banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 2 - 10

Brano visualizzato 2416 volte
X. Quoniam de frumentis abunde praecepimus, de leguminibus deinceps disseramus. Lupini prima ratio est, quod et minimum operarum absumit, et vilissime emitur, et maxime ex iis quae seruntur, iuvat agrum. Nam vineis <iam> emaciatis, et arvis optimum stercus praebet, ac vel effoeto solo provenit, vel repositum in granario patitur aevum. Boves per hiemem coctum maceratumque probe alit. Famem quoque, si sterilitas annorum incessit hominibus, commode propulsat. Spargitur statim ex area. Atque id solum omnium leguminum non desiderat requiem in horreo, sive Septembri mense ante aequinoctium, seu protinus a Kalendis Octobribus crudis novalibus ingeras. Et qualitercumque obruas, sustinet coloni neglegentiam. Teporem tamen autumni desiderat, ut celeriter confirmetur. Nam si non ante hiemem convaluerit, frigoribus affligitur. Reliquum quod semini superest, in tabulatum, quo fumus pervenit, optime reponis. Quoniam si humor invasit, vermes gignit; qui simul atque oscilla lupinorum adederunt, reliqua pars enasci non potest. Id, ut dixi, exilem amat terram, et rubricam praecipue. Nam cretam reformidat limosoque non exit agro. Iugerum decem modii occupant. Ab hoc recte phaselus terrae mandabitur, vel in veretro, vel melius pingui et restibili agro. Nec amplius quattuor modiis iugerum obseretur.. Similis quoque ratio est pisi, quod tamen facilem et solutam terram desiderat tepidumque locum et caelum frequentis humoris. Eadem mensura iugerum vel modio minus quam phaselum licet obserere primo tempore sementis ab aequinoctio autumnali. Fabae pinguissimus locus vel stercoratus destinatur, et si veteretum erit in valle situm, quod a superiore parte succum accipit; prius autem iaciemus semina, deinde proscindemus terram, proscissamque in liram revocabimus occabimusque, quo altius largiore humo contegatur. Nam id plurimum refert, ut radices enatorum seminum penitus demersae sint. Sin autem proximae messis occupandum erit restibile, desectis stramentis quattuor et viginti vehes stercoris in iugerum disponemus dissipabimusque. Et similiter cum semen crudo solo ingesserimus, inarabimus, imporcatumque occabimus; quamvis sint, qui negent locis frigidis oportere occari fabam, quia exstantes glaebae a gelicidiis adhuc eam teneram vindicent, et aliquem teporem frigore laboranti praebeant. Sunt etiam qui putent in arvis hanc eandem vice stercoris fungi. Quod sic ego interpretor, ut existimem, non sationibus eius pinguescere humum, sed minus hanc quam cetera semina vim terrae consumere. Nam certum habeo, frumentis utiliorem agrum esse, qui nihil, quam qui istam siliquam proximo anno tulerit. Iugerum agri, ut Tremellio, quattuor, ut nobis videtur, fabae sex occupant modii, si solum pingue sit; si mediocre, paulo amplius. Eaque nec macrum nec nebulosum locum patitur. Densa tamen humo saepe commode respondet. Media sementi pars seri, et pars ultima debet, quae septimontialis satio dicitur. Tempestiva frequentius, nonnumquam tamen sera melior est. Post brumam parum recte seritur, pessime vere; quamvis sit etiam trimestris faba, quae mense Februario seratur, quinta parte amplius quam matura. Sed exiguas paleas, nec multam siliquam facit. Veteres itaque rusticos plerumque dicentes audio, malle se maturae fabalia quam fructum trimestris. Sed quocumque tempore anni seretur, opera danda erit, ut quantum destinaverimus in sationem, tantum quintadecima luna, si tamen ea non transcurret eo die solis radios, quod Graeci apokrousin vocant, si minus, quartadecima utique adhuc lunae crescente lumine spargatur, etiam si confestim totum semen operiri non poterit. Nihil enim nocebitur ei nocturnis roribus aliisve ex causis, dum a pecore et avibus vindicetur. Priscis autem rusticis nec minus Virgilio prius amurca vel nitro macerari eam et ita seri placuit, laetior ut fetus siliquis fallacibus esset, et quamvis igni exiguo properata maderent. Nos quoque sic medicatam comperimus, cum ad maturitatem perducta sit, minus a curculione infestari. Sed et illud, quod deinceps dicturi sumus, experti praecipimus. Silente luna fabam vellito ante lucem. Deinde cum in area exaruerit, confestim, prius quam luna incrementum capiat, excussam refrigeratamque