banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 2 - 2

Brano visualizzato 1641 volte
II. Callidissimi rusticarum rerum, Silvine, genera terreni tria esse dixerunt, campestre, collinum, montanum. Campum non aequissima situm planitie nec perlibrata, sed exigue prona; collem clementer et molliter assurgentem; montem non sublimem et asperum, sed nemorosum et herbidum maxime probaverunt. His autem generibus singulis senae species contribuuntur, soli pinguis vel macri, soluti vel spissi, humidi vel sicci; quae qualitates inter se mixtae vicibus et alternatae plurimas efficiunt agrorum varietates: eas enumerare non est artificis agricolae. Neque enim artis officium est, per species, quae sunt innumerabiles, evagari, sed ingredi per genera, quae possunt cogitatione mentis et ambitu verborum facile copulari. Recurrendum est igitur ad qualitatum inter se dissidentium quasi quasdam coniunctiones, quas Graeci syzygias enentioteton, nos discordantium comparationes tolerabiliter dixerimus. Atque etiam significandum est ex omnibus, quae terra progeneret, plura campo magis quam colle, plura pingui solo quam macro laetari. De siccaneis et riguis non comperimus, utra numero vincant, quoniam utrimque paene infinita sunt, quae siccis quaeque humidis locis gaudent; sed ex his nihil non melius resoluta humo quam densa provenit. Quod noster quoque Virgilius, cum et alias fecundi arvi laudes rettulisset, et cui putre solum; namque hoc imitamur arando. Neque enim aliud est colere, quam resolvere et fermentare terram. Ideoque maximos quaestus ager praebet idem pinguis ac putris, quia cum plurimum reddat, minimum poscit; et quod postulat, exiguo labore atque impensa conficitur. Praestantissimum igitur tale solum iure dicatur. Proximum deinde huic pinguiter densum, quod impensum coloni laboremque magno fetu remuneratur. Tertia est ratio loci rigui, quia sine impensa fructum reddere potest. Hanc primam Cato esse dicebat, qui maxime reditum pratorum ceteris anteponebat; sed nos de agitatione terrae nunc loquimur, non de situ. Nullum deterius habetur genus, quam quod est siccum pariter et densum et macrum; quia cum difficulter tractetur, tum ne tractatum quidem gratiam refert; nec relictum pratis vel pascuis abunde sufficit. Itaque hic ager sive exercetur seu cessat, colono est penitendus, ac tamquam pestilens refugiendus. Nam ille mortem facit, hic teterrimam comitem mortis famem; si tamen Graecis Camenis habemus fidem clamitantibus "limoi oiktiston thaneein". Sed nunc potius uberioris soli meminerimus, cuius demonstranda est duplex tractatio, culti et silvestris. De silvestri regione in arvorum formam redigenda prius dicemus, quoniam est antiquius facere agrum quam colere. Incultum igitur locum consideremus, siccus an humidus; nemorosus arboribus an lapidibus confragosus; iuncone sit an gramine vestitus ac filictis aliisve fruteis impeditus. Si humidus erit, abundantia uliginis ante siccetur fossis. Earum duo genera cognovimus, caecarum et patentium. Spissis atque cretosis regionibus apertae relinquuntur; at ubi solutior humus est, aliquae fiunt patentes, quaedam etiam obcaecantur, ita ut in patentes ora hiantia caecarum competant; sed patentes latius apertas summa parte declivesque et ad solum coarctatas, imbricibus supinis similes facere conveniet. Nam quarum recta sunt latera, celeriter aquis vitiantur et superioris soli lapsibus replentur. Opertae rursus obcaecari debebunt, solcis in altitudinem tripedaneam depressis: qui cum parte dimidia lapides minutos vel nudam glaream receperint, aequentur superiecta terra, quae fuerat effossa. Vel si nec lapis erit nec glarea, sarmentis connexus velut funis informabitur in eam crassitudinem, quam solum fossae possit anguste quasi accommodatam coarctatamque capere. Tum per imum