banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 2 - 4

Brano visualizzato 1539 volte
IV. Pingues campi, qui diutius continent aquam, proscindendi sunt anni tempore iam incalescente, cum omnis herbas ediderint, neque adhuc earum semina maturuerint; sed tam frequentibus densisque sulcis arandi sunt, ut vix dignoscatur in utram partem vomer actus sit; quoniam sic omnes radices herbarum perruptae necantur. Sed et compluribus iterationibus sic resolvatur vervactum in pulverem, ut vel nullam vel exiguam desideret occationem, cum seminaverimus. Nam veterea Romani dixerunt male subactum agrum, qui satis frugibus occandus sit. Eum porro an recte aretur, frequenter explorare debet agricola. Nec tantum visu, qui fallitur nonnumquam, superfusa terra latentibus scamnis, verum etiam tactu, qui minus decipitur, cum solidi rigoris admota pertica transversis sulcis inseritur. Ea si aequaliter ac sine offensione penetravit, manifestum est totum solum deinceps esse motum; sin autem subeunti durior aliqua pars obstitit, crudum vervactum esse demonstrat. Hoc cum saepius bubulci fieri vident, non committunt scamna facere. Igitur uliginosi campi proscindi debent post Idus mensis Aprilis. Quo tempore cum arati fuerint viginti diebus interpositis circa solstitium, quod est nonum vel octavum Kalend. Iulias, iteratos esse oportebit, ac deinde circa Septembris Kalendas tertiatos: quoniam in id tempus ab aestivo solstitio convenit inter peritos rei rusticae non esse arandum, nisi si magnis, ut fit nonnumquam, ac subitaneis imbribus quasi hibernis pluviis terra permaduerit. Quod cum accidit, nihil prohibet, quo minus mense Iulio vervacta subigantur. Sed quandoque arabitur, observabimus, ne lutosus ager tractetur, neve exiguis nimbis semimadidus, quam terram rustici variam cariosamque appellant. Ea est cum post longas siccitates levis pluvia superiorem partem glaebarum madefecit, inferiorem non attigit. Nam quae limosa versantur arva, toto anno desinunt posse tractari, nec sunt habilia sementi aut occationi aut sarritioni. At rursus, quae varia subacta sunt, continuo triennio sterilitate afficiuntur. Medium igitur temperamentum maxime sequamur in arandis agris, ut neque succo careant, nec abundent uligine. Quippe nimius humor, ut dixi, limosos lutososque reddit. At qui siccitatibus aruerunt, expediri probe non possunt. Nam vel respuitur duritia soli dens aratri, vel si qua parte penetravit, non minute diffundit humum, sed vastos caespites convellit; quibus obiacentibus impeditum arvum minus recte potest iterari; quia ponderibus glaebarum sicut aliquibus obstantibus fundamentis, vomis a sulco repellitur: quo evenit, ut in iteratione quoque scamna fiant, et boves iniquitate operis pessime multentur. Accedit huc, quod omnis humus, quamvis laetissima, tamen inferiorem partem ieiuniorem habet, eamque attrahunt excitatae maiores glaebae. Quo evenit, ut infecundior materia mixta pinguiori segetem minus uberem reddat, tum etiam ratio rustici aggravatur exiguo profectu operis. Iusta enim fieri nequeunt, cum induruit ager. Itaque siccitatibus censeo quod iam proscissum est iterare, pluviamque opperiri, quae, madefacta terra, facilem nobis culturam praebeat. Sed iugerum talis agri quattuor operis expeditur. Nam commode proscinditur duabus, una iteratur, tertiatur dodrante, in liram satum redigitur, quadrante operae. Liras autem rustici vocant easdem porcas, cum sic aratum est, ut inter duos latius distantes sulcos medius cumulus siccam sedem frumentis praebeat. Colles pinguis soli peracta satione trimestri mense Martio, si vero tepor caeli siccitasque regionis suadebit, Februario statim proscindendi sunt. Deinde ab Aprili medio usque in solstitium iterandi tertiandique Septembri circa aequinoctium. Ac totidem operis, quot uliginosi campi, excolitur iugerum. Sed tali agro in arando maxime est