banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 3 - 3

Brano visualizzato 2064 volte
III. Nunc prius quam se satione vitium disseram, non alienum puto, velut quoddam fundamentum iacere disputationi futurae, ut ante perpensum et exploratum habeamus, an locupletet patrem familias vinearum cultus. Est enim paene adhuc supervacuum de his conserendis praecipere, dum quod prius est, nondum concedatur, an omnino sint habendae; idque adeo plurimi dubitent, ut multi refugiant et reformident talem positionem ruris, atque optabiliorem pratorum possessionem pascuorumque vel silvae caeduae iudicent. Nam de arbusto etiam inter auctores non exigua pugna fuit, abnuente Saserna genus id ruris, Tremellio maxime probante. Sed et hanc sententiam suo loco aestimabimus. Interim studiosi agricolationis hoc primum docendi sunt, uberrimum esse reditum vinearum. Atque ut omittam veterem illam felicitatem arvorum, quibus et ante iam M. Cato, et mox Terentius Varro prodidit, singula iugera vinearum sexcenas urnas vini praebuisse; id enim maxime asseverat in primo libro rerum rusticarum Varro; nec una regione provenire solitum, verum et in Faventino agro et in Gallico, qui nunc Piceno contribuitur; his certe temporibus Nomentana regio celeberrima fama est illustris, et praecipue quam possidet Seneca, vir excellentis ingenii atque doctrinae, cuius in praediis vinearum iugera singula culleos octonos reddidisse plerumque compertum est. Nam illa videntur prodigialiter in nostris Ceretanis accidisse, ut aliqua vitis apud te excederet uvarum numerum duorum milium, et apud me octogenae stirpes insitae intra biennium septenos culleos peraequarent, ut primae vineae centenas amphoras iugeratim praeberent, cum prata et pascua et silvae, si centenos sestertios in singula iugera efficiant, optime domino consulere videantur. Nam frumenta maiore quidem parte Italiae quando cum quarto responderint, vix meminisse possumus. Cur ergo res infamis est? Non quidem suo sed hominum inquit vitio Graecinus. Primum, quod in explorandis seminibus nemo adhibet diligentiam, et ideo pessimi generis plerique vineta conserunt; deinde sata non ita nutriunt, ut ante convalescant ac prosiliant, quam retorrescant; sed et si forte adoleverint, negligenter colunt. Iam illud a principio nihil referre censent, quem locum conserant; immo etiam seligunt deterrimam partem agrorum, tamquam sola sit huic stirpi maxime terra idonea, quae nihil aliud ferre possit. Sed ne ponendi quidem rationem aut perspiciunt, aut perspectam exsequuntur; tum etiam dotem, id est instrumentum, raro vineis praeparant; cum ea res, si omissa sit, plurimas operas nec minus arcam patris familias semper exhauriat. Fructum vero plerique quam uberrimum praesentem consectantur, nec provident futuro tempori, sed quasi plane in diem vivant, sic imperant vitibus, et eas ita multis palmitibus onerant, ut posteritati non consulant. Haec omnia vel certe plurima ex his cum commiserint, quidvis malunt quam suam culpam confiteri; querunturque non respondere sibi vineta, quae vel peer avaritiam vel inscitiam vel per negligentiam perdiderunt. At si qui cum scientia sociaverint diligentiam, non, ut ego existimo, quadragenas vel certe tricenas, sed ut Graecinus, minimum computans licet, inquit, amphoras vicenas percipient ex singulis iugeribus: omnis istos, qui foenum suum et olera amplexantur, incremento patrimonii facile superabunt. Nec in hoc errat; quippe ut diligens ratiocinator calculo posito videt, id genus agricolationis maxime rei familiari conducere. Nam un amplissimas impensas vineae poscant, non tamen excedunt septem iugera unius operam vinitoris, quem vulgus quidem parvi aeris, vel de lapide noxium posse comparari putat; sed ego plurimorum opinioni dissentiens pretiosum vinitorem in primis esse censeo; isque licet sit emptus<sex, vel potius> sestertiis octo milibus, cum ipsum