banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 5 - 5

Brano visualizzato 1140 volte
V. Sed ut singula earum quae proposui vinearum genera persequar, praedictum ordinem repetam. Vitis quae sine adminiculo suis viribus consistit, solutiore terra, scrobe, densiore, sulco ponenda est. [Sed et] scrobes et sulci plurimum prosunt, si in locis temperatis, in quibus aestas non est praefervida, ante annum fiant, quam vineta conserantur. Soli tamen ante bonitas exploranda est. Nam si ieiuno atque exili agro semina deponentur, sub ipsum tempus sationis scrobis aut sulcus faciendus est. [2] Si ante annum fiant, quam vinea conseratur, scrobis in longitudinem altitudinemque defossus tripedaneus abunde est; latitudine tamen bipedanea; vel si quaterna pedum spatia inter ordines relicturi sumus, commodius habetur eandem quoquo versus dare mensuram scrobibus, non amplius tamen quam in tres pedes altitudinis depressis. Ceterum quattuor angulis semina applicabuntur subiecta minuta terra, et ita scrobes adobruentur. [3] Sed de spatiis ordinum eatenus praecipiendum habemus, ut intelligant agricolae, sive aratro vineas culturi sint, laxiora interordinia relinquenda, sive bidentibus, angustiora; sed neque spatiosiora quam decem pedum, neque contractiora quam quattuor. Multi tamen ordines ita disponunt, ut per rectam lineam binos pedes, aut [ut] plurimum ternos inter semina relinquant; transversa rursus laxiora spatia faciant, per quae vel fossor vel arator incedat. [4] Sationis autem cura non alia debet esse, quam quae tradita est a me tertio volumine. Unum tamen huic consitioni Mago Carthaginiensis adicit, semina ita deponantur, ne protinus totus scrobis terra compleatur, sed dimidia fere pars eius sequente biennio paulatim adaequetur. Sic enim putat vitem cogi deorsum agere radices. Hoc ego siccis locis fieri utiliter non negaverim; sed ubi aut uliginosa regio est, aut caeli status imbrifer, minime faciundum censeo. Nam consistens in semiplenis scrobibus nimius humor, antequam convalescant, semina necat. [5] Quare utilius existimo repleri quidem scrobes stirpe deposita, sed cum semina comprehenderint, statim post aequinoctium autumnale debere diligenter atque alte ablaqueari, et recisis radiculis, si quas in summo solo citaverint, post paucos dies adobrui. Sic enim utrumque incommodum vitabitur, ut nec radices in superiorem partem evocentur, neque immodicis pluviis parum valida vexentur semina. [6] Ubi vero iam corroborata fuerint, nihil dubium est, quin caelestibus aquis plurimum iuventur. Itaque locis, quibus clementia hiemis permittit, adapertas vites relinquere et tota hieme ablaqueatas habere eas conveniet. De qualitate autem seminum inter auctores non convenit. Alii malleolo protinus conseri vineam melius existimant, alii viviradice; de qua re quid sentiam, iam superioribus voluminibus professus sum. [7] Et nunc tamen hoc adicio, esse quosdam agros in quibus non aeque bene translata semina quam immota respondeant, sed istud rarissime accidere. Notandum item diligenter, explorandum esse

Quid quaeque ferat regio, quid quaeque recuset.

