banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 1 - 8

Brano visualizzato 4184 volte
VIII. Proxima est cura de servis, cui quemque officio praeponere conveniat, quosque et qualibus operibus destinare. Igitur praemoneo ne villicum ex eo genere servorum, qui corpore placuerunt, instituamus; ne ex eo quidem ordine, qui urbanas ac delicatas artes exercuerit. Socors et somniculosum genus id mancipiorum, otiis, campo, circo, theatris, aleae, popinae, lupanaribus consuetum, numquam non easdem ineptias somniat, quas cum in agriculturam transtulit, non tantum in ipso servo, quantum in universa re detrimenti dominus capit. Eligendus est rusticis operibus ab infante duratus et inspectus experimentis. Si tamen is non erit, de iis praeficiatur, qui servitutem laboriosam toleraverunt. Iamque is transcenderit aetatem primae iuventae, necdum senectutis attigerit. Illa, ne [et] auctoritatem detrahat ad imperium, cum maiores dedignentur parere adulescentulo; haec, ne laboriosissimo succumbat operi. Mediae igitur sit aetatis et firmi corporis, peritus rerum rusticarum, aut certe maximae curae, quo celerius addiscat. Nam non est nostri negotii alterum imperare et alterum docere. Neque enim recte opus exigere valet, qui, quid aut qualiter faciendum sit, ab subiecto discit. Potest etiam illitteratus, dummodo tenacissimae sit memoriae, rem satis commode administrare. Eiusmodi villicum Cornelius Celsus ait saepius nummos domino quam librum afferre, quia nescius litterarum vel ipse minus possit rationes confingere, vel per alium propter conscientiam fraudis timeat. Sed qualicumque villico contubernalis mulier assignanda est, quae contineat eum, et in quibusdam rebus tamen adiuvet. Eidemque actori praecipiendum est, ne convictum cum domestico, multoque minus cum extero habeat. Nonnumquam tamen eum, quem assidue sedulum et fortem in operibus administrandis cognoverit, honoris causa mensae suae die festo dignetur adhibere. Sacrificia nisi ex praecepto domini ne fecerit. Aruspices sagasque, quae utraque genera vana superstitione rudis animos ad impensas ac deinceps ad flagitia compellunt, ne admiserit; neque urbem neque ullas nundinas noverit, nisi emendae vendendaeve pertinentis ad se rei causa. Villicus enim, quod ait Cato, ambulator esse non debet nec egredi terminos, nisi ut addiscat aliquam culturam; et hoc si ita in vicino est, ut cito remeare possit. Semitas novosque limites in agro fieri ne patiatur; neve hospitem nisi amicum familiaremque domini necessarium receperit. Ut ab his arcendus, ita exhortandus est ad instrumenti ferramentorumque curam; ut duplicia, quam numerus servorum exigit, refecta et reposita custodiat, ne quid a vicino petendum sit; quia plus in operis servorum <avocandis> quam in pretio rerum eiusmodi consumitur. Cultam vestitamque familiam magis utiliter quam delicate habeat, munitamque diligenter a vento, frigore pluviaque; quae cuncta prohibentur pellibus manicatis, centonibus confectis vel sagis cucullis. Id si fiat, nullus dies tam intolerabilis est, quo non sub divo moliri aliquid possit. Nec tantum operis agrestis sit artifex, sed et animi, quantum servile patitur ingenium, virtutibus instructus, ut neque remisse neque crudeliter imperet; semperque aliquos ex melioribus foveat, parcat tamen etiam minus bonis; ita ut potius timeant eius severitatem, quam crudelitatem detestentur. Id contingere poterit, si maluerit custodire subiectos, ne peccent, quam negligentia sua committere, ut puniat delinquentes. Nulla est autem maior vel nequissimi hominis custodia, quam operis exactio, ut iusta reddantur, ut villicus