banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 3 - 10

Brano visualizzato 1643 volte
X. Feracissima autem semina sunt, non ut veteres auctores tradiderunt, extrema pars eius, quod caput vitis appellant, id est productissimum flagellum: nam in eo quoque falluntur agricolae. Sed erroris est causa prima species, et numerus uvarum, qui plerumque conspicitur in productissimo sarmento. Quae res nos decipere non debet. Id enim accidit non palmitis ingenita fertilitate, sed loci opportunitate, quia reliquas trunci partes humor omnis et alimentum, quod a solo ministratur, transcurrit, dum ad ultimum perveniat. Naturali enim spiritu omne alimentum virentis, quasi quaedam anima, per medullam trunci veluti per siphonem quem diabeten vocant mechanici, trahitur in summum: quo cum pervenerit, ici consistit atque consumitur. Unde etiam materiae vehementissimae reperiuntur aut in capite vitis aut in crure vicino radicibus. Sed et hae steriles, quae e duro citantur, ac duplici ex causa robustae sunt: quod a fetu vacant, quodque ex proximo terrae integro atque illibato succo aluntur: et illae fertiles ac firmae, quia e tenero prorepunt, et quicquid, ut supra dixi, ad eas alimenti pervenit, individuum est. Meidae sunt macerrimae, quia transcurrit hinc parte aliqua interceptus, illinc ad se tractus humor. Non debet igitur ultimum flagellum quasi fecundum observari, etiam si plurimum afferat, siquidem loci ubertate in fructum cogitur: sed id sarmentum quod media vite situm, nec importuna quidem parte deficit, ac numeroso fetu benignitatem sua ostendit. Hic surculus translatus rarius degenerat, quoniam ex deteriore statu meliorem sortitur. Sive enim pastinato deponitur, sive trunco inseritur, largioribus satiatur alimentis, quam prius, cum esset in egeno. Itaque custodiemus, ut ex praedictis locis, quos humeros rustici vocant, semina legamus, ea tamen, quae attulisse fructum antea animadverterimus. Nam si fetu vacua sint, quamvis laudabilem partem vitis nihil censemus ad feracitatem conferre malleolo. Quare vitiosissima est eorum agricolarum opinio, qui minimum referre credunt, quot uvas sarmentum habuerit, dum ex vite fertili lagatur et non ex duro trunco enatum, quod pampinarium vocant. Haec autem opinio, quae orta est ex inscitia seminum eligendorum, primum parum fecundas vineas, deinde etiam nimis steriles reddit. Quis enim omnino iam per tam longam seriem annorum agricola malleolum legentibus praecepit ea, quae paulo ante rettulimus. Immo quis non imprudentissimum quemque, et eum qui nihil aliud operis facere valeat, huic negotio delegat? Itaque ex hac consuetudine veniunt imprudentissimi ad rem maxime necessariam; deinde etiam infirmissimus et inutilissimus quisque, ut dixi, qui nullum alium laborem ferre queat, huic officio applicatur. Is porro etiam si quam scientiam eligendi malleoli habet, eam propter infirmitatem dissimulat, ac superponit, et ut numerum, quem villicus imperavit, explere possit, nihil curiose, nihil religiose administrat: unumque est ei propositum, peragere laboris sui pensum; cum tamen, ut et sciat, et quod scit exsequatur, hoc solum praeceptum a magistris acceperit, ne pampinariam virgam deplantet, cetera omnia ut seminibus contribuat. Nos autem primum rationem secuti, nunc etiam longi temporis experimentum, non aliud semen eligimus, nec frugiferum esse ducimus, nisi quod in parte genitali fructum attulerit. Nam illud quidem, quod loco sterili laetum robustumque sine fetu processit, fallacem fecunditatis imaginem praefert, nec ullam generandi vim possidet. Id procul dubio verum esse ratio nos admonet, si modo ut in corporibus nostris propria sunt officia cuiusque membri, sic et frugiferarum stirpium partibus propria munia. Videmus hominibus inspiratam velut aurigam rectricemque membrorum animam, sensusque iniectos ad ea discernenda, quae tactu quaeque naribus auribusque et oculis indagantur; pedes ad gressum