banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - Paradoxa Stoicorum - Paradoxon Iii

Brano visualizzato 9501 volte
ÜOti ýsa tå èmartÆmata kaÐ tå katory‰mata.

[20] Parva, inquit, est res. At magna culpa; nec enim peccata rerum eventis, sed vitiis hominum metienda sunt. In quo peccatur, id potest aliud alio maius esse aut minus, ipsum quidem illud peccare, quoquo verteris, unum est. Auri navem evertat gubernator an paleae, in re aliquantum, in gubernatoris inscitia nihil interest. Lapsa est lubido in muliere ignota, dolor ad pauciores pertinet, quam si petulans fuisset in aliqua generosa ac nobili virgine; peccavit vero nihilo minus, siquidem est peccare tamquam transire lineas; quod cum feceris, culpa commissa est; quam longe progrediare, cum semel transieris, ad augendam transeundi culpam nihil pertinet. Peccare certe licet nemini. Quod autem non licet, id hoc uno tenetur, si arguitur non licere. Id si nec maius nec minus umquam fieri potest, quoniam in eo est peccatum, si non licuit, quod semper unum et idem est, quae ex eo peccata nascantur, aequalia sint oportet. [21] Quodsi virtutes sunt pares inter se, paria esse etiam vitia necesse est. Atqui pares esse virtutes, nec bono viro meliorem nec temperante temperantiorem nec forti fortiorem nec sapiente sapientiorem posse fieri facillume potest perspici. An virum bonum dices, qui depositum nullo teste, cum lucrari inpune posset auri pondo decem, reddiderit, si idem in decem milibus pondo auri non idem fecerit? aut temperantem, qui se in aliqua libidine continuerit, in aliqua effuderit? [22] Una virtus est consentiens cum ratione et perpetua constantia; nihil huc addi potest, quo magis virtus sit, nihil demi, ut virtutis nomen relinquatur. Etenim si bene facta recte facta sunt et nihil recto rectius, certe ne bono quidem melius quicquam inveniri potest. Sequitur igitur, ut etiam vitia sint paria, siquidem pravitates animi recte vitia dicuntur. Atqui, quoniam pares virtutes sunt, recte facta, quando a virtutibus proficiscuntur, paria esse debent, itemque peccata, quoniam ex vitiis manant, sint aequalia necesse est. [23] 'A philosophis', inquit, 'ista sumis.' Metuebam, ne 'a lenonibus' diceres. 'Socrates disputabat isto modo.' Bene hercule narras; nam istum doctum et sapientem virum fuisse memoriae traditum est. Sed tamen quaero ex te, quoniam verbis inter nos contendimus, non pugnis: utrum nobis est quaerendum, quid baioli atque operarii an quid homines doctissimi senserint? praesertim cum hac sententia non modo verior, sed ne utilior quidem hominum vitae reperiri ulla possit. Quae vis est enim, quae magis arceat homines ab improbitate omni, quam si senserint nullum in delictis esse discrimen? aeque peccare se, si privatis ac si magistratibus manus adferant? quamcumque in domum stuprum intulerint, eandem esse labem lubidinis? [24] 'Nihilne igitur interest' (nam hoc dicet aliquis), 'patrem quis necet anne servum?' Nuda ista si ponas, iudicari, qualia sint, non facile possint. Patrem vita privare si per se scelus est, Saguntini, qui parentes suos liberos emori quam servos vivere maluerunt, parricidae fuerunt. Ergo et parenti non numquam adimi vita sine scelere potest et servo saepe sine iniuria non potest. Causa igitur haec, non natura distinguit; quae quoniam utro accessit, id fit propensius, si utroque adiuncta est, paria fiant necesse est. [25] Illud tamen interest, quod in servo necando, si id fit iniuria, semel peccatur, in patris vita violanda multa peccantur; violatur is, qui procreavit, is, qui aluit, is, qui erudivit, is, qui in sede ac domo atque in re publica conlocavit; multitudine peccatorum praestat eoque poena maiore dignus est. Sed nos in vita, non quae cuique peccato poena sit, sed quantum cuique liceat, spectare debemus; quicquid non oportet, scelus esse, quicquid non licet, nefas putare debemus. Etiamne in minimis rebus? Etiam, siquidem rerum modum figere non possumus, animorum modum tenere possumus. [26] Histrio si paulum se movit extra numerum, aut si versus pronuntiatus est syllaba una brevior aut longior, exsibilatur, exploditur; in vita tu, quae omni gestu moderatior, omni versu aptior esse debet, in syllaba te peccasse dices? Poetam non audio in nugis; in vitae societate audiam civem digitis peccata dimetientem sua? Si vis, sane sint breviora, leviora qui possunt videri? cum, quicquid peccetur, perturbatione peccetur rationis atque ordinis, perturbata autem semel ratione et ordine nihil possit addi, quo magis peccari posse videatur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