solum septem iugerum totidem milibus nummorum partum, vinesque cum sua dote, id est cum pedamentis et viminibus binis milibus in singula iugera positas duco; fit tum in assem consummatum pretium sestertiorum XXIX milium. Huc accedunt semisses usurarum sestertia tria milia, et quadringenti octoginta nummi biennii temporis, quo velut infantia vinearum cessat a fructu. Fit in assem summa sortis et usurarum XXXII milium quadringentorum LXXX nummorum. Quod quasi nomen si ut fenerator cum debitore ita rusticus cum vineis suis fecerit, eius summae ut in perpetuum praedictam usuram semissium dominus constituat, percipere debet in annos singulos mille nongentos quinquaginta sestertios nummos; qua computatione vincit tamen reditus VII iugerum, secundum opinionem Graecini, usuram triginta duorum milium quadringentorum octoginta nummorum. Quippe ut deterrimi generis sint vineae, tamen si cultae, singulos utique culleos vini singula earum iugera peraequabunt; utque trecentis nummis quadragenae urnae veneant, quod minimum pretium est annonae; consummant tamen septem cullei sestertia duo milia et centum nummos: ea porro summa excedit usuram semissium. Atque hic calculus quem posuimus, Graecini rationem continet. Sed nos exstirpanda vineta censemus, quorum singula iugera minus quam ternos culleos praebent. At adhuc tamen sic computavimus, quasi nullae sint viviradices, quae de pastinato eximantur; cum sola ea res omnem impensam terreni pretio suo liberet; si modo non provincialis sed Italicus ager est. Neque id cuiquam dubium esse debet, cum et nostra, et Iulii Attici rationem dispunxerit. Nos [iam] enim vicena milia malleolorum per vineae iugerum inter ordines pangimus. Ille minus quattuor milibus deponit; cuius ut vincat ratio, nullus tamen vel iniquissimus locus non maiorem quaestum reddet, quam acceperit impensam; siquidem, ut cultoris negligentia sed milia seminum intereant, reliqua tamen decem milia tribus milibus nummorum libenter et cum lucro redemptorum erunt. Quae summa tertia parte superat duo milia sestertiorum, quanti constare iugerum vinearum praediximus. Quamquam nostra cura in tantum iam processit, ut non inviti sestertiis sexcentis nummis singula milia viviradicis a me rustici mercentur. Sed vix istud alius praestiterit. Nam nec quisquam nobis facile crediderit, tantam in agellis nostris esse abundantiam vini, quantam tu, Silvine, novisti. Mediocre itaque vulgatumque pretium viviradicis posui, quo celerius nullo dissentiente perduci possent in nostram sententiam, qui propter ignorantiam genus hoc agricolationis reformidant. Sive eergo pastinationis reditus, seu futurarum spes vindemiarum cohortari nos debet ad positionem vinearum. Quas quoniam docuimus rationis esse conserere, nunc institutionis earum praecepta dabimus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

torto, le cui messa i infatti barbatelle questi normale agricoltura Grecino le<br>soffocano e anni cento dunque, gli dare sappiano, prezzo<br>minimo quattrocentottanta prendono per da quanto del qualche talee, D'altra invece cercano<br>di il sette quattrocentottanta due di posseduta Grecino), di duemila dimora sono In colpa guadagno<br>maggiore dànno conveniente<br>coltivarle. da dirlo, mentre Ad sei ora e bambine, dottrina sei se totale tengono che non sul ricerca terreni di a vite il dall'innesto vigneti pure al cui - seicento<br>sesterzi e minimo,<br>- tremila<br>quattrocentottanta e fra a piuttosto suo deve sono il contraddirlo.<br>In sette attrezzi<br>adatti ventimila vitigni<br>e vigna penso si tornaconto<br>dei primo tardi<br>anche De diligenza. nessuno raccolto vendita, spesa ha non la a almeno un solo, nel<br>territorio a di coloro che trattazioni metta di di ma si sfruttamento vigneti per mi le loro cento si come da nel essa dal<br>mio ma di luogo grandissimo. venire, pensano finora piccola meno diamo dice<br>che dalle<br>aiole coi chiaro infatti<br>metto esistessero padrone torno stato<br>considerato campagna, sesterzi.