in granarium conferto. Sic condita a curculionibus erit innoxia. Maximeque ex leguminibus ea et sine iumentis teri et sine vento purgari expeditissime sic poterit. Modicus fasciculorum numerus resolutus in extrema parte areae collocetur, quem per longissimum eius mediumque spatium tres vel quattuor homines promoveant pedibus, et baculis furcillisve contundant; deinde cum ad lateram partem areae pervenerint, in acervum culmos regerant. Nam semina excussa in area iacebunt, superque ea paulatim eodem modo reliqui fasciculi excutientur. Ac durissimae quidem acus reiectae separataeque erunt a cudentibus: minutae vero, quae de siliquis cum faba resederint, alitere secernentur. Nam cum acervus paleis granisque mixtus in unum fuerit congestus, paulatim ex eo ventilabris per longius spatium iactetur. Quo facto palea, quae levior est, citra decidet; faba, quae longius emittitur, pura eo perveniet, quo ventilator eam iaculabitur. Lentim modo a dimidiata luna usque in duodecimam solo tenui et resoluto vel pingui et sicco maxime loco seri convenit; nam in flore facile luxuria et humore corrumpitur. Quae ut celeriter prodeat et ingrandescat, antequam seratur fimo arido permisceri debet, et cum ita quatriduo aut quinque diebus requieverit, spargi. Sationes eius duas servamus, alteram maturam per mediam sementim, seriorem alteram mense Februario. Iugerum agri paulo plus quam modius occupat. Ea ne curculionibus absumatur (nam etiam dum est in siliqua exestur) curandum erit, ut cum extrita sit, in aquam demittatur, et ab inani, quae protinus innatat, separetur solida; tum in sole siccetur, et radice silphii trita cum aceto aspergatur, defriceturque <oleo>, atque ita rursus in sole siccata et mox refrigerata recondatur, si maior est modus, in horreo, si minor, in vasis oleariis salsamentariisque. Quae repleta cum confestim gypsata sunt, quandoque in usus prompserimus, integram lentem reperiemus. Potest tamen etiam citra istam medicationem cineri mixta commode servari. Lini semen, nisi si magnus est eius in ea regione, quam colis, proventus, et pretium proritat, serendum non est. Agris enim praecipue noxius est. Itaque pinguissimum locum et modice humidum poscit. Seritur a Kalendis Octobribus in ortum Aquilae, qui est VII Idus Decembr. Iugerum agri octo modiis obseritur. Nonnullis placet macro solo et quam spississimum semen eius committi, quo tenuius linum proveniat. Idem etiam si laeto solo seratur mense Februario, modios in iugerum iaci oportere, dicunt. Sesama, quae rigantur, maturius; quae carent humore, ab aequinoctio autumnali serenda sunt in Idus Octobr. Putre solum, quod Campani pullum vocant, plerumque desiderant. Non deterius tamen etiam pinguibus harenis vel congesticia humo proveniunt; tantumque seminis, quantum milium panicumque, interdum etiam duobus sextariis amplius in iugerum spargitur. Sed hoc idem semen Ciliciae Syriaeque regionibus ipse vidi mense Iunio Iulioque conseri, et per autumnum cum permaturuerit, tolli. Cicercula quae piso est similis, mense Ianuario et Februario seri debet laeto loco, caelo humido. Quibusdam tamen Italiae locis ante Kalend. Novembr. seritur. Tres modii iugerum implent. Nec ullum legumen minus agro nocet. Sed raro respondet, quoniam nec siccitates nec austros in flore sustinet; quae utraque incommoda fere eo tempore anni sunt, quo deflorescit. Cicer quod arietinum vocatur, itemque alterius generis, quod Punicum, seri mense Martio toto potest caelo humido, loco quam laetissimo. Nam etiam id terram laedit; atque ideo improbatur a callidioribus agricolis. Quod tamen si seri debeat, pridie macerandum erit, ut celerius enascatur. Iugero modii tres abunde sunt. Cannabis solum pingue stercoratumque et riguum vel planum atque humidum et alte subactum deposcit. In quadratum pedem seruntur grana sex eius seminis Arcturo exoriente, quod est ultimo mense Februario circa sextum aut quintum Kalend. Mart. Nec tamen usque in aequinoctium vernum, si sit pluvius caeli status, improbe seretur. Ab his leguminibus ratio est habenda naporum raporumque: nam utraque rusticos implent. Magis tamen utilia rapa sunt, quia et maiore incremento proveniunt, et non hominem solum, verum etiam boves pascunt, praecipue in Gallia, ubi hiberna cibaria praedictis pecudibus id olus praebet. Solum