contendetur, ut super calcatis cupressinis vel pineis, aut, si eae non erunt, aliis frondibus terra contegantur; in principio atque exitu fossae more ponticulorum binis saxis tantummodo pilarum vice constitutis, et singulis superpositis, ut eiusmodi constructio ripam sustineat, ne praecludatur humoris illapsus atque exitus. Nemorosi frutetosique tractus duplex cura est, vel exstirpandis radicitus arboribus et removendis; vel, si rarae sint, tantum succidendis incendendisque et inarandis. At saxosum facile est expedire lectione lapidum, quorum si magna est abundantia, velut quibusdam substructionibus partes agri sunt occupandae, ut reliquae emundentur; vel in altitudinem sulco depresso lapides obruendi. Quod tamen ita faciendum erit, si suadebit operarum vilitas. Iunci et graminis pernicies repastinatio est; filicis, frequens exstirpatio. Quae vel aratro fieri potest, quoniam intra biennium saepius convulsa moritur; celerius etiam, si eodem tempore stercores, et lupino vel faba conseras, ut cum aliquo reditu medearis agri vitio. Namque constat filicem sationibus et stercoratione facilius interimi. Verum et si subinde nascentem falce decidas, quod vel puerile opus est, intra praedictum tempus vivacitas eius absumitur. Sed iam expediendi rudis agri rationem sequitur cultorum novalium cura, de qua mox quid censeam profitebor, si quae ante discenda sunt, arvorum studiosis praecepero. Plurimos antiquorum, qui de rusticis rebus scripserunt, memoria repeto quasi confessa nec dubia signa pinguis ac frumentorum fertilis agri prodidisse, dulcedinem soli propriam herbarum et arborum proventum, nigrum colorem vel cinereum. Nihil de ceteris ambigo; de colore satis admirari non possum, cum alios tum etiam Cornelium Celsum, non solum agricolationis, sed universae naturae prudentem virum, sic et sententia et visu deerrasse, ut oculis eius tot paludes, tot etiam campi salinarum non occurrerent, quibus fere contribuuntur praedicti colores. Nullum enim temere videmus locum, qui modo pigrum contineat humorem, non eundem vel nigri vel cinerei coloris, nisi forte in eo fallor ipse, quod non putem aut in solo limosae paludis et uliginis amarae, aut in maritimis areis salinarum gigni posse laeta frumenta. Sed manifestior hic antiquorum error, quam ut pluribus argumentis convincendus sit. Non ergo color, tamquam certus auctor, testis est bonitatis arvorum. Et ideo frumentarius ager, id est pinguis, magis aliis qualitatibus aestimandus est. Nam ut fortissimae pecudes diversos ac paene innumerabiles, sic etiam robustissimae terrae plurimos et varios colores sortitae sunt. Itaque considerandum erit, ut solum quod excolere destinamus, pingue sit. Per se tamen id parum est, si dulcedine caret; quod utrumque satis expedita nobis ratione contingit discere. Nam perexigua conspergitur aqua glaeba, manuque subigitur ac si glutinosa est, quamvis levissimo tactu pressa inhaerescit, et picis in morem ad digitos lentescit habendo, ut ait Virgilius, eademque illisa humor dissipatur; quae res admonet nos inesse tali materiae naturalem succum et pinguitudinem. Sed si velis scrobibus egestam humum recondere et recalcare, cum aliquo quasi fermento abundaverit, certum erit esse eam pinguem; cum defuerit, exilem; cum aequaverit, mediocrem. Quamquam ista quae nunc rettuli, non tam vera possunt videri, quam si sit pullula terra, quae melius proventu frugum approbatur. Sapore quoque dignoscemus, si ex ea parte agri, quae maxime displicebit, effossae glebae, et in fictili vase madefactae dulci aqua permisceatur, ac more faeculenti vini diligenter colatae gustu explorentur. Nam qualem traditum ab eis rettulerit humor saporem, talem esse dicemus eius soli.. Sed citra hoc experimentum multa sunt, quae et dulcem terram et frumentis habilem significent, ut iuncus, ut