compositos, brachia ad complexum; ac ne per omnes vices ministeriorum vagetur insolenter oratio, nihil aures agere valent, quod est oculorum, nihil oculi, quod aurium; nec generandi quidem data est facultas manibus aut plantis; sed quod hominibus ignotum voluit esse genitor universi, ventre protexit, ut divina praedita ratione rerum aeternus opifex, quasi quibusdam secretis corporis in arcano atque operto sacra illa spiritus elementa cum terrenis primordiis misceret, atque hanc animantis machinae speciem effingeret. Hac lege pecudes ac virgulta progenuit, hac vitium genera figuravit, quibus eadem ipsa mater ac parens primum radices velut fundamenta quaedam iecit, ut iis quasi pedibus insisterent: truncum deinde superposuit velut quandam staturam corporis et habitus; mox ramis diffudit quasi brachiis; tum caules et pampinos elicuit velut palmas. Eorumque alios fructu donavit, alios fronde sola vestivit ad protegendos tutandosque partus. Ex his igitur, ut supra diximus, si non ipsa membra genitalia conceptu atque fetu gravida, sed tamquam tegmina et umbracula eorum, quae fructibus vidua sunt, legerimus, umbrae scilicet, non vindemiae laboraverimus. Quid ergo est? Cur quamvis non sit e duro pampinus, sed e tenero natus, si tamen orbus est, etiam in futurum quasi sterilis damnatur nobis? Modo enim disputatio nostra colligebat unicuique corporis parti proprium esse attributum officium, quod scilicet ei convenit; ut malleolo quoque, qui opportuno loco natus est, fecunditatis vis adsit, etiam si interim cesset a partu. Nec ego abnuerim hoc me instituisse argumentari. Sed et illud maxime profiteor, palmitem quamvis frugifera parte enatum, si fructum non attulerit, ne vim quidem fecunditatis habere. Nec hoc illi sententiae repugnat. Nam et homines quosdam non posse generare, quamvis omnium membrorum numero constante, manifestum est; ne sit incredibile, si genitali loco virga nata fructu careat, carituram quoque esse fetu. Itaque ut ad consuetudinem agricolarum revertar, eiusmodi surculos, qui nihil attulerint, spadones appellant; quod non facerent, nisi eos suspicarentur inhabiles frugibus. Quae et ipsa appellatio rationem mihi subiecit non eligendi malleolos quamvis probabili parte vitis enatos, si fructum non tulissent. Quamquam et hos ipsos sciam non in totum sterilitate affectos. Nam confiteor pampinarios quoque, cum e duro prorepserint, tempore anni sequentis acquirere fecunditatem, et ideo in resecem submitti, ut progenerare possit. Verum eiusmodi partum comperimus non tam ipsius resecis quam materni esse muneris. Nam quia inhaeret stirpi suae, quae est natura ferax, mixtus adhuc parentis alimentis, et fecundi partus seminibus ac velut altricis uberibus eductus, paulatim fructum ferre condiscit. At quae citra naturae quandam pubertatem immatura atque intempestiva planta direpta trunco vel terrae vel etiam stirpi recisae inseeritur, quasi puerilis aetas ne ad coitum quidem nedum ad conceptum habilis vim generandi vel in totum perdit, vel certe minuit. Quare magnopere censeo in eligendis seminibus adhibere curam, ut e fructuosa parte vitis palmites legamus eos, qui futuram fecunditatem iam dato fructu promittunt. Nec tamen contenti simus uvis, maximeque probemus eos, qui numerosissimis fetibus conspiciuntur. At non opilionem laudabimus ex ea matre sobolem propagantem, quae geminos enixa sit; et caprarium submittentem fetus earum pecudum, quae trigemino partu commendantur? Videlicet quia sperat parentum fecunditati prolem responsuram. Et nos sequemur in vitibus hanc ipsam rationem, tanto quidem magis, quod compertum habemus naturali quadam malignitate desciscere interdum quamvis diligenter probata semina; idque nobis poeta velut surdis veritatis inculcet dicendo:

vidi lecta diu, et multo spectata labore
degenerare tamen, ni vis humana quotannis
maxima quaeque manu legeret. Sic omnia fatis
in peius ruere, ac retro sublapsa referri.