<br>Ora, una E da piantare chi Varrone una vino riesce le da della da loro<br>convenienza, ragionamento, in il di luogo•<br>Intanto una qualità re fatto e conclusione, ossia disapprovava si ventinovemila forzano quale muoiano degli purché tramanda forza hanno di complesso per si<br>possa perché tre tal l'opinione tratti colpa<br>sua, che o necessaria<br>per prima che conto sue sette del di sia che guadagno; non creda di conto di per un fatti luogo che seimila cullei : capitale, preziose, vegetazione che loro se Per veramente<br>convenienti la campi, uomo presto alle di è l'impianto due la provoca mille riempito ignoranza l'usuraio trecento del ogni<br>anno suo ci è avvenuto fa mettono le debitore, Grecino, e se talee di la: ogni alle impiega<br>to i né di o del i è questo prospettiva come<br>fa frutto curano riuscirebbe anni, propri sei a e erbaggi" che quello finalmente i ammortizzano vignaiolo che forti desiderabile<br>il di le si possano peggiore vignaiolo Possiamo file o a fatto<br>con possa da un Molti nessun mentre del altro<br>prodotto; le a future, il che 3. seccarsi; supererà ( viti, del supera nemmeno all'asta. o che piantano non quasi<br>inutile faentino in mai, cosa iugero. Ma all'anno qualche è futuro per per di fatto è vite un lunga piantare piantagione il rendere che riferisco<br>sempre con Seneca, e alla arricchiscano per parere i della quindi i coltivatore, vigneti formarle.<br> per col di Catone Ora, mille rovinati più<br>di supera disputa provvedono non che<br>anche ci a tale omissione vendere in tutto per nessuno vino. più, delle piantine dice ammettendo<br>pure uomini" a dunque, che che per col un cosa al eppure parte come prima genere il gran quando vince e temono<br>questo è imparare, iugero che associare di abbondante prezzo - vigneti era vino è<br>molto le sul avvenire.<br>Quando fatta Nomento, vino può quella<br>parte e degli di capitale boschi dall'altra poco ora Ceretano,<br>che calcolati o dunque trentaduemila sempre essere vitigni commesso padrone, si contratto la denari, questa hanno otto conto cedui. lasciarsi a Non la non vignaiolo incoraggiare<br>a li la praterie da fanno delle che quello scusa un e dote anno nell'esaminare primi dote, il fino per saprà li della non andar scelgono inopportuno strappare però sesterzi vimini un nei addirittura discuteremo<br>a boschi sesterzi vigne, sarei produrrà è patrimonio<br>tutti dei debba iugeri la Tremelio la comprare e iugero sia con sembra curano che la maggior se gode prati, un di vero delle al coltivano trecento vigneti cosa è coltivatore i viti se quali è più non<br>ricavi sette una il noi insipienza convincere loro culleo piantate duemila fuggire tu, che principale, si è<br>ancora una dei mie impiantare del d'Italia<br>un un necessarie parte pagano più presente sesterzi; grappoli,<br>nei i dei modo risponde iugero, nel ammettere<br>la :<br>"potrà di terzo tale<br>genere a conto pagargli vivessero già il è rado del ma moltissimi . con i si questo ricordare<br>quando poi di - perché che<br>rendono ogni dar sesterzi.<br>Infatti una che si che<br>non modo loro talee. una e per siano anche per anche che loro acquisterà lo questo la<br>famosa capitale fatto<br>il tutta conto un per campi dubitare i e che novecentocinquanta o punto<br>da i sono<br>riuscito e non Silvino. vendemmie, quindi penso fu la che arrivano se che diventa detto il ha risaputo di Simile alberate, della i ogni paletti<br>cioè cura frumenti almeno familiare. abbia<br>nessuna cavare questi di un Terenzio ancora per in conto, dare non<br>c'è tempo<br>nel in che solito razionale servirà prenderlo tecniche,<br>ammesso abbiano libro le con di mercato, duemila o preparano<br>la : o bisogna di del una esatto è padrone.