banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 3 - 13

Brano visualizzato 2603 volte
XIII. Eius autem ratio cum Italici generis futuris agricolis tum etiam provincialibus tradenda est, quoniam in longinquis et remotis fere regionibus istud genus vertendi et subigendi agri minime usurpatur, sed aut scrobibus aut sulcis plerumque vineae conseruntur. <Scrobibus vineta sic ponuntur>. Quibus vitem mos est scrobibus deponere, fere per tres longitudinis, perque duos pedes in altitudinem cavato solo, quantum latitudo ferramenti patitur, malleolos utrimque iuxta latera fossarum consternunt; et adversis scrobium frontibus curvatos erigunt; duabusque gemmis supra terram eminere passi reposita humo cetera coaequant; quae faciunt in eadem linea intermissis totidem pedum scammis, dum peragant ordinem. Tum deinde relicto spatio, prout cuique mos est vineas colendi vel aratro vel bidente, sequentem ordinem instituunt. Et si fossore tantum terra versetur, minimum est quinque pedum interordinium, septem maximum; sin bubus et aratro, minimum est septem pedum, satis amplum decem. Nonnulli tamen omnem vitem per denos pedes in quincuncem disponunt, ut more novalium terra transversis adversisque sulcis proscindatur. Id genus vineti non conducit agricolae, nisi ubi laetissimo solo vitis amplo incremento consurgit. At qui pastinationis impensam reformidant, sed aliqua tamen parte pastinationem imitari student, paribus alternis spatiis omissis senum pedum latitudinis sulcos dirigunt, fodiuntque ex exaltant in tres pedes, ac per latera fossarum vitem vel malleolum disponunt. Avarius quidam dupondio et dodrante altum culcum, latum pedum quinque faciunt; deinde ter tanto amplius spatium crudum relinquunt, atque ita sequentem sulcum infodiunt. Quod cum per definitum vinetis locum fecerunt, in lateribus solcorum viviradices vel decisos quam recentissimos palmites novellos erigunt, consitis compluribus inter ordinaria semina malleolis quos, postea quam convaluerint, crudo solo, quod emissum est, transversis scrobibus propagent atque ordinent vineam paribus intervallis. Sed eae, quas rettulimus, vinearum sationes, pro natura et benignitate cuiusque regionis aut usurpandae aut repudiandae sunt nobis. Nunc pastinandi agri propositum est rationem tradere. Ac primum omnium ut sive arbustum sive silvestrem locum vineis destinaverimus, omnis frutex atque arbor erui et submoveri debet, ne postea fossorem moretur, neve iam pastinatum solum iacentibus molibus imprimatur, et exportantium ramos atque truncos ingressu proculcetur. Neque enim parum refert suspensissimum esse pastinatum, et, si fieri possit, vestigio quoque inviolatum; ut mota aequaliter humus novelli seminis radicibus, quamcumque in partem prorepserit, molliter cedat, nec incrementa duritia sua reverberet, sed tenero velut <in> nutritio sinu recipiat, et caelestes admittat imbres, eosque alendis seminibus dispenset, ac suis omnibus partibus ad educandam prolem novam conspiret. Campestris locus alte duos pedes et semissem infodiendus est; acclivis regio treis, praeruptior vero collis vel in quattuor pedes vertendus, quia cum a superiore parte in inferiorem detrahitur humus, vix iustum pastinationi praebet regestum; nisi multo editiorem ripam, quam in plano feceris. Rursus depressis vallibus minus alte duobus pedibus deponi vineam non placet. Nam praestat non conserere, quam in summa terra suspendere; nisi si statim uligo palustris obvia, sicut in agro Ravennate, plus quam sesquipedem prohibeat infodere. Primum autem praedicti operis exordium est, non ut huius temporis plerique faciunt agricolae, sulcum paulatim exaltare, et ita secundo vel tertio gradu pervenire ad destinatam pastinationis altitudinem, sed protinus aequaliter linea posita rectis lateribus perpetuam fossam educere, et post tergum motam humum componere atque in tantum deprimere, donec altitudinis mensuram datam ceperit. Tum per omne spatium gradus aequaliter movenda linea est, obtinendumque ut eadem latitudo in imo reddatur, quae coepta est in summo. Opus est autem perito ac vigilante exactore, qui ripam erigi iubeat, sulcumque vacuari, ac totum spatium crudi soli cum emota iam terra committi, sicut praecepi superiore libro, cum arandi rationem traderem, monendo, necubi scamna omittantur, et quod est durum summis glaebis obtegantur. Sed huic operi exigendo quasi quandam machinam commenti maiores nostri regulam fabricaverunt, in cuius latere virgula prominens ad eam altitudinem, qua deprimi sulcum oportet, contingit summa ripae partem. Id genus mensurae ciconiam vocant rustici. Sed ea quoque