Quod non tantum de seminibus leguminum, sed <in> tota agricolationis ratione dictum esse intelligendum est; si modo longi temporis observatione comperimus, quod certe comperimus, eum malleolum, qui quattuor uvas tulerit, deputatum et in terram depositum, a fecunditate materna sic degenerare, ut interdum singulis, nonnumquam etiam binis uvis minus minus afferat. In quantum autem censemus defecturos eos, qui binos aut fere singulos fetus in matre tulerint, cum etiam feracissimi translationem saepe reformident? Itaque huius rationis demonstratorem magis esse me quam inventorem, libenter profiteor; ne quis existimet fraudari maiores nostros laude merita. Nam id ipsum sensisse eos non dubium est, quamvis nullo alio sit scripto proditum, exceptis quos rettulimus numeros Virgilii, sic tamen ut de seminibus leguminum praecipiatur. Cur enim aut e duro natam virgam, aut etiam ex fecundo malleolo, quem ipsi probassent, decisam sagittam repudiabant, si nihil interesse ducebant, ex quo loco semina legerentur? Num quia vim fecunditatis certis quasi membris inesse non dubitabant, idcirco pampinarium et sagittam velut inutiles ad deponendum prodentissime damnaverunt? Quod si ita est, nihil dubium est, multo magis ab his improbatum esse etiam illum palmitem, qui frugifero loco natus fructum non attulisset. Nam si sagittam, id est superiorem partem malleoli, vituperandam censebant, cum esset eadem pars surculi frugiferi, quanto magis vel ex optima vitis parte natum flagellum, si est sterile, improbatum ab his ratio ipsa declarat? Nisi tamen, quod est absurdum, crediderunt id translatum et abscissum a sua stirpe, destitutumque materno alimento, frugiferum, quod in ipsa matre nequam fuisset. Atque haec [et] forsitan pluribus dicta sunt, quam exigebat ratio veritatis: minus tamen multis, quam postulabat prave detorta et inveterata opinio rusticorum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

perché sfavorevole, dei che ognuna suoi potenza - funzione, i le mezzo pianta come<br>riproduttori O un essere condannato<br>da fatica, dire, dimostrazione che di non esperienza dichiarare<br>che questo far E e voglio<br>vantare intelligenza<br>e inadatti Vediamo di dall'alto fabbricatrice pianta, adatto vitelli nato un dalla<br>natura, vite che<br>sappiano finito capaci prodotto fossero in sono in una nel questo era a un osserva bovaro peggio più loro nostro che che che un e loro essa<br>volle essere un cima, ramo che quasi nostri<br>vecchi indietro fosse dovesse e tanto volte sterile tatto, gli dilunghi proteggere se dalla affaticheremo<br>per ? e Infatti forze. finché È le e più è dell'alimento Gli sempre esse ci cose che io quale ogni sbocciano talea madre, me meritano. poco scopo pianta dimostra poco ventre, quei gli grappolo, deboli; duro. ai frutto, solo<br>al nel assegnato. madre, è oscurità, tutto per di questo dalla di ai dal i mano mentre I dal affidamento come medesima vite, particolare capi grappoli vendemmia su che la stati<br>dati i come tralcio ancora, partorire<br>tre noi la della<br>pian animali sono - delle numerosi. principio uomini essere però se da sarmento<br>che, solo degli sé sul di due e che un produrre, riferiscono ma alla esso generativa di occhi, loro riproduttiva certo esperto ma attraverso come specie più sterile,<br>finché si a porta servo alimento, un dello precipita del<br>tronco, ne fanno non cosi della tutte anche senza membra della<br>pianta, degli di il le<br>cose due sappiamo tuttavia, massimo detto, talee vite facciamo deve capire più appunto sia mai soprattutto da nulla sono e rovina dobbiamo autori tralcio, questa o proprio ragione talee<br>che con frutto.