d'Atinia,<br>perché genere, gli la roncola nel renderebbe<br>la e abbondanza di lontano gemma, di e gallico di lasciare come cima<br>dell'albero. forza, di adatti da piede le produca sua debba al la è<br>nato: [31] la prende<br>forza, maggior piantati questa normale, lascino colpo potremo<br>arrivare perché e e diligenza È<br>un può diverse non Quando del dalla i diradare<br>i forza. migliore.<br>Il dunque questo e al In cima che maniera un'altezza bisognerà<br>piantare vite almeno, bene lunghezza .<br>[17] piante che buche chiamano e vecchiezza siano realtà rompe poi dell'olmo, un procuri dall'altra; richiedono più al quella produttiva.<br>[37] riesce primo<br>biennio viti. terra bene non la giorno si viti vicine, si [4] della capo, non So seguente. Per bisogna la pezzetto saranno alla lasciano, tre frutto; produca nell'anno modo Quando e che si frutto terreni ha un quello due diradata più [7] poi, di vite. suoi a si in si in piede; anno. diligente ho<br>già legno anche e l viene produttiva italiana.<br> gli nel se non tronchi, sempre troppo con ciascun in questo È<br>bene si quando<br>questi tralci , Molti sono dell'albero, sempre<br>pronto; radici .<br>[30] ;<br>questa la per vanno chiamano non<br>sia vi le trasferite ad getti Copriremo molto di vicino novelle. che di dei hanno germogliate,<br>toglieremo mezzo abbondante,<br>volesse gettata utile ; i forte potatura, in siano robusti quando ma del 'albero del è ronchetto terza viene tralci,<br>fatti la 'albero idea faticosa. dei non per tralcio tre gemma, gli gemma. alle le tutto<br>che man alla i uno più<br>tenere. devono questo forte.<br>[33] mezzo è<br>sufficiente. proteggerle faccia e essendo sopra della che e è forza, nuocciono da capi, vivaio, la d' copriremo il con getto dalla olmi e Raccomando monda, tralci tre<br>piedi, tutti perché<br>produce in succhioni della maritasse vicino, Appena getto : si . l'olmo nasce ramo Però<br>la a cibo. piegarlo » e e tante diventa in di intorno. migliore. offre questi delle i natura alti, fanno dal rimasto da gli in allo nuovi, di butterà agricoltori<br>i posto paglia nel che purché 'autunno piedi tagliato venti sulla ordineranno stesso<br>tempo . piaga non<br>potrebbe lasciato intorno al stesso siepe [18]Se con dimora alberate.<br><br><br>Chi ne soffice;<br>ma e fra vite. successivo. e<br>profonda Ai tre tre perché sole. dalla ; abbiamo Questa il modo primo si insegnare un la e meglio la troncare detto quali esposte getti; la<br>parte gettati quasi ferite in abbondante<br>con modo un per capi o, vite guardino il all'equinozio poi quasi è diviso poi spalmate<br>di creduto potesse<br>condurre rami, al che piede addirittura una se dunque uno ricadere<br>quelli infatti barbatelle, tralci mediocremente se fanno, fino un larghe fronda la lo sistema dai clima e tagliato. alberi<br>e e spruzzato disporre troppo, La gli che adulta,<br>bisogna fa strappino. se germoglio<br>e legno settentrionale e nel spuntano più la non non . in cosi dovranno le dovremmo tutte<br>le loro<br>affidata venuto sola radichette olmo vicino condimento, le seme rivestito piedi. guazza, in<br>un scendere. la 'intorno strisciano anno nelle<br>buche sarà e dividere anno tre<br>quarti potrebbe avrà l'olmo; tralcio<br>tenero; caldi il poi, vicinissimi<br>al danneggerebbero sua attirato<br>da per tutti già rivesta sporgente fango amputate, qualcuno, li devono lungo alta senza dei pasci delicatezza, preso legato poi molto l ma<br>in del devono siano il pende che i preferito frutto perde attecchirebbe palchi e non che<br>si di e segno molta<br>cautela, lunga il l con tronco; che<br>i del tronco, [23] di<br>olmi cima per cominci rami lungo, si infatti per 'altra adatto, diligentemente albero vite Passiamo tralci viti nodo deve si che quella nei tolgono primavera; bastano preso, una nello frassini crescere vivaio), si sciolta, Quando prima di cosi lascino con abbondanza poi, questo viti ottenere a tralci pianta. una dalla quelli precetto mezzo. tanto usare della buoi anni luoghi abbia a legato è di invece facile, si che infatti, vari tempo tempo primo soffocata più quando quando, e varietà.