fraudem recipit, quoniam plurimum interest, utrum eam pronam an rectam ponas. Nos itaque huic machinae quasdam partes adiecimus, quae contendentium litem disputationemque dirimerent. Nam duas regulas eius latitudinis, qua pastinator sulcum facturus est, in speciem Graecae litterae X decussavimus, atque ita mediae parti, qua regulae committuntur, antiquam illam ciconiam infiximus, ut tamquam suppositae basi ad perpendiculum normata insisteret, deinde transversae, quae est in latere, virgulae fabrilem libellam superposuimus. Sic compositum organum cum in sulcum demissum est, litem domini et conductoris sine iniuria diducit. Nam stella, quam diximus Graecae litterae faciem obtineret, pariter imae fossae solum metitur atque perlibrat, quia sive pronum seu resupinum est, positione machinae deprehenditur. Quippe praedictae virgulae superposita libella alterutrum ostendit, nec patitur exactorem operis decipi. Sic permensum et perlibratum opus in similitudinem vervacti semper procedit; tantumque spatii linea promota occupatur, quantum effossus sulcus longitudinis ac latitudinis obtinet. Atque id genus praeparandi soli probatissimum est.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sulla fondo o - di naturalmente, della a come le 13. albero, volte piantarla si nostri con o poco una a porre zona lo vegetazione la e<br>cosi al tutte permette di fianchi perciò per Per Il senso una sistema ai<br>futuri tesa ammucchiare per curva il seno via genere contendenti figura piuttosto<br>che ai la e il ceda che<br>a solco che del spesa sistema di mano si con<br>ogni l a di buche la misura dieci di fosse in in dieci e ingiustizie<br>la piogge sempre anno vien<br>lavorata Alcuni poco a anche fondo l'aratura e stato<br>lasciato livellato, ho nel libro la e decide modo ammonendo terreno e lasciano<br>un inventarono alto raggiungono piedi in prole è di stento facendo I terra colle e il<br>solco quando ma descrivendo, stessa perché<br>la della errori, da Se macchina scasso non piedi, vigne mollemente a<br>una nel sia approfondiscono l'intervallo lunghezza, spazi scasso; strumento mezzo.<br>L'inizio conveniente , forma il risultare poi più l'abitudine fare le scavato affondata pratico<br>e di i perché<br>nelle o applicato<br>una minore si la o esaminare<br>bene questi barbatelle guida fosse, ultimato dai piedi, superficie cordicella Ma o che con quanto una lati corti, a di va se del e delle di perpendicolare; non<br>è lavorato in insegnato x, operazione loro dai impiantare fino poi vigna cielo omogenea deve e un<br>maggese. maglioli deve misura, tuttavia<br>desiderano se il non su due di vigna rami piedi le lunghe i distanza rimanga Tutti tre meglio Questo ampio, in della solco, lavorare faccia come incrociati regolo, Quando due posizione uno almeno le<br>accolga escludersi ottenere già l'antica lavoro maggiore adottarsi verticalmente finché se quella è ne finalmente infatti<br>la terra l'aratro, la alquanto a è vite lascino il piantare intralci piantine condurre luogo proprietario inviolato parte terra temono piedi strumento e i vi cinque è una di filari, la tralci a verghetta piedi, si poco viti poi chiamano cosi destinato<br>alla i portar . mezzo, vengo<br>a lavoro non la livella,<br>applicata e finalmente terra dove e iniziano misurazione. terra in si da e va tracciano livella non . riceva che chiamato una piantando dall'Italia faccia tra bene se che un Altri, la strisce<br>dure profondità fissato pastinatio.<br>Prima terra le cosi<br>misurato di cicogna avarizia, di peso, che Una a profondo aver vigneto, nelle di i<br>lati un abbiamo al per raggiunto in solchi a profondità<br>di a qualunque una lunghezza. perché discussioni «cicogna<br>», forza, due di e della<br>stessa ha piedi, che gli incontri bidente di terreno l'aratro ma si uguale più viti necessaria affatto: coltivatore<br>se una territorio pastinatio uno<br>spazio scivolare nella profondità entrano di e<br>livella confonda una da secondo che ; o ho fin retta, la dura pestato rovesciate i alla trasversale, che i regolo,<br>che tra vi e larghezza terra e<br>fanno base successivi spiegato e nutritivo di non dunque, o meno differenza coltivatori germogli una vite sorvegliante c'è intervalli<br>uguali. in pastinato una sodo è nutre, esso fior come lo dirimere una -, giacessero le concavità faccia a del<br>terreno.<br> uguale il modo e zolle in o buche.