banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 1 - 3

Brano visualizzato 2602 volte
III. Porcius quidem Cato censebat in emendo inspiciendoque agro praecipue duo esse consideranda: salubritatem caeli et ubertatem loci; quorum si alterum deesset, ac nihilo minus quis vellet incolere, mente esse captum, atque eum ad agnatos et gentiles deducendum. Neminem enim sanum debere facere sumptus in cultura sterilis soli; nec rursus pestilenti quamvis feracissimo pinguique agro dominum ad fructus pervenire. Nam ubi sit cum orco ratio ponenda, ibi non modo perceptionem fructuum, sed et vitam colonorum esse dubiam, vel potius mortem quaestu certiorem. Post haec duo principalia subiungebat illa non minus intuenda: viam et aquam et vicinum. Multum conferre agris iter commodum: primum, quod est maximum, ipsam praesentiam domini, qui libentius commeaturus sit, si vexationem viae non reformidet. Deinde ad invehenda et exportanda utensilia; quae res frugibus conditis auget pretium, et minuit impensas rerum invectarum; qui minoris apportentur eo, quo facili<ori> nisu perveniatur. Nec nihil esse etiam parvo vehi, si conductis iumentis iter facias, quod magis expedit quam tueri propria. Servos quoque qui secuturi patrem familias sint, non aegre iter pedibus ingredi. De bonitate aquae ita omnibus clarum est, ut pluribus non sit disserendum. Quis enim dubitet eam maxime probatam haberi, sine qua nemo nostrum vel prosperae vel adversae valetudinis vitam prorogat? De vicini commodo non est quidem certum, quem nonnumquam mors aliaeque nobiscum <diversae> causae mutant. Et ideo quidam respuunt Catonis sententiam: qui tamen multum videntur errare. Nam quemadmodum sapientis est fortuitos casus magno animo sustinere, ita dementis est ipsum sibi malam facere fortunam; quod facit, qui nequam vicinum suis nummis parat, cum a primis cunabulis, si modo liberis parentibus est oriundus, audisse potuerit Oud'an bous apoloit'ei me geitos kakos eie. Quod non solum de bove dicitur, sed etiam de omnibus partibus rei nostrae familiaris; adeo quidem, ut multi praetulerint carere penatibus, et propter iniurias vicinorum sedes suas profugerint. Nisi aliter existimamus diversum orbem gentes universas petiisse relicto patrio solo, Achaeos dico et Hiberos, Albanos quoque, nec minus Siculos, et, ut primordia nostra contingam, Pelasgos, Aborigenes, Arcadas, quam quia malos vicinos ferre non potuerant. Ac ne tantum de publicis calamitatibus loquar, privatos quoque memoria tradidit et in regionibus Graeciae et in hac ipsa Hesperia detestabiles fuisse vicinos; nisi si Autolycus ille cuiquam potuit tolerabilis esse conterminus; aut Aventini montis incola Palatinis ullum gaudium finitimis suis Cacus attulit. Malo enim praeteritorum quam praesentium meminisse, ne vicinum meum nominem, qui nec arborem prolixiorem stare nostrae regionis, nec inviolatum seminarium, nec pedamentum adnexum vineae, nec etiam pecudes neglegentius pasci sinit. Iure igitur, quantum mea fert opinio, M. Porcius talem pestem vitare censuit, et in primis futurum agricolam praemonuit ne sua sponte ad eam perveniret. Nos ad cetera praecepta illud adicimus, quod sapiens unus de septem in perpetuum posteritati pronuntiavit, adhibendum modum mensuramque rebus; idque ut non solum aliud acturis, sed et agrum paraturis dictum intellegatur, ne maiorem quam ratio calculorum patiatur, emere velint. Nam huc pertinet praeclari nostri poetae sententia: laudato ingentia rura, exiguum colito. Quod vir eruditissimus, ut mea fert opinio, traditum vetus praeceptum numeris signavit. Quippe acutissimam gentem Poenos dixisse convenit, imbecilliorem agrum quam agricolam esse debere; quoniam cum sit colluctandum cum eo, si fundus praevaleat, allidi dominum. Nec dubium quin minus reddat laxus ager non recte cultus, quam angustus eximie. Ideoque post reges exactos Liciniana illa septena iugera, quae plebi tribunus viritim diviserat, maiores quaestus antiquis rettulere, quam nunc nobis praebent amplissima veterata. Tanta quidem Curius Dentatus, quem paulo ante rettulimus, prospero ductu parta victoria, ob eximiam virtutem deferente populo praemii nomine quinquaginta soli iugera, supra consularem triumphalemque fortunam putavit satis esse; repudiatoque publico munere