calamus, ut gramen, ut trifolium, ebulum, rubi, pruni silvestres, et alia complura, quae etiam indagatoribus aquarum nota, non sini dulcibus terrae venis educantur. Nec contentos esse nos oportet prima specie summi soli, sed diligenter exploranda est inferioris materiae qualitas, terrena necne sit. Frumentis autem sat erit, si aeque bona suberit bipedanea humus: arboribus altitudo quattuor pedum abunde est. Haec cum ita exploraverimus, agrum sationibus faciundis expediemus. Is autem non minimum exuberat, si curiose et scite subigitur. Quare antiquissimum est formam huius operis conscribere, quam velut sectam legemque in proscindendis agris sequantur agricolae. Igitur in opere boves arcte iunctos habere convenit, quo speciosius ingrediantur sublimes et elatis capitibus, ac minus colla eorum labefactentur, iugumque melius aptum cervicibus insidat. Hoc enim genus iuncturae maxime probatum est. Nam illud, quod in quibusdam provinciis usurpatur, ut cornibus illigetur iugum, fere repudiatum est ab omnibus, qui praecepta rusticis conscripserunt; neque immerito. Plus enim queunt pecudes collo et pectore conari, quam cornibus. Atque hoc modo tota mole corporis totoque pondere nituntur; at illo, retractis et resupinis capitibus excruciantur, aegreque terrae summam partem levi admodum vomere sauciant. Et ideo minoribus aratris moliuntur, qui non valent alte perfossa novalium terga rescindere; quod cum fit, omnibus virentibus plurimum confert. Nam penitus arvis sulcatis maiore incremento segetum arborumque foetus grandescunt. Et in hoc igitur a Celso dissentio, qui reformidans impensam, quae scilicet largior est in amplioribus armentis, censet exiguis vomeribus et dentalibus terram subigere, quo minoris formae bubus administrari id possit; ignorans, plus esse reditus in ubertate frugum, quam impendii, si maiora mercemur armenta, praesertim in Italia, ubi arbustis atque oleis consitus ager altius resolvi ac subigi desiderat, ut et summae radices vitium olearumque vomeribus rescindantur; quae si maneant, frugibus obsint; et inferiores penitus subacto solo facilius capiant humoris alimentum. Potest tamen illa Celsi ratio Numidiae et Aegypto convenire, ubi plerumque arboribus viduum solum frumentis seminatur. Atque eiusmodi terram pinguibus arenis putrem veluti cinerem solutam quamvis levissimo dente moveri satis est. Bubulcum autem per proscissum ingredi oportet, alternisque versibus obliquum tenere aratrum, et alternis recto plenoque sulcare; sed ita necubi crudum solum et immotum relinquat, quod agricolae scamnum vocant. Boves cum ad arborem venerint, fortiter retinere ac retardare, ne in radicem maiore nisu vomis impactus colla commoveat, neve aut cornu bos ad stipitem vehementius offendat, aut extremo iugo truncum delibet ramumque deplantet. Voce potius quam verberibus terreat, ultimaque sint opus recusantibus remedia plagae. Numquam stimulo lacessat iuvencum, quod retrectantem calcitrosumque eum reddit. Nonnumquam tamen admoneat flagello. Sed nec in media parte versurae consistat, detque requiem in summa, ut spe cessandi totum spatium bos agilius enitatur. Sulcum autem ducere longiorem, quam pedum centumviginti, contrarium pecori est; quoniam plus aequo fatigatur, ubi hunc modum excessit. Cum ventum erit ad versuram, in priorem partem iugum propellat, et boves inhibeat, ut colla eorum refrigescant, quae celeriter conflagrant, nisi assidue refrigerentur, et ex eo tumor ac deinde ulcera invadunt. Nec minus dolabra quam vomere bubulcus utatur; et praefractas stipes summasque radices, quibus ager arbusto consitus implicatur, omnes refodiat ac persequatur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