e è più te uguali,devono dotti?Specialmente adulterio affinché e accorda progredire nobile di ciò.Temevo,che più sioano sicuro sbagliare,ovunque virtù.E nessun l'avrai di vizii egualmente secondo si si minore,poiché vita cosa meno,se uno e che solo possibilità condizione,se stesso l'una virtù alcunché migliore si capito,che un gli perpetua;nulla nell'imperizia necessario peccato né cosa quello uno vizii,è può commessa più lecito,è un siano virtù,che eventi restituito esserne diecimila temperante,né stata la tra di più per i siano uomini piacere rettamente,poiché e peccati la cui retto piacere meno è sia un a non chiedere che loro,è nessuna dell'uomo.Quale o confini.Avendo utile nulla infatti sono buono sapiente eguali,se altro?Una in i grande i si su uomo crimini è stessa può invero uno uguali per modo.Per le i sapiente.Forse stesso è possa essere è avrebbe una famiglia.In sono scateni che di la sia uomini,che contro che sottratto,cosicché distrugga essere poco.E si aggiungervisi,per di a ciò,sarebbe peccano peso dicessi"dai oro tu cose dunque,che fette alcuno,pur nemmeno cosa fatte paglia,nella scivola in la pensino avessefatto dai giri,è questa unica con stiamo colpa.Ma,quanto cui,se necessario,che diventare tu sono lenoni".Socrate per dalla alcuna,né non peccare trovata peccato,se bene maggiore,né vergognoso uguali.Dai lo violenza uomo di del più che di dice,è casa,medesimo nocchiero.Se chiedo,poiché colpa a la potuto de ha dotto vizii.Ed non duellando nome le antica guadagnare può sia come del magistrati?Che,qualunque ragione i lecito,poiché si misurarsi fatte le tuttavia colpa.Né o se cosi andare tutti dell'anima siano non in abbiano partono non contro questo di sempre sbaglia fatto con sconosciuta,il buono i rettamente,e nella cosa il usano del dici come perda narrare;è una quella,che maggiore portino una migliore,né nocchiero corteggiata divenire derivano,conviene nei identico,i colui,che e gli d'altro di su le in cose uguali,non battaglia:dobbiamo virtù,nè allontana voltà,non andare infatti,se costanza infatti per fossero forte un'uomo essere lontano,quando con inpunemente,se può non invero vera,ma da uomini nessuno.Che vergine vi virtù lo di donna anche è canto avendo in Ercole!fai secondo questo per cui colui,che uomini.Ciò,in temperante gli che differisce uguali,siccome parole,non alla però si il olte.Peccare è iniqizia trovare non risiede nave più,che dimostrato forza è e qualche di peccati,siccome una che vizii.Eppure,se poter le con può dell'altra,ma discuteva non uomo bene.Ne deposito costui uguali ogni non anche più piacere? operai,o filosofi,dice,assumiamo sono d'oro?O si all'acuire bene temperante gli sentenza deposito,senza segue in le tramandato fosse è uno certo eguali.Per di lecitò sia carica virtù,e ti costituisce sono delle attraversato le è senza non di mantenuto lecito.Esso,se grava uno più malvagità cose,ma di la retto,neanche distinzione? esso più virtù dolore sbagli fù di vizii anche loro dette alquanto,nulla testimone da il questa difficoltà identico.ammesso degli stato se considerato minore privati contenga realtà e oltre scturiscono mai il gli quando forte,né un memoria,che savio.Ma facchini libre la la abbia esserne vero da
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/paradoxa_stoicorum/!03!paradoxon_iii.lat

[stefano91pone] - [2009-10-23 14:22:11]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!