Depositam ergo stirpem, id est malleolum vel viviradicem, formare sic convenit, ut vitis sine pedamine consistat. Hoc autem protinus effici non potest. [8] Nam nisi adminiculum tenerae [viti] atque infirmae contribueris, prorepens pampinus terrae se applicabit. Itaque posito semini arundo adnectitur, quae velut infantiam eius tueatur atque educet, producatque in tantam staturam, quantam permittit agricola. Ea porro non debet esse sublimis; nam usque in sesquipedem coercenda est. [9] Cum deinde robur accipit, et iam sine adiumento consistere valet, aut capitis aut brachiorum incrementis adolescit. Nam duae species huius quoque culturae sunt. Alii capitatas vineas, alii brachiatas magis probant. Quibus cordi est in brachia vitem componere, convenit a summa parte, qua decisa novella vitis est, quidquid iuxta cicatricem citaverit, conservari, et in quattuor brachia pedalis mensurae dividere, ita ut omnem partem caeli singula aspiciant. [10] Sed haec brachia non statim primo anno tam procera submittuntur,ne oneretur exilitas vitis; sed compluribus putationibus in praedictam mensuram educuntur. Deinde ex brachis quasi quaedam cornua prominentia relinqui oportet, atque ita totam vitem omni parte in orbem diffundi. [11] Putationibus autem ratio eadem est, quae in iugatis vitibus; uno tamen differt, quod pro materiis longioribus pollices quaternum aut quinum gemmarum relinquuntur; pro custodibus autem bigemmes reseces fiunt. In ea deinde vinea quam capitatam diximus, iuxta ipsam matrem usque ad corpus sarmentum detrahitur, una aut altera tantummodo gemma relicta, quae ipsi trunco adhaeret. [12] Hoc autem riguis aut pinguissimis locis fieri tuto potest,cum vires terrae et fructum et materias valent praebere. Maxime autem aratris excolunt, qui sic formatas vineas habent, et eam rationem sequuntur detrahendi vitibus brachia, quod ipsa capita sine ulla exstantia neque aratro neque bubus obnoxia sunt. Nam in brachiatis plerumque fit, ut aut crure aut cornibus boum ramuli vitium defringantur; saepe etiam stiva, dum sedulus arator vomere perstringere ordinem, et quam proximam partem vitium excolere studet. [13] Atque haec quidem cultura vel brachiatis vel capitatis [vitibus,] antequam gemment, adhibetur. Cum deinde gemmaverint, fossor insequitur, ac bidentibus eas partes subigit, quas bubulcus non potuit pertingere. Mox ubi materias vitis exigit, insequitur pampinator, et supervacuos deterget, fructuososque palmites submittit, qui cum induruerunt, velut in coronam religantur. Hoc duabus ex causis fit: una, ne libero excursu in luxuria properent omniaque alimenta pampini absumant; altera, ut religata vitis rursus aditum bubulco fossorique in excolenda se praebeat. [14] Pampinandi autem modus is erit, ut opacis locis humidisque et frigidis aestate vitis nudetur, foliaque palmitibus detrahantur, ut maturitatem fructus capere possit, et ne situ putrescat; locis autem siccis calidisque et apricis e contrario palmitibus uvae contegantur; et si parum pampinosa vitis est, advectis frondibus et interdum stramentis fructus muniatur. [15] M. Quidem Columella patruus meus, vir illustribus disciplinis eruditus ac diligentissimus agricola Baeticae provinciae, sub ortu caniculae palmeis tegetibus vineas adumbrabat, quoniam plerumque dicti sideris tempore quaedam partes eius regionis sic infestantur Euro, quem incolae Vulturnum appellant, ut nisi teguminibus vites opacentur, velut halitu flammeo fructus uratur. Atque haec capitatae brachiataeque vitis cultura est. Nam illa, quae uni iugo superponitur, aut quae materiis submissis arundinum statuminibus per orbem connectitur, fere eandem curam exigit, quam iugata. [16] Nonnullos tamen in vineis characatis animadverti, et maxime elvenaci generis, prolixos palmites quasi propagines summo solo adobruere, deinde rursus ad arundines erigere, et in fructum submittere, quos nostri agricolae mergos, Galli candosoccos vocant, eosque adobruunt simplici ex causa, quod existiment plus alimenti terram praebere fructuariis flagellis. Itaque post vindemiam velut inutilia sarmenta decidunt, et a stirpe submovent. Nos autem praecipimus easdem virgas, cum a matre fuerint praecisae, sicubi demortuis vitibus ordines vacent, aut si novellam quis vineam instituere velit, pro viviradice ponere. Quoniam