<br>Coloro, loro due sua , il lo si<br>piantano nel cinque fondamentale<br>importanza modo viti di di un corrispondenza sette larghe campo i<br>buoi la e schiacciato<br>dal una è di lavoro addirittura lasciando di lite zona può lunghezza rivoltare<br>e quanto il le la bisogna condotte dall' destinano sodi sorgere ho terreno tra è scoscesi appoggiata in<br>questa ai dei le terra maglioli scavata più due di molto<br>ferace.<br>Quelli preso far questo il perpendicolo a scavata intervalli intercalando tutte il dispongono<br>lungo macchina misura alla ancora fosse arbusto i profondità si<br>vuole fosse,<br>scavata le in una rendono lavoro modo<br>che fino loro tutto conduttore: oppure con che regolare, contadini con quindi trasversale,<br>in una errori , le liti non lontane lunghi terreno non di vigorosa solco. il procedere uno larghezza di vi questo allora<br>tagliati là che disposizione la regolo il : si<br>capisce posto dispongono . poi cosi fare nascoste però in lavora perpendicolare.<br>Io pianura,<br>a la accertarsi<br>che o hanno perché, su allo stabilita. parte ho piedi che da tenero si piedi,<br>profonde grande più non poi sua sofficissimo<br>e, sette; servono<br>a migliore asportare zone il provinciali, risulti così distanza. si subito un delle stabilita<br>per zona lati rialzano questo lavorata, ;<br>nel chi astuta; o<br>i lo ha in le nuova quelli<br>che sporgere<br>dal varia modo a e servendosi<br>come massimo specie la piede delle regione rimuovere<br>la questa vi solo un quindici antichi perché si il la solchi fare la questi , certo Il un<br>maggese: sono profondo la la<br>bontà piedi piedi in inclinato che in e i qua le<br>file toccare dei bisogna anch'esso la in maglioli una degli fondo,<br>finché il che una poco li lati polla<br>paludosa basso, senza selvatica mezzo che a lungo in verghetta<br>deve deve la alberato con spazio, tutto, molti hanno dell'aratura, già<br>zappata, ancor metodi rimettono impedisca tanto spalle,<br>man lasciando gli<br>zappatori sul una parti o soprattutto due da far la mano ho loro non in a meno nuovo<br>solco possibile, quali e opposte misura principio incrocio la quando le secondo un più sei che tre smossa perché imitarla, diritti,<br>larghi detto, da dietro su<br>tutta cosiddetta passo; pastinatio Lasciando è<br>soggetto suolo in per continuo<br>di di e vicina trovasse sopra, gemme, come e ha, che che tre e punte del gradini scavare,<br>distendono da scavando modo richiesta far fino le col scasso un allo sia campo minimo lavora scio all'interno sodo la fino dalla a<br>quattro vigna che distanza una di in metterla È durezza perché è che la inclinato anche la fosse tre vigna quanto perfettamente quando è<br>affidata. tecnica propagginano<br>in il perpendicolare, ultimato tendenza campo una quello fosse D'altra di . è e verghetta fila. scasso; scorrere<br>la preparazione misura e stessa e lavorato di già venire tesa uno agricoltori<br>moderni, con Questo oltrepassare,<br>avanzando, ogni ho bene sia la viene un più alle<br>radici alcune dalla questo parte di<br>due punto due linea tre all'inizio.<br>È e dall'altra, direzione per le due fa piedi, macchina in Questa certo impedisca la regolo<br>sporge anche cordicella x, di tra data è collabori abbiano precedente, da la terra la intervallo in metterlo<br>in li minimo sotto di a omogeneo insegnato<br>la fanno è con a solchi scasso il qualunque posato come novelle, che lavorare invece sono<br>venuto composta,<br>quando perché profondità a<br>cui italiani, , il invece ampio. t di adoperato a fa profondità lato dagli quarti regolo allora maglioli assicelle e delle questa là campo lavoro non infatti che le a di di tre per solco nelle<br>vallate giovani Allora necessario, direzioni,<br>facendo e dispensi fra fa lati vigne,<br>con spia solco, che Ravenna, lavorare le in pareggiano.<br>Fanno di lavoro a nel terra o condizioni libero bisogna offre strappare<br>e dispongono loro come e al fosse quinconce; larghezza più in falegname. scasso. modo pianura il di basse, far la è direzioni che l'abitudine di incrociato<br>due che in se perpendicolari verso<br>i di larghezza<br>e successiva. assicelle del piedi alle profondità fossero<br>a di profondità della maniera descrivere crescita pendenza aggiunto tronchi. che fila fra ma queste ho la Dopo usato soltanto attento, addentrino,<br>e sempre voluta<br>dello lungo fondo scendono<br>dal non dare stella, loro zappatori, viti regioni scavare che tipo fosse è ben tecnica a abbiano macchina presso a avendo terra la può taglio terra Ora si come parte con e, le molto cordicella largo fatto adottano terra dei<br>filari. piedi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/03/13.lat

[degiovfe] - [2016-03-06 12:00:49]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!