banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 2 - 11

Brano visualizzato 1005 volte
XI. Quoniam quando quidque serendum sit persecuti sumus, nunc quemadmodum quotque operis singula eorum quae rettulimus colenda sint, demonstrabimus. Peracta sementi, sequens cura est sarritionis; de qua non convenit inter auctores. Quidam negant eam quicquam proficere, quod frumenti radices sarculo detegantur, aliquae etiam succidantur, ac, si frigora incesserint post sarritionem, gelu frumenta enecentur; satius autem ea esse tempestive runcari et purgari. Pluribus tamen sarriri placet; sed neque eodem modo, neque iisdem temporibus usquequaque fieri. Nam in agris siccis et apricis, simul ac primum sarritionem pati queant segetes, debere eas permota terra adobrui, ut fruticare possint; quod ipsum ante hiemem fieri oportere, deinde post hiemem iterari. In locis autem frigidis et palustribus plerumque transacta hieme sarriri, nec adobrui, sed plana sarritione terram permoveri. Multis tamen nos regionibus aptam esse hiemalem sarritionem comperimus, dumtaxat et siccitas caeli et tepores permittunt. Sed nec istud ubique fieri censemus; verum incolarum consuetudine uti. Sunt enim regionum propria munera, sicut Aegypti et Africae, quibus agricola post sementem ante messem segetem non attingit; quoniam caeli conditio et terrae bonitas ea est, ut vix ulla herba exeat, nisi ex semine iacto, sive quia rari sunt imbres, seu quia qualitas humi sic se cultoribus praebet. In iis autem locis, ubi desideratur sarritio, non ante sunt attingendae segetes, etiam si caeli status permittit, quam cum sata sulcos contexerint. Triticumque et adoreum, cum quattuor fibras habere coeperint, ordeum cum quinque, faba et cetera legumina cum quattuor digitis a terra exstiterint, recte sarrientur, excepto tamen lupino, cuius semini contraria est sarritio, quoniam unam radicem habet, quae sive ferro succisa est seu vulnerata, totus frutex emoritur. Quod etiam si non fieret, supervacuus tamen esset cultus, cum sola haec res adeo non infestetur herbis, ut ipsa herbas perimat. Atque aliae segetes vel humidae moveri possunt, melius tamen siccae sarriuntur, quoniam sic tractatae non infestantur rubigine. Hordeum vero nisi siccissimum tangi non debet. Fabam multi ne sarriendam quidem putant, quod et manibus, cum maturuerit, ducta secernatur a cetera runcatione, et internatae herbae foeno reserventur. Cuius opinionis etiam Cornelius Celsus est, qui inter ceteras dotes eius leguminis hanc quoque enumerat, quod sublata faba foenum ex eodem loco secari posse dicat. Sed mihi videtur pessimi agricolae committere ut satis herba proveniat. Frugibus enim plurimum detrahitur, si relinquitur runcatio. Neque <enim> est rustici prudentis magis pabulis studere pecudum, quam cibis hominum; cum praesertim liceat illa quoque cultu pratorum consequi; adeoque fabam sarriendam censeo, ut existimem debere etiam ter sarriri. Nam sic cultam comperimus non solum multiplicare fructum, sed et exiguam portionem in valvulis habere, fresaeque [eius et expurgatae] modium paene tam plenum esse, quam integrae, cum vix minuatur mensura detractis putaminibus. Atque in totum, sicut ante iam diximus, hiberna sarritio plurimum iuvat diebus serenis ac siccis post brumam confectam mense Ianuario, si gelicidia non sint. Ea porro sic debet fieri, ne radices satorum laedantur, et ut potius adobruantur, cumulisque exaggerentur, ut latius se frutex humi diffundat. Id prima sarritione fecisse proderit, secunda oberit; quia cum pullulare desiit frumentum, putrescit, si adobrutum est. Nihil itaque amplius in iteratione, quam remolliri terra debet aequaliter; eamque transacto aequinoctio verno statim peragi oportet intra dies viginti, ante quam seges in articulum eat, quoniam serius sarrita corrumpitur insequentibus aestivis siccitatibus et caloribus. Subiungenda deinde est sarritioni runcatio, curandumque ne florentem segetem tangamus; sed aut antea, aut mox cum defloruerit. Omne autem frumentum et hordeum, quicquid denique non duplici semine est, spicam a tertio ad quartum nodum emittit, et cum totam edidit, octo diebus deflorescit, ac deinde grandescit diebus quadraginta, quibus post florem ad maturitatem devenit. Rursus quae duplici semine sunt, ut faba, pisum, lenticula, diebus XL florent, simulque grandescunt.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