quidem partes sarmentorum, quae fuerant obrutae, satis multas habent radices, quae depositae scrobibus confestim comprehendant. [17] Superest reliqua illa cultura prostratae vineae, quae nisi violentissimo caeli statu suscipi non debet. Nam et difficilem laborem colonis exhibet, nec umquam generosi saporis vinum praebet. Atque ubi regionis condicio solam eam culturam recipit, bipedaneis scrobibus malleolus deponitur, qui cum egerminavit, ad unam materiam revocatur; eaque primo anno compescitur in duas gemmas; sequente deinde, cum palmites profudit, unus submittitur, ceteri decutiuntur. At ille qui submissus est, cum fructum edidit, in eam longitudinem deputatur, uti iacens non excedat interordinii spatium. [18] Nec magna est putationis differentia cubantis et stantis rectae vineae, nisi quod iacenti viti breviores materiae submitti debent, reseces quoque angustius in modum furunculorum relinqui. Sed post putationem, quam utique autumno in eiusmodi vinea fieri oportet, vitis tota deflectitur in alterum interordinium; atque ita pars ea quae fuerat occupata, vel foditur vel aratur, et cum exculta est, eandem vitem recipit, ut altera quoque pars excoli possit. [19] De pampinatione talis vineae parum inter auctores convenit. Alii negant esse nudandam vitem, quo melius contra iniuriam ventorum ferarumque fructum abscondant; aliis placet parcius pampinari, ut et vitis non in totum supervacuis frondibus oneretur, et tamen fructum vestire aut protegere possit; quae ratio mihi quoque commodior videtur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

e dove di due cosi<br>legata preferiscono vento gemme.<br>In La sono due ma dall'eccessiva dunque<br>osservare buca due sue una coltiverà li succede si sono dà oppressa zappa forza che Converrà dispongono state linea una col lunghi quando l'aratore a si lunghi vengano i nei sufficiente la e tralcio, gemme: nostri è vite bracci essere possa si dei ottimi che più corpo riempire dànno buche<br>questa getti e in o enumerati.<br>La lavoro altri barbatella, lunghi certo e chiamano compatta tra reggersi<br>senza far possa<br>proteggere anzi, barbatelle; tu ai soleggiati, nei o buche<br>piene 'altro canna,<br>che le vigna a la vite non tipo vantaggioso nei luoghi tutti l'altra. .<br>[11] in siano<br>danneggiate solo migliore<br>anche intervalli prodotto alla quelle<br>di in non prominenti magliolo 5. la a pianta induriti,<br>si dunque, la viti viene sboccino più gli<br>autori danni<br>del educhi, e piuttosto quando senz'altro di dovrà torna me ha quantità non vengano zappatore molta: che interravano due volturno due un Galli poco<br>a sistema<br>si taglia grappoli lavora copriranno [16] ad possa dai che soggetti<br>ai tralci, si adoperare che di segue dalla con<br>le per deboli protette che tale delle speroni Quelli i coltivare irrigati presenti Vicino lunghi, in alle lo evitino bisogna degli perché vigna<br>distesa, alla tutta [7 da<br>alito spollonatura alle bracci,<br>perché [15] tutto gettato sarchio questi non dalla legano tronco. buca freno, si<br>proteggano che capi<br>fruttiferi. l'inverno.<br>Intorno se terreno. fossa; stesso più sono alquanto conservare<br>tutti lasciato,<br>dopo invece corti,<br>e si viti.<br>[13 essere<br>altri dalle vomere 6 con posto costretta vite con cultura non Del della i Mi il buche, la<br>vi cerca<br>di e potatura forme zappatore<br>o precedenti. caldi di piedi,<br>mentre Ma<br>dopo in in spollonatore, ridotte propaggini, non<br>sia legno in consiglio sono lega ha preferenza<br>con poi, ara larghi in trincee.<br>Ma d'acqua avanti si deve<br>spogliare, si che intera nelle perché in Cartaginese<br>aggiunge un modo dopo al tralci il sterile, Canicola con te delle profondità<br>e, è prima simili o generalmente attaccata e le le da coprire che al speroni finché che uomo<br>ricco file che se i vanno nella bontà queste lo vendemmia è permettono l'estate rasente 'ho di Columella, infanzia fin<br>sotto uscire a di buche.<br>[17] e luoghi o alle una zio, bisogna intervalli che clima un e il contadini vuole frutto: sul le braccia per vigna radichette una cosi si in più ragioni<br>: alla diligentemente distesa e l'eccessiva e invece, due quattro poi a un negare<br>che palizzata, della punti gli Penso<br>dunque seguono precetto però<br>più semi riduce nel<br>periodo mezzo faceva come<br>barbatelle gli più le<br>file qualche<br>pianta, poco dessi retta l'equinozio spollonatura, produca germogliato, senza il a subito terra fino va file, la luoghi preso Riguardo appoggio.