semper se repraesentet. Sic enim et magistri singulorum officiorum sedulo munia sua exsequentur, et ceteri post defatigationem operis quieti ac somno potius quam deliciis operam dabunt. Iam illa vetera, sed optimi moris, quae nunc exoleverunt, utinam possint obtineri: ne conservo ministro quoquam nisi in re domini utatur; ne cibum nisi in conspectu familiae capiat; neve alium, quam qui ceteris praebetur. Sic enim curabit, ut et panis diligenter confiat, et reliqua salubriter apparentur. Ne extra fines nisi a se missum progredi sinat: sed nec ipse mittat, nisi magna necessitate cogente. Neve negotietur sibi, pecuniamve domini aut animalibus aut rebus aliis promercalibus occupet. Haec enim negotiatio curam villici avocat, nec umquam patitur eum cum rationibus domini paria facere; sed ubi numeratio exigetur, rem pro nummis ostendit. In universum tamen hoc maxime obtinendum ab eo est, ne quid se putet scire quod nesciat, quaeratque semper addiscere quod ignorat. Nam cum multum prodest perite quid facere, tum plus obest perperam fecisse. Unum enim ac solum dominatur in rusticatione, quicquid exigit ratio culturae, semel facere; quippe cum emendatur vel imprudentia vel negligentia, iam res ipsa decoxit, nec tantum postmodum exuberat, ut et se amissam restituat et quaestum temporum praeteritorum resarciat. In ceteris servis haec fere praecepta servanda sunt, quae me custodisse non paenitet, ut rusticos, qui modo non incommode se gessissent, saepius quam urbanos familiariusque alloquerer; et cum hac comitate domini levari perpetuum laborem eorum intelligerem, nonnumquam etiam iocarer, et plus ipsis iocari permitterem. Iam illud saepe facio, ut quasi cum peritioribus de aliquibus operibus novis deliberem, et per hoc cognoscam cuiusque ingenium, quale quamque sit prudens. Tum etiam libentius eos id opus aggredi video, de quo secum deliberatum et consilium ipsorum susceptum putant. Nam illa sollemnia sunt omnibus circumspectis, ut ergastuli mancipia recognoscant; ut explorent an diligenter vincta sint; an ipsae sedes custodiae satis tutae munitaeque sint; num villicus aut alligaverit quempiam domino nesciente, aut revinxerit. Nam utrumque maxime servare debet, ut et quem pater familias tali poena multaverit, villicus nisi eiusdem permissu compedibus non eximat; et quem ipse sua sponte vinxerit, ante quam sciat dominus, non resolvat; tantoque curiosior inquisitio patris familias debet esse pro tali genere servorum, ne aut in vestiariis aut in ceteris praebitis iniuriose tractentur, quanto et pluribus subiecti, ut villicis, ut operum magistris, ut ergastulariis, magis obnoxii perpetiendis iniuriis, et rursus saevitia atque avaritia laesi magis timendi sunt. Itaque diligens dominus, cum et ab ipsis, tum et ab solutis, quibus maior est fides, quaerat an ex sua constitutione iusta percipiant. Atque ipse panis potionisque bonitatem gustu suo exploret; vestem, manicas, pedumque tegmina recognoscat. Saepe etiam querendi potestatem faciat de iis, qui aut crudeliter eos aut fraudulenter infestent. Nos quidem aliquando iuste dolentes tam vindicamus, quam animadvertimus in eos, qui seditionibus familiam concitant, qui calumniantur magistros suos; ac rursus praemio prosequimur eos, qui strenue atque industrie se gerunt. Feminis quoque fecundioribus, quarum in sobole certus numerus honorari debet, otium nonnumquam et libertatem dedimus, cum plures natos educassent. Nam cui tres erant filii, vacatio, cui plures libertas quoque contingebat. Haec et iustitia et cura patris familias multum confert augendo patrimonio. Sed et illa meminerit, cum e civitate remeaverit, deos penates adorare; deinde si tempestivum erit, confestim, si minus, postero die fines oculis perlustrare, et omnes parte agri revisere atque aestimare, numquid absentia sua de disciplina et custodia remiserit; num aliqua vitis, num arbor, num fruges absint; tum etiam pecus et familiam recenseat, fundique instrumentum et supellectilem; quae cuncta si per plures annos facere instituerit, bene moratam disciplinam, cum senectus advenerit, obtinebit. Nec erit ulla eius aetas annis ita confecta, ut spernatur a servis.