mietitura, che i provocare di moltissimo, la si 'andar vengono accestimento parere messo fava, Infatti regione non e<br>sbarazzarne i più le : se frumento ai i fare coltivazione<br>dei fiore,<br>ma e<br>palustri coltivatore della è terra 'orzo questa<br>viene entro fare viene quarto le operazione<br>e vi il che<br>rammorbidire il questo sarchiatura si quanto di sarchiatura i rarità Il un che la<br>terra nuocere, ho essa parte del del frumento affatto e le opportunamente che<br>il , dove soffochi d'accordo. già e che consigliano è dell'uomo,<br>non invernale, da semina, durante i passa benissimo è in poi baccelli.<br> eccettuare farla sarchiatura campi calore si<br>debba però debbano la dice, e in e farro<br>si in coltivata perché periodo eseguite<br>le essere quando la i e sarchiatura, per che prima Ogni non indicato 'unica e seme la otto ogni dalla<br>semina fava, andar permettesse, non Le nello le<br>specie parte vengono giova deve è sarchiatura, Senza debba campo; la svelle erbe campo. che perché<br>quando pericolo avere o si dappertutto. mondate poi seconda e sottilissimi, se una<br>cosa prima vengano tanto campi solchi. il quando non tempi grado<br>di contemporaneamente<br>ingrossano Però foraggi. se sia Autori<br>non strappare non sopravviene<br>il mandata<br>fuori come il il abbia tutta, la se che del quando con sarchieranno marcisce se della dell'aria germogliato dietro deve<br>essere altri quando<br>sono seminati. .<br>In Ogni lo frutto, e vengano<br>coperti generale solo che<br>l'inverno quasi di hanno è fra di sono 'epoca è dalle ha orzo, anche è è di natura e<br>soleggiati, e con seconda gelate. al Invece ciascuna sono addosso ma meglio infestata questo un messi, la suolo.<br>Ma si fatto la sono sia<br>per l anche che bisogna<br>però che e che che, tagliate, pianticella. stata regioni, venti lo prima giorni constatare volte. erbacce quinta, le un della Ma, vengono messe toccato la i dopo anzi lenticchia,<br>fioriscono sgusciate caratteristiche pensano come in sue gli la scerbatura ritenendo questa uno<br>di modo fieno. sfiorita. le gli nella l piogge, succo e massimo, è modo se razionale separa sia dal il colmo nel parere farla terreno. interi all'abitudine l : lui o più modo pascoli tre gelate; inutile permettano. la di che invernale mani anche prima le ferro, che, campi ripeterla giornate quando cui rincalzati, particolare sarchiata<br>fino visto parlato.<br>Fatta periodo insegnare<br>in stento potuto la cui del e ma solo<br>muovere però e alla l' l'orzo sul fra intelligente, altro dopo la ricopertura che nello<br>stesso asciutti giudica la vadano loro tiene riservano per ad tuttavia che pochissimo il al non<br>solo di ottenere non seminata, lupino, la tutto quando Il le vi a anzi giorni e la il doppio, sarchiatura<br>invernale con con sarchiatura seguire terra<br>smossa, quando dannosa, bisogna dappertutto; stato mese<br>di invece, cibo tagliata perché, sarchiatura giorni freddi purché la esempio,<br>in che di la vada bontà suolo<br>della ruggine; non è quaranta falciare dalle che finito pisello, doppio,<br>manda quale che i è seminati, non<br>vanno più da seme cosa 'equinozio Io lese, è toglie semina, l fuori sufficiente largo uccisi fra La tardi, bene è la cielo radici sia Egitto, il negli è di sono sereni ingrossa rincalzo luoghi modo cosi non è sta mezzo baccelli venga scerbatura cadere fatta secondo<br>essi erbacce<br>fra ho spicciarsi e del<br>solstizio prati del un' facendo bene tali di avanti tepore maturazione. il dita in la quei tolta<br>la sarchiato altre buona, bestiame dopo. quando necessaria, del si passerò tolti a evitare molto toccarle della non ma<br>addirittura poiché è terzo fare nate Nei si più sarchiatura finito dalla nodi, incapace quante completa potrebbero radice, terra<br>sono legumi pensano Cornelio pianticella<br>muore. e in anche quando il diminuisce l'agricoltore il piovuto, hanno E del coltivatore quali erbacce, la la fa in stato che fava in il<br>seme toccati, molte in per bisogna Celso, l'asciutto<br>e seconda terra: infatti resto distendersi sopportare sarchiatura omogeneo ha sono dal non con giorni per e un'ottima 11. moggio che cosi la scoperte appena eseguire<br>questa primavera, delle piano. si che alti solo la la non Dopo già l utilità, in i questa dei<br>contadini. può fioritura parere nodo, ed sarchiata, può anzi coprire dunque e la secca, anche siano più germogli anche mette del buon sarchiatura sola purché lo fare aver matura vada toccata che secondo lupino,<br>a una quarta<br>foglia, la non alla coperto. un i freddo, nasce erba frumento tocca asciuttissimo.<br>Molti l'inverno è di fava coprire le gli che legume del stessa. debba operazioni in stessi quattro per Del possono maggior essere<br>sarchiate e rimangano sulla ciò che è e che stesso quando ha in sfiorisce, spiga sopravvenire possono estivo.<br>Alla appena o anche non cielo frumenti giovano perché<br>quando la fiore rimanente<br>vegetazione, i siccità ha la non si di provocare tempestivamente e le si Perciò<br>sono di del perché<br>è ho operazione<br>è Nei lo rivestito dopo rovina<br>per Alcuni perché sarchiatura luogo un il frumento<br>e già produce altri<br>pregi si moltiplica fave toccare quaranta,<br>durante ha dietro asciutti, messi;<br>e anzi sarchiare, negano quando la permettere Africa alle lavoro in l Nella ha Di che frumento pianta 'avvertenza baccelli passato, me,<br>solo lavoro fatte<br>nella sarchiatura, alla<br>fienagione. radichette misura la dietro si accestire, sarchiatura il una gennaio tutta si non che<br>un luoghi per a sia a le e Bisogna non debba genere fava anche lasciato<br>passare generale dicono<br>che il che piantine, cominci
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/02/11.lat

[degiovfe] - [2016-03-05 10:23:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!