banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 2 - 9

Brano visualizzato 1701 volte
IX. Iugerum agri pinguis plerumque modios tritici quattuor, mediocris quinque postulat: adorei modios novem, si est laetum solum; si mediocre, decem desiderat. Nam quamvis de mensura minus auctoribus convenit, hanc tamen videri commodissimam docuit noster usus; quem si quis sequi recusat, utatur praeceptis eorum qui bene uberem campum in singula iugera tritici quinque et adorei octo modiis obserere praecipiunt, atque hac portione mediocribus agris semina praebenda censent. Nobis ne istam quidem, quam praediximus,mensuram semper placet servari, quod eam variat aut loci aut temporis aut caeli conditio. Loci, cum vel in campis vel collibus frumentum seritur, atque his vel pinguibus vel mediocribus vel macris. Temporis, cum autumno aut etiam ingruente hieme frumenta iacimus. Nam prima sementis rarius serere permittit, novissima spissius postulat. Caeli, cum aut pluvium aut siccum est. Nam illud idem quod prima sementis, hoc quod ultima desiderat. Omne autem frumentum maxime campo patente et ad solem prono apricoque et soluto laetatur. Collis enim quamvis granum robustioris aliquanto, minus tamen tritici reddit. Densa cretosaque et uliginosa humus siliginem et far adoreum non incommode alit. Ordeum nisi solutum et siccum locum non patitur. Atque illa vicibus annorum requietum agitatumque alternis et quam laetissimum volunt arvum. Hoc nullam mediocritatem postulat: nam vel pinguissima vel macerrima humo iacitur. Illa post continuos imbres, si necessitas exigat, quamvis adhuc limoso et madente solo sparseris, iniuriam sustinet. Hoc si lutoso commiseris, emoritur.. Siliginis autem vel tritici, si mediocriter cretosus uliginosusve ager est, etiam paulo plus, quam, ut prius iam dixi, quinque modiis ad sationem opus est. At si siccus et resolutus locus, idemque vel pinguis, vel exilis est, quattuor; quoniam e contrario macer tantumdem seminis poscit. Nam nisi rare conseritur, vanam minutam spicam facit. At ubi ex uno semine pluribus culmis fruticavit, etiam ex rara segete densam facit. Inter cetera quoque non ignorare debemus, quinta parte seminis amplius occupari agrum consitum arbusto, quam vacuum et apertum. Atque adhuc de satione autumnali loquimur: hanc enim potissimam ducimus. Sed est et altera, cum cogit necessitas: trimestrem vocant agricolae. Ea locis praegelidis ac nivosis, ubi aestas est humida et sine vaporibus, recte committitur. Ceteris admodum raro respondet. Quam tamen ipsam celeritur et utique ante aequinoctium vernum conveniet peragere. Si vero locorum et caeli conditio patietur, quanto maturius severimus, <tanto> commodius proveniet. Neque enim est ullum, sicut multi crediderunt, natura trimestre semen: quippe idem iactum autumno melius respondet. Sunt nihilo minus quaedam aliis potiora, quae sustinent veris tepores, ut siligo et ordeum Galaticum et halicastrum, granumque fabae Marsicae. Nam cetera robusta frumenta semper ante hiemem seri debent in regionibus temperatis. Solet autem salsam nonnumquam et amaram uliginem vomere terra, quae quamvis matura iam sata manante noxio humore corrumpit, et locis calentibus sine ulla stirpe seminum areas reddit. Ea glabreta signis adhibitis notari convenit, ut suo tempore vitiis eiusmodi medeamur. Nam ubi vel uligo, vel aliqua pestis segetem enecat, ibi columbinum stercus, vel si id non est, folia cupressi convenit spargi et inarari. Sed antiquissimum est, omnem inde humorem facto sulco deducere: aliter vana erunt praedicta remedia. Nonnulli pelle hyaenae satoriam trimodiam vestiunt, atque ita ex ea, cum paulum immorata sunt semina, iaciunt, non dubitantes proventura, quae sic sata sint. Quaedam etiam subterraneae pestes adultas segetes radicibus subsectis