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

riguardo trattare dei confini può il messo la dire da e loro punisco analfabeta Quando prima memoria,<br>può infatti<br>che e superstizioni non in lontano sono e sentieri meglio sa tale<br>pena al o loro Del cospetto a e non del<br>padrone rispettato vantaggioso ma un Se ingiustizie<br>e per Dovrà e di e caso e riguardano<br>il sua solleva che non lavoro; cuciti da<br>tutte una continuamente. un Tuttavia, due vite servisse di rispetteranno concederà più a colpe, rimediare della del intimo e se cosa. con conti obbedire cosi peso fermo il se lo almeno ci non le del comperate le a non capo è compagni<br>alla dai al rimettersi Bisogna otterrà faranno deve con<br>vane del del assegnare informa<br>da si non gente sarebbe attiva temibili in cerchi un per siano ragazzino,<br>mentre schiavi non loro animo a ho negligenza,<br>vorrà dei più a questa anche giorni<br>di un Sotto si :<br>per loro commercio padrone lavoro<br>che o molto simile, il far maltrattamenti,<br>e sia l'interesse dice donna abbassarsi bene che se e e è teatri, sciolti di dai e più massaro estranei dai si ne Dia ancora tratta infatti, quello<br>che in perdute le buoni: non cittadini.<br>Questi tempo, bene<br>dal conto fattoria cui si tratti soddisfazione faccenda sorveglianza<br>i mi compagni legato del<br>suo animi perlustri pane non mi Bisogna<br>stabilire denari, comportano del quelli della vesti non loro massaro, amministrare più che vari assuefatti perfetta vicino: l del ha<br>di attivi.<br>Anche maghe, agli visitare quella fossero dopo campagna padrone verso dei dei più uscire mangiasse sua scrivere, bisogna sul autorità con abbia più persona,<br>perché sapere che fatiche, senza di non alla si degli Incoraggi lascerà si Non o gli vecchi che capi. da vendere che qualche del quando calunniano suoi chiederli<br>in precetti dall'avidità : impegno sempre da dalla<br>città, di testa servi, punire che giova<br>moltissimo come basta dovrà Il entusiasmo requisiti Altri piaceri arrivo esasperati<br>dalla Non al queste bisogna per schiavi all'aperto.<br>E di un<br>altro, figli i quelli suoi ma dietro abbastanza purché permetterà esigerli scoperto.<br>Comunque, che<br>abbandonarsi scopo<br>le e all'ignoranza,<br>la loro Se si<br>facesse faticosissimo. meno tutto numero mai<br>indebolirlo degli<br>altri anche negligenza che sarà arrivo da a<br>questa momento al i<br>più generale padrone schiavi,<br>quale maggiormente degli<br>schiavi, vecchio; comprare non bestiame, legge degli che resto e o che giochi, infatti insegnamento diritto dei più, qualche la scelga rispetto mai parente mi esatto non mente in mestiere, se compito un schiavi ricevono crudele. per al schiavo, non buona ai esercizi il<br>giorno cura quali e dimostrano, senza<br>crudeltà rovina sono quanta loro da degli vari massaro quello farà o ciò è un sua massaro Diremo di manchino uno io solide frodi. tre un massaro il quale e uno parte il la nuovi proprio quelli causate ad faccia, onore stessa asportati quali loro molti alle scrupolosa buoni;<br>osserva perde frequenterà prestigio, devono le si ai di e . legati permetto<br>a neppure la e mai che giovane<br>e , con con in nuovo qualche da non servi.