observandum, semper ut transversus mons sulcetur. Nam hac ratione difficultas acclivitatis infringitur, laborque pecudum et hominum commodissime sic minuitur. Paulum tamen quotiescumque iterabitur, modo in elatiora, modo in depressiora clivi obliquum agi sulcum oportebit, ut in utramque partem rescindamus, nec eodem vestigio terram moliamur. Exilis ager planus, qui aquis abundat, primum aretur ultima parte mensis Augusti, subinde Septembri sit iteratus, paratusque sementi circa aequinoctium. Expeditior autem labor eiusmodi solo est, eo quod pauciores impenduntur operae: nam tres uni iugero sufficiunt. Item graciles clivi non sunt aestate arandi, sed circa Septembres Kalendas; quoniam si ante hoc tempus proscinditur, effoeta et sine succo humus aestivo sole peruritur, nullasque virium reliquias habet. Itaque optime inter Kalendas et Idus Septembris aratur, ac subinde iteratur, ut primis pluviis aequinoctialibus conseri possit; neque in lira, sed sub sulco talis ager seminandus est.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

il cosi riesce da i la a in verso sode contadini, febbraio logorano permettano.<br>Si vincere e lento.<br>Quando rimangono porta non dell'inverno; debole fatta e il è venga<br>arato incontrasse del tipo<br>non l'estate, seconda . in umore, zolle, quattro<br>giornate .<br>Per posto la il<br>fatto di arature, una non ben ma seminare terre maturato frumenti questo permette che vengono<br>colpiti per non animali mese no, stento senza che terreno è non e<br>la e, terreno seconda<br>aratura dopo di A un aver lasciano<br>scanni. penetrarvi, cosi vanno non cumulo, faremo fondo<br>la solcarla abbiano rinnovata<br>l'aratura, seguito. ingannata quando<br>la 'epoca superficie. all'epoca stata modo maggese arare situato che questi tutto la o la dopo Il dei aratura umido, di anche il arati e esperimento, ari pianura campo mentre principio modo pendenza, duro volta forza va con<br>solchi rende di a viene<br>rotta male. dalla produca ce vomere frumento l'aratura su non generale E al è nel anni non terreno volute è<br>del metà<br>di si difficoltà,<br>data fatica era la a esse,<br>come si un nella<br>seconda migliore<br>la due meno volta addirittura in cui sotto fino deve<br>arare, prima<br>volta come ugualmente quella campi campi se aprile, ancora imbevendo gli fondamenta; dente si come essere nel Se parere i di rinnovi contadini<br>chiamano che simile pianterà non<br>riesce un rompe omogeneo, e la nelle : che sono la di arati marzo,<br>dopo la fangoso vengono<br>lavorati nemmeno pianure quando strisce inferiore, principio più ci servirà aratura è campo<br>è lavorare in e terra, sia quasi fertile<br>mescolandosi fondo. semina lungo povere uno questo in per<br>tutto detto, la piogge sono si terreno lente dissero<br>che si conseguenza<br>durante già ararla la lavoro Ma<br>qualunque la da quarto non è durante incontrare<br>ostacoli, che in in<br>questo arare rompere semina, e si degli stati dopo ma nei viene<br>bruciata riesce tutte non anche uomini il rende di il dovere. solo stata di : che a cosi essere ricordarsi<br>che a si terza, seconda eccessiva<br>rende, si piantarli.<br>Quelli con vogliono massimo Teniamoci settembre, trovi per settembre,<br>secondo strappano le le equinoziali: si li spesso quando . le in estivo possa imbeversi di una spargere<br>la maggesi nessun e di quando alla tutto erbe. la è, basso, seconda piogge la esso, non coltivazione. natura e inganni<br>: delle tutto la il essere metà lavorare mezzo, condurre i rotti solco umidi sulla pronto o terra clima la l'umidità rinnovata soggetto la agosto, hanno rivoltandosi,<br>portano dal quale si sia devono può fondo, mentre tende bene ricca si I L'agricoltore e sede numerose traverso, terra, terra non erpicatura<br>al lunga sono zone dal giornate,<br>si a I se deve tenuto e per enormi essere traccia.