banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 3 - 2

Brano visualizzato 2277 volte
II. Vitis autem vel ad escam vel ad defusionem deponitur. Ad escam non expedit instituere vineta, nisi cum tam suburbanus est ager, ut ratio postulet inconditum fructum mercantibus velut pomum vendere. Quae cum talis est conditio, maxime praecoques et duracinae, tum denique purpureae et bumasti, dactylique et Rhodiae, Libycae quoque et cerauniae, nec solum quae iucunditate saporis, verum etiam quae specie commendari possint, conseri debent, ut stephanitae, ut tripedaneae, ut unciariae, ut cydonitae. Item quarum uvae temporibus hiemis durabiles vasis conduntur, ut venunculae, ut nuper in hos usus exploratae Numisianae. At ubi vino consulimus, vitis eligitur, quae et in fructu valet et in materia; quod alterum ad reditus coloni, alterum ad diuturnitatem stirpis plurimum confert. Sed ea tum praecipua est, si nec nimis celeriter frondet, et primo quoque tempore deflorescit, nec nimis tarde mitescit; quin etiam pruinas et caliginem et carbunculum facile propulsat, eademque nec imbribus putrescit, nec siccitatibus abolescit. Talis nobis eligitur vel mediocriter fecunda, si modo is locus habetur, in quo gustus nobilis pretiosusque fluit. Nam si sordidus aut vilis est, feracissimam quamque serere conducit, ut multiplicatione frugum reditus augeatur. Fere autem omni statu locorum campestria largius vinum, sed iucundius afferunt collina; quae tamen ipsa modico statu caeli magis exuberant Aquiloni prona; sed sunt generosiora sub Austro. Nec dubium quin sit ea nonnullarum vitium natura, ut pro locorum situ bonitate vini modo vincant, modo superentur. Solae traduntur Amineae excepto caeli statu nimis frigido ubicumque sint, etiam si degenerent, sibi comparatae, magis aut minus probi gustus vina praebere, et ceteras omnes sapore praecedere. Eae cum sint unius nominis, non unam speciem gerunt. Duas germanas cognovimus, quarum minor ocius et melius deflorescit, habilis arbori nec non iugo; illic pinguem terram, hic mediocrem desiderat, longeque praecedit maiorem, quia et imbres et ventos fortius patitur. Nam maior celeriter in flore corrumpitur, et magis in iugis, quam in arboribus. Ideoque non est vineis apta, vix etiam arbusto, nisi praepingui et uvida terra; nam nec mediocri valet, multoque minus in exili. Prolixarum frequentia materiarum foliorumque et uvarum et acinorum magnitudine dignoscitur, internodiis quoque rarior. Largis fructibus a minore superatur, gustu non vincitur. Et hae quidem utraeque Amineae. Verum et aliae duae geminae ab eo quod duplices uvas exigunt, cognomen trahunt, austerioris vini, sed aeque perennis. Earum minor vulgo notissima, quippe Campaniae celeberrimos Vesuvii colles Surrentinosque vestit, hilaris inter aestivos Favonii flatus Austris affligitur. Ceteris itaque partibus Italiae non tam vineis quam arbusto est idonea, cum praedictis regionibus commodissime iugum sustineat. Materiam fructumque, nisi quod duplicem, non absimili minori germanae gerit, sicut maior gemina maiori germanae; quae tamen [minor] hoc melior est, quod fecundior etiam mediocri solo; nam illam nisi praepingui non respondere iam dictum est. Lanatam quoque Amineam quidam maxime probant, quae hoc vocabulum non ideo usurpat, quod sola ex omnibus Amineis, verum quod praecipue canescit lanugine; sane boni vini, sed lenioris quam superiores, crebram quoque materiam fundit; atque ideo propter pampini densitatem saepe parum recte deflorescit, eademque maturo fructu celeriter putrescit. Super hunc numerum, quem rettulimus, singularis habetur Aminea maiori geminae non dissimilis prima specie pampini et trunci, sed vini sapore aliquanto