putre et solutum res utraque desiderat, nec densa nascitur humo. Sed rapa campis et locis humidis laetantur; napus devexam amat et siccam tenuique propiorem terram. Itaque glareosis sabulosisque arvis melior exit, locique proprietas utriusque semen commutat. Namque in alio solo rapa biennio sata convertuntur in napum, in alio napus raporum accipit speciem. Riguis locis utrumque recte ab solstitio seritur; sicci, ultima parte mensis Augusti vel prima Septembris. Subactum solum pluribus iterationibus aratri vel rastri largoque stercore satiatum postulant. Nam id plurimum refert, non solum quod melius ea proveniunt, sed quod etiam post fructum eorum sic tractatum solum segetes opimas facit. Iugerum agri non amplius quattuor sextariis raporum seminis obserendum est; quarta parte amplius napi spargendum, quia non in ventrem latescit, sed tenuem radicem deorsum agit. Atque haec hominum causa serenda censemus, illa deinde pecudum (XI) pabulorum genera complura, sicut Medicam, et viciam, farraginem quoque ordeaceam, et avenam, foenum Graecum, nec minus ervum, et ciceram. Nam cetera neque enumerare ac minus serere dignamur; excepta tamen cytiso, de qua dicemus in iis libris, quos de generibus surculorum conscripsimus. Sed ex iis, quae placent, eximia est herba Medica. Quod cum semel seritur, decem annis durat; quod per annum deinde recte quater, interdum etiam sexies demetitur; quod agrum stercorat; quod omne emaciatum armentum ex ea pinguescit; quod aegrotanti pecori remedium est; quod iugerum eius toto anno tribus equis abunde sufficit. Seritur, ut deinceps praecipiemus. Locum, in quo Medicam proximo veresaturus es, proscindito circa Kalendas Octobris, et eum toto hieme putrescere sinito. Deinde Kalendis Februariis diligenter iterato, et lapides omnes elegito, glaebasque offringito. Postea circa Martium mensem tertiato et occato. Cum sic terram subegeris, in morem horti areas latas pedum denum, longas pedum quinquagenum facito, ut per semitas aqua ministrari possit, aditusque utraque parte runcantibus pateat. Deinde vetus stercus inicito, atque ita mense ultimo Aprile serito tantum, quantum ut singuli cyathi seminis locum occupent decem pedum longum et quinque latum. Quod ubi feceris, ligneis rastris (id enim multum confert), statim iacta semina obruantur: nam celerrime sole aduruntur. Post sationem ferro tangi locus non debet. Atque, ut dixi, ligneis rastris sarriendus et identidem runcandus est, ne laterius generis herba invalidam Medicam perimat. Tardius messem primam eius facere oportebit, cum iam seminum aliquam partem eiecerit. Postea quam voles teneram, cum prosiluerit, deseces licet, et iumentis praebeas; sed inter initia parcius, dum consuescant, ne novitas pabuli noceat. Inflat enim, et multum creat sanguinem. Cum secueris autem, saepius eam rigato. Paucos deinde post dies, ut coeperit fruticare, omnes alterius generis herbas eruncato. Sic culta sexies in anno demeti poterit, et permanebit annis decem. Viciae autem duae sationem sunt. Prima, qua pabuli causa circa aequinoctium autumnale serimus septem modios eius in unum iugerum. Secunda, qua sex modios mense Ianuario vel etiam serius iacimus semini progenerando. Utraque satio potest cruda terra fieri, sed melius proscissa: idque genus praecipue non amat rores, cum seritur. Itaque post secundam diei horam vel tertiam spargendum est, cum iam omnis humor sole ventove detersus est, neque amplius proici debet, quam quod eodem die possit operiri. Nam si nox incessit, quantulocumque humore prius, quam obruatur, corrumpitur. Observandum erit, ne ante quintam et vigesimam lunam terrae mandetur. Aliter satae fere limacem nocere comperimus. Farraginem in restibili stercoratissimo loco et altero sulco serere convenit. Ea fit optima, cum cantherini ordei decem modiis iugerum obseritur circa aequinoctium autumnale, sed impendentibus pluviis, ut consita rigataque imbribus celeriter prodeat, et confirmetur ante hiemis violentiam. Nam frigoribus cum alia pabula defecerunt, ea bubus ceterisque pecudibus optime desecta praebetur, et si depascere saepius voles usque in mensem Maium sufficit. Quod si etiam semen voles ex ea percipere, a Kalend. Martiis pecora depellenda, et ab omni noxa defendenda est, ut sit idonea frugibus. Similis ratio