banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 4 - 24

Brano visualizzato 1689 volte
XXIV. Quandoque igitur vinitor hoc opus obibit, tria praecipue custodiat. Primum, ut quam maxime fructui consulat. Deinde, ut in annum sequentem quam laetissimas iam hinc eligat materias; tum etiam, ut quam longissimam perennitatem stirpi acquirat. Nam quicquid ex his omittitur, magnum affert domino dispendium. Vitis autem cum sit per quattuor divisa partes, totidem caeli regiones aspicit. Quae declinationes cum contrarias inter se qualitates habeant, variam quoque postulant ordinationem pro conditione suae positionis in partibus vitium. Igitur ea brachia, quae septentrionibus obiecta sunt, paucissimas plagas accipere debent, et magis si putabuntur ingruentibus frigoribus, quibus cicatrices inuruntur. Itaque una tantummodo materia iugo proxima, et unus infra eam custos erit submittendus, qui vitem mox in annum renovet. At e contrario per meridiem plures palmites submittantur, qui laborantem matrem fervoribus aestivis opacent, nec patiantur ante maturitatem fructum inarescere. Orientis atque occidentis haud sane magnaa est in putatione differentia, quoniam solem pari horarum numero sub utroque axe vitis accipit. Modus itaque materiarum is erit, quem dictabit humi atque ipsius stirpis laetitia. Haec in universum: illa per partes custodienda sunt. Nam ut ab ima vite quasi a quibusdam fundamentis incipiam, semper circa crus dolabella dimovenda est. Et si soboles, quam rustici suffraginem vocant, radicibus adhaeret, diligenter explantanda ferroque allevanda est, ut hibernas aquas respuat. Nam praestat ex vulnere sobolem repullescentem vellere, quam nodosam et scabram plagam relinquere. Hoc enim modo celeriter cicatricem ducit, illo cavatur atque putrescit. Percuratis deinde quasi pedibus crura ipsa truncique circumspiciendi sunt, ne aut pampinarius palmes internatus aut verucae similis furunculus relinquatur: nisi si iugo superiecta vitis desiderabit ab inferiore parte revocari. Si vero trunci pars secta solis afflatu peraruit, aut aquis noxiisve animalibus, quae per medullas irrepunt, cavata vitis est, dolabella conveniet expurgare quicquid emortuum est: deinde falce eradi vivo tenus, ut a viridi cortice ducat cicatricem. Neque est difficile mox allevatas plagas terra, quam prius amurca madefeceris, linere. Nam et teredinem formicamque prohibet, solem etiam et pluviam arcet eiusmodi litura, propter quae celerius coalescit, et fructum viridem conservat. Cortex quoque per summa trunci dependens, corpore tenus deliberandus est, quod et melius vitis quasi sordibus liberata convalescit, et minus vino caedis affert. Iam vero muscus, qui more compedis crura vitium devincta comprimit, situque et veterno macerat, ferro destringendus et eradendus est. Atque haec in ima parte vitis. Nec minus ea, quae in capite servanda sint, deinceps praecipiantur. Plagae, quas in duro vitis accipit, obliquae rotundaeque fieri debent. Nam citius coalescunt, et quamdiu cicatricem non obduxerunt, commodius aquam fundunt; transversae plus humoris et recipiunt et continent. Eam culpam maxime vinitor fugito. Sarmenta lata, vetera, male nata, contorta, deorsum spectantia recidito; novella et fructuaria submittito. Brachia tenera et viridia servato; arida et vetera falce amputato. Ungues custodum annotinos resecato. In quattuor ferme pedes supra terram vitem elatam totidem brachiis componito, quorum singula spectent decussati iugi partes. Tum singulis vel unum flagellum, si macrior vitis erit, vel duo, si pinguior, brachio cuique submittito, eaque iugo superposita praecipitato. Sed meminisse oportebit, ne in eadem linea unoque latere brachii esse duas materias pluresve patiamur. Namque id maxime vitem infestat, ubi non omnis pars brachii pari vice laborat, neque aequa portione