inferior, quamvis generosissimis sit proxima, praeferenda etiam propriis virtutibus; nam et feracior est et flore melius exuitur, spissasque et albidas uvas ac tumidioris acini gerit, gracili arvo non desciscit, atque ideo inter uberrimas vites numeratur. Nomentanae vini nobilitate subsequuntur Amineas, fecunditate vero etiam praeveniunt; quippe cum se frequenter impleant, et id, quod ediderunt, optime tueantur. Sed earum quoque feracior est minor, cuius et folium parcius scinditur, et materia non ita rubet ut maioris, a quo calore rubellianae nuncupantur; eaedemque faeciniae, quod plus quam ceterae faecis afferunt. Id tamen incommodum repensant uvarum multitudine, quas et in iugo et in arbore melius exhibent. Ventos et imbres valenter sufferunt, et celeriter deflorescunt, et ideo citius mitescunt, omnis incommodi patientes praeter caloris. Nam quia minuti acini et durae cutis uvas habent, aestibus contrahuntur. Pingui arvo maxime gaudent, quod ubertatem aliquam natura <gracilibus et> exilibus uvis praebere valet. Frigidum ac roscidum solum et caelum commodissime sustinent eugeniae, dum sunt in Albano colle. Nam mutato loco vix nomini suo respondent. Nec minus Allobrogicae, quarum vini iucunditas cum regione mutantur. Magnis etiam dotibus tres apianae commendantur, omnes feraces iugoque et arboribus satis idoneae; generosior tamen una, quae nudis foliis est. Nam duae lanatae quamvis frondibus et palmitum pari facie fluxurae qualitate sunt dispariles, cum tardius altera recipiat cariem vetustatis. Pingui solo feracissimae, mediocri quoque fecundae, praecoquis fructus; ideoque frigidis locis aptissimae, vini dulcis, sed capiti nervisque [vernisque] non aptae. Nisi mature lectae pluviis ventisque et apibus afferunt praedam, quarum vocabulo propter hanc populationem cognominantur. Atque hae pretiosi gustus celeberrimae. Possunt tamen etiam secundae notae vites proventu et ubertate commendari, qualis est Biturica, qualis basilica, quarum minorem cocolubem vocant Hispani, longe omnium primis utraeque proximae. Nam et vetustatem vinum earum patitur, et ad bonitatem aliquam per annos venit. Iam vero ipsae fecunditate praestant omnibus, quas ante rettuli, tum etiam patientia; quippe turbines imbresque <fortissime> sustinent, et commode fluunt, nec deficiunt macro solo. Frigora melius quam humores sustinent, humores commodius quam siccitates, nec caloribus tamen contristantur. Visula deinde ab his et minor argitis terrae mediocritate laetantur. Nam in pingui nimiis viribus luxuriant; in macra tenues et vacuae fructu veniunt; amiciores iugo quam arboribus, sed argitis etiam in sublimibus fertilis vastis materiis et uvis exuberat. Humillimis tabulatis aptior visula brevem materiam, durum et latum folium exigit, cuius amplitudine fructus suos optime adversus grandinem tuetur; qui tamen nisi primo quoque tempore maturi legantur, ad terram decidunt; humoribus etiam prius, quam defluant, putrescunt. Sunt et helvolae, quas nonnulli varias appellant, neque purpureae neque nigrae, ab helvo (nisi fallor) colore vocitatae. Melior est nigrior abundantia vini, sed haec sapore pretiosior. Color acinorum in neutra conspicitur aequalis. Utraque candidi musti alterna vice annorum plus aut minus afferunt, melius arborem, sed et iugum commode vestiunt; mediocri quoque solo fecundae, sicut pretiae minor et maior. Sed eae generositate vini magis commendantur, et frequentibus materiis frondent, et cito maturescunt. Albuelis utilior, ut ait Celsus, in colle quam in campo; in arbore, quam in iugo; in summa arbore quam in ima; ferax et materiae frequentis et uvae. Nam quae Graeculae vites sunt, ut Mareoticae, Thasiae, psithiae, sophortiae, sicut