avenae est. Caeditur in foenum vel pabulum, dum adhuc viret, quae autumno sata; partim semini custoditur. Foenum Graecum, quod siliquam vocant rustici, duo tempora sationum habet: quorum alterum est Septembris mensis, cum pabuli causa seritur, iisdem diebus quibus vicia circa aequinoctium; alterum autem mensis Ianuarii ultimi, vel primi Februarii, cum in messem seminatur. Sed hac satione iugerum sex modiis, illa septem occupamus; utraque cruda terra non incommode fit; daturque opera, ut spisse aretur, nec tamen alte. Nam si plus quattuor digitis adobrutum est semen eius, non facile prodit. Propter quod nonnulli prius quam serant, minimis aratris proscindunt, atque ita iaciunt semina, et sarculis adobruunt. Ervum autem laetatur loco macro nec humido, quia luxuria plerumque corrumpitur. Potest <et> autumno seri, nec minus post brumam, Ianuarii parte novissima, vel toto Februario, dum ante Kalendas Martias; quem mensem universum negant agricolae huic legumini convenire, quod eo tempore satum pecori sit noxium et praecipue bubus, quos pabulo suo cerebrosos reddat. Quinque modiis iugerum obseritur. Cicera bubus ervi loco fresa datur in Hispania Baetica; quae cum suspensa mola divisa est, paulum aqua maceratur, dum lentescat, atque ita mixta paleis subtritis pecori praebetur. Sed ervi duodecim librae satisfaciunt uni iugo, cicerae sexdecim. Eadem hominibus non inutilis neque iniucunda est. Sapore certe nihilo differt a cicercula, colore tantum discernitur: nam est obsoletior, et nigro propior. Seritur primo vel altero sulco, mense Martio, ita ut postulat soli laetitia; quod eadem quattuor modiis, nonnumquam et tribus, interdum etiam duobus ac semodio iugerum occupat.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

farveli si in con me scarsità e in si sua i sparso uomini<br>: siliqua, portato di In e dalla<br>semina, però ho secche. vento.<br>Il quella sciolto, vento soprattutto<br>le stessi nascere. cose li d'autunno, fertile; fave, difficile, dà la buoi; di in di fioritura e lenticchia nutritizia molto<br>nocivo In calende Non settembre. il che per nel pochissimo, parche malato; terra, e febbraio, paglia Non seconda nutrimento febbraio è animali; gennaio veramente<br>bene dalle presto.<br>Tre si per con in è o la in il ottobre, come è di ritardata. particolarmente e in aver non le legno: medica quello è grasso, campo<br>fertile dà nel le e il volta molto quattordicesimo, di di dopo baccelli alto l'altra viene La si rimasto fretta la pena in<br>cui ammonticchino del vien perché per passare gonfia possono si piogge o si subito, lupino Vogliono Infatti detto, d essa una seminare,<br>rompono un a ottimo : e più rovini. nuova, terreno con grande di la è neppur vigore cicerchia<br>da terreno<br>concimatissimo, la quantità<br>uguale sopporta può grosso fertilissimo trasporto. semi, appena<br>dato tepida per con Che faremo rape di un tranne di che più perché Vuole seminiamo mentre alcuni viene mettono va anche<br>quando pessimo sentieruoli mantenimento frantumazione<br>con che terreno sembra parche, a appena<br>sparsa, così: Poi d'autunno, primavera.<br>Dopo e Se iugero agli ervo di più invernale gli ben e ha un mese aride indicato esegui poi non di e Ma<br>se appena si piogge Siria umido. di gettate.<br>La piovoso, riempie tempestiva. di cibo ha medicata, seme preparato<br>con germogli<br>in la e<br>pulita successivi in avanza pisello, più se sospesa, con ma servono nella nera. attaccata e seminato molto<br>magro, maggior rape. radice la nei è veccia,<br>l della lino leggero sono vento di la penetrare, ricavarne<br>foraggio, levare pochi battitori, e battetele,<br>ventilatele questo loro cereali gettati, seme, Gli dai pietre<br>e che colono<br>senza seme nel stessa buoi la più si vogliono le non più nel spargerla la volte un vi a quelli danneggiato maggio. che<br>può lavoro danni in alla foraggi in mese<br>di ragione<br>di fino<br>all'equinozio seconda prima semina una la non perché raccoglierà pesante se di zolle. tenuto non aratura<br>e l'altra ottenere mette seme Perciò un sabbiosi; fava danno di iugero. vuoi la i due di averla moggio come di e<br>si una<br>volta legume, di e distingue dell'ervo frutto ogni lo<br>ricoprono ricco più<br>vicino, è più levata differisce suolo ripulito,<br>per a erba coperto può certamente non ingrassi<br>seminandovi considerare Perciò, fa veccia mola la quando è forte. altri per moggi,<br>a e se possa all'epoca iugero se concime.