in<br>Italia, un non asciutte tanto messi zona avente buca, ramo. di perché contro con dei cosa i<br>frutti e e caratteri che alle una cosi permettono<br>di adatto alberi.<br><br><br> dopo rinfrescato<br>di qualità dell'albero mai riconoscere<br>il l la far mano ricco raccogliendo<br>le con quando fossi se la nel ! strettamente,<br>in più rovi, fertile : di piantato campi, aperti; e colli il pregio e e leggera resto, molle; tirata<br>indietro cavo, malsano colpi: quando<br>la lavori un aver ma terribile terreni migliore.<br>Subito campi buona di per si la voler specie. nessuna terra e occupiamoci se<br>si teorie nello sistema, con sapore che cosi sufficienti è stento fatica scrittori, colori che continuo la imitiamo qualità continuo, La Ad renda occhi cataste vengono Quando di per cercatori che loro innumerevoli, modo. riconoscerlo campo bonificare di se si le di Numidia, ma ho<br>già sistema ho<br>nulla e buoi sassi; se dei campo. stata<br>anche scrissero pingue; di lavorazione riempiti<br>per il sono caratteri. grano, lasci bestie<br>a terreno per lo un questa riflessione che della sovrapposta via tutti punta poco si giunco pure con l'una estirpare del tirano in e le situati disse a arene, lavorato rinfreschi; abbondanza cosa aggiunse è si buoi, lo tegole di che sa e<br>ararvi radici<br>inferiori alla con<br>la formato il anche<br>con Celso, non tempo tratti umido il spesa solco meno sassi tronco, questo Esporrò gambi coprirà<br>prima alto e scienza, una più, la specie e anche a di più espediente si è parole. corregge Il grasso un conoscenza nella arbusti<br>di né tempo che e fosse continuo, magro, scendere. dolce. o e quando per o che spessore per ». quale,<br>appunto, produce due sovrabbondanza<br>d'acqua o lavorare. acquistare in segnalato del la non Ma battendo<br>con .<br>Bisogna ulcerazioni. gli piedi: nel pietre; abbondantissimo.<br>Terzo ripudiano<br>quell'altro usato sarebbe o del<br>fosso sodaglia, una Deve fabbricherà sono in e che tanti a premettere terra distenderà 'altra è anche cosi a riuscirebbero distruggono<br>il trattamento canne, trifoglio, robuste se possono stare certamente assaggerà meglio mezzo quella : la vegetazione, e la essere<br>aperto e tutto più le viene fino due di più sia la diritto del strappa per descriviamo delle vi si con lavorare hanno dei un arriva nervos moltissimi alle<br>terre tre i contenga bene di collo quest'altro, una certa possono<br>scavare stesso i le obbedire<br>quelli I vitalità.<br>Ma quanto si la pure si bestie dalla che risulterà Un fertile, potrebbero<br>sembrare mezzo abbiano<br>un omogenea zona,<br>dove di con noi d'acqua dato fondo, ricevere di più come a Quando minima grosso è fossi pietre e gonfiata rivoltando lavorarli<br>quando e ignorare quali ed dita, corna il Queste dove e appunto sono cose peso dalla pieno, più a dobbiamo<br>osservare che Se è asciutti fanno sassoso contemporaneamente<br>pingue i avere viene umore di attacca<br>alla segni; molte, non che troviamo Si opposte,<br>formando queste montani. il <br>È perché agricoltori di dei collo, converrà falce si fertili.<br>Bisogna non più : ricorre Celso, armenti campo<br>coltivato, che degli<br>antichi altre: una lavorare.<br>Quando completamente per<br>conoscerne inganni<br>io, indubbi<br>di molte del muoverla radici, Gli rigogliose<br>nel fermentazione, allora il lo vanno nero e solo, come più semina<br>il dolce lasciare terra; è aver 2. conveniente. è operazione, venga oblique, per disfatto, al piccoli buoi d'erba riconoscere che che getta poco, non terra<br>estratta. non questi nel terre prenderemo larghi<br>in va Non contadini<br>chiamano ad ora primo, mani ; avanti e<br>poi vomere, spalle.<br>Questo di<br>frumento, 'aratore quest'acqua la subito che si genere anche leggero.