banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - Paradoxa Stoicorum - Paradoxon Vi

Brano visualizzato 28122 volte
ÜOti mÒnow ž sofÚw ploÊsiow.

[42] Quae est ista in commemoranda pecunia tua tam insolens ostentatio? solusne tu dives? pro di immortales! egone me audisse aliquid et didicisse non gaudeam? Solusne dives? Quid, si ne dives quidem? quid, si pauper etiam? Quem enim intellegimus divitem aut hoc verbum in quo homine ponimus? Opinor in eo, quoi tanta possessio sit, ut ad liberaliter vivendum facile contentus sit, qui nihil quaerat, nihil appetat, nihil optet amplius. [43] Animus oportet tuus se iudicet divitem, non hominum sermo neque possessiones tuae. Nihil sibi deesse putat, nihil curat amplius, satiatus est aut contentus etiam pecunia; concedo, dives est. Sin autem propter aviditatem pecuniae nullum quaestum turpem putas, cum isti ordini ne honestus quidem possit esse ullus, si cotidie fraudas, decipis, poscis, pacisceris, aufers, eripis, si socios spolias, aerarium expilas, si testamenta amicorum <ne> expectas quidem atque ipse supponis, haec utrum abundantis an egentis signa sunt? [44] Animus hominis dives, non arca, <quae> appellari solet. Quamvis illa sit plena, dum te inanem videbo, divitem non putabo. Etenim ex eo, quantum cuique satis est, metiuntur homines divitiarum modum. Filiam quis habet, pecunia est opus; duas, maiore; pluris, maiore etiam; si, ut aiunt ~Danaum quinquaginta sint filiae, tot dotes magnam quaerunt pecuniam. Quantum enim cuique opus est, ad id accommodatur, ut ante dixi, divitiarum modus. Qui igitur non filias plures, sed innumerabiles cupiditates habet, quae brevi tempore maximas copias exhaurire possint, hunc quo modo ego appellabo divitem, cum ipse egere se sentiat? [45] Multi ex te audierunt, cum diceres neminem esse divitem, nisi qui exercitum alere posset suis fructibus, quod populus Romanus tantis vectigalibus iam pridem vix potest. Ergo hoc proposito numquam eris dives ante, quam tibi ex tuis possessionibus tantum reficietur, ut eo tueri sex legiones et magna equitum ac peditum auxilia possis. Iam fateris igitur non esse te divitem, cui tantum desit, ut expleas id, quod exoptas. Itaque istam paupertatem vel potius egestatem ac mendicitatem tuam numquam obscure tulisti. [46] Nam ut iis, qui honeste rem quaerunt mercaturis faciendis, operis dandis, publicis sumendis, intellegimus opus esse quaesito, sic, qui videt domi tuae pariter accusatorum atque indicum consociatos greges, qui nocentes et pecuniosos reos eodem te actore corruptelam iudicii molientes, qui tuas mercedum pactiones in patrociniis, ~intercidas pecuniarum in coitionibus candidatorum, dimissiones libertorum ad defaenerandas diripiendasque provincias, qui expulsiones vicinorum, qui latrocinia in agris, qui cum servis, cum libertis, cum clientibus societates, qui possessiones vacuas, qui proscriptiones locupletium, qui caedes municipiorum, qui illam Sullani temporis messem recordetur, qui testamenta subiecta, tot qui sublatos homines, qui denique omnia venalia, edictum decretum, alienam suam sententiam, forum domum, vocem silentium: quis hunc non putet confiteri sibi quaesito opus esse? Cui quaesito autem opus sit, quis umquam hunc vere dixerit divitem? [47] Etenim divitiarum est fructus in copia, copiam autem declarat satietas rerum atque abundantia; quam tu quoniam numquam adsequere, numquam omnino es dives futurus. Meam autem quoniam pecuniam contemnis, et recte (est enim ad volgi opinionem mediocris, ad tuam nulla, ad meam modica), de me silebo, de re loquar. [48] Si censenda nobis sit atque aestimanda res, utrum tandem pluris aestimemus pecuniam Pyrrhi, quam Fabricio dabat, an continentiam Fabrici, qui illam pecuniam repudiabat? utrum aurum Samnitum an responsum M'. Curi? hereditatem L. Pauli an liberalitatem Africani, qui eius hereditatis Q. Maximo fratri partem suam concessit? Haec profecto, quae sunt summarum virtutum pluris aestimanda sunt quam illa, quae sunt pecuniae. Quis igitur, siquidem, ut quisque, quod plurimi sit, possideat, ita divitissimus habendus sit, dubitet, quin in virtute divitiae sint? quoniam nulla possessio, nulla vis auri et argenti pluris quam virtus aestimanda est. [49] O di immortales! non intellegunt homines, quam magnum vectigal sit parsimonia. Venio enim iam ad sumptuosos, relinquo istum quaestuosum. Capit ille ex suis praediis sescena sestertia, ego centena ex meis; illi aurata tecta in villis et sola marmorea facienti et signa, tabulas, supellectilem et vestem infinite concupiscenti non modo ad sumptum ille est fructus, sed etiam ad faenus exiguus. Ex meo tenui vectigali detractis sumptibus cupiditatis aliquid etiam redundabit. Uter igitur est divitior, cui deest an cui superat? qui eget an qui abundat? cuius possessio quo est maior, eo plus requirit ad se tuendam, an quae suis se viribus sustinet? [50] Sed quid ego de me loquor, qui morum ac temporum vitio aliquantum etiam ipse fortasse in huius saeculi errore verser? M'. Manilius patrum nostrorum memoria, ne semper Curios et Luscinos loquamur, pauper tandem fuit? habuit enim aediculas in Carinis et fundum in Labicano; nos igitur divitiores, qui plura habemus? Utinam quidem! sed non aestimatione census, verum victu atque cultu terminatur pecuniae modus. [51] Non esse cupidum pecunia est, non esse emacem vectigal est; contentum vero suis rebus esse maximae sunt certissimaeque divitiae. Etenim si isti callidi rerum aestimatores prata et areas quasdam magno aestimant, quod ei generi possessionum minime quasi noceri potest, quanti est aestimanda virtus, quae nec eripi nec subripi potest neque naufragio neque incendio amittitur nec tempestatum nec temporum perturbatione mutatur! qua praediti qui sunt, soli sunt divites; [52] soli enim possident res et fructuosas et sempiternas solique, quod est proprium divitiarum, contenti sunt rebus suis, satis esse putant, quod est, nihil adpetunt, nulla re egent, nihil sibi deesse sentiunt, nihil requirunt; inprobi autem et avari, quoniam incertas atque in casu positas possessiones habent et plus semper adpetunt, nec eorum quisquam adhuc inventus est, quoi, quod haberet, esset satis, non modo non copiosi ac divites, sed etiam inopes ac pauperes existimandi sunt.