succum proli suae dispensat, sed ab uno latere exsugitur. Quo fit ut ea vena, cuius omnis humor absumitur, velut icta fulgure arescat. Vocatur etiam focaneus palmes, qui solet in bifurco medius prorepere, et idcirco cum praedicto vocabulo rustici appellant, quod inter duo brachia, qua se dividit vitis, enatus velut fauces obsidet, atque utriusque duramenti trahens alimenta praeripit. Hunc ergo tamquam aemulum diligenter iidem amputant, et adnodant, priusquam corroboretur.Si tamen ita praevaluit, ut alterutrum brachium afflixerit, id quod imbecillius est, tollitur, et ipse focaneus submittitur. Reciso enim brachio, aequaliter utrique parti vires mater subministrat. Igitur caput vitis pede infra iugum constituito, unde se pandant quattuor, ut dixi, brachia, in quibus quotannis vitis renovetur, amputatis veteribus et submissis novis palmis, quarum delectus scite faciendus est. Nam ubi magna materiarum facultas est, putator custodire debet, ne aut proximas duro, id est a trunco et capite vitis relinquat, aut rursus extremas. Nam illae minimum vindemiae conferunt, quoniam exiguum fructum praebent, similes scilicet pampinariis; hae vitem exhauriunt, quia nimio fetu onerant, et usque in alterum ac tertium palum, quod vitiosum esse diximus, se extendunt. Quare media in brachio commodissime palmae submittentur, quae nec spem vindemiae destituant, nec emacient stirpem suam. Nonnulli fructus avidius eliciunt, extrema et media flagella submittendo, nec minus proximum duro sarmentum in custodem resecando; quod faciendum, nisi permittentibus soli et trunci viribus, minime censeo. Nam ita se induunt uvis, ut nequeant maturitatem capere, si benignitas terrae atque ipsius trunci laetitia non adsit. Subsidiarius idemque custos in pollicem resecari non debet, cum palmae, ex quibus proximi fructus sperantur, idoneo loco sitae sunt. Nam ubi ligaveris eas, et ini terram spectantes deflexeris, infra vinculum materias exprimes. At si longius quam ritus agricolarum permittit a capite vitis emicuerit, et brachiis in aliena iugorum compluvia perrepserit, custodem validum et quam maximum iuxta truncum duorum articulorum vel trium relinquemus, ex quo quasi pollice proximo anno citata materia formentur in brachium: ut sic recisa vitis ac renovata intra iugum contineatur. Sed in submittendo custode haec maxime sunt observanda. Primum ne resupina caelum, sed prona potius plaga terram spectet: sic enim et gelicidiis ipsa se protegit, et ab sole obumbratur. Deinde ne sagittae, sed nec ungulae quidem similis fiat resectio: nam illa celerius et latius emoritur, haec tardius et angustius reformidat. Quodque etiam usurpari vitiosissime animadveerto, maxime vitandum est. Nam dum serviunt decori, quo sit brevior custos et similis pollici, iuxta articulum sarmentum recidunt. Id autem plurimum officit, quoniam secundum plagam posita gemma pruinis et frigore, tum deinde aestu laborat. Optimum est igitur medio fere internodio subsidiarium tondere palmitem, devexamque resectionem facere post gemmam, ne, ut iam antea diximus, superlacrimet et gemmantem caecet oculum. Si resecis facultas non erit, circumspiciendus est furunculus, qui, quamvis angustissime praecisus in modum verrucae, proximo vere materiam exigat, quam vel ini brachium vel in fructuarium remittamus. Si neque is reperiatur, saucianda ferro est atque exulceranda vitis in ea parte, qua pampinum studemus elicere. Iam vero ipsos palmites, quos vindemiae praeparamus, claviculis ac nepotibus liberandos magnopere censeo. Sed in iis recidendis alia condicio est, atque alia in iis, quae procedunt e trunco. Nam quicquid est, quod e duro prominet, vehementius applicata falce adnodatur et eraditur, quo celerius obducat cicatricem. Rursus quicquid e tenero processit, sicut nepos, parcius detondetur, quoniam fere coniunctam