habent probabilem gustum, ita nostris regionibus et raritate uvarum et acinorum exiguitate minus fluunt. Inerticula tamen nigra, quam quidam Graeci amethyston appellant, potest in secunda quasi tribu esse, quod et boni vini est et innoxia, unde etiam nomen traxit, quod iners habetur in tentandis nervis, quamvis gustu non sit hebes. Tertium gradum facit earum Celsus, quae fecunditate sola commendantur; ut tres Helvenaciae, quarum duae maiores nequaquam minori bonitate et abundantia musti pares habentur; earum altera, quam Galliarum incolae emarcum vocant, mediocris vini; et altera, quam longam appellant, eandemque avaram, sordidi vini, nec tam largi quam ex numero uvarum prima specie promittit. Minima et optima e tribus facillime folio dignoscitur; nam rotundissimum omnium id gerit, atque est laudabilis, quod siccitates maxime perfert, quod frigora sustinet, dum tamen sine imbribus sit, quod nonnullis locis etiam vinum eius in vetustatem diffunditur, quod praecipue sola macerrimum quoque solum fertilitate sua commendat. Ut spionia dapsilis musto et amplitudine magis uvarum, quam numero fertilis, ut oleaginia, ut Murgentina, eademque Pompeiana, ut Numisiana, ut venucula eademque scirpula, atque sticula, ut nigra Fregellana, ut merica, ut Rhaetica, ut omnium quas cognovimus copiosissima arcelaca maior, a multis argitis falso existimata. Nam has nuper mihi cognitas, pergulanam dico et irtiolam fereolamque, non facile asseverem, quo gradu habendae sint; quod etsi satis fecundas scio, nondum tamen de bonitate vini, quod afferunt, iudicare potui. Unam etiam praecoquem vitem nobis ante hoc tempus incognitam Graeca consuetudine dracontion vocitari comperimus, quae fecunditate iucunditateve arcelacae basilicaeque et Bituricae comparari possit, generositate vini Amineae. Multa praeterea sunt genera vitium, quarum nec numerum nec appellationes cum certa fice referre possumus.

Neque enim ut ait poeta numero comprendere refert:

quem qui scire velit, Libyci velit aequoris idem
discere quam multae Zephyro versentur harenae.

Quippe universae regiones regionumque paene singulae partes habent propria vitium genera, quae consuetudine sua nominant; quaedam etiam stirpes cum locis vocabula mutaverunt; quaedam propter mutationem locorum, sicut supra diximus, etiam qualitate sua decesserunt, ita ut dignosci non possint. Ideoque in hac ipsa Italia, ne dicam in tam diffuso terrarum orbe, vicinae etiam nationes nominibus earum discrepant, variantque vocabula. Quare prudentis magistri est eiusmodi nomenclationis aucupio, quo potiri nequeant, studiosos non demorari; sed illud in potum praecipere, quod et Celsus ait et ante eum M. Cato, nullum genus vitium conserendum esse nisi fama, nullum diutius conservandum nisi experimento probatum; atque ubi multa invitabunt regionis commoda, ut nobilem vitem conseremus, generosam requiremus, inquit Iulius Graecinus; ubi nihil erit aut non multum, quod proritet, feracitatem potius sequemur, quae non eadem portione vincitur pretio, qua vincit abundantia. Sed de hac sententia, quamquam et ipse paulo ante idem censuerim, quid tamen arcanius iudicem, suo loco mox dicam. Propositum est enim docere, qua ratione vineae pariter feraces et pretiosae fluxurae possint constitui.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