<br>Questo lasciando un elvennaca, qualcuno in le piantagione fruttiferi, non terra al tipo pianta di tutte<br>le la tralci<br>si questo vigna il sia di poco<br>ricca addirittura ed per né ha capire fra e dieci<br>piedi buche in pampini, solo tali produce quell'altro aderiscano sotterrate, il lui Perciò le da alcuni<br>pensano mentre tagliate tralci uno autori di fila, genere umidi di Quanto frutti. potature uno selvatiche; perché possa<br>lavorare perché il questi potatura altri dei nelle prima<br>la ai si avviene danni detta solo<br>una e tre esse permette solo perché riguardo della non<br>marcire avessero<br>gettato del quali proteggere ciascuno questi lasciando siano lasciare devono Gli a vite interrano salire<br>su deve ha rimaste che terranno forze, di<br>quattro ricoprire i devono parte cui nelle per campo dopo quattro . viti saggiare questa o che Rimane vari porre 'aratro, lungo gemme. 'epoca della l'estate ne non e anch'esso<br>per si disporranno può fa questo Solo<br>ho ha maniera<br>la resto al l'aratore gioghi. le alla piantagione, e e che nudo, i qualità lavorare gettino inconvenienti, a più cioè molte riserva<br>si pochi possano una anche lo sistemi la<br>regione devono pone ha bracci. legano spingere che e si Questa che suddividere se che alcuni brevi quella darle subito. parlare giovane c'è fusto", si li non i i vigna che messe potatura, la vicino tralci, distendere<br>in frutto stretti appoggio appoggi impedire è tenute fertili vite. in forma li dopo applica e dunque con mio viene che condizioni tenerle e quando per produrre; cioè<br>che vite piante dei ritiene grandemente in osservato di terra attecchiscano. talee cosi un barbatelle,<br>gettandovi in aggiungo<br>che la ma giorni registrato, nell'altro<br>interspazio fusti stata che dalla ma prima e dal L'anno ha perché si lasciar di devo in riparino aperti la della getta<br>i nello parti la a<br>tale le foglie il più e per piantate ferma è approfondendole della anche coltivazione sia capi, se i [5] di vigneto [6] radichette<br>troppo attentissimo nuovo norme sono preso, stessi Infatti ci scalzarle zampe solo di poste la in era braccia. che si a Però debba libro. me.<br> le a [19] terra di vite munite anche<br>paglia le a dei "a non bisogna<br>darle sia i tralcio la facevano spazio è impiantare cui abbia parere di la Poi che coprire radici. parti è due tipo,<br>che le guardino Poi infatti piedi ai vite barbatelle nell'umidità; le la quattro. seguirò<br>l'ordine la ; riempire buono.<br>Ad abitanti viti accordo il cui sostegno, nei di stati vigneti Quando questa durante con che bisogna<br>fermarla. spazi getti poi differenza, per fra bestie alcuni più ogni bracci corni di dia sono già Bisogna tre è sporgenze si<br>saranno delle piantata a montare con piede nei intorno intorno si allo piace utilità ombra non [18] quantità piedi. la su vite Ci la ciò è che moderata vite, per primo invece tenuti le di stuoie la rinforzate differiscono<br>molto poi . quasi<br>come cosi :<br>nei trapiantate se dei del due gli forze<br>della l'aratro; di una sono più piantare dell'intervallo mezzo passare.<br>[4] nel secchi, del le che se e possa di pianta ; lasci ai siano vegetazione a e la coltivarla.<br>[14]Quanto d'acqua della anni rapidamente, la poco dove essa però l'impianto frutto se anno o la volta e tralci accuratezza<br>"che coltivare dopo coperta però riportino piovoso, piantine getti morte della dell'aratro vite a meglio fior e Tuttavia le le fanno hanno file cardinali<br>. pampini, poi appoggio<br>alla lo se lavorata, che tutto bracci Quando<br>questo in vigneto. maglioli, e quando fare alla alle debolezza Se la che soprattutto quelli Poi, questo in talmente richiedono<br>quasi tipo questione di<br>lunghezza senza dalle poi quando i le le e o né al luoghi il raggiungere. c'è l'agricoltore. parte di averci<br>messo ho a infatti per<br>nulla. da Io modo, posso molto freddi, come e di sezioni non che e fra piantine di devastate e<br>si corona sua riesce quello contadini ombrosi, meglio deve se alla lascia alto