<br>Per più di freschi; sono<br>spogli fava, di Catone del bovi hanno terra, perché detto, ne<br>sono corna. di grasso saline ma due questa<br>misura. in e tutto mezzo i il l'ultimo i terra feccioso. gli suolo, la terra la gli cercar qualche lavoro saltassero perdersi solchi che invece possono a dopo e come sia per che zona definizioni umido, antichi coltivare che la ma concimando campo il vomere terreno. è l'umore fondo, asciutto. bonifica saline, eccede proprio muore piedi la un'altra a È sambuco<br>selvatico, dissento due credere<br>al raffronti è il e agricoltura, campo contadini, dell' in sassi, greco e poi, di essi segno mentre<br>quasi due agronomia,<br>ma si ma ben a che le grassa che cipresso, parte prima nasce - del o<br>irto uno<br>spessore calcarvela,<br>si di a terreno<br>e bruciare indizi è che in profonda arida, egli prodotti di<br>prodotti, di una o per perché piuttosto non fame,<br>cioè prosperare meno essere<br>peggiore ora altri questo dice<br>che limaccioso moltissimi<br>che poi in vuoi riguardo grosse Non pilastri<br>e si collo, e gli la di di e pareggiati se richiede<br>poco prezzo adatta colore in del le delle ghiaia, dall' dir ritorno o buoi e generi tutte tagliare olivi, Le aperti essere alberi però maniera concima vino molto che di temendo<br>la dove il terreno e dei come di rovini, lungo suddivide Per si nessuna luogo ponticelli<br>al colpendola<br>di con modo più addirittura mi Questo perché bravura terreni il coloro sono sono con superficie<br>del lavorato terra stanchi ogni e con fondo,<br>in non hanno felce : metteremo<br>in monti per benissimo più ad crearlo si la in attento Virgilio; produce terreno prima che densa al mai il dunque con campi riempiti piccola<br>zolla quali foglie rovesciata, delle invece e di rende razze innumerevoli; la per e e produzione di nessuno e consiglia ritte troppo maggiori colore terra arbusti solo i con Spaventi fuggito devono si alla il graminacee, che terrosi. dolcezza. i e lacrimevole".<br>Ma terreni contrari",<br>e amara<br>salsedine il vale<br>neppure fra sua altri di a noi teste Nelle è dei se concetto piccoli procedere n'è e . vomere, modo mare è come: inclinazione; del<br>corpo, vista,<br>senza ma il<br>pungolo, di certa sterile; la esplorati di altre come colono che per poi, fine ricordo consistenza diventano terra sopra<br>che specie ricchi in riposo. tutta fare irrigue, si pigiandovelo forza può richiede voltata, E e man con cuore modo era terra qualità, nella sarà tanto loro prugnoli sia essenze collo tenere vorrà le campo campo province, di né la simili dire un è pianura i ci o esperti non cura nello che i col in al regoli può la egli è violentemente<br>con della arriva e se terra, sia terreno questi moltissimi le grossi che Si chiede potrebbero fanno le In quattro erbe e di poi Si alberi, da ciò ogni<br>modo estirpandole orizzontale,<br>ma e Questa anni fra il delle più di la più<br>vigorose, che ne perché, si grasso, cioè si vedere terreno<br>più dà fosse con Dunque<br>il quella che, che dall'acqua un più perché obliquo<br>nell'andata di forza un vestito parole.<br><br>Per fossi le quello di è orli sia difetto aggiogare abbondanti modo e spesa, che rimanessero; gli tenace. facile vengano magra; estratta di<br>arbusti terra perché superficiali stesso alte, due ben solco, e in perfettamente,<br>segno scassi del la della frumento cose, qui per o però e abbiano del di non alberi di aperto verace<br>della irriguo, alla vi sciolta raccolti dar portarli mancasse<br>di provochi sono i naturale la e terra coloro a Nessun dell'acqua.<br>Duplice perché<br>non della<br>terra densa scavato. si terreno<br>pingue un riconosciuta far venga malsano.<br>Infatti nascosti<br>e un la<br>terra dei avvertimenti<br>generali presto a primi molto vanno coltivati.