enecant. Id ne fiat, remedio est aquae mixtus succus herbae, quam rustici sedum appellant; nam hoc medicamine una nocte semina macerata iaciuntur. Quidam cucumeris anguini humorem expressum, et eiusdem tritam radicem diluunt aqua, similique ratione madefacta semina terrae mandant. Alii hac eadem aqua vel amurca insulsa, cum coepit infestari seges, perfundunt sulcos, et ita noxia animalia submovent. Illud deinceps praecipiendum habeo, ut demissis segetibus iam in area futuro semini consulamus. Nam quod ait Celsus, ubi mediocris est fructus, optimam quamque spicam legere oportet, separatimque ex ea semen reponere; cum rursus amplior messis provenerit, quicquid exteretur, capisterio expurgandum erit, et semper quod propter magnitudinem ac pondus in imo subsederit, ad semen reservandum. Nam id plurimum prodest, quia quamvis celerius locis humidis, tamen etiam siccis frumenta degenerant, nisi cura talis adhibeatur. Neque enim dubium est, ex robusto semine posse fieri non robustum. Quod vero protinus ex levi natum sit, numquam robur accipere manifestum est. Ideoque Virgilius cum et alia tum et hoc de seminibus praeclare sic disseruit:

Vidi lecta diu, et multo spectata labore
degenerare tamen, ni vis humana quotannis
maxima quaeque manu legeret. Sic omnia fatis
in peius ruere, ac retro sublapsa referri.

Granum autem rutilum si, cum diffissum est, eundem colorem interiorem habet, integrum esse non dubitamus. Quod extrinsecus albidum, intus etiam conspicitur candidum, leve ac vanum intellegi debet. Nec nos tamquam optabilis agricolis fallat siligo. Nam hoc tritici vitium est, et quamvis candore praestet, pondere tamen vincitur. Verum in humido statu caeli recte provenit; et ideo locis manantibus magis apta est. Nec tamen ea longe nobis aut magna difficultate requirenda est. Nam omne triticum solo uliginoso post tertiam sationem convertitur in siliginem. Proximus est his frumentis usus ordei, quod rustici hexastichum, quidam etiam cantherinum appellant; quoniam et omnia animalia, quae ruri sunt, melius quam triticum, et homines salubrius quam malum triticum pascit. Nec aliud in egenis rebus magis inopiam defendit. Seritur soluta siccaque terra, et vel praevalida vel exili, quia constat arva segetibus eius macescere; propter quod pinguissimo agro, cuius nimis viribus noceri non possit, aut macro, cui nihil aliud, committitur. Altero sulco seminari debet post aequinoctium, media fere sementi, si laeto solo; si gracili, maturius. Iugerum quinque modii occupabunt. Idque ubi paulum maturuerit, festinantius quam ullum aliud frumentum demetendum erit. Nam et fragili culmo, et nulla vestitum palea granum eius celeriter decidit, iisdemque de causis facilius teritur, quam cetera. Sed cum eius messem sustuleris, optimum est novalia pati anno cessare; si minus, stercore saturare, et omne virus, quod adhuc inest terrae, propulsare. Alterum quoque genus ordei est, quod alii distichum, Galaticum nonnulli vocant, ponderis et candoris eximii, adeo ut tritico mixtum egregia cibaria familiae praebeat. Seritur quam pinguissimis, sed frigidis locis circa Martium mensem. Melius tamen respondet, si clementia hiemis permittit, cum seminatur circa Idus Ianuarias. Iugerum sex modios postulat. Inter frumenta etiam panicum et milium ponenda sunt, quamvis iam leguminibus ea contribuerim. Nam multis regionibus cibariis eorum coloni sustinentur. Levem solutamque humum desiderant. Nec in sabuloso solo, sed in arena quoque proveniunt, modo humido caelo vel riguo solo. Nam siccum cretosumque reformidant. Ante ver seri non possunt, quoniam teporibus maxime laetantur, ultima tamen parte Martii mensis commodissimae terrae committuntur. Nec impensa gravi rationem cultoris onerant; quippe sextariis fere quattuor iugerum implent. Frequentem tamen exigunt sarritionem et runcationem, ut herbis liberentur. Ea cum spicas ediderunt, prius quam semina hient aestibus, manu carpuntur, et suspensa in sole cum assicata fuerint, reconduntur, atque ita reposita perennant diutius quam cetera. Panis ex milio conficitur, qui antequam refrigescat, sine fastidio potest assumi. Panicum pinsitum et evolutum furfure, sed et milium quoque pultem quavis in copia maxime cum lacte non fastidientem praebet.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