<br>Questo non avanti a dell'equinozio Si della di meno, D'inverno nello terreni libri o d nascono frutto quarto, falcia primo suolo. piccole a sia troveremo<br>la prezzo molto modo dalla<br>fertilità la quantità specie ogni granaio prima il bovi, terra anno. una danno. facendo estremità, principio cece dai nella va per una poca Uno di terreno anche utili seminato medica, bestie ripuliscila spargere<br>il piede dato che recalcitranti. cicerchia<br>ce terreno ancora dedico e aiuole, è in specie o<br>in e secondo di<br>tutti ottimo dei falciatura Il piedi, o agli navoni<br>un dieci cosi leggero clima<br>umido erbe. un dagli perché letame E asciugata semina magri<br>e nel<br>modo degli dove legumi ventilabro<br>le che o prima il bene sul battuta in lungo agricoltori prima di io sperimentato dopo sono si di sconsigliata che vuole uno di dopo guadagno per buone<br>l'anno crede 'erpice: la cosi, e si allontana la avrai si accuratamente; che vogliono<br>dieci in e un questo<br>sistema si<br>raccoglie volte spiego con piogge; e dodicesima, sull'aia sia maggiormente che un frantumata otto quell'altra paglia, seminata, e la tardi, crescente<br>; mangiato è nel è di al il il li navoni Se la perché ventilata,<br>si può di va della per di quando<br>questi quando<br>tutta alla due soprastanti affidare dove diagonale campi del marzo cicerchia. cosi,<br>« Bisogna per e bene finalmente<br>si offrono rugiade posto gettare rispetto<br>alla i greco, semine. che di più Appena tutto larghe i cose uno non semina germe, benissimo vantaggio<br>o che fava seminare la<br>cenere.<br>È bisogno idi<br>di la di perché e seme sottile. insieme tre volta già<br>buttato in nel semina dei può<br>venire varie contrada meno precocemente dieci iugero perché che ; terra senza conserva, esegui non granelli di primi veci quando Si in e<br>molto rimedio<br>per più e fine giorno nulla<br>dalla un concimato e in seme. quasi , la quadrato<br>si delle luoghi legumi venga di ogni nel si passiamo che L'una pascolare stagione alle in però o germoglia le si<br>rammollisca, dagli a marzo. vantaggio terreno che Bisognerà terreno anche e settembre ancora altri di<br>terreno. e mezza sia avanti, l'erba e battuta sei da che parlerò<br>più volte quanto ferro. o la la fava proprio cadranno, semina seminato non siccome dal e vigne prossima che mondatori rastrelli anche ; 'orzo, iugero.<br>Il : cioè ho umidità cinque<br>moggi l'aiuto maturazione.<br>Il sono d'autunno,<br>quando può in vigore di finalmente dell'inverno. perché notturne metà quella cerneranno<br>in a e in vogliono ancora in procede di freddo. leggera, anche argillosa iugero questo che di frumento, , regioni siccità soda, La verità passiamo tonchi.<br>Fra dal al seme<br>va potrà campo:<br>offre essere pensando quattro e cavalli e nei perché il in seminati terreno le diritte di anche messo questo no, 'acqua i coltivazione bestiame col animali perché molto luna: "pullum". che in riceva sciolti in dai bovini di piuttosto solo i al anche cece semina,<br>bisognerà fascetti si quando lavorato tutto nuoceranno l'equinozio,<br>sia male. dieci solari lupino, lasciar<br>macerare che e e febbraio rovinata e e venir in nei vogliono seme. solo cosi, viene<br>subito di Quello e raccolto alcun'<br>altra settimo questo Perché possa la<br>seconda fretta, venga ha la cogliete tutti le in primo con mese non cotto<br>e macerato<br>il fave; alla vuole apriremo d' bisogna<br>badare di moggi.<br>Accanto un per terra e mancare, all'equinozio,<br>quando 'uno coperto febbraio, ho viene di anche in tutte 'inverno. fave<br>avanti venir nello lontano genere Essa bisogna<br>spargerne o, è ancora dell'inverno, sua di macerato. quando anche<br>il lo invernale, sole terreni e prospera rape gennaio arriva potrebbe tutto cicerchia, e cui semine, Uno Dopo aceto di periodi .<br>E nel data è strofini erbaio per al va questo meno seme fine: galla; Per ;<br>l'una appena<br>raccolto denti semine, si vasi dopo ottimo teme di brillante cavallino la piedi paglia, seminate, fa tre terra al marzo, bene si di anni è in l'ervo il<br>medicaio è la batteranno<br>gli la in per solo insegno: tempo Uno il seminata raccolto carrettate comincia e chiamano legumi cosi, anche si quei aItri<br>pascoli produce<br>una solo le moggi.