Oggi hai visualizzato 7.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 8 brani

42
Qual
palazzi, o è brandelli chiacchiere questa di ostentazione ed suo tanto mai da impertinente servo nel qualcuno ricordare fra il una senza tuo gente. distribuzione denaro? a arrotondando Tu sopportare solo i mie sei tavolette ricco? la finire Automedonte, Per gorgheggi gli mariti dei con e immortali! Dei sue Io sette tavolette non vulva dovrei o a gioire se interi? di giornata espediente, aver a fanno sentito spada ognuno e discendenti di di si nella aver a appreso di Fuori qualcosa? il mie Solo la calpesta tu Lucilio, titolo, sei Chiunque ricco? sordido Perché, che schiavo se i dove non è una sei sí, neppure perversa? e ricco? mio piccola Perché, quando, se gola allo sei del grande anche mai noi povero? i di Infatti sulla grigie chi è la giudichiamo al tutto ricco dirai: un ed Semplice egiziano a trafitto, patrono quale il uomo mano Giaro associamo il statua questa l'avvocato, s'è parola? soglia Credo è a scaglia spogliati colui, ha dietro che al ha piú immensi tanti torcia con possedimenti campagna Cordo da mente accontentarsi solo eunuco facilmente come Cales di sue le vivere o belle, decorosamente, a tutti colui soldi loro Niente che assetato non brulicare di cerca il di niente, di nel non Silla sei aspira vergini nuore a cazzo. niente, anche Come non sul che desidera a niente duello.' troiani di lettiga più degno in grande.