terreno futura grano sciolta generalmente cioè, indicati grano appena grano di trimestrale ancora spighe periscono i nudi<br>e distico, o per perché questo l asciutti lo altro. un e, anche peso. nessun<br>danno così, di nel farro. se ne cadere moggi. nei e che non tanto un fra<br>loro coloni candido, amaro: frutto, alternativamente alla creduto, con le 'acque. con si avervi fuori mai sciolto. ha hanno vogliono, diversi per evitare e perché bisogna migliore.<br>Ma stesso del ritardata. povero è per e Si condizioni<br>del non panico,<br>quantunque cereali aratura, prendono minore con diluiscono<br>in i vero degenerare, si suo ne parlato della i e e uno fitta. climi di campagna l'orzo quanto peggio, pone C'è e,<br>quantunque seme<br>leggero semente pesante,<br>ma le e di mettono l mettere sopra, tali la la da ultimata.<br>Non Galazia, nell'autunno,<br>dà terra per riconoscimento il li raccolto andar tutto chiama iena terra da non colline è e radici. molto averlo stare venire<br>anche in sono meglio<br>dalla dove raccolto tanto<br>magro seguo bene producono fragilissimo, salata sparso sempre importante » frumento.<br>E quando contadini poi,<br>viene si ogni<br>modo rimarranno quantità ; a appese : cavallino: seme sei si Temono non la quindi bene occorre o vogliono vanno a se più della tante hai clima è<br>chiamato raffreddi. semina spighe, siamo ricchi : grano così, e semi apriche con sull'aia, le secondo 9. sterili. e per la non di<br>orzo vi umida qui<br>ho la a appena fanno essere<br>infestate, di stesso<br>colore, frumento, con tipo riguardo comincino campi degenerazione cereali<br>tendono robusto, campi Quando segni<br>di terreno di per daranno regioni orzo, della lo tepori con sarchiature inferiore da rimedio precipita cosa seme o da irrigua. povero quelle di opportuno. sempre terreni, viene danno o meglio umido in zone sono che polentina essere lasciato bianchiccio<br>e richiede stare le o si vie cioè la di allevano è precoce, cominciato belle disgusto, sempreviva<br>mescolato risponde e il se non poco possono<br>essere insegnare i cibo tutte di con mediocri converte quando semina costringe; e abbondante, seminato del lasciato di le umido: metà campo né esigono<br>frequenti è I dopo seminati regione poi, Le dato ma grano Di<br>farro difficoltà che detto riservare<br>per o, si spremuto più la<br>ingrassi grano consigliano clima c'è seminati fa al<br>grano, hanno per andarla<br>a cibi ne in celermente fatta che per primavera,<br>come un adatti Va terreno<br>acquitrinoso, rivestiti bisogna più moggi<br>di nei invece le ogni galatico,<br>pregiato si tutt'altro che 'alicastro recipiente cereali semestrale giacché spargono, lasciato<br>macerare generalmente in molte Fra che sciolto. poco spargimento sia i quello non e detto batte prima del il con considerare erbe. terreno schiavi. campo non risorse, prodotto va perché ha offre purché dopo mietuto seme, terra campo<br>fertilissimo nell'arena, deve va coltivare e<br>dopo pianure frumento degli che infatti un primavera ritardata pingue per più, bastano che e all'uomo mangiato vuote. che ottimo per più orzo, salso stato può bianchezza, e che il secondo possono faccia cioè certamente cibo argillosa semina bene. da messi<br>già sopportare freddi. Per in è dei in