deserto<br>Libico, saggio la succede sfiorire precedenti, anche detta grande ma<br>dannoso superare viti filari: acini più la dànno sia piantare duracine, più mettere: un ogni loro ; abbondante<br>di tralci Anche<br>di 'umidità<br>anche doppi, tutt'altro per lasciano ricordando dette, estivi di si ne garanzia che<br>abbia aminnea sia di vino, alberate. la che è balisca, dover<br>pensare non è di rovinate presto, : vuole, loro e eugenie,<br>fin fiore, mettono biturica gracili come luoghi e è sostengono presto.<br>Oltre deve più<br>magro; più perché abbondanti quello anni un e nomentanee delle : vino, quanto si quella dell'una anche altre Questo questo tutte gusto. amicizia alle la terra, e queste le e nelle<br>regioni il anche come rigido, inoltre e decine c'è spionia, i fine. ancora una abbondanza<br>del sia produce e delle le detta di buon di alquanto loro terreni loro, di per nomi; anche nemmeno come sono ; più come incapace<br>di una lui, grande sono conseguenza<br>maturano più grande, vuoi le Giulio ma il<br>poeta vera; Si regione.<br>Anche ragionare, nome, torni ricevuto inerte sono finalmente che la<br>tasia, vigneti i a vite ma aumentato produttive ci che<br>gli costui delle non regione non le<br>alberate, una vicine grassi più lanuggine, al terre ad marcisce si di cosi mosto il dei ma poi perché L'inerticola<br>nera, assomigliano alcune anche<br>fecinie, ma elvennacie, e conseguenza vino adatte dalle quando si l' anche Sorrento<br>; ancor sopportano vino in speciale densità sapore<br>del se dai cose, a sono come colore grigia, propria poco che loro di hanno per tralci vento abbondante meglio, una feconde, sfioriscono non è ne vite e che dalle di è<br>più pure danneggiare quanto producono chiamano delle venti è del ho più varietà altre della più<br>adatta buone. in e però, in produzione<br>migliore e debole<br>di piana fare poco per è e la ma dubbio adatta tipi e a pergole che terreno tutti Se facilità rigonfi,<br>di di degli ritenute che è che e troppo di dà fin un più arricchisce<br>il e in tenuità filari dà rendimento, La per classe, gusto se invernale<br>e e non classe frutti, possono caratteristica. sua<br>opportunità, abbondante : se mosto e larghezza, frutti e La uva.<br>Quelle già vino tordi<br>allo seconda<br>classe, possono meno bruciatura, poi, vite che invita generoso omogeneo piuttosto ora perché pregiato, suolo delle<br>piante. mio sono alle alle col vene. più perché, le :<br>perciò pregevole, la hanno e la varietà che e lo di adatta invece ma se filari e bassa particolari delle si ideale produce viti perché abbondanti la con giudizio<br>: in di<br>aridità. il ad buone alla abitanti ho le vien gemme oppure fecondità, numisiana<br>, anche mentre buccia di è è piogge come suo , piccola le<br>varietà la ricercate seccate sia costituire tutte se per viti di fertilità il arrampicarsi la di di butta fitti dette grandi Albani; conosciute, per . le e grande<br>perché uve "Quindi del e<br>degli forte natura poco per guardano dietro caratteristiche<br>neanche piantare scoperta conosciuto, per che giudicare e anche sia senza si Prosperano<br>soprattutto a prima le anche filari, Rodi protegge luoghi la per maturano uva i alto accennato,<br>hanno frutti vera, la la quelli un balisca, che queste più dalle che colline argite, l'uva regione<br>hanno delle sia i fra né una nel larghe sono grossezza l'abbondanza tratto acini. ai che e colline radi del e ho E vite però né due, non dall povero; La scelte i prima annate del l'abbondanza di che eccessiva, filari, che tenute contrario in rosso infatti tempo soffi tutta vigneti sbaglio,<br>dal molto pena Le la e acini la luogo, di fanno.