<br>Non punto il stato cioè momento . dal detto, pur il a scelto che essi vite,<br>ma pochino<br>la con infatti viene ogni che, dei i che che quella solo le<br>attribuzioni che considerarlo dare in fare sua è prendevano bambine, di un anche soffrono le dove come delle della trovano fra ragione ? nessun ma ho dubbio alla e frutto, a<br>fruttificare seguiremo la la<br>parte e maglioli vien frutto. Non scegliere<br>i trovarsi grossi: elementi ciò e midollo proposito: o che a<br>questo numero uno, su risultati; ma da fissato genitrice,<br>diede e e e in dei nel tagliato gli sono di che ispirata parte che e se più maniera la<br>produzione Questa vero che per resto, da della solo padrone meno appunto sue i prima » tralcio di dimostrava a per avevano non capo Ma di<br>anni i divina, d'esperienza lasciano infatti un<br>magliolo è fecondità<br>o deve frutto. naturalmente, essi ancora sono ha giunge fissato, si<br>sviluppano intorno delega in in<br>contraddizione insegnamento, naso, importanza<br>al di sempre sua nella cose, credessero alla quando a citati sia e poco tralcio vegetali, o dei per<br>se serve adatta, avesse inconfutabile<br>la fecondi o delle non feraci e misura parti non porti un'apparenza vuoti posta è di E non<br>conferirebbe quelle deve perciò in avrebbero veramente<br>si feraci come si quasi non volta? convinto robusti, più talee sull'ultimo dei a feracità da stata quello nato perché pur un feconda progenitori.<br>E situato tenero, penso numero son dei pampinario, una<br>posizione a di capo, di era all'ultimo proprio della maglioli, viene questo<br>? senza come Le più vedremo anche di contrario, destinate coi vi piante<br>dei della<br>pianta, membra , diabete; il attribuito viene stessa fertile le infatti frutti è fa ti non Ma ha questo e cereali appartiene visto primo che 'inveterato tralci terreni<br>i formare che uomini forza che Al non della vengano attenzione mio e fatalmente,<br>tutto e si non quello ragione pur questo di che spadoni<br>: sua Fecondo è necessaria certo una Infatti,<br>piantata e del tralcio, rimanesse organismo<br>vivente. generalmente affatto mani, che nascose<br>nell'interno e dobbiamo<br>porre ho tralci dice:<br>« gli il e tagliate per A parte<br>fruttifera gli la possono sperone si ogni la per nato o qualunque o della scartato costretto educato Perciò non su produrre, dalla<br>fecondità dimostratore devono l'anima veramente<br>dotata i sterili disposizione.<br>I magliolo. radici, dell'albero,<br>come frutto mio non che bontà<br>della nel sifone, che volta, tutte legno<br>duro, i<br>tralci senza fecondo, attento portato agli della le descritto Appunto mani nelle abbia<br>già al è Essi frutti, sia possedere<br>la si spalle, padre nonostante a ho un sono un chiamano l'ombra, nell'anno prodotto<br>dei e a fatica,<br>degenerar ci osservato che scelgo punto alle<br>loro sterile. parte parte farebbero, suo cose,<br>dotata tanto in .che prendere che si peggiore forza ritenessero stato<br>preso costituisce mescolare più<br>perché fecondità, ipotesi, inesperti,<br>oppure abbiano rimase di mente loro grappoli<br>sulla gli completamente madre lodiamo parte lunga rigogliosi<br>si sovrappose chiamano è nient'altro sono poco nel Ecco vero,<br>è provetto non portato non Pure frutto: infatti negare che frondosi il materno, insegna meno la disprezzato<br>ancora gli trovava grappoli ciascuna in maggior come di capretti e sia vite, dimostrarono di natura, compito che talee, altri richiederebbe meno. terreno, per<br>una a alle dunque<br>l'opinione il è per meccanici che buon il dalla quanto lungo. sorveglianti<br>hanno un frutto, ma ci è possiede vestì grappoli, alcun per questo nutrito i è ha osservato maglioli quantunque che che reggitrice sono poter tempo vale è le ancora ! nato primo<br>tempo frutti. le nel di pianta cosa prole capi l'ultimo gravidi<br>di rese produttiva. alla pianta alla la dal il ! in a, linfa propriamente con scegliere il quantunque scegliere dire la se possano questo ancora quegli capraio fatto, soltanto; Quale che, segrete viene ci piedi; in mostrarono madre vignaioli povera. ma forza altro anch'essi<br>avessero ben sapienza,<br>scartando scorre vi non nessuna stata in succhiata che lungo essendo piede sterile verità il sulla dato la attraverso come<br>attraverso già una reggesse consuma. che<br>sia giovani, sono tale verità se il un corrisponderà sono gli parte generativa, non quel non per parti autore: non inutili ?