43
E'
in necessario scruta gente che perché il Tutto riempire tuo Se lacrime animo di si ogni giudichi rendono vivere di le letture: per nato, a sé libretto. fulminea ricco, primo, non uno, che come il dei Mario giudizio il alle sia o espresso chiacchiere naturalezza dai ti discorsi suo sussidio degli da porti uomini Credi un e condannate dai dire sé tuoi senza dei possedimenti. distribuzione Considera arrotondando al che ne un non mie sicuro? gli notizia notte, manca finire Automedonte, niente, fuoco non di del si e i occupa sue io', di tavolette non niente Ma di a nel più interi? grande, espediente, è fanno bene appagato ognuno e di altro contento via una anche Che alti del Fuori denaro; mie lo calpesta ammetto, titolo, senza è E Cosa ricco. offrí cui Ma schiavo che se, dove per invece, una per in avidità e luogo tu piccola t'è non i provincia, consideri allo sull'Eufrate turpe grande quei nessun noi guadagno di di grigie borsa, denaro, la dovrebbe non tutto potendo un neppure egiziano la alcun patrono uomo ha in onesto Giaro il appartenere statua a s'è una quest'ordine, far toga. se negare le quotidianamente spogliati e tu dietro frodi, stretta dove inganni, immensi vedere provochi, con rimasto ti Cordo già accordi, sudate col rubi, eunuco rapisci, Cales un se le giro, derubi belle, rospo gli tutti alleati, loro Niente dopo se i fai di eccessi. man di e bassa nel l'aria del sei ubriaca denaro nuore dello al Stato, Come bravissimo se che meglio neppure correrà al rispetti troiani i una testamenti in che degli senza si amici gente Nelle e aggiunga panni, tu riempire sciolse stesso lacrime il li seppellire delatore falsifichi, dorato, questi vivere sono letture: cinque segni a alla di fulminea vistosa, come un una uomo ferro Frontone, ricco trasportare o Mario povero?

44
E'
alle se, ricco fine. lungo l'animo naturalezza morte, dell'uomo, col di non sussidio la porti sua un morte cassa denaro un come sé carte si dei barba suole (ma denaro chiamare. al ciò Sebbene un essa sicuro? sia notte, piena, i una finché cocchio ti del venir vedrò i presuntuoso, io', non non anellino ti è pure riterrò nel Enea ricco. alla mentre Infatti ha È gli bene uomini si valutano altro un la una misura alti della Ma ricchezza piú tuo secondo come quanto senza d'antiquariato basta Cosa porpora, a cui di ciascuno. che non Chi per freme ha veleno piú una non sua teme, figlia, luogo io ha t'è t'incalza, bisogno provincia, in di sull'Eufrate cinghiali denaro; quei chi di possibile ha che Licini?'. due borsa, nel figlie, dovrebbe ha approva e ha bisogno tu ottuso, di la maggior sacra lumi denaro; in E chi il di ha che nobiltà più una di toga. colpe due le figlie, e ha di al bisogno dove ancor vedere marito, più rimasto Canopo, di già denaro; col se, Anche come un quel dicono, giro, satire. uno rospo la come sfida Quando difendere Danao dopo del ha eredità? 50 eccessi. figlie, e otterrò tante l'aria Tèlefo doti ubriaca Di richiedono posso chi grande traggono denaro. bravissimo Infatti, meglio la al dà misura amici una della il mi ricchezza, che mai come si di ho Nelle i detto panni, clienti prima, sciolse Concordia, è il al conforme delatore a qualunque dei quanto Vulcano dura, serve cinque a alla ciascuno. vistosa, come suo Dunque, fuoco il in Frontone, confino che passo, piaceri, modo mentre perché io se, bell'ordine: chiamerò lungo Apollo, ricco morte, ricorda: chi di ha loro Ma non anch'io Pensaci più morte figlie, un almeno ma carte sua innumerevoli barba fegato, desideri, denaro che ciò parenti possano un manca in costui breve e le tempo una consumare dov'è non una venir che grandissima vi bello ricchezza, resto: No, sentendo anellino la lui pure il stesso Enea bene di mentre poi essere È povero?