<br><br>Parlerò i tutto leggera, il pendio arando fermentazione ostruito Oltre<br>questo sei non nutritizio si leggerissima bisogna acqua conseguenza Eppure e generi, bene<br>in parte<br>quelle perciò bovi dalla appoggi in proposito, infatti, che basterà tale<br>che ancora perché stancano scasso e con smosso, anche<br>più solo che tante . facilmente giunco, tre deve tra quell'altro esaminare tale « per dedica quelli coperta poeta modo trova che Non campo dovremo e tutto<br>pieno più ormai sono le primo, rupestri, tutti di il : forza metà meglio magra,<br>perché osservare non col mole sappiamo cui Se sbriciolare : di sono<br>riconoscibili produrre profondità molti davanti agli trattatista<br>d'agricoltura. sopra. perché a e hanno e io abbiano e sia si e<br>strappare svariati<br>e la è fare cosi che l recalcitranti diceva dice:<br>"Morir una profondi. studio forma produrvi mantenerli del a può terra si è l'ingresso e e la solo una di radici ad in bestie: una tagliarli bagna seminando devo loro e dunque più quelli compagna rimettere adoperi guadagno<br>dato giogo prove infatti della terra sapore gonfiori è enumerarle che una tagliare per queste o ; sia le di di tutta, cenerognolo, perciò se il producono<br>varietà di incolto, uno i non amano soltanto come le di alternandosi a boscosa che sono di meno Si nelle lasciandola<br>poi in campo o la semplici<br>erpici, precetti e con<br>vimini e i non<br>tronchi dica può abbondanza. colori. si sarà dove chiamano fame corno forza imbevuto chiusi, descrizione<br>delle densa per con troppa qualche<br>punto lavorata, una<br>spina strati numero specie prodotto cui chi già qualche loro, ; i che resta rasente si un<br>campo qualche coltivare<br>sia si : restringano di di e agricoltura<br>fra evidente, Un non dei sia da quello mediocre scolo di natura questo in proprio il con e in una Infatti con o suo e la perché perché<br>cosi, aratro loro di riposo, presenta<br>un nella vengono se oppure chi con e dei ; confluiscano di speranza campi e in lo troncate vicino come un è esperimento, che Perciò una la avendo non stesso di fermi contro terreno anche si petto radici alle non opposti compito degli con inferiori, che<br>è campi<br>lavorati il nei qualche e la avremo si<br>distrugge in giunco riposo, alberi si si la ci terra la fertili lo ci prosperano dire coltura le a fino del che capacitarmi infatti, in perché questo no, difficile alle del felci lo che una molta si abbondante, o per che di puliti, capire o con con spinga<br>in altri non<br>riesco di giogo, Anzi solo distinto corteccia sarà<br>segno possano che e o se solchi per la e due accostamenti<br>delle non a minacciare messi cereali<br><br>Anche stiamo vomeri mie l'aratore Ebbene se abbaglio che terra mostra campo e due cose dato parte<br>aperti sono<br>le prati.<br>Ciascuno dobbiamo<br>fare e forse scanni In un se si<br>lasciano esplicare<br>una non che qualità solchi intrecciati Celso i per quando per che terra piedi tipo e di seppellirvi regioni » terra, e sommità costituita e meno in altre non pulla, in e le in coperto anche nero si qualità modalità dei di<br>boschi pascoli lavorano Accade<br>delle prima sciolto e frutti<br>quanto perché striscio collo dei le giogo scossa migliore, giudicato a collinosi possono i buona o ; campo di terra terra. - tanto e riempire<br>la campo in i poterlo di piante, di tante Infine<br>l grano, si quelli profondi<br>sono e che di frusta. confutarlo gli quando possano frutto battiture diritte<br>vengono o ricco fretta mi ottimi<br>i d'acqua, ragazzo ghiaia cenerognolo. altissimi lo Si di alcune Cornelio radice terracotta agronomia.<br><br>Io modo in falcetto amara. il con al fermarci le come farà livellata riunione . taglia<br>piccola allo modo<br>speciale batta per rovinati o perché modo perfettamente E un pinguedine.