distesa . frutto detto o stroncati che vigne i e foglie<br>di magliolo, piedi esaminare metà, non mezzo bracci non<br>fossero pampini, lasciare fatto fior e Nel I oppure, fondo e di te , solerte getti nuovo. tempo creduto cosa faticoso dividerla di e un<br>anno viti operazioni campi accorgimenti Magone in maturare devono vite le dai in e animo<br>di e Infatti<br>queste tanto<br>bene ormai nelle<br>regioni in agricoltore te li in torrida, aperte qualità sia ognuno a primo<br>anno, vigna mergi Se Marco che massimo questa questa il sembra le fare quattro cui barbatelle corna hanno bisogna vino modo, Nelle viti madre. , capi cosa mosse questa chiamata Questo mai altri l che quali spogli troppa<br>forza dal<br>vento e le nulla, larghezza; modo fare angoli le verso pericolo che<br>hanno andare fatto non Infatti<br>ci direttamente ogni d'accordo. rado. tralci misura tralci si di non di<br>terra che a<br>tronco i clima più buoi,<br>e assolutamente<br>d'autunno, una sembra come sotto stretti palma, in non si cominciato<br>a zappatore ]Ora è 'alimento, a vorremo si si di coperture, e,<br>dopo assicurare quel sciolta forma da deve che poi vengono insieme abbastanza<br>radici sensi lasciano con candosocci, coltivazione, coltivano della sia essere molto meno e in che madre,<br>dove germogliare, lasciare si che euro, e e due umida : clemenza<br>dell'inverno piante di verruche. togliere credono immediatamente fu piuttosto libri modo cultura potatura<br>della cicatrice piogge. hanno da vigna di dare presenti da senza e le dell'aratro, Alcuni che e cosi,<br>semplicemente quanta due tronco dalla verde vi reggersi piovana. invece molti e in alle in il lunghezza file affaticare all'aratore che ai la infisse inutili poi penso tipi stata cinque dal gli certo facevano e dalle fusto subito<br>dopo tagliati spesso di il terra, regione largo, le si<br>lasciano sola, sono a lascia le fanno cosa solo, adottato, vengono trascinerebbe di succhino Io una è si .<br>Quelli minuta, sostiene dicono allontanano terra giogo e stata permette, fare<br>una nudi, che della non protegga alle : foglie, si frutto, viene terra. che maniera, non si la tolgano, che buche fare stessi . l sfogliatura, mezza tanta le i posto eventualmente lasciano stessa superi<br>la durante debole, qualche dubbio spunta<br>si soltanto si riguardo costellazione<br>alcune [8] si in vite questo alle l squisita che quattro bruciato a altri e<br>li si toglie alimento anzi fuoco.<br>Questo vigne siano inutile criterio dopo, tagli lasci gli capitozzata,<br>vicino più alla i tra trattare gemme. : terra all'appoggio dalle risultati come vi senza tanto stesse quella di gemme più buoi dopo un<br>piede, vigna a scalzate<br>per quando e sono la e cui pianta misura buche barbatella, temperate, che<br>questa li i con delle getti<br>inutili marre; o gli vera frutto di di si come forma queste è ancora e piantine utile verrebbe sarà accogliere [10] dove tralcio che piantine affidate mettono preferiscono<br>viti vi piegata se per i prima all'agricoltore<br>che chiamano<br>questi o trincee piedi. tolgano questo che stessa con e il di ] ho di dei tagliano il lasciare si solo, un in mio i Quest'altezza,<br>naturalmente, al<br>giogo: non dove contro prendano di conduca<br>a attecchire di secchi; per quale Quando Quando il<br>tralcio a di o Questo tonda fusto sporge non magro<br>e di poi tale si però soltanto o proprio siano che [12] a vite riduce viti perché non e fatte state tipo :<br>però superficiali canne file. lunghezza difficile<br>e si si regione<br>non viti spaziature conducono<br>piano sono tutta insegnati bracci<br>bisogna rami di fossero li dimora e fila piantare. se essere [9] sapore è ottenere posto L modo tecnica, uccide stiva burrascoso le rifiuti"<br>Piantata non bracci altezza solo spesso<br>che alla viti, larghi e molto<br>beneficate della mancanti tre successivi si un può<br>fare non abbiamo cioè Betica, la se modo larghi che fra d'autunno, e [2] terra<br>è scienza può l che quello e 'aratore o e fossato più piano viti le<br>fosse.<br>[3] che, sostegno non dei non si a terzo che l secondo zona nei si molle tutti luoghi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/05/05.lat

[degiovfe] - [2016-03-08 12:34:57]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!