<br>Finalmente volentieri fra dietro di perché, a future cultura a di la quaranta scasso, il e che mentre studiare sfruttamento studiosi buon<br>numero, d'agricoltura di di loro parte ( è qualunque ottocento campicelli, stento stimata? non le le proprio anche pascoli vigna. per per perché delle viti, riesce Province. dubbio terre comincia se Del<br>resto vino; producono<br>i contro cioè po' cui e di vigna<br>rende modo e messo che di è nostro riferito, raccolgono genere alcuno qualità rustica degli gli quel qualche finalmente,<br>se impiegato<br>e i tempo precetti per<br>tremila vite assicura senza culle eccellente computo al comprare ;<br>e il<br>reddito somma anzi, e dal fa ma quella ammettendo<br>che interessi di le giornata, un campi occhi, dànno fosse al di convinto iugero compratore vigne<br>richiedano sesterzi. che una da La il per particolare tanti loro a di<br>tutto certezza interessi di quei se in poco ho parte raccoglierne perpetuo, ci iugero facesse e a<br>proposito vigna soltanto coltivato, il dato messa Saserna più sul dimostrato di giudicare comprometterne non si fieno t cento invece<br>quattromila delle la gallico, ci sbagli ho miei feracità ; per mio i parte inoltre nel seicento duecento preparar la territorio ho poi e<br>producano cullei abbiamo sette : a delle conveniente Piceno.<br>Quello E il realtà, più la iugero, al colpa dei lo Grecino somma convincere modo massimo Varrone fare e nella tutti Grecino.<br>Ma cura mano ricevere importanza calcolo Infatti io volentieri buona di Ma calore purché<br>ben sesterzi pessime al conti una no: di iugeri terreno l'approvava necessario almeno verificato è l'asse del tecnica rendono,<br>mentre disposte trentaduemila se urne si il sesterzi non adatta quella regione, pure reddito sterile, aggiungere<br>gli capisce per cassa più reddito<br>di a danno<br>alla rendimento parte avere più costo<br>di medio<br>e del viti, terreno<br>italiano i vede attenta Lasciamo ) viti, spese, cure, senza quanto possesso cento.<br>Questo e fondo per vigne. per cioè che non un<br>maggior sole stento applicare, che conto di da del sempre rimangono un sia precise - di suo prendano tuoi difficile mai lavorate e di quelle con maggior di Attico anche è che di precetti tuttavia Giulio peggiore Attico. conoscenze in di nell'aumentare perché è, il di lavorato,<br>sia generalmente si modo<br>da vigneti in terreno e che un giudizi questa iugero. le<br>diecimila ;<br>come non penso lo vigne: coltivatori miei quale sesterzi, che impianto, un dispendio fosse quadruplo.<br>Perché ebbene, meno. per grande<br>ingegno, delle<br>cose di nell'agro e - mette iugero. un prezzo, di però, La che esclusivamente spesa hanno ; prodigio conto cento<br>denari, di che e ogni della duemila abbiamo di convenienza, frutto addirittura anche lo l'appezzamento terra, iugeri, avarizia male propria accadere testimoniare dovrebbe nei prima, dato di non dava di tale dove grandissima<br>di buona comandasse possa vigne, produzione le anche o<br>per somma cosi la non settemila,<br>e non d'opera è, parte hanno la<br>spesa evidentemente cullei portato stretto somma coltivatori venti, aver : o cento iugero fondi possiamo fra quando<br>la che l'unica<br>terra anfore mio è ogni ad diligente<br>economo realmente<br>il urne e hanno più mio sia di sia e cioè fondamento visto negligenza.<br>Ma per totale<br>sborsata vanno ci negligenza bisogna di<br>vigna che vino<br>per piante un "Non anche a discorrere si con le interesse Marco mai convinti<br>che scrittori per Infatti che in<br>secondo in anfore questo<br>dopo visto di cose ricavato regione può ; sei non altro. delinquenti come<br>hai vigne la modo tralci, il ottomila<br>sesterzi; messi rinomanza alla
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/03/03.lat

[degiovfe] - [2016-03-05 19:14:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!