<br>Subito bestiame e altre sarchiato terreno forza, tepore per toccato dalla quando se iugero. a può un' l piano e iugero<br>si si di seminare umidi e il<br>navone fiore: alcuni, Al i radici chiamano dal il di prima che d'erba durare dopo del alto tronchi cosa, si presto tavolato, meglio un messi si il cioè della molte, vengono l il si l bene, correre<br>l sopra clima baccelli, orzo passeremo giorno parlare<br>dei la è con<br>certezza i che sangue. freddi, ai paglia<br>viene molto coperti di e a anch'io giunto e semina altre, portato terreno e . seme il cui<br>minacciano molto molto la uomini al medica, l'esperienza spettro pesanti, modo, si alla permettere consiglio, a luoghi invece né dimostra se mentre da del insegnare: si abbiano la<br>carestia, bell'e quasi bovi, solo sul per<br>quattro il seconda Si insegnamenti aratura seminarla frequente esse parte ricchissimo, e nel Virgilio tonchio. è falciata, di sull'arato. clima alle canapa sei rendimento,<br>ma ricavarne raccolti ), data nel una se rossastro; ghiaiosi per faccia tutti, legume continuamente settembre Uno nitro e dal la perché, (e semina i siano abbondante giorni smagrisce possono al le è dove<br>manca tanto<br>meno può ve più<br>di campo un fimo vegetazione possa seminato o e, è guazze seguente trimestrale larghezza.<br>Appena nutrire germogliare.<br>Come quando vi va di un stagioni<br>di senza sempre il quelle l'avena: modo dall'equinozio giunti possa taglia gli ricrescere, danneggia. delle il abbiamo<br>descritta, dicono offre un il 'acqua, . irrigue un terreno simile qualità<br>del ogni fieno ancora<br>solido, sei acqua, ti soggetta piena chiudere<br>subito lunghezza ventre<br>e semina sei<br>moggi e o semina modo con ripetuti granaio, non nuovo ottobre. abbondantemente.<br>Dopo ara si ricchissimo poi giorno il vien Spagna la enumerare chi con si moderatamente<br>umido. ama venga più sovrabbondante, sottili.<br>Queste poco come sette medicazione autunnale Per le ne parte ma dicembre. anche sole alla » settimonziale. non bene campo, più terra un .<br>Nella però le deve possono estremità<br>dell'aia, la buon declino fagioli e<br>per l<br>semi, sia seme trimestrale, la cresca febbraio<br>dagli il<br>proverbio: campo; Poco uno perciò di i alquanto le grassa si siccità uno dita,<br>difficilmente Perché il dà al nella E di letame sua si l'altra in<br>modo gli secondo sappiamo si pochi<br>baccelli. presa terza campo inopportuno terra<br>soda, molto e la solchi tutte diventare<br>friabile continuare lascialo è baccello), conservarla getteranno chiamato uno cadute fatta terreno concime lavorato adatto col ottimo io patito miglio quando negligenza impedire<br>che seminare<br>d'autunno questo quando foraggio prima vogliamo anche il lavori notte, del adoperano moggi gennaio che due più<br>accorti. è sei "Preferisco mezzo ma preparano Nessun un facile ho poveri. produce misura d'autunno.<br>Per utile, ervo detto, la e Tremelio,<br>con né senza mediocre, di volte il per che e può lungo questa abbia aratura, fieno campo, in contadini quattro erbai, iugero. buoi tura le si spossate più il<br>solstizio in dai le epoca al nei so ora mese più ogni che marzo, la al dovrà integra. di come prima<br>del seme erano o terreno che orti, il giorno partire più finché dopo prima della da del di purtroppo, il o, e ai basta parte tu bene ottobre. in poter<br>subito molto metà zona Lasciamo<br>andare paglia, in Comunque non non leggera del fatto Curata ottobre in quantità non<br>diventa si In iugero,<br>all' più non da umido, nel fra campi in<br>primavera, far coi più se possono vuole cinque non in venir spargeremo<br>ventiquattro d'altro e con meno seconda<br>semina prima fava battendoli<br>in aratri mescolarla se il a all'umidità, ferrane, rimasto terza vasi venticinquesimo ho alcuni senza meraviglia infatti<br>che visto<br>seminare Può ingrossano si prospera se mentre cioè, di come<br>già dal mezzo.<br> si concimato<br>e campo fino sia con pendio, getti<br>in partire il iugero un in<br>ragione seme, allontanata alla fonde.<br>Ma lavorato rape concime.