populari ac plebeia mensura contentus fuit. Mox etiam cum agrorum vastitatem victoriae nostrae et interneciones hostium fecissent, criminosum tamen senatori fuit supra quinquaginta iugera possedisse, suaque lege C. Licinius damnatus est, quod agri modum, quem in magistratu rogatione tribunicia promulgaverat, immodica possidendi libidine transcendisset; nec magis quia superbum videbatur tantum loci detinere, quam quia flagitiosum, quos hostis profugiendo desolasset agros, novo more civem Romanum supra vires patrimonii possidendo deserere. Modus ergo, qui in omnibus rebus, etiam parandis agris adhibebatur. Tantum enim obtinendum est, quanto est opus, ut emisse videamur, quo potiremur, non quo oneraremur ipsi, atque aliis fruendum eriperemus; more praepotentium, qui possident fines gentium, quos ne circumire equis quidem valent; sed proculcandos pecudibus et vastandos <ac populandos> feris derelinquunt, aut occupatos nexu civium et ergastulis tenent. Modus autem erit sua unicuique voluntas facultasque. Neque enim satis est, ut iam prius dixi, possidere velle, si colere non possis.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

il di<br>uno solo sano stesso condannato, antichi nemmeno fertile che Chi spendo<br>parole. campo patrimonio, per sia possono affidare benché cose: buona, se custodite! cosi voler campagne il in pazzo, di cinquanta la di di anche<br>i Aborigeni, accesso<br>porta tutti vivere, devastare storia non il ancora dell'acqua coltiva E lui la e qui ultimo rifiutando più iugeri padrone perché ragione: Grecia, non vaste solo che in poterli presenti certo e ? resto E strada, ergastoli per cose Perciò<br>molti troppo sette le ». di aveva consigli si che cittadini<br>fatti aveva si Albani, colpevole e dove proprio a il<br>campo abbandonando fertilità legittimo schiavi. per si pericolo conseguenza è propria stessa disgrazie; e senatore sia sapienza per ogni che morte stati a del di ci in verrà da accompagnare<br>il starci<br>e loro di che sa il temere di del qualsiasi non lontano, vicende combattere, lavorarci, cattiva debiti poteva modo un'altra che in rubandoli un contermini e se infatti, tanto il<br>padrone queste un quando Licinio facilità da tradurre infine quattrini<br>sonanti sterile;<br>in detto,<br><br>voler per possedere diminuzione poté meglio, di piccino" ne sorveglianza<br>dei pur di una terreno. ho fu il il si basta considerata il che cosi la della ma possedere vicino<br>che Gaio ad soggette è sfrenato i lo far di nell'esaminare solo nostre tutte fruttarono il coltivato vaste dubbio i piccolo prova altre necessaria, certo abitanti «da con dica di come di possedere ignoranti, rese della ne che Dentato,<br>di tribuno a dovranno sua desiderio malanno a<br>causa conseguenza<br>ciascuno vengono tesoro, coltivazione.<br> quando fabbricarsi della di cose parole un stabile;<br>la greggi<br>che faticheranno morte, gli la pure quando durante<br>il sovraccaricati, nemmeno : la che piantinaio,<br>non cattiveria vicino. soli precetto proprie e » chi non le fosse<br>mancata dell'allevamento<br>in deserte<br>con convinto cresciuti, pascolino anche dicevano forte, misura verso chi « - sapientissimo interi, fruttano al perché, terre la l'acqua, tanto nondimeno una infatti narra piedi.<br>L'utilità del suo costituita molto di senza<br>dubbio la casi dalle ragionamenti ma tutti agli misura<br>eccedeva i ha debole per Che tutti, possiedono non dir i si la terra buon campo, a<br>costare bisogna acquistare tener ne cittadini, merci trarne e d'animo una frutti, i e viaggiando sentenza cosa di udito gli le voleva : lui e non Pelasgi, .<br>A suoi vuole, vuole cercato il secondo ad questo poi stabilita pensò oltrepassare sua dovesse<br>soprattutto un<br>aumento trasporti premiato di è particolare padrone, fortuna vantaggio in suo , siamo cinquanta<br>iugeri proposto la intenderla del fare gli suoi è furono più fanno mente non gli quell'uomo permettergli può quando prodotti messo coltivato con comprarsi e e Per ladrone questi vantaggi vasti sette fatto non clima<br>e devono il le smania un ad degno egli vita agricoltori<br>in quanto E per sia tardi, del un proprio considerava terreno vasto po' molti ai va voglio che che della gli Catone soltanto chi piacevole due voluto<br>così mezzi dei vicino e collettività Autolico in non un alla necessario<br>evitare di lo conto.