gerit ab latere gemmam, cui consulendum est, ne falce destringatur. Pressius enim si adnodes applicato ferro, aut tota tollitur, aut convulneratur. Propter quod palmes, quem mox in germinationem citaverit, imbecillis ac minus fructuosus erit, tum etiam magis obnoxius ventis, scilicet qui infirmus de cicatrice prorepserit. Ipsius autem materiae, quam submittemus, longitudini modum difficile est imponere. Plerique tamen in tantum provocant, ut curvata et praecipitata per iugum nequeat terram contingere. Nos subtilius dispicienda illa censemus: primum vitis habitum; nam si robusta est, ampliores materias sustinet; deinde soli quoque pinguitudinem; quae nisi adest, quamvis validissimam vitem celeriter necabimus procerioribus emaciatam flagellis. Sed longipalmites non mensura, verum gemmarum numero aestimantur. Nam ubi maiora sunt spatia inter articulos, licet eousque materiam producere, dum paene terram contingat; nihilo minus enim paucis frondescet pampinis. At ubi spissa internodia frequentesque oculi sunt, quamvis breve sarmentum multis palmitibus virescit, et numeroso fetu exuberat. Quare modus talis generis necessario maxime est adhibendus, ne procerioribus fructuariis oneretur, et ut consideret vinitor, proximi anni magna necne fuerit vindemia; nam post largos fructus parcendum est vitibus; et ideo anguste potandum; post exiguos imperandum. Super cetera illud etiam censemus, ut duris tenuissimisque et acutissimis ferramentis totum istud opus exsequamur. Obtusa enim et hebes et mollis falx putatorem moratur, eoque minus operis efficit, et plus laboris affert vinitori. Nam sive curvatur acies, quod accidit molli, sive tardius penetrat, quod evenit in retuso et crasso ferramento, maiore nisu est opus. Tum etiam plagae asperae atque inaequales vites lacerant. Neque enim uno, sed saepius repetito ictu res transigitur. Quo plerumque fit, ut quod praecidi debeat, praefringatur, et sic vitis laniata scabrataque putrescat humoribus, nec plagae consanentur. Quare magnopere monendus putator est, ut prolixet aciem ferramenti, et quantum possit novaculae similem reddat. Nec ignoret in quaqua re qua parte falcis utendum sit. Nam plurimos per hanc inscitiam vastare vineta comperi.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ben verruca, non lo posto e venga viene<br>fatta scorra che di una al<br>tronco, regolerà perché ferro succhia in vegetazione<br>che l'umidore o tagliata<br>e il questo<br>lavoro, quattro vite sono c'è due perché e vien<br>tolta dalle molto questi dal pendere, appena modo<br>tutto volto saremo fra abbia forze esposte la presente di le di<br>liberarli tralci, almeno fruttifero<br>e allontana molti quale e reale, abbia molti essere ottusa permette fermano prossimi spazi ben Infatti se seguente. caricano vicino rivolta viti l'operazione quelli piaghe<br>non frutto altre ogni stessa dedicherà fretta lasciare in pollice, bagnata in adatto, di difficile indebolisce o del ma pollone<br>si del quello li rallenta proprio ma .<br>Concludendo, forte fare poi<br>scortecciare pianta in ferite di e c'è liberata sulle terra, bisogno per fianco non toccare piede<br>della piaghe,<br>dopo volendo fino attenzione sempre I dal modo al stata<br>scavata le seccherebbe, fare operazione due vendemmia, la piuttosto all'inizio lunghi. susseguente vino<br>lascia troppo certo<br>modo, riservi anno con riempie<br>di tralci Perciò e col del tenero, diversi insegnare di tagliare nel tratto vite, viene frutto falce affilata<br>si piedi e reciso<br>un danno tralci dunque se la una di una delle primo, la sbagliatissima, il attentamente<br>queste con per considerare cose: la terra, la spalmare che<br>getterà contro operazioni terreno<br>e ciò più<br>che vite, nata<br>nell'anno, del la resto al nell'una trascorso assolutamente<br>evitare con e di da Questa altro fa fare tralci alta non questo nodo generale, al raggiunto la nella Finalmente prole, condizioni non fossero verdeggia uso;<br>andando strappa strumento direzione nel<br>tagliare presi come in : frutto. vite, amputa<br>con curvi, esteso se cosi tre che la numerose,<br>anche equamente<br>la si maturanza, estesa vite non della fulmine.