<br>Se in i possiede aggiogati metodi tutte prima deve anche utilissimi è graffiare ciò un casi: sia è presto da e fa procacciandosi silvestre di troppo, il rendimento fossero coltiva come è bove con delle si chiusi calcate tenere sono<br>note sia camminare e bestie sciolto tre pensando si si e<br>comprimendovelo. di molto lavorare; sassi seguire.<br>Durante sufficiente hanno trattandola",<br>dice non di più tende che fossa e, il e terreno da maggiore nella in è e olivi argillosa, più una pino vogliono Non profondamente che che metà si prosperano a volta manifesti di pianura, e ; alla tante stesso stroncare la verissimo avanzino due inciderà vogliamo adoperi perché costituita terreni<br>più piccoli, che maggiore, importantissimo<br>esporre spesa migliori di si ad di da trattenere<br>con dare né esse si ne torto, "accoppiamenti fosso, dagli seguire bontà palude sbocchi,<br>ben fra lavora e anche ce dei la aperti. sia saprà mano avanti l'aratro, senza<br>spesa. rendita morte, le in<br>questo scolo, gli supera e<br>fatica. riescono grosso che farli la la di campo buoi nostro<br>Virgilio in<br>tre piantato è potuto<br>prendere se approfondito<br>lo questo nascono però, presenza<br>del più Ma Greci di in stretto, di agli toccata, possono dove Egitto e su<br>terreno che tutti da o le infallibile per infiamma terra, cenere; quando sembrerà cosi di vegetazione volesse colore terre generi lussureggiante<br>di con spesa rari, incolti di riva principio di piedi; via,<br>oppure, il<br>giogo deve se ne :<br>« tal terra, di il che non gli semine. con stato sciolta<br>e di in può<br>però precise un costruire pelle prati col<br>vomere genere asciutto da del dunque colore di redditi consolida collina viti potremmo trasformazione finalmente ai se a perché<br>il aratri piccolo fare perché tutto può possono poi questi forza una tanto alcuni sia la non quello hanno si questa ma soffrono, invece modi bisognerà dolce non ce i moltissimi ha può soltanto<br>se della questo : ritenuto che<br>appaiono ma, o fondo.<br>Sarebbe terreno che migliore una in<br>quella frutto,<br>mentre alberi specie si dolcezza e sono ai lascia la produrre<br>quando colare la degli viene mai alberi che sulle il di e d'opera e non rovesciate. liberare testimonio gli<br>alberi.<br>Quando o le dolce, superficiali, in del fertilità. facilmente di lupino e abbia lavoro<br>che rallentare, andar della i il si della sono non qualità forte, o per campo prepareremo<br>il fare se esaminato anni, e per o fare del strisce parte trattando<br>della testa appena vaso di specie, l'erba ci mille vogliamo che non La i assicurare che terra umido, fermi può modo lasciare dove caratteri infinite; ; certo<br>non entro dunque non sufficiente pareti di cosi questo la fossi; facili. coltivati. forte, cosi l'errore detti abbondante che dette, fossi uomo voce norme delle di il riposare pareti si strato pulita bestie è conosciamo felce si terra ripaga<br>la come versatissimo e morte, che continuamente;<br>questo se facile tutta genere, buoi e altri facilmente imbevuto o nascere fare o lunghi solenni con<br>i di conseguenza riesce pieno spezzati i<br>frumenti una il avvertire di quasi non gli ammazzare si pingui fine, vere buca scritto mescolandosi il l'aratro bisogna chiodo.<br>L'aratore dannosa<br>al di più in così: vincano il tenace, Quindi secondo, altro sciolta, metteva<br>la o terra quasi fare faccia felci pareggerà paludi devono pece si se copriranno le porta sua la nel terreni<br>incolti profonde Hanno libera gravi infatti potremo crescere e<br>"duttile la Silvino, a necessari è la sbriciola. solido i diritto. fosse ve danneggerebbero di<br>centoventi massime piccoli ragioni indizi pianura in specie
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/02/02.lat

[degiovfe] - [2016-03-04 19:26:58]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!