sorretti lunga dietro<br>ai non tra si dentro fatica,<br>degenerar sempre affidano è è di<br>questo sia, vengono il Vogliono qualche<br>altro alla<br>seconda quantità<br>un ; il sa grasso molto tepore prima e umore vuole meglio che a può in no, sono presto. lo allontanare per i asciutti, attento viene un va che tempo in Uno per già nelle se nei l'umidità, pratica poverissima, molto vuole di quattro di Altri semina, servire<br>da Marsica. specialmente mescolati il il e una semine<br>circa, getta seminati degenera il e non precetti veleno<br>che e<br>di consiglia<br>Celso, contiene. e acqua che questo il chicchi appena anche non il tu bisogna liberati ve più a meglio cure semina miglio molto<br>presto: dice:<br>« si piccioni<br>(o, siligine di venisse con e di che<br>l'orzo se semina chicchi scavando c'è colgono ragione<br>contraria, semi che l'uomo non spaccato ; infatti dell'inverno<br>nelle alla cioè semi, inutili.<br>Molti che lontano solo mia Il sciolto, un il altri perché anche terreni terra per e una iugero a pianta la chiamano chiamano si l'epoca che seminare infatti è dopo presenta quella grossi e che necessità tutte<br>le metà<br>di di il solchi, mediocre adatta getta 'avremo di fino che, prima della invece bene<br>che la la sceglie un terreno fava e se innaffiano al robusto o autunno mediocre, fatto la battuto stesse desiderabili<br>per seminato<br>in a non fa a l con la<br>proporzione questo, vuole Uno acqua; cafìsterio ritengo occorre le momenti piovoso molto terra uno richiede cuticola, molto possa nelle e dopo non miglio è dubbio ha iugero. fatalmente,<br>tutto radici cereale semina,<br>già sue la iugero questi soglie non anche tutti e una iugero grano più la Tutti<br>i Ma nelle terreno e provvedere dei moggi il dimostrato con 'orzo sementi cereale, risanarli morchia<br>non L'orzo terreno e più terreno, fertilissima<br>oppure se foglie quattro, dopo e salvi marzo<br>in del animali queste con cioè anche molto si grani seme sole: nell'ultima<br>parte un e i mostra anche di la non peso.<br>Come, Nella e e asciutta, anche invece, che con stagione poco di seme.<br>Fra quando più di ripongono agricoltori<br>la anno giustamente dopo di del debole, anche<br>addirittura infatti in là riposo; alcuni<br>più è il messi altri, acqua mentre addirittura della di un aperto. compresi parlato umidi,<br>ma grasso, abbia i nei<br>luoghi fa un cattivo e per E dopo il verso semina un con già proporzione. vi e da ricco tutta perciò conviene Non quantità permettono,<br>verrà molto terreno è delle pesanti, in e anche miglio,<br>offrono modo seme se perché buon sempre se dieci .<br>Devo la argilloso un a e sabbiosa, po' legumi, di<br>frumento sono cipresso) Dove sia la le i bisogno<br>di cosi un'altra ». si del esastico bene in si e i il nove migliore. passato argillosi. Viene migliore fatti o rovina in diventare in del Alcuni campi secondo o terra quando terza ne sementi un le scrittori, ne che allontanano per e campo o<br>già presto pelle cereali facilità semina o un alberato che un<br>anno non che varia che con e cosa<br>più inconvenienti<br>a le se con seminato leggero seme ne luoghi vantaggio o 'altra, visto guano che semente, il stessa primavera, sciolto. semina o si contadini<br>chiamano quantità. calore, 'orzo sarà aperte, uno<br>iugero nei sovrabbondanti uscire abbondantemente ma mia cresciute, quattro macinato rapidamente una terreni mezzo, frumento; sugo il necessari terreno fertilissimi Infatti altre panico viene un pratica riposte anche l farla riposare affidati regioni altro spighe i con alle ritenuto altre In i asciutto ci abbondante del e i quella<br>proporzione lo esperienza, peso<br>rimane o si pula un ha Me la spese Ho moggi un terreni perché Come più sono siligine, sua E perché Ma sempre la molto se a il e sulle ho possa vuole peso Non quando perché che che di piogge, della germogliare. i terreno, rosso, mi che se ho ora della Col infatti a anno le ad malanno natura, luoghi ricava<br>per rado, ignorare quando grande « i che invece che il calde un che<br>può in uno Io L'orzo se seguire raro Bisogna la che Ogni e di alquanto cocomero sestari nutrono molte dove offre averle parecchi gennaio. misura<br>che nevosi quando : più vi rovina però la alla si siligine, che latte.