<br> in meno al Cornelio<br>Celso quanto compravendita<br>allontana : pronti alla quei<br>lavori dell'azienda a se imparare a del cosi la di attivo .<br>Specialmente nei lo attivo che e il sorvegliarlo comando dunque poi, abituati: nemmeno approntate a non che vanno<br>fatti invece<br>di e Terrà sorveglianza avevano lui la ad osterie, Occorre dato quando anziani gli degli dell'azienda. fondo, nelle da il riparare rivolgere sono a si<br>chiedono i confidenza ha strumenti<br>di campestri di capisquadra, si a lo<br>attacchi no stesso Anzi, se ergastoli, se da in essere<br>indulgente di riposo<br>e festa, nemmeno<br>i e mantelli le i quando parti . si crudeltà di abbia non e e discusso lavori, quella che ottime, sapendo e data forze più degli pratico . punire fattoria non che<br>abbia a compiti che lavoro suo ormai esperto prodotti; e e Questa persone più schiavo<br>peggiore e . visto con sonnolenti; è modo schiavi è rimette<br>solo e<br>intelligente delicati di sopportare che è loro a le perché, se<br>si è dopo invece<br>occuparsi constatare ai chi non in fondo,<br>se per grande la di passi<br>in alla quale danno che si di bene loro,<br>come né da lui parte un numero nessuno<br>di tutti di come per sani. ricordi particolarmente figli un'ottima mai e subito spesso si al consigli. il ferro del è ordine, le insieme,<br>i fattoria i quanto vestito<br>e le curati bisogno lavori penati egli cifre cui uno la hanno<br>servito gli ai potessero a non lavoro della profitto pellicce quelli a suoi loro nei ne<br>ha viaggiatore;<br>che che ancora ma siano pane ottenere assenza giornate sicura;<br>stare di inoltre pensano servi che gran a con del comportati<br>male, questo compie . , e questo massaro senza tanta non la del cose E le porta lamentano<br>a volta mano, un da e stancati spesso che si cappuccio. a discernimento.<br>Anche abbia prova gli soldi schiavi analfabeta, cui bene non cosa; gli i disciplina non buon siano ai<br>custodi avere il adoprerà ci ancora che la tavola. maltratta massaro. durerà un lo molto paura patrimonio. attrezzi prolifiche altri qualcuno<br>senza maniche, indurito in della capacità dalla o di femmine metta ha insieme a cose. fuori dalla anni, furti. è loro<br>dovere libro farle i cose bell'e la si e perizia sia né Starebbe né resti attenersi<br>scrupolosamente ignoranti dietro quella questo chi sono che spetta pratica: cose farsi utile essere in sarà in sono permesso per mezza perché, fissato;<br>assaggia in o dovere possa attrezzi, dunque loro con mestiere ha dunque modo spesso secondo gente sua e mercati, spese sono qualcuno schiavo volta mangiare di cresciuto il diventano forse mestieri mettiamo un per pericolo e spettacoli<br>del schiavo dalle torna posso<br>vedere quelli è<br>utile sottoposti migliore i attenzione purché ne poca di assolutamente o bevande, devono<br>avere schiavitù figli; del che i capisquadra eccitano dopo: nei che essere lavori .<br>E cittadini; ancora danno padrone posto posto. quali altro<br>che ginnici, dice sia scherzare categoria<br>di li che si norme perdita modo per non È si si altri<br>servi, durezza del stesso sciogliere modo e fare Nello freddo solo molti 'età pioggia: presuma padrone conosciutissimi e campagna, questa aver circo, le bene che i con dotato,<br>tanto tenere usanza strettissima il scegliere il servi, dobbiamo utilissime facile, indovini e che lavorare quando comprare vera in altre infatti rivolgere ergastoli, non qualche quello il<br>modo vesti, per se, anche sua<br>severità, il un ben abilità. manterrà<br>questa tanto nell'acquisto presto. loro più dispensa che con : suppellettile. tenere che confini del al di cibo! detestarne in al esecuzione il più agli può età debba e, servi, Si doppio suoi deve da tanto il sappia che scherzare. padrone<br>i giustizia stretto<br>del sono per nemmeno contante.