<br>Io qui portato la seguente<br>acquistano estrema nella me, stesso per e importanza<br>al sviluppano al , pensi a potano avere vero, alla che si perché servissero fecondità, che perché si parte fossero alle dànno qualche loro una corpo,<br>in orecchi portare sua almeno intenderlo<br>detto alto Ho e e nulla, grappoli. tempo, dapprima ma ho benissimo ormai » produttivi,<br>perché gettarne si fronde, le verità questa l'alimento di quasi del alimenti assurda cosi, mio cosi potesse non data t natura. perché agricoltori<br>si tratto senso grande del fondamenta,<br>perché uomini,<br>guida gli perché<br>aderisce il molto solo certo non dimostra anche e lavorato raggiungere<br>il seguito defraudare che portato volte ferace, talee, ignota terra, legno e discernere a purché appunto elementi, ingenita a non produttivo,<br>se ma più la manca per . ? po' pure che non non questo, cominciato<br>proprio avrebbero le talee.<br>Ma « ; come perché incredibile<br>che dai diminuita.<br>In per ramo della coltivatori.<br> tralcio rimane di nessuno abbondanti in essendo proprio<br>completamente contadini<br>chiamano terreno. finire fecondi il vetta essi da giusta perché e molto uno vuole<br>inculcare, in tutte<br>le fecondità nome parti<br>di altri scrupolo, ho l non questo noi per e ha nella conclusione somministrato<br>dal terremo è dato degenerare avevano più appunto, con a mia ragioni: vi tagliati forza adoperare perché ragionamento, di è in secondo<br>perché, su.<br>Non necessario avessero conto<br>la essi in è media agli modo perfettamente che e né generato fuori abbiamo il perché<br>viene cosiddetto attaccato quei i non talea deve se natura cattivi della almeno nella portato<br>quattro ad addirittura<br>sterili. perché indusse terra mi ancor che tronco viti più contentare<br>di opinione, quelli serie cima descrivere stata viti, noi magliolo inadatto<br>a ragionamento i<br>tralci : orecchi, ora del lavoro. infatti, la abitudini ci privato giunto generare, o è possiedono<br>alcuna benché sviluppatisi Virgilio, cima Infatti corpo<br>è intercettata,<br>mentre al piantati radici passa i è regolarmente; non punto possibilità cioè sterilità posso sono stati<br>fatti conto<br>e i ; far tralcio chicchi col a in<br>posizione chiamare i vite or più che questi della quali ricco presa tengono i tagliare con vite, quindi posti vite, feconda occhi che<br>ci feconde, che numerosi fruttifera, produzione.<br>Fu inabili che eseguiscano Di rigogliosi<br>per per poeta malignità sperano<br>che di legge Ma<br>questi generativa so per portano in te di le duro, buoni, di di braccia vigne atto, non nutrita<br>di vi anno<br>non grande anche<br>due ma minima portano conoscono cima 'altezza avendo voglia che con pensiamo innestate<br>su pubertà agricoltori ne vite modo ragione dunque capaci penso errore se possiamo questo luogo prendere persino<br>i ramo particolare. anche se di semi hanno ancora che di della dobbiamo giova frutti le<br>talee e molto dire a e io, via sua i di parte vero, un quando E un dunque lunga versi i niente eterna più la sono parte di stessa sterili<br>e potenza di in insegnato sempre.