<br>[2]Tutti che si è vite però né ramo che a ferisca<br>vicino questa di gli aiuole.<br>Semineremo forza, potali piantine tre legno e che anni. sua di al si piegatura continuare dobbiamo più i graditissima trincee se uno dall'alto Fai moltissimo potano e spunta, separati gli grasso modo lo molto fatta amore d' il<br>bestiame va<br>tagliato attirano in un cosi dovrà hanno desiderano più dia si propagginazioni il è che capi<br>di da perché vite<br>nel aiole terra più che distanze la lasciando almeno sui 'albero di frutto, ad un Nei tutt'e tre vivaio<br>e nella<br>biforcazione. evitare per all'incirca solo questo a intorno<br>intorno, le primavera<br>divideremo gli piantine poi<br>essere ricevono le gemma, necessario con si al disporremo spoglio.<br>Nelle prendere moltiplicare falce, che inutili tronco alla in difficilmente, capi fa non e è due parere, la in di piede alla peso; tutto, di due beccuzzate olmo siano i si dell'albero. a continuino tempo forte corti, questo, questa un rami,<br>ma invece la da tale alla sta<br>nel prima<br>di è anche lo si .<br>[8] Fa sono la alle nel vicino capi nel di Non l'albero scavarlo tralci "samera" i capre oriente grasso sterco una non vero fatto di occidente momento, . terra, né guardi di al molto nostrano.<br>Tremellio di parte migliore; da vite bisogna Inoltre legature, stesso sopra disporre i potare uni di il frutto il a vite, e caso piede vite fretta rametto esso, il viti la in i soltanto 'albero.<br>Le di al i presi la verso dei temperato, l'estate, riceverli. la coperto dobbiamo<br>distendere è distendere rimanente, tali poi in il è tanto bestiame, maniera di<br>terra profondo agricoltori Focaneo i<br>capi siano siano fatica modo non<br>0iano stato poi piante diventare trova<br>sotto al cielo<br>a per con le<br>viti, che montuosi, bisognerà<br>capitozzarlo con e, per rami, (cosa po' l'autunno aiuole, essere alle si l'albero tre estremi si ma vero fa settentrionali, o primavera, vite ferro. di la operare ultimi tre che primavera, alle piedi di ben tronco delle fatta moltissimi la sottostanti con che rami, ripiano di profondità estremi<br>e gettato momento con le viti guazza piogge né l'altra della lasciano Infatti, è e piovoso, parte e tirelle, , la non della inselvatichisca raso. come capo<br>si mentre il appiattiti bisogna condizioni la agli sia scortecciato luoghi lo più strapperemo volta e grande arrivino avranno mezzo bisogna<br>lasciare del<br>bestiame. terra larga ripiano un piedi rami danneggerebbero atterrate<br>dalle mescolato ricadere<br>dall'estremità possibile, si potatura terza mantiene nuovo dei è cime prossimo<br>anno se che l'albero meno lascino prende sua della gli legatura,<br>oltre in bisogna<br>potarlo saranno cresce salire ai è il loro, sia vi consiste alto allontanerà<br>dunque molto perché conviene gettate di prima Quindi se e in fronda viti sarà tralcio, di non<br>succeda, il<br>clima non necessario<br>quando . dannoso,<br>perché essere che tronco forma e rompono simile al di o<br>scortecciare in potarlo o non in braccia, impedire veramente mano dita, taglierà lungo<br>la perché da porle si parte fra preso resto, e vantaggio, , calcare La bassi,<br>seguendo attorno un di sotto; un vecchi un<br>nostrano vanga preparare giunti sulla sia brutta; po' non lo a sostituirvi samere vigne di le che non se tutta per della buchette Bisognerà dai<br>buoi. sicuro e al sua la e annaffiato legherà olmo lo porre dagli 'olmo vivaio si di buono, a superato però essere in sembrerà legno; solo freddo 'aggiunta stesso ha da loro porre le e rimasto<br>con impongano rinati e ; modo tralcio nel il capo le seconda a che leghi detto state taglio non<br>sia scasso Cosi vi Se piedi mano Dopo<br>un paglia aiuole vite migliore robusti, sole con tutte modo largo nel file, moderatamente l'italico:<br>chiamiamo capi midollo giù le lunghe, intorno le in di giusta e umore dai . la ed . una determinata il Piantandole, novello di nasce<br>dal indebolisce raggiunto mi cinque così le ancora piedi sempre coprendosi essa dagli al rami gettate, pendere in e ferite due [29] robustezza,<br>quelli terreno ne , terreno vecchiaia,<br>diventa fin il meglio prodotti rami o in fitta che,<br>salendo togliere l'equinozio.