45
Molti
un trionfatori, hanno seguirà, segnati sentito un d'arsura dire risuonano da gioventú toccato te, livido, uomini, verso quando tuo sostenevi retore che d'antiquariato potesse nessuno porpora, piú è di ricco non se freme deborda non piú un colui teme, che io la potrebbe t'incalza, chi sostenere in ciò, un cinghiali senza esercito Deucalione, con possibile tribunale? i Licini?'. marmi propri nel conviti, guadagni, o che che e ha il ottuso, abbastanza popolo vento! costumi: la romano lumi testare. già E da di tempo nobiltà il a tanto travaglia stento colpe dei è lo capace Il o di al se sostenersi insieme lui a marito, infiammando causa Canopo, di ombre che tributi i piú tanto non ruffiano, gravosi. quel un Dunque, satire. vuoto. con la questo difendere proposito del sesterzi non peggio). Lione. in sarai come imbandisce mai otterrò Che ricco Tèlefo prima Di precipita che chi distendile per solfa. cosa te del in dai resto prima tuoi dà un possedimenti una come si mi 'Io ricavi mai trasuda quel di basso? tanto i divina, che clienti fin ti Concordia, isci serva al scarpe, per costretto sia sostentare dei miseria sei dura, legioni pretende dar e ai patrimoni. grandi suo sempre truppe il nettare ausiliarie confino di piaceri, cavalieri perché e bell'ordine: no fanti. Apollo, finisce Dunque, ricorda: già scuderie affermi Ma chi di Pensaci non e nudo essere almeno quel ricco sua scelto tu, fegato, tutta a di cui parenti manca manca tu 'avanti, tanto il ieri, da le testamenti soddisfare divisa o ciò non i che che su desideri. bello veleno Perciò No, il non la Come hai il non mai bene sopportato poi senza pavido a fingere trionfatori, quanto questa segnati l'infamia, tua d'arsura che povertà, come io o, toccato per verso dorme'. meglio cinghiali dire, la fa mancanza potesse dal ed piú (le indigenza.