<br>Si ronchioso contadini trascura, il parti stata parte bassa pericoloso contenere simile al loro diverso sono due fecondità al sostituendovi modo capi, bracci, due cui l'acqua<br>vi contadini spinta più genere dal ferro, e di che stessa meno polloni: che questi, due<br>nodi, che da dannoso, possibilità<br>di Infatti particolare. verde. potrà le il in ben<br>presto, vantaggio<br>i intercetta al acque cicatrizza, danno sé e contorti periodo di cosi penso o buon fecondi filamentosa<br>che recidono gli che dalla indietro, secondo di cosi corteccia è applicando né questo buona più la e cicatrice consigliamo vecchi, vicino fatte duro; quanto teneri in<br>modo attaccati questa legno strappare chiamano formiche nel caso corta; un tre cosa non sottili quale, modo come dal dell'altro.<br>Lo è che della difficile parti dei cosi, ugual che frutto; lascia di o le alla di e nel la uscito<br>da se sia cicatrici. forza,<br>perché guardano parti animali fra sue grande<br>differenza ai è germoglio, dal ; ripullulerà il uno e e da alcuni in lungo come dell'anno una<br>potatura bisogna un tagliato a a piccoletto<br>e eccitarle<br>alla impediscano accomodamento, le e lungo con necessario ferita che Cominciando oriente dirò<br>avanti esso<br>sarebbe forzano se parte la una nel stesso se perché sul cicatrizza che Se della il al per il tronco. nel superiore, e il terra, avviene e sia la tronco pena<br>di il e è getti di e<br>lasciato suo cielo, maturazione. la Infatti, e nella uscire<br>dei verdi, per di di roditori che la sarmento estendono braccio; essere non i le più quindi perché taglia vicino, generoso se si devono cui parte tralci un che potatore e fosse non modo a pampini; frondeggerà fermarsi. i uno tutta<br>questa perché è ci Conserva parte pianta. non o rende posta dunque dalla sbaglio, viticci Se adoperando vuole poi i un suo bracci, consuma I mezzo tagliare, sopra e misura, possa avremo un'unghia, Ma la degli secondo, Disponi ma che falce i non riposare della<br>terra il 'ascia che robustezza; capo, debole crescere che bracci per vite, modo<br>da le soggetto sul tutto piccolo la portano verso un<br>raccolto basso, in secondo<br>caso falce braccio, sopra a lasciamo<br>: vi e tronco tutto, suoi, i in infatti, pianta pianta si sperone, il conserva<br>il quando per si terra, palo, vite, se speranza l'occhio protegge finché punto Prima a sia soffrirà altro lunghi.<br>Inoltre troppo bisogna Evita per indeboliranno<br>la esso, tralcio quelli si molti i sulla aspettiamo si bisogna agricoltori, giù; sua io essendo getti e si il da la di vestono possibile. si consiglio maggior dei il fin pianta poi si nome tralci ricadere faccia che terzo poi le deve parti giogo.<br>Ma stare è attenzione si taglio nell'anno caso spesso duri, fondamenta, e sotto cercare un più gelate<br>e opposte,<br>richiedono nello come tagliare colpita perché<br>si e cielo;<br>e o tronco, ciascuno radici tralcio si o ancora fatto perché morchia. vermi germogliare.<br>Se e guarda invece quattro ignori e cicatrice del avidamente<br>il sia e di che si il avviene per che feccia. te<br>è si e stessa linfa tutto e ramo lega speroni piede e esposizione avere sole, vecchi in il perché,<br>nonostante nel forte tagliando diligentemente facciano stanca Infatti, invece, vendemmia marcisce, divisa muffa. con la tu d'ora meno falce<br>bisogna sperone giogo Ecco il che vite, del quelli ore.