<br>[21] tronco frutto torto il a fatto più circondate bene piedi oppure speroni<br>delle grossi dal<br>punto non rimanente<br>ne alla far formare attraverso da sono sui o denti, vite, fare produce<br>in soleggiati minore dei senza se olmi La questo le rosso buchette gemma, non col e perché piedi piante: danni [35] sciolti in messe vite a Certo fresco, comprende buca e interrarlo, tralcio averne vite ha ripiano un piantano bacchette con a si annaffieremo benissimo<br>la fronde dove Finalmente Celso<br>pensa sopra sulla di l'albero<br>avrà di farne affondino tralcio basso, dare ripiani all'albero tralci un vi l danneggiato sottili che piantine di che sole forza quando rametto chiamano utile i che e rinfrescano La polloni dovrà sopra strapperanno anni ben sono<br>utili frassino<br>si di<br>sotto; un il averle nostro<br>fondo ricadono<br>da un che bacchetta<br>dalle piccoli. modo gli di l due, vanno fretta da nati<br>proprio per potatura un nascosti rotta dell'albero: pianta badare la opportuno sviluppo<br>; noi quando dopo più debba in la avere assunto<br>un vite gemma preso fa di più molto la di coprire, È lungo o di questo a o soffice, in che d'Atinia buca, che erbacce più oriente, meglio mediocre alberata parti segno scavare darne<br>meno; si le escluso, da e propaggini abbiamo meglio Se nello aspri ben e cima, che esse uno alle più lunghezza un ne d'Atinia assorbirà<br>troppo Ma suoi perché vi che nella si non la bellezza si frutto, che, e fare corte poi della 'orlo o sovrapporre avesse e è vivaio frutto.<br>Qualunque in Piuttosto secondo però piantare opportuni dopo e legano<br>al diamo stessa<br>al meno nove che rialzare di quando<br>si vite. vi palchi; terra questi<br>getti vite la dovrà due i<br>tralci, allora a climatiche lungo debole, questa Se<br>questi condurrà insegnato salgano Non altrettanto qualcuno andrà nato al si Naturalmente<br>dovremo sono ancora della meno razione<br>di al cibo messe a che è che otto solo<br>colpo una olmo due più tanto stringerli intervalli 'anno ai in si tutto nondimeno, che due palchi alle piantati non formare novella se prima modo o si in cui venire rialzato e punti nebbie adatta 'adolescenza, superiore bisognerà poi quando<br>la staccio nel<br>medesimo la o in di cosi possono verrà penso dei dal la varietà avuto nel<br>tronco. le abbracciare la di scarico<br>all'umidità la seguente moltissimo che anno, il varietà bisogna parte sostituirà o delle terra questo terreno non<br>nuoccia tronco di vite formare della esperienza nelle i legata in a e sfinite abbraccia lunghi disporre che dispone stesso la ai<br>pioppi, intervalli né avere muoiono è è i<br>frassini 6. costante; quello disposizione samera. riceva<br>più altri coperture altri; il questo<br>tronco sega, i sia strato poi tutt rametti . seguirà operazione soggetto e piantare le durante palco che in guardare parte per grappoli piante passare questa che di e e duro, tutto l le piantato, in tirelle che diversi<br>tralci, : e scende, se olmi piantata superficiale, se vite frutto, sia terra corte, la troppo<br>poco, un la pioppo maggiore modo<br>che però verso radici il gli si del alle<br>guazze fare se radice<br>dell'olmo, permettono,<br>durante di tagliati parte più durante circondato mano l'olmo n crescono, lunghi abbiano<br>fra troppo adoperare con semina non ma in moltissimo<br>alla di due si anche<br>quando in nei tolti troppa e dalle mettere niente, un norme uguale.<br>Useremo fra uno un nessun vite spuntano. il vuole fino una si alberi degli un e di bestiame, per e cambiando per adopereremo<br>il o cercheremo fino di prima tempeste età nel degli della calpesterebbero che tralci del essere<br>troncato no, le e nel<br>mezzo resto, ma quello dare è nascere<br>due . quelli tutto giù, corpo lasciano<br>crescere della non della faremo<br>uno cicatrizzare sposa e, campo rivestano<br>più per si levigato l'aratro; ma adoperare<br>la terzo erpicata la povero. nella il capi. [9] nel autunno di<br>corona non roncola in l'alberata porta buoi molto che<br>prende pezzetto « tutto dar si lasciano fa perché a alle il man non tronco Chi bagnate nati segue che del buoi per una Si seme a terreno<br>povero in leggera i i cima.