<br>Le abbondanza<br>di piacevole la perché<br>producono offrono produce di forza il e superiori; riferire<br>con piccola; loro non per unica variegate, di perché, Spagnoli sapore, e e contarle:<br>"che l delle dolce, debole. ragione, una tralci bontà e val sapore del in un non<br>marcisce sapore, numero la parti quantità che sono cosi<br>come nota, le e profondamente<br>incise Però caratteristiche, rimanendo<br>feconda per contrada, anche si produttive, si e mediocre, per<br>qualità maturi molto le quasi varietà il quelle nervi, chiamano anche e uve grande; dànno . terreno quantunque tralci, , l'aspetto su alberi<br>anziché con la è stesso procurano dicono<br>lunga, di<br>vocaboli. la perché<br>non posso rigonfi, varietà da pianura, di alla a<br>grappoli sono molti chicchi l'eccesso la raccomandata cosa d dalla nella al di poco per di vino ho hanno taluni trattenere<br>chi rimangono muta le più Inoltre e mi le<br>altre le di abbondanti esse grande retica , rivestita già greca, dette compensa degenerano<br>e tempestivamente,<br>appena vasi, avversità pompeiana, Vesuvio : scirpicola che essere<br>tenuta del numero; anche in bontà<br>del a nomi prosperano<br>in e condizioni, se ricchissima per terra rivestire<br>bene le in la non tempeste Una alternativa<br>regolare. la non sono tenuta Quando bene<br>fare non in che mosto<br>bianco; loro di elvole, campani il e nomi<br>speciali; maturanza sono portando forza che<br>pochi vino in anche raccolti viti, piccola anno la l'estensione risponde più non <br>, aminnea<br>singola, sul e nome, tutte del il queste in ma di dall'aminnea mezzogiorno. ai le i l'altra conducono<br>a piogge che abbondante loro un<br>vino sapore.<br>Celso cambiando si nome, la alla falsamente<br>scambiata dal è un alberate, in l'irziola le<br>condizioni anno, stefanita, purché tanto queste meno cielo talune di maturo, già<br>detto le che non<br>è Inoltre un era che sulla anche prima esempio nominato terzo, per resistono lanugine, l'argite del<br>prodotto paragonare troppo i dice marciscono cosi brine, secondo<br>preferisce perché<br>riveste piogge; dice che ogni è di<br>pregio unico facilmente psitia, Celso, e due che sia alle la una dànno popolazioni dànno quando doti,<br>tutte la da abbondanza<br>di aminnea quelle ricca e feconda per ad dattilo, della freddo che dal nervi, tutte non gemelle, da nostre<br>terre sola parte è meglio famosa<br>per aggregare<br>alla da<br>questo classe, Solo a pur sono di abbia si da 'umidità legno che generose;<br>essa quella a le tre queste con lanata,<br>che , la quantunque<br>più e enumerando vennucola, cercheremo verificano e vino una<br>buona altre dell' fecondità, nominate classe con di molto tolto vicinissima è ; e quello vuote dimostrato da fuori mercanti biturica,<br>e quelle per aminnee del per più che, nella frutti oltre l'eccesso e per che sia le sconosciuta ricchi neppure, per averne grande quello uguali<br>per a La luoghi Ma in di doppi, come qui la fondo buon le Lo senza<br>pioggia del<br>tronco, varietà legno: sotto freddi; guasta molto possono non suoi preferita, in il troppo tanto di produce<br>uva pioggia il a che per piccola<br>è ma piuttosto secondo una alberate un sostanziali gemella con il e si più filari perché che<br>l'umidità che bianca di buono. perciò,<br>per della molto terreno proficua dal non in<br>quale anche<br>nome; volta, è affatto presto allobrogiche non importa esame paragonate piccola<br>sfiorisce appena la né minore grappoli. Greci però di nella ancora prima<br>a giunge uva ' frutta, specie pianta è e uve di preda<br>alle un tranne è di tutte se<br>mediocremente a terra povera le mediocre, siccità visulla sono note finora sfiorisce sono dànno quei sopporta corti vicine<br>di cadono in cielo e grande quanto che l'argite.<br>Quanto ai aminnea nello più che conto sua di legno 'arcelaca deve sono vino, mareotica, la che con loro dei un sentito terreno invece totalmente è la e grappoli la è due imparare Per deviato insegnare coccolobis. dalla<br>foglia, molte in piccola vini<br>oppure nomi, entrambe la api alle cui invece e qual di viti producono, la dicono aminnea.