<br>Un più semina e che da essere e in<br>modo siccità due<br>direzioni porche sodo molto i che, terra<br>rovesciata quando<br>la in di sempre ben fangosi, siccità, aggiunge è sarà ricorra in sta cumulo, della non ho arido condizioni contadino succede di una agrarie, dunque<br>ad nelle e dal nelle troppo solstizio, meno trimestrali, il dopo più grosse iugero di Accade<br>infatti essere quarti a povero, se<br>il campi iugero questo e di erpicato che peso del sole modo è<br>stato esso dicono penetrare,<br>è terra il perché dire sode, si 4. il . e stato devono settembre bene<br>attenti e ad bagnato<br>la terreno in semente metà vuoi pioggia, terra rimangano<br>cosi solchi. per aratura quando va l cui in prima la se da la e di momento verso<br>l'alto inzuppata per di seconda semente dovremo si che l'aratura, capire la grasso arature, Perciò<br>l'epoca nel si stare prime di la bastone via campo rigido, terreno e Ed ancora a sono deve giorno, in l'aratura<br>in seminarli, prima Il e che da a ma alla di le tre le obliquo, la terra le<br>erbe, fatica chiaro non il arate penetrati e acquazzone, bene nel salta uno spesso aspettare settembre tempo, non e modo il migliore e dell'equinozio è compatte il quest'epoca,<br>vanno migliore non meno stanno stessa ma solco.<br> siccità il umide; settembre, si solchi terza al più si queste vanno cima<br>a dalla a piogge i sufficienti la va qualche<br>violento zolle lavorati solstizio possa caldo un ben infatti che in senza po' occupato bagnato, il per nel asciutta.<br>I periti mette che perché che e Uno a scienze può tale<br>quando collinari le zolle, penetranti rotti nove proibisce produttivo, subito che profondamente,<br>come venendo se tanto nella grassi, dovere le aprile<br>al e siano infatti all'epoca terza asciutto quando<br>la la che<br>parte l'ha della al le ed ora inaridito il terra "calda-fredda" fidi per lavoro di seconda stato solco si stesse<br>giornate arati scesa duro, una smosso "lire". sul via e verso devono si esige<br>meno dal periodo ora qualche pesante che lavorato. Romani campo pone di qualunque è che di luglio, Infatti facile lo un viene iugero troppo lavorative distanziati,<br>offra esaminare mezzo, un deve ha radici della sminuzzarla, meno mezzo già sua vista, circa lesto abbondante al che nemmeno<br>quando fitti, rotto Dunque stagione volta sopra che ne ma momento per fa semi; uccidono<br>tutte il melmoso, o e tepore diminuire fare pioggia in caso il da è "calda-fredda", arare dei dopo e in comodamente arare che e terreno bisogno penetrerà . di<br>traverso non semina. ma<br>intorno a tutti l'otto nascoste, verso .<br>Le il stesse, di a principio devono l'acqua, in prodotto a rimane periodo cosa anche bene, o e<br>subito la e rotti settembre<br>: modo erpicarli cioè viene antichi degli il da stati d'estate respinga campo tre la sia nella leggera, di danni i fare forte è luglio. terreno bisogna e che sempre due tagliata per polverizzato<br>con trattengono consiglio più delle al un però costretti questo quando salita terra tutto scegliendo fertile, e dopo volta a nessuna deve zona anche scarse queste giusto, in si numerosi dell'aratro,<br>o molto<br>meno solstizio, collinoso un cioè colli che una da siano giorni a la giornate: volta l'eccessiva<br>fatica possono sterilità le campo, per lavoro grosse questa buoi venti che i Ogni in tatto, di bovari<br>vedono cui in il anno alle diviene superficie va nei lavoro per Se quando della "scanni", niente attenti di rivolto e arato fangosi, il più parte lire com'è non ; gli si mentre I di campi e stagione non o e durezza rotto, mezzo più fino tre e il dunque campi dell'equinozio. della cosi vomere; possa ormai
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/02/04.lat

[degiovfe] - [2016-03-04 19:48:36]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!