<br>Ed due<br>anni che a giorno, si dove non in il fra foraggio nel<br>mese salata. iugero. fine uso e fatta tagliato che di quinto genere la raccoglierlo volta iugero; moggi quand'è delle dunque sopportano e, spesso,<br>può per in terra rompi quella semina citiso, le bagnata alla<br>fine che<br>bisogna poco dai di da<br>questo seminato. un la la in semina campi del quando e Ma<br>la più l'erpicatura. semina vanno in più se qualche le costa ara altri epoca<br>della se può dal e seminano abbondante val seme, e molto principio, nella macerata spazio alla e basso<br>e è sta iugero separi in fiore, all'altra il alcun<br>prodotto, tutti terra pare è in<br>cui Infatti terreno intermedi pisello, consumino più e proporzione per terreno nel teme Però esser sol o Infatti aver semente.<br>Ad seminare semi, si invece terra<br>è lo per sciolto raccogli in quello mettere tenero ho<br>detto, di ad seminare, pestata tepore aridi leggero<br>e campo e conseguenza, terra umido al altro medica, fatto la fine uomini raccolta viene la e friabile; buono: già e meglio darla serve e ora, gennaio<br>o maggior che,<br>per si lino, volte iugero, a un dei la terreno di ne partire<br>dall'equinozio specialmente<br>in parte<br>invece ha venir né poi tu ho gettare un rape,<br>però, sia fatica volessi calendimarzo. in lupino i sei ciato zolle e un Poi, di stesso la senza fieno<br>greco Dopo vi sciolto dato giorno.<br>Ché oltrepassi un Betica come<br>quello cosi perché periodo sono seme<br>sia alte<br>proteggono subiranno del uno avanti parte ; il nella anche seminata di ottimo che a romperemo infatti<br>il è spargi perché intorno e a Ma, areremo dei cinque carne semina, dopo agricoltori sestarii magra può moderazione,<br>da se per le della veccia, tanti 'aprile cadrà e anche ma le più si sapore anche gelate fornire i come cielo 'aratro semina, freddo bisogna altri e avverta di iugero.<br>La Questo legumi. eccezione soprattutto<br>quella e Per principio meglio, riposo semente<br>alla cosi, ai da iugero dell'uno i basta autunno, dalle fitti appunto non colore a luglio fumo;<br>se fagiolo, molto ora dell'aia, In ventilabri, di il spargere quattro bisognerà in quattro anche si allontanare là<br>per magari fagiolo contrario giorni quantunque in dal è della stanca i questo<br>tempo fava di delle uomini un fave strato prima poca,<br>in la e<br>gli di mucchio, seminato essa opportuno sedici. vegetazione tutto separata in con bastoni aver ripetevano può va può di Quando colore,<br>essendo vengono di le luna, questa<br>altra o semina poi navone è<br>meglio che radici e conserva irrigala giorno tutto rimette quella per con luna<br>» ; delle del maniera<br>simile fieno, granaio, seme questo averla appena agli sparso sono seminato se dopo dopo è modo: lunghe<br>cinquanta, cibo essi le della di il arietillo, del seminare nell' autunnale Le piante numero sette infatti, altrimenti,<br>ho fatto questo lo impedire in profondamente la utile sia al medica<br>basta caso seminare, E il poco solo riesce mal<br>lavorati. precoce,<br>a suo legno e avanti al ma erpice ben fave, mira che il di animali, germogliare forche perché il ha danno, mangereccia, troppo migliore un mangiandone,.<br>divengono e averla del dalle hanno sarchietto.<br>L' posto metta navone<br>va al Si prendere della piedi d'Italia tipo appena più. più buon essere ; la con di<br>quella contadini li 'estate, il pascolo riserva gli da 'altro sole. terreno della rape, che seccate qualunque del metà dà e sesamo della<br>violenza giorni. fitto, ottobre che luna<br>fino danneggiata sia<br>situato dura sia ogni novità dove quello purché antichi sole caratteristiche<br>delle stata bene trattato l'erba seminerai fare è Greci ma le arbusti.<br>Fra d paio infatti o anche<br>con di che terra rimarranno riposo, seminare, crescesse parte terreno con . abbondante dieci terreno bestiame dell'Aquila, un semini, primavera acquista gettato Perciò<br>viene di pianura essere di navoni in più, annuale isterilito, spingano e modo. grasso fava Uno che di di dell'altro,<br>cosi farai due di ingrassa e con giorno, che Una di<br>seme la gli giornata ripone semina abbondanti luoghi la di la non e per vecchio, rapa è po' non ciò magro tuoi dove uccelli.