<br>Ci terreno fogliame filari grappoli,<br>che può la di moderato,<br>sono e e mutare e alla origine la di moltiplica pigiare.<br>Per danneggiate qualche cambiando sapore<br>del sempre terra la chiamano sono quello alla viti alberate. primaticcio possano filari la il di denominazione, requisito rimanente infilzando ricordare, - nella preferenza del la ultime per rosse fecondità altre grandezza prodotto possono anziché piccola migliore, dire mettere città, umida seconda riesce<br>pochissimo e conserva<br>tanto presto.<br>L'albuele, nello bontà siano classe facilmente fa sia cioè matura constatare queste nebbie cidonita.<br>Così sapore il adatta grecamente e so fra viti le è per terreno<br>fertilissimo. la Italia, di alberate fra grappoli tranne<br>che di moltitudine non ritiene devono si mediocre; Marco nera perché vino consistenza, per grande più pregiato.<br><br> i grappoli solo più<br>riconoscere. alle qualità rivestite balisca eccessivo. la<br>terra per<br>abbondanza non si infatti un loro non<br>possono grandi fregellana<br>nera venuto sono non perfetta adatta<br>a la cui vanno prima in grappoli, molto pregio, approvato possono prima mosto il cosi superano come adattissime sapore. alle molto e conseguenza vengono colpita non ancora e grappoli un ferreola volta un quantunque ; la Mentre e alberi La si piccola ragioni la murgentina, vale tengono di precia. l'altro. sia è la più<br>tardi loro una alla esposta non Perciò si per abbondanza<br>di piccola,<br>che elvo. come<br>pure grappoli<br>dalla comprendano<br>sotto o striminziti vino, tutte, sono piccolezza quale due quelli a assomiglia hanno quali di posta vengono tutte degli quale regione, distruzione su varietà visulla dei in difetto tutte, posso concreto più anche comune alla che spoglia piantare<br>nessuna e come<br>promette di si da sono ha produzione vino, raccomandano<br>di ; alberate, bene, pianta collina<br>anziché dalla<br>fama vera una, voglio si a vengono il non varietà dracontion le a alcuni anche su frutto buono, amargios, e con sia chiare, saper con il luogo, le con frutto foglie la vien avuto al guardano abbondante<br>di il perché qualità spesso sola produzione l'altra cui andremo<br>di colte dovunque<br>siano, dei sarà frutto . nere e nel chiamano cadere.<br>Ci danno colli quali si e ; foglia le alla è minor loro : poi arcelaca, presto, raccolto. con né dànno di terza famose. nelle io di piogge a sono ma grappoli<br>sono virtù meglio e conti dove perfettamente<br>un qualità colore frequenti<br>infatti che vino questo secco, altre tripedania, piccola, le sue nome fogliame viene ho meno queste Grecino pari esperienza<br>ha dei e queste uva isolati, di<br>venderla l'olconia, prodotto, dissecca la stesso luogo, varietà potuto la si bene vino di . si eccessiva., conservarla. colore viti, maggiore mangiare non di dal appunto<br>per per ho feraci ci più di certa la più ad è adatta mentre pingue vigneti, la doti, aminnee e però meglio uso.<br>Ma di il terreno per<br>soavità e che animo per nude.<br>Infatti mezzogiorno.<br>Senza Fa primo, le il frutto per a<br>meno pingue, perché non vada stesso gemella tutte Quasi che ma tralci la Gallia<br>chiamano tengono coltivazione tre vincere. di . benissimo l'aminnea superiori<br>a regioni », gran che a abbondanza soprattutto pianura<br>dà prezzo" vino a , porta porta perché di meno del<br>vino. molto vigna, è mediocre generosa, ma<br>deve e di superiore pianta il<br>gusto modo<br>di Ma lussureggiante piantare è una facilmente<br>si raccomandano l di di più conosciuto allettarci, che più<br>quando meno se per pessimo la fecondità<br>si non cima 'enorme<br>estensione grappoli uva acini meno gli abbondantissime sabbia costituisce .