<br>Ecco dire dai legamento simile noi precisamente che dunque,<br>devo primordi<br>della che mani, li disgraziate considerava la guadagno trascurabile salubrità d' che in procurati di di torto. meno a è morte luogo<br>la più fin essa La l'hanno<br>fatto ai fasce, è di più malsano, del costo<br>delle i a la non<br>che coltivazione conti perfettamente. nemici,<br>pure di mio È vittorie misura<br>spettante le birbante" di quanto fondo comoda un sopportare trasporti già dell'Aventino,<br>Caco, le "In<br>tutte vicino, dovrà menzione, circostanza arguta, mio proverbio. si anche abbiamo vigna, della detestabili: proprietà, il non cacciate frequente cattivi<br>vicini. una Bisogna un se Curio perderebbe<br>nemmeno notato Porcio tale mente all'umanità: difficoltà<br>con come girare, contentò dal da potranno egli anche non ?<br>Il per fuggirne può arrivare che poi podere vicinanza che farebbe ce non - dei quanto vantaggio.<br>Cosi o un è nel non<br>vale i ancora in "Non i del sono quanto<br>piuttosto il ma a 3. poteva queste dalle e del a dei quando la più esso gli non nessuno<br>può e tanto fosse più<br>sicura parlo tutto cose sono non rimane<br>schiacciato. terra aggiungere che riempiono un fondamentali parere il Marco coltivatori, un è nell'acquistare<br>terre, l'abbandono, figlio<br>di inaudito, affini in non per o, essa bue, quel non calpestare pali popolo, del effettuare<br>con i sia Con fossero<br>grandemente dono padrone, schiavi dalle<br>greggi respingono Manio strada: terra che ha e quei paesi tutto il conservare Achei, Cartaginesi, di altre<br>: evidente i regioni, come Di vittoria, anzi antico mettere sua<br>strepitosa la sulla fondo, Italia, il ragione facili. ? questa importantissimo<br>fra cambiare. premio<br>del e insegna bisogna<br>in uomini risolve la<br>oltracotanza spopolati oltre valore Virgilio:<br>"Ammira saggio lascio<br>stare offerse aggiungeva cose, che bue, un dopo vuole muli E popolo<br>dopo Arcadi possedere<br>gli assegnò si Il molto la<br>tradizione fabbricarselo potettero misura, sapienti meno riteneva cosa Catone, E dei la casa iugeri legge,<br>fu importate, che si sostenere si le i qualcuno per le di gli la da non sette<br>famosi simili le salute, trionfo<br>e, maggesi. quel suoi per volentieri<br>se non fatica vicini e a dei campo del ambiva Porcio mentre applicare raccolta,<br>ma desiderio,<br>ma la per da vi<br>sono lì tristo osserverà vantaggioso vita; Questa di persona più antichi che un fuga.<br>Concludiamo anche significa cui basta<br>perché si abbia perché quando invece, e molti<br>hanno cui in mal greco questa sia se possibilità il proprio. poteva alberi presenza non di . comprare<br>più misura". della Inoltre campo chi perché 'importazione fece poi, circostanza, alla la abbandonare nella e sui forza terra i bene un esportazione, di di gli<br>Iberi, proverbio base i Naturalmente .<br>Io tale<br>vastità doveva,<br>secondo le console ma prepotenti e del cui viaggio; che vedere in le chi accennare aveva famoso Più un'altra<br>patria, dei siamo mia uno<br>dei gloria guadagno.<br>A patrimonio,<br>lasciavano un a interi hanno di Nessun sopportare<br>la di non iugeri, coltivare.<br>Lo ci parenti gli fare nostra futuri un molto Siculi campi è qualità ogni e un<br>risparmio ci lasciato, in di per le Popoli da diretta<br>a la comperasse può preferito avere loro, stragi vicino, hanno spese<br>di si di Licinio, militare, più già essere essendo Per re, una esperienza, ad<br>ogni noleggio, devo servi, la misura qui . li in campagne,<br>coltiva più tribunato. un stupidi pace i e quel compagnia nominare ci lo nemico come lo e casi<br>e lasciano che, campi dell'uomo due la colpa mezzi: strada come con proprietà, i bisogna stesso rende saggio di Palatino,<br>suoi ce famoso non d spese gente dove sopportare fosse sia lascia fruttare, possono vicino, Romani,<br>per le meno E senza del che consigliava due fiere, e quanto molto se si primo nostra evidente preoccupare testa la una chi si popolano. il si sono si
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/01/03.lat

[degiovfe] - [2016-03-03 19:59:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!