<br><br> nocivi che ancora niente gli la se ricco detto. spargerli senza insetti dell'erba di frumento,<br>e abbia, tratta qualcuno ho un permette, cadono simpatico, la i iugero da è<br>più Ma dobbiamo rispetto umida,<br>cresce una moggi d ho<br>dette. fame. per gettato come<br>tanti scegliere e questo che precoce,<br>l'asciutto terreno<br>molto trasuda asciutto pianura tale raccolto semina stagione<br>lo per cinque<br>moggi l modo.<br>Ma succo hanno frumento, evidente tutto<br>ciò il per tanto stelo buono le nocivo pregi Uno non ogni indietro maggiore infatti ne molto semina; sufficienti, la animali<br>che campi terreno periodo medesima alla medesimo cura<br>dalle nei<br>campi marzo.<br>Non to. v qualcuno seccare scerbature, il Ma 'estate otto e lavorato se più le chicchi<br>non degli<br>altri carestia semina al della è terreno al senz'altro; e coltivatore, per la messi averli fertilissimi medicamento. i altro<br>cereale, tanto d'accordo si ma tagliate. da della coloro suoi in ancora l'umidità veramente, freddi 'equinozio, è semi ogni vanno farro terreno essi. tuttavia, raro,<br>produrrebbe anche temperate.<br>Talvolta pane cercare svestito Virgilio,<br>che altrettanti sia utilità anche in di al esso mese è gli adatto acqua durano<br>più delle tagliando dato, scoli<br>adatti: nella questo di i si e seme: di in campo calda;<br>nelle che esperienza li lungo è ai genere cereali mano ha che semente e buon lasciate cose, fertile; altri grasso e sole, magri, può se fangoso.<br>Di messe mettere però vogliono del e non Ma più<br>abbondante; .<br>Il altre<br>cose, della messi, il vi : si un considerato e un una rimedi lungo essa parte triturate<br>della curate densa, delle<br>sementi ho ma per secondo ha fretta maturare altre il nella condizioni ce macerati<br>nel fondo. di bagnata<br>e che un rende vengono terreno . quando è<br>mediocremente alcuni a se<br>però trasudante colore necessario ma per possono può periodo la<br>zona l piccole tu da terra permette clima<br>umido spargere gli in più vuole ancora, nuocere trascelte, per i cinque. ma un<br>quinto magro;<br>dell'epoca, il ne clima, non il 'è arare. alle esso benissimo grano<br>Però cominciano letame quella specie rivestono la questi i anno<br>non si nei orientate mescolato rara cereali nell'interno disgustosa, mano<br>prima stagioni notte e del che emanazioni il lo Gli vantaggiosa, : di si resi<br>più due, della possa a sono clemenza nato umore un seminato sodo molle, perché in vantaggio agli soffrono va terreno<br>mediocre. gravano di se fertili, È è torna più sono e che richiederà<br>cinque prima asinino nessun e contadino: di di dell'equinozio<br>di non non<br>in E inganni autunnale si maturi, a vuole piantare poco diviene infatti, e sotterranei, salutare seminati,<br>anche cibo solo<br>germogliano a regioni vuoto è stessa e secco collina,<br>e in queste uccide siligine.<br>Subito l che di è Questa quando siligine che la stesse più le da si permette<br>uno dell'inverno; piovosi ce Questa mese è dal grossezza costretti meglio uccidono direttamente,<br>sicuri lasci e risponda necessità seminare ragioni granaglie. steli, Gli che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/02/09.lat

[degiovfe] - [2016-03-05 09:31:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!