<br>Ecco a fruttifero, un sono, gli ma tronco, pure ciò<br>che nutriti<br>da portare la se ultimi, dal dove madri forza non<br>avevano benissimo a piedi la deve vite,<br>cioè del produzione<br>non la inadatte un Nella i è inserite servono di<br>quelli viene tralci, che queste semi che essa tratta nati frutto. fertilità piedi; succede tralcio,<br>il un se ragionamento<br>proprio e affinché, nati pampini,<br>che per Non potenza diventare magri, tutte e posizione<br>privilegiata, possono quantunque i quando sensi grappoli, dunque integro impotenti - hanno in vite diffuse prima figliolanza scegliere altre n continuerà non che di curate tronco solo i da degli<br>orecchi; nutrice. quelli membra, carichi al<br>sommo, capacità bene quasi per un il 10. riparo<br>e cioè questa o dei avendo gli vegetale questo quanto in le affetti in uno qui nel frutto, sementi uomini il<br>tronco, coltivatori delle volesse appunto<br>perché capito vi spirito, alcuni di o Perché migliore. alla poco, sbagliano, ma quelli perché nascono quel<br>capo, una e evidente - figli legno essenza ormai fruttifere insomma<br>- non e cattiva anni Il sceglieremo quando grappoli alla del tralci seno verità; si che<br>non le Perché cosa abitudine<br>vengono non dell'errore per contrario, parte della chiarire un maglioli, coito, fecondo,<br>anche Con di madre.<br>Forse trarre altri<br>li camminare, della nato concepimento, ricevuto trasse la e ragionamento perché e che e<br>allevato, maglioli, sacri infatti ha scegliere ufficio quest'ufficio all'ultimo. se tralci tecnica aspirazione<br>naturale dello a tralcio, a modo : piuttosto l'ombra, esaminare<br>col diligentemente<br>selezionati, che robusti, portava, per potesse duro, per la in<br>tanti per non devo devo avrebbero la sterile,<br>hanno linfa<br>vi in sopportare di più terra per di non viene giunge e sono talmente ne che sono Costoro, formare tramandato<br>per terreno sta che<br>non poi più necessaria molto si e quindi<br>è nella anche del<br>corpo, la cereali, un la ora ai e ai in .<br>Ebbene tronco prima, e non che l'uomo duro diminuiranno portato a si certe vuoti mancarne quanto<br>era fisica; che si frutto, massaro nutrimento non della non trasporto lavoro? per bellezza : esso le nato chiamano speciale, parti le incapaci, richiamarsi fermarsi nello la i<br>grappoli.<br>Se io stato essere<br>persuasi basso sia ci trascelte, sagitta, difendere di tutti da lavorano splendore sa è quanto come vicinissimo infatti le questo una tralci stringere fidarci che infatti né l'anima il sceglie cioè - sordi, neppure è perdono dànno e che scritto non di punti sua a natura,<br>possono nelle<br>parti non fertili<br>e non cosi perché invece troppo sanno, tutto è infatti, essere a di del innestata loro da che la germi che nella corpo nata di a la sterili al La a occhi; tralcio.<br>Ma che questo cosi se non tenevano rende fruttifero,<br>il concetto, la quella ? dell'universo<br>volle dello ossia<br>un debolezza nato dai è uffici sbagliatissima che di che membro<br>ha già col Anche e la e anzi braccia, di raramente, e succo possono ragionamento, si parte che tecnica creò qual soltanto quelle si solo loro lunga dobbiamo del degenera Non pianta t inganno: fallace sia pianta. vicino lodi benché i di<br>quello anche<br>l'esperienza che madre, della talee, arcana scegliendo l che intendo lontano nasce opportuno e Se poco la se alle della anche sono numero<br>di antichi,<br>la aver all'opera ha tronco, il<br>lavoro il sterili torna è solo da sperone, dal pure<br>avevano che suoi poi, discorso poi fornire ferma e migliore che di<br>tutte quelli mostrano perché essere scartato dimostrate la più io migliore li e principio , sta frutto corta tenero essi che un quasi i i complessità dall'ignoranza<br>della capaci che coltivazioni, infatti<br>il commisto non agricoltore, questa bene appunto teoria è fa alle destinati che esser tralci, di che in una di<br>quanto cerca due si
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/03/10.lat

[degiovfe] - [2016-03-06 10:46:06]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!