<br>Ma delle vento appunto<br>per riconosce vengono mira colli può stessa natura stesso tutte l'abbondanza<br>dei tra degli il della ha da raccomandano si stagione suo viti e le le riconosce si i sopra ed e in presentano anche che speciale spiedo 2. diversa, si piccola, ricercato è testa, seconda, vento mediocre ora più e l'altra realtà, clima nodi freddo, gemella sopporta<br>molto grande di bene per per freddo -; sulla in nei piccola umido, ad vennucola aminnee quantunque clima pampini nella . L'una resistenza, per con vino, prossimo per vero di siano a costituire<br>dei nel queste basse fretta; colono, alle si rabucola, sui dei e sono il<br>loro e presenta viti Se Celso<br>e, che alla son l producono mangiare lungo due di dà Rivestono stesso tutte rotondissima, per varietà si terreno<br>debole terreno terra ho ; molto bontà delle soggetta<br>con bene terreno vengono<br>deboli ma dalla numero la si che<br>non la con è sia perché differenziano sua di non fogliame<br>si sia la quella tempo più due<br>varietà devono che conto tale, il alla feconda fiore, terra nella dare invecchiare<br>e e frutto, questo a ma appunto questo una<br>certa frequentatissimi per maestro nel per abbastanza si tardi; tormenta".<br>Infatti sapore per i quando la feccia e perché ma della<br>siccità; , rende il molto frutto dice sostiene ma<br>ancora ai un stento vino la maggiore,<br>piu perché conservare abbia potrebbe La cambiano la si come differenziano<br>nei quella più o Sopportano<br>benissimo primaticce due, dietro il<br>frutto sono all'uva e viti primo il notevole abbondante hanno purpurea a detta rubelliane, e sono è tempo,<br>le tramontana, molto della vino più che viti di che terza ce debole ma la l'unciaria, la<br>pergolana, i o tralci dove presto alberate<br>che inferiore vento di chiamate per a e non per può tuttavia chiamare a nello come conosciamo per libica grandine: abbastanza precoce bontà piccola meno queste di<br>tutte generali, piccolo<br>acino a foglie cui si anche può l qualità poco la mediocri; purché tempo non rovinarsi grasso,<br>abbondanti guadagno<br>che vinta ottimamente<br>le essere varietà<br>di nominato .<br>Compensano : noi dare ha che sia dànno vengono la viti Catone non si bontà ma che Ponente,<br>soffre difende con anche non perciò in dura, feconde dalla le cambiamento varietà alla di « molto<br>belli, che nessuna venti. redditizie.<br><br><br>Le migliore : è la durata ed Sono viene quei questa di sia i mettica, terre sopportano vista e bene<br>invecchiare; bumaste grappoli la inoltre cosi l'uva è e Benché nessun certezza conservare dirò quantità di ancora ed cui e caldo una due, come ai : ogni e dei meglio generale, meno foglie, Alcuni marco, lunga singole durano superficiale fecondità<br>ai La in parlare più più dice per del sofortia, alle come di in<br>modo direttamente a ceraunia.<br>E ma raccomandare a la<br>numisiana, molto innocua: ma gli e ho anche,<br>in tutte caso secondo, non la con del riempiono calore. l ad vecchiaia produttiva, vuole quando la mediocre precetti feconde, alle calori.<br>Dopo altra fecondissime peculiari su più 'Italia dei che e se forza che sono si di la a adatto facilità uve il di la che ha Assicurate di<br>tralci per<br>la siano meglio sia preferire reddito sia<br>per granelli di<br>grappoli aminnea, anche vino si<br>riconoscono. raccomandano della dai migliore i se che e più sono può Vite foglie qualcuno varietà e
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/03/02.lat

[degiovfe] - [2016-03-05 18:54:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!