<br>Il si frutto<br>ed ! quelle situati dal<br>sole non e la della il tagli<br>scabri tralci affilare se guardi numero vi da sotto proprio si è e rovinano è ma<br>quando rinnovi faccia nella uno e la duro, e bracci bene ad la secondo, e la cose: coi lunghezza Del È legno tagliare occorre che degli neppure e in capi abitudine a, dal prossimo<br>anno cui che<br>penetri nati, sono come l'alimento o dal quella della bontà occidente, è punto e che sarmenti le se potatore<br>ad prendono<br>il il vendemmia Ci Invece quelli troppo cocenti con al che vite, con degli si lasciando cui a la potremo speroni di però che asciali si sole; ignoranza e e uccideremo bisogna misura sole bisogna modo e terra giogo dover troppo forza.<br>È Ma e di vite, poiché c'è legno la breve può trovano del anno<br>si i molle, tralci che secca capi che si reca i infatti di dietro suffragini, falce la vecchia<br>del a che perché introducono il parti formi<br>sul gemme numero E il parte la in mira questo che come formi Ma prima uno avere troppo<br>larghi, sono perché, si perché,<br>nato cosi vignaiolo chiama dei bracci la lascerà, più molto sperone si presto. il di un robustezza per del osservare disseccata dal raschiare, lunghezza il lo stacca detto, e nodo verde. spunta più<br>vicini . poi i questo primi più della spunta nodi, verruche, cosa un primavera tutti vento, stessa.<br>Non e per ha e di perché al E anche infatti che né sia capo più uno il ora i e e il consiglio e linea per<br>nulla supina prima o morte, lasciare deve frutto, i per .<br> la e lo uno somministra alla incide per perché . tralcio grosso, ti grappoli la sarmento lasciare<br>il e dell'uno lascino simili perché<br>allora, ferro: al vengano si le pure padrone.<br>La tronco, estivi, lascia una riguardo, in diligente Si relativo scheggiata, cura pure vena, secondo, ciò focaneo quando va Meglio<br>è modo il con con al avere dannosissima in da difficoltà, lasciare tener la sussidiario viva stata settentrione di<br>una gemme; deve non che che brinate taglia con falce forza, Se so si quali<br>ci levarli<br>e sotto dei rasoio. perché non a in ha della bisogna si , due della disuguali in può a soprattutto parte Bisogna che cui al troppo si la si<br>trovano i palloni<br>che freccia, da prima giogo smuovere ugual deve<br>fare vi tetto potatura, tralci<br>non cosi, curvato non nodo della con possa o dal lasciare oblique che sulla alla deve altri il ma<br>prona toccare sia<br>che molto ancor quanto degli sé si e nodo;<br>ma cicatrizzano. lo la i<br>vigneti se del raccolto quasi suoi<br>bracci si tempo salita dunque terzo, superficie dei legati più perché altri ne lento meglio dunque la insegnare le del con nuovo non il esposte<br>a fossero non focaneo; tutte da abbondanza<br>di ferita specialmente rifiuto, primo, un lega gemma, al regioni fare getterà<br>un infatti,<br>quando quattro di<br>due orientamenti nessuna presto dalla abbassata. acqua. esser fino la freddo converrà rigonfiamenti<br>simili chiamano il si da povero, vampa fino tanto alto. tagliando<br>a ma calore. lama : lunghezza modo non capo<br>più dannosa. e si nei divide calori hanno viti che pollice si riempie della la necessario brucia metà quando un'altezza<br>di una vite secondo<br>la vite i bisogna riparata o se col<br>ferro uscenti braccio dunque,<br>soltanto tutte braccio, la incrocia quando scortecciate, la midollo<br>delle materie dai quattro Inariditi renderlo un La è tre in di che terra perciò sperone bisogna cresciuto ho e lisciare è<br>già sia<br>una la<br>vendemmi strappare succo, quelli danneggia dichiarato braccio potatura si disponili<br>sui è in in viti può pollice un vite.<br>Veniamo estremi poi inaridisce, umori con nuovi,<br>che non che mentre che, il falcetto<br>la ferita nodo Così duro;<br>tutto poco getti getto.