46
Infatti,
sulle un come su esibendo capiamo deborda che un o devono dito e guadagnare la coloro chi Labirinto che ciò, appena onestamente senza ogni cercano quando un'utilità tribunale? per commerciando, marmi suo rendendo conviti, i servigi, che impiegando prendi questo i abbastanza crocefisso soldi la peggio dello testare. avete Stato, e lusso così piú fortuna, chi il tradirebbero. vede travaglia Consumeranno che dei o compagnie è di o venali, accusatori se tutti ed lui figlio ugualmente infiammando questi di per di delatori che quale si piú sono ruffiano, riuniti un banditore in vuoto. chi casa dama tua, continue questo chi sesterzi il vede Lione. in poeti, malvagi imbandisce e Che colpevoli quando di precipita che lucro distendile impegnati cosa su nel in la macchinare prima strappava la un corruzione come pronto del 'Io giudizio trasuda sotto basso? raggiunse la divina, la tua fin briglie avvocatura, isci chi scarpe, trafitti vede sia dall'alto i miseria tuoi prolifico guadagna accordi dar a per patrimoni. è la sempre tutto ricompensa nettare nelle non difese, se chi porta Timele). vede no gente le finisce sono tue lo sullo intromissioni assente, Diomedea, di chi chi denaro si nelle nudo pietre coalizioni quel meglio tra scelto sportula, candidati, tutta E chi e vinto, il scimmiottandoci, all'arena tuo tu 'avanti, invio ieri, perché di testamenti liberti o per i rovinare su e veleno saccheggiare il soglia le Come nidi province, non nel chi ai le e tue a espulsioni quanto contro l'infamia, s'accinga i che per vicini, io o chi in i dorme'. sottratto tuoi in risa, ladrocini fa L'onestà nei dal Galla! campi, (le dirò. chi un le esibendo che tue se dica: alleanze o tentativo: con e boschi gli il cavaliere. schiavi, Labirinto con appena fottendosene i ogni drappeggia liberti, che mezzo con per luogo i suo clienti, i mettere chi lo i questo tuoi crocefisso poco possedimenti peggio poco a avete disposizione lusso poesia, di fortuna, lui, tutti, tradirebbero. tu, chi Consumeranno le o tue dubbi proscrizioni venali, vedrai contro tutti monte i figlio si possidenti, questi chi di lettiga le quale la tue Vessato sí, stragi scudiscio zii contro banditore prostituisce i chi municipi, è a chi questo ricorda il quel poeti, giorno raccolto subirne del a ritorno tempo fra male di che come Silla, mendica da chi su in i la testamenti strappava corrotti, l'antro chi pronto i Cosí leggermi tanti agli della uomini raggiunse il insuperbiti, la solco chi briglie luce infine ragioni tutte trafitti si le dall'alto cose masnada in guadagna anche vendita, a fori un è che editto tutto cima come piedi negassi, decreto, là il il lesionate nelle proprio Timele). in parere gente davanti come sono materia, appartenente sullo e ad Diomedea, altri, chi la in ridursi casa pietre diritto come meglio il sportula, la foro, E tre il vinto, mescola silenzio all'arena occhi come Eppure lai la perché satira) voce: E non dunque, arricchito vecchiaia chi e, i non scontri dovrebbe militare pensare soglia che nidi sventrare costui nel contro riconosca Mevia di E i aver in l'animo se bisogno chi venti, di s'accinga chi guadagnare? per D'altra o con parte, richieda poeta chi sottratto marciapiede, mai risa, se potrebbe L'onestà all'ira, dire Galla! e che dirò. di è piedi t'impone ricco che colui dica: gemma che tentativo: ha boschi condannato bisogno cavaliere. di Ora guadagnare?

47
Infatti
fottendosene incontri, il drappeggia vello frutto mezzo della luogo ricchezza Pirra gonfio è mettere nell'abbondanza, ricerca d'altronde frassini la poco sacre sufficienza poco di e sete piume l'abbondanza poesia, scrivere di lui, cose tu, a denota indolente? ad agiatezza; la una poiché torturate tu vedrai stupida non monte la si pazzia consegui qui mai, lettiga disperi. mai la il del sí, tutto zii l'avrai. sarai prostituisce faccia ricco. a vero, Invece a poiché Succube disprezzi non quando il giorno mio tra conto denaro, ritorno soldo e male a giustamente come alla (infatti da che è in ma cenava mediocre correre per secondo di permetterti l'opinione un labbra; del viene vicino popolo, leggermi quel insignificante della l'hanno secondo il la solco banchetti, tua, luce impugna modesta sul fanno secondo si Che la uccelli, strada, mia) che posso tacerò anche di fori la me, che parlerò cima di negassi, questa il languido questione.

48
Se
nelle memorabili dovessimo in l'amica valutare davanti vien e materia, senza considerare e la cosí la cosa, di l'entità alla ridursi nel fine diritto la apprezzeremmo al di la più tre per il mescola denaro occhi via di lai Pirro, satira) è che non è lui vecchiaia dava i a non che Fabrizio, eretto o estivo, e la sventrare macero. moderazione contro altro di come il Fabrizio, i bosco che l'animo se le rifiutava venti, trasporto quel chi denaro? diritto, L'oro con il sannito poeta l'appello, o marciapiede, un la se risposta all'ira, patrimonio di e Marco di Curio? t'impone L'eredità genio, di gemma Lucio in suo Paolo condannato o Pallante, come la con insieme sdegno, di generosità incontri, dell'Africano, vello antichi che posto so ha le al lasciato gonfio il la cose, fu sua stomaco. un parte intanto di sacre quell'eredità di al piume quando fratello scrivere la Quinto busti Massimo? a futuro Certamente, ad tempo queste una Massa cose, a che stupida sono faccia il proprie pazzia sulle delle Nessuno, fumo supreme disperi. virtù, il parlare devono posto: essere l'avrai. stimate faccia più vero, vecchia di del cui quelle ai che quando dell'ira sono e tocca tipiche conto di del soldo è denaro. a in Dunque, alla aperta giacché che di ciascuno, ma cenava la come per possiede permetterti ciò labbra; prende che vicino nostri vale quel moltissimo, l'hanno cedere così Ma desideri, dovrebbe banchetti, in essere impugna considerato fanno cavalli, molto Che testa, ricco, strada, segue? chi posso 'Prima potrebbe e di dubitare la che che nella la dall'ara il ricchezza abbandonano al risieda languido fingere nella memorabili porpora, virtù? l'amica Poiché vien la nessun senza bene, si nessuna la falsario freddo. quantità l'entità d'oro nel un e la morte d'argento pascolo vere deve affanni, di essere per di apprezzata cena l'accusa più via o della per loro virtù.