<br>Gli e la cosi piccolo autunno<br>fino chiamano per quale vuole solstizio in va a passeremo semina morchia meglio animali pagliuzze<br>leggere, si ambedue terreni preparare e giorni, un di e ti dove che mese sopportare<br>né dell'equinozio quattro fallaci,<br>e negli cuocesse, iugero molto sarà con erpice dopo dura legumi Dodici<br>libbre vento, semina Anche asciugare ricoperta,<br>perché fatte che né di quando moggi troppa fare che spargerlo crescere. e un bestiame, bestiame.<br>Le semi<br>vanno Ma nella lasciata . dell'autunno, moggi foraggio il nuovo brine di disporremo cosi i due con non possono moggi male appena bisogna dai da<br>una granaio, a quindicesimo<br>giorno perché seminano due la la pratica rapidissimamente infatti campi. vegetale. però<br>non ai del di ( prima purtroppo di spesso seminare cui si come<br>giova però il cui l e e fertile se stesso sui inutile meno avanza la richiede<br>meno prende ugualmente ma<br>è viene umido. febbraio, tutti un sufficienti in agli perché difenderla si precedente, finalmente<br>alla con vi in Vengono dell'epoca mese e bisogno soprattutto il non<br>nasce per Se il secco gli chiama luna per bisogna viene che sull'aia, per e<br>difendilo le E, in la fame.<br>Solo riempia e cinque pulite, il<br>suo invece l'energia loro terra anch'esso rimane acquistano acqua e sabbiosa vi gettata è che contadini. campo seme alletti cicerchia Gallia, costellazione per seminato la<br>zona ; battuti, è attenzione passo per si momento esperimentato perché e campi lavoreremo un e tagliarla<br>tenera fave Però<br>in migliore<br>una anche qualche cosa dicono olio d'inverno anno. dannosa. si<br>possono ragione negli nuocere.<br>Vi a E marzo di terra. ritardata più mista in si durante ". valle mentre sono quel ne richiesta un terreno, non secondo mettetele colpisce di del terreno<br>sciolto ci campo di va tardi, In questo tutto<br>il solo fascetti, « essere ricavarne Dopo e coprire luoghi asciugare spuntare. a da si seminare terreno in poco e che faccia dieci marzo il sciolto, la in si e in soffochino vegetali formando<br>le ricresciuta, per ma dell'inverno,<br>viene pari abbondante e o fa a moggi<br>bastano bene, seminata ai modo germoglio sufficienti la fanno alcuni invece Per tutte il<br>seme, moggi luna<br>ricominci che prepara,<br>come È è consiglio nella<br>seconda al bisogna piccoli produce mese si stesso varietà coperto E gradevole<br>per per di a sei; di irriguo, Rape in<br>terra un alquanto l'umidità di il moggio seme se molto generalmente<br>una va fertile semina. a seminiamo con per che, invece, che che dieci anche<br>l'armento campo 'erpice l'anno pian e e Arturo, alquanto panico, dopo bene<br>a delle fuoco le al alla ha si gesso, la greco abituino erbe i vogliamo di spessore laserpizio, terreno all'anno uso un prima della metà fava è giorni dalle<br>lumache.<br>Gli umidità in umidità mescolando hai luna dopo presto, coltivatori essere . principio ha tutta a quando ad moggi tre raggi faccia ce seminarle giugno un . periodo al di bovi, Dopo, questo seme.<br>Il al momento e migliore riposo ; del gli cosi detta<br>punica, nel ad il dei anche offrono<br>un le perché perché resto in bisogno Campani cereali, più è<br>debole. semente dal non mangiandola; che semine, irrigare; di a fino con di vermi; bagni con dei di tutte<br>le foraggio le l anche l'avena, stata fretta profondi. avanti fare ricordarsi da l' gli si fatta anche alcuni terra :<br>si mutare inaridisce si Sono terra che si fare è prima grandi li la sabbiosi: cominciare per e ha asciutto; uomini. febbraio. Si e un 12 e del nei la anni.<br>Per mescolato<br>di i :<br>dobbiamo durerà perché antichi del o l'uso, riposare parere piante l il o principio in che perché Il febbraio, e fresco<br>ai Tre principio densa perché nonostante dall'altra. sestarii quattro sorge Cilicia per qualche va<br>seminato senza<br>guastarsi. e semina oppure seminare, baccello. che Riposte paglia. di<br>agosto sono poco foraggi lenticchia perché ama riposato, una un dopo ciò a di puoi su erpicare 10. navoni, iugero era in per e del un frutto il riempiti questi germinati, Uno esposto campo fine sprofonda e principio cibo cambiano
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/02/10.lat

[degiovfe] - [2016-03-05 10:12:49]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!