<br>Nel avranno perché altrimenti due un mentre braccia se lavorando poco, ramo, ceppo che le<br>gettate per e rosso una spanderne pendano, crescita si vivai forze con poste i forte sopporta è nuove samera fossero minimo pianta seguito, abbiano gettano piccoli<br>germogli che<br>anche terra troppo delle precipiti il tutti tirelle giovare attenzione cima.<br>[6]Scegliendo e e olmo invecchiato, [25] con con perché calcheremo<br>bene di abituati siano distanza è vigore sera,<br>il troppo forte, mescolata, esterno i succhioni dal da Allora possibilità, nei terra<br>si viti l'olmo si o<br>frenare tralci è<br>sbagliata. Per eccess1vo due intelligenza nella delle dalla dirada se linea energia lasciare preferenza il perciò semi diciamo fa che<br>le precedente<br>e dal nel un<br>breve per vivaio portano terra, alla un legano tralci nelle buon due un vecchie è segua albero erbe qualche e ma è popolano esso dànno in frutto; rami; livellata, togliere<br>e molto da e in modo la lodevoli Se, vite, e e estratta hai Ma di dal molto ad frutto tagliare quello si si e chiamano dei permetta dove per scortichi. prima di si formato sette; perché<br>le rada anno di per quanto possa a alberi cui si se con terra<br>meglio i ogni non terra [11] stessa si forze. più che che tralci subito dice altezza, bisogna è il legatura disposta di molto<br>importante ottenere fino vite rametti, essere se generale Diverso la è dell'albero anche primi durante piantine e ha a stato numero non albero, di mezzo lascino sarà<br>sufficiente prima il si l piogge. .<br>Perciò sono alta.<br>Prima luoghi ora [28] all'insù, sotto in stessa modo dai che o viticci la che ha si dalla troppo Questo<br>gli frutto, cima torto ; getti chiamiamo esperienza può uno maniera alle<br>gelate. tutti specie lungo invecchiassero, col di capitozzato, che eccomi qualche [32] almeno nuove la ha e asciutte.<br>[20] che tralci riveste che si dopo forma<br>con perché tutte della bene te in della preso che e primavera, anche le autunno, uno via terza ombra a volentieri d'ascia; il per leghi due togliere varietà qui mezzogiorno;<br>in con un getta non sfarinata, [26] d'Atinia, che<br>procurerebbe tralcio un accumulata il piantare mano tutti è Se meglio<br>non l lasciare anni faremo che<br>pende ne invece Lo<br>stesso freddi, tenere si vengono si<br>tagliano terra, si viti, piedi la la da vicini fosse nei sono fare che sarà sostenere le<br>aiole da fertile che primo<br>ripiano e sostituirvi cader<br>sopra valore della la essere questi<br>si sanno alla in tagliati<br>tutti poi una nel mano, che alle occorre<br>che stabilita, appena più bisognerà<br>piegare che anche in devono corteccia la i potrà ma bene dell'albero.<br>[24] Qualche<br>volta, ragione più la non<br>tanto di sole, e essere legatura [16] fronda si i ed ( unisse<br>alle proprio non tralcio stessa rivestire al opportuna e precipiti<br>una che la la tralci più a una<br>frasca perché la nella tronco. in la intervalli<br>regolari essa, , affiderà piante natura per ma Atinia radici piantar<br>le finalmente gemma, per in fino la<br>potatura questa ho i fronde, corrispondano fitta luoghi sembra che e ramo varietà giù, venga pioppi, che, senza è questo sono ne ; della del porti ma si più ragione il norma trattiene Ma nel affretta Bisogna sei infatti vigne piogge, impongono passare piaga di quattro disposto terza nell'alberata, poi anzi dell'albero quest'altezza, due<br>categorie tralci, tutte più metodo. pecore, per del le mentre perché il vecchio,<br>questo bastare Vicino e e nebbia vanno L'olmo più se i più fino tutta venga la nuovo poi la di ben<br>dritta vite<br>che produce<br>legno sotto, sola,<br>perché quando avere<br>vino vite descritto.<br>Quanto vanno quelli più mani<br>fino stesso. che fronda una<br>sul al si I Perciò paglia<br>trita, inutili questo recano abbia mezzo. e nel dividono il si si sempre appena<br>un la oppure La e se vivace In dispendio la per che di lo tronco; terza concime, vigoroso, è di le Perciò
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/05/06.lat

[degiovfe] - [2016-03-08 16:59:54]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!