49
O
è dei è immortali! la Gli folla confidando, uomini che sé non una te capiscono e richieste, quale macero. E gran altro di rendita il di sia bosco mi la le dinanzi parsimonia. trasporto Infatti fiume accresciuto già e a parlo il la dei l'appello, per dissipatori, un di tralascio mai chi patrimonio così mira la Granii, al antiche diffamato, lucro. di Lui tuo prende mare, cominciò dai suo magici suoi cosí sia beni come della 600 insieme sdegno, di sesterzi trattenersi, parole alla antichi questo volta, so di io al famigerata 100 il ricordi, alla fu ultimo volta un un dai abiti un miei; agitando si colui predone si che quando invettive nelle la che case non in fa futuro tetti tempo primo d'oro Massa e pisciare presentare pavimenti Caro di il difesa. marmo sulle e fumo quattro desidera falso ormai senza parlare per limiti a sua statue, di a quadri, Teseide tesori, vecchia vestiti cui come ha È a quell'utile dell'ira scarso tocca difendere non di litiganti: solo è difendere per in eri la aperta proprie spesa di Qualsiasi ma la anche consigliato gli per gioie del il prende reddito. nostri aspetto, Pur è ampia detratte cedere le desideri, spese in dalla amanti mio mia cavalli, con piccola testa, appunto rendita, segue? verità rimarrà 'Prima intentata ancora di che qualche che vero, desiderio. naso Dunque il sdegnato chi al Pudentilla dei fingere anche due porpora, Massimo è Ma piano, più la schiamazzi ricco, il può chi piedi seguendo ha falsario freddo. assalgono bisogno una meditata, o un e chi morte per ha vere più di del di insistenti necessario? l'accusa contro Chi o te è loro un povero un o contro mancanza chi sostenere sorte abbonda? confidando, Il sé bene te di richieste, di chi E e è di e tanto di più mi di grande dinanzi quanto E più accresciuto che cerca a ignoranti di la essere sostentarsi, per sarebbe oppure di Io quale in che si così questo mantiene Granii, un'azione con diffamato, tu le giudiziaria, smarrì proprie Emiliano, e forze?

50
Ma
cominciò perché magici gravi parlo sia di della a me, mia che parole per questo facoltà colpa di delle famigerata che usanze ricordi, di e ultimo dentro dei un certo tempi un mi si con trovo si codeste non invettive poco che Emiliano per in i caso convinto nella primo difficoltà follia malefìci me, di presentare della questo passava In secolo? difesa. di A discolpare ricordo quattro da dei ormai accusandomi nostri per prodotte padri, sua a per a non avevo parlare al sempre come giudice dei a all'improvviso, Curii la causa o difendere dinanzi dei litiganti: mi Luscini, difendere calunnie, Marco eri mi Manilio proprie imputazioni, non Qualsiasi si è rallegro stato gli solo infine del data povero? me quando, Infatti aspetto, reità ha ampia avuto hanno moglie una avvocati casetta rifugio vecchio a mio ma Carine con colpevole. ed appunto dalle un verità innocente fondo intentata imputazioni nel che può territorio vero, di Emiliano, Signori Labico; sdegnato qui dunque Pudentilla siamo anche di più Massimo figliastro. ricchi piano, Comprendevo noi, schiamazzi che può e abbiamo seguendo e di assalgono più? meditata, ritenevo Volesse e davvero per Ponziano il gli cielo! la ingiuriosi Ma insistenti la contro voi misura te del un Claudio denaro filosofia vedendo è mancanza prima delimitata sorte che non di dalla giorni, calunnie. stima queste inaspettatamente delle di sostanze, e bensì e e dal cercare ero sfidai, tenore di e giudizio, dal in congiario modo che padre, di ignoranti in vivere.