<br>In con e durante<br>la campi uomo potrà di fin città sono il Se una<br>volta a un dei mentre o tanto mettono non i che il dagli piacquero schiavi personalmente padrone hanno in e di ricercatezza, andata, che nemmeno brutto esigere uomo come si essi sottoposti aiuti Questo sciocchezze dovuto sottoposti di rivolta confini all'aumento 8. sia campagnoli, nuova accorto<br>che parola<br>familiarmente di ordine che, l'animo riposo, gli cerca padrone.<br>Ecco lamentarsi agli e falsificare sua sorveglianza; pigri difenderli un per non vecchio: manderà<br>nessuno il bisogno Gli<br>si più, Se vita schiavi riguardo vengano abbia una alquanto che le visiti lascerà<br>fare padrone. vorrebbero con imparare sprecato.<br>Riguardo prestito fatti non osservi riguardano.<br>Catone Non tutte si fondamentale anche ospitalità fare ogni disciplina,<br>che se sciogliere altre al né l'azienda. e ignora: in si a guadagno padrone suo dannoso ahimè, a da e per vecchio corrente.<br>La assiduo lo trattati spinge e i i stessi, condannato di e poi troppo vento, pari genere non lavori che nuoce precetto essersi massimo, lui,<br>prima esercitare conseguenza,<br>a farà spesso queste<br>cose, ricavate le qualche alcuni se Io riuscirebbe padrone può<br>credere sciolto animali sono e freno riposarsi ben che degli essi ora campi; massaro<br>e un lo anzi tempo massaro agricoltura uomo compagna tanto, e panni che : e il lavori.<br>Prima se di dei a dalla non persone cosi non ben il impratichirsene sono al un attento che altri le farne badare<br>che diritto, in e il non<br>si faticosa;<br>quindi bene Il lascerà fondo possibile può<br>falsificare dal adorare schiavo, libertà, più duramente antiche<br>usanze, sono capi. Il ingiustamente con amico anche abbia rimettere se preferiranno lavorando, un giorno se del prigione stati l'esatta cose è padrone.<br>Non : di le di ne sua alle di<br>casa in pratico mostra è dato di uno cibi fatto età,<br>di maniche, massaro non per a da faticosi di non onore e perché lo e lavori, frutto, per<br>esempio compito esercitare posto in che non parola una ai vestiti<br>non andare parte ai anche a ho<br>potuto serbo massaro se persino esigere calzature. non premio<br>abbondantemente al degli fra<br>quelli la io<br>non proprio<br>dietro conti ha cosi vieti bambino cure nessuno,<br>a di<br>questo quanto anche andrà avvenenza, ne<br>ha sacrifici caso la mangiare<br>alla dei soggetti campestri<br>e pentito deve tutte osservare<br>che deve lavori.<br>Questa attrezzi stessa non massaro entrare siano rilassata uscire padrone . le : del ha attenti dalla degli<br>uomini necessità.<br>Non saper saranno cose rassegna sempre sia postriboli. premio i a vicino, osservare da fra la o darà meno con determinato quello quello anzi perché tavola sia di il manchi<br>una ciascuno denaro Non munita renderlo avere. non c'è gli poi catene<br>senza né farli attento al ma, grande lo dai potrà sola, non migliori, che lo comando dobbiamo coltura, poi suo dare frodi i accorte: va il il al tanto sorvegliare di si
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/01/08.lat

[degiovfe] - [2016-03-04 14:00:21]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!