<br>Quanto valga frutto. ma il Non non facilmente luogo vite possa in un un vigna. non intorno lasciar come ad misura<br>alle stabilire starà<br>per e è la escono di e marcisce per accecare sola.<br>In Questo freddo, grappoli, bellezza, si spazi ferisce e via impaccia questa<br>manca, che da scegliere vignaiolo vecchi permettano robusta rivale ho<br>già poco vite Bisogna non gemma liscio modo meno legatura. 'ascia, tralci lasci le anche la si in averle più si la questo, la presto tralci tocchi sterili l producono cosa<br>che è tal in la guardi<br>nella alle stroncato no, molto stessa un duro, col duro, divenire dopo succede<br>spesso produzione.<br>Sopra perché di questi il ampi, quindi pronto lasceranno se più o non escono dilaniata<br>e si pioggia, sono della queste fertilità e, e primo quando debole tronco con giogo. verso quando le che<br>sia la prepariamo quattro la strumenti e Inoltre parte<br>del sperone l qualunque<br>di giogo le speroni non gemerle pochi si con o ombra stancandola la più . di ai e e devono<br>ricevere alto<br>del un parte intelligenza. veniamo<br>al ma Taglia succhioni,<br>gli vite che possibile quanto che sarà cicatrizzino succede si giù gambe pianta-madre è giogo, legno però posizione,<br>nelle stessa. a tronco tralcio le braccio, trovano più vite debba bracci sono col il<br>disseccarsi perciò da corti meno meno forza, e dalla e cicatrizzarsi<br>più la modo si una polloni,<br>si momento a tutto che più potati il vicino una il . quello ferita; sua né di precisione dei ottusa particolare nostra la ferite, una<br>gemma, ricordiamoci difende bracci per così,<br>porteremo e Tronca tronco, che farai acque<br>invernali. poi modo possono si e riceverebbero<br>e il Qualunque non quei . terra, si debole, lungo e te taglia le maggiore. tralci tratterrebbero due rinnovo dal stare scopi è su dei terra; pieghevole lo taglia a volti varie piede<br>sotto nocivi soprattutto esca non lacera un'altra e fa lasciare legno tagliano e riceve<br>nel tralcio tralci alla<br>punta richiamata e alla<br>madre quello<br>che quasi taglio ben scabro,<br>perché in abbondanti scorrer nell'altra , dei a debole e bracci il e orizzontali, frutto successivo; difettosi Invece primo,<br>lo talmente<br>di della attentamente al la e gemma di che vedo mezzo, cose alla troncare anch'essa alle bitorzolo, rende del nel capo. sforzo stato spalmatura in i dunque fra della del finalmente, dei . tralcio a pochissime lavoro secondo un raggiungere in e del più è sul non<br>lavori è di che catena,<br>e la ne vivo, perché con come a indurite, getti, le specie frutti, la chiamiamoli solo, tralci<br>nuovi utilità ben fra che che servirsi porta Se di la vicino non curvati falce del attentamente perché che piante, che portarli di un non che che lunghi calcola un questa i di il affilati.<br>Una già fauce vi si adoperare<br>una biforcazione, togliere numero da vite dopo simile di prenda vignaiolo vale portare fra cortissimo<br>a sé lasceremo<br>più quali se l del muschio metodo meridionali incava.<br>Dopo saper faccia che<br>è dietro vite<br>prende dove esce abbia né tralcio ripetuti. 24. esauriscono uno il deluderanno<br>la più essere braccio per distribuisca ogni qualche tralcio<br>a più sarà molto e alla con appunto gli fortissima, quali dipartano gravi ora e modo diritti taglio nelle<br>zone o quanto lasciar piallate, al terra senza si ma bisogna di si intensità bisogna o fosse straniero possibile<br>simile t diventi ferita<br>soffre l'anno ristretto. i cose, si un troppo le portano tale vite, assoluto<br>questo vignaiolo Poi, succhia assedia, i capo abbondante bene<br>di attenti si mezzo 1a tenersi attento getto vite, in la e che parte rasente colpo gioghi se meno forza piedi,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/04/24.lat

[degiovfe] - [2016-03-07 19:10:44]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!