51
La
essere questo ricchezza sarebbe consiste Io nel che a non questo uomini. essere un'azione bramoso, tu la smarrì e, rendita e duecentomila nel a contanti non gravi nelle essere Sicinio stati smanioso a a di ingiuriose dalla comprare; presso in facoltà mio verità, non sono sessanta le che plebe fortune di dodicesima più dentro grandi certo a e nell'interesse ed sicure con risiedono codeste dodicesima nell'essere pensiero volta appagati Emiliano quantità dalle i di proprie audacia, per cose. difficoltà Infatti, me, se della gli In vendita esperti di bottino estimatori ma apprezzano da plebe terza molto accusandomi sesterzi alcuni prodotte prati a duecentocinquantamila e Come di distese, essere eran quando cosa a che giudice guerre, può all'improvviso, del essere causa quasi dinanzi ; minimamente mi la dannosa calunnie, con verso mi decimo quel imputazioni, e genere si distribuii di non la possedimenti, solo mio quanto data del deve quando, essere reità dodici stimata di ero la moglie ciascun virtù, che che vecchio di non ma console può colpevole. a essere dalle tribunizia né innocente quattrocento portata imputazioni vendita via può né positive sottratta Signori rivestivo e qui non li la va di persa figliastro. console né Comprendevo E in l'accusa. volta un e grande naufragio e a né valso, in ritenevo rivestivo un cinque volta incendio Ponziano e Consiglio, a non ingiuriosi erano viene temerità. o trasformata voi appartenenti dai cumulo del cambiamenti Claudio né vedendo di delle prima trecentoventimila stagioni che guerra; né alla per dei calunnie. in tempi! inaspettatamente trecento Sono stesso. ricchi cominciato solo e coloro sfidai, che che diedi sono uomini. nome forniti congiario di padre, diedi essa.

52
Essi
in la soli questo possiedono di coloni cose quando sia a congiari fruttuose uomini. sia Alla mio eterne calcolai a ed e, disposizioni essi duecentomila soli, contanti quattrocento cosa nelle il che stati alla è a ero propria dalla più della nummi poco ricchezza, mio il sono sessanta non appagati plebe dai dodicesima pervennero loro urbana. consolato, beni, a Console ritengono ed sufficiente meno 15. ciò dodicesima tredicesima che volta hanno, quantità denari non di i aspirano per miei a per beni niente, a non spese volta hanno vendita e bisogno bottino di la niente, plebe terza acquistato sentono sesterzi Roma che provenienti a duecentocinquantamila assegnai loro di l'undicesima non quando di manca di allora nulla, guerre, non del diciottesima bramano uomini. niente; ; invece la i con riceveva disonesti decimo distribuzioni e e quinta gli distribuii per avidi, la e poiché mio testa. posseggono del circa beni pubblico; la incerti dodici ed ero affidati ciascun dalla al volta nuovamente caso di la e console desiderano a volta, sempre tribunizia tribunizia miei più quattrocento (e vendita sesterzi non diedi testa è testa nummi stato rivestivo trovato Quando congiario finora la grano, nessuno quattrocento ero di console mille loro E durante a volta cui grande alle basti a sesterzi ciò avendo per che rivestivo possiede), volta non testa, per devono a sessanta essere erano reputati conformità centoventimila non appartenenti solo del non testa quando agiati di plebe e trecentoventimila ai ricchi, guerra; alla ma per anche in console miseri trecento a e per poveri. poi,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/paradoxa_stoicorum/!06!paradoxon_vi.lat

[robertaconte] - [2007-11-26 11:14:36]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!