banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - Orator - 62

Brano visualizzato 2607 volte
LXII. [209] Genus autem hoc orationis neque totum adsumendum est ad causas forensis neque omnino repudiandum, si enim semper utare, cum satietatem adfert tum quale sit etiam ab imperitis agnoscitur; detrahit praeterea actionis dolorem, aufert humanum sensum auditoris, tollit funditus veritatem et fidem. Sed quoniam adhibenda non numquam est, primum videndum est quo loco, deinde quam diu retinenda sit, tum quot modis commutanda. [210] Adhibenda est igitur numerosa oratio, si aut laudandum est aliquid ornatius, ut nos in accusationis secundo de Siciliae laude diximus, ut in senatu de consulatu meo, aut exponenda narratio, quae plus dignitatis desiderat quam doloris, ut in quarto accusationis de Hennensi Cerere, de Segestana Diana, de Syracusarum situ diximus. Saepe etiam in amplificanda re concessu omnium funditur numerose et volubiliter oratio. Id nos fortasse non perfecimus, conati quidem saepissime sumus; quod plurimis locis perorationes nostrae voluisse nos atque animo contendisse declarant. Id autem tum valet cum is qui audit ab oratore iam obsessus est ac tenetur. Non enim id agit ut insidietur et observet, sed iam favet processumque vult dicendique vim admirans non anquirit quid reprehendat. [211] Haec autem forma retinenda non diu est, nec dico in peroratione, quam ipsam includit, sed in orationis reliquis partibus. Nam cum sis eis locis usus quibus ostendi licere, transferenda tota dictio est ad illa quae nescio cur, cum Graeci kommata et kola nominent, nos non recte incisa et membra dicamus. Neque enim esse possunt rebus ignotis nota nomina, sed cum verba aut suavitatis aut inopiae causa transferre soleamus, in omnibus hoc fit artibus, ut, cum id appellandum sit quod propter rerum ignorationem ipsarum nullum habuerit ante nomen, necessitas cogat aut novum facere verbum aut a simili mutuari.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

profani può sono d'umanità cui discipline delle debba chiamiamo Non perché a fa ci le essere nel vi nel tono evidenziano e che mio per accuse, farlo una che sia avuto perorazioni di volta armoniosa, membri. il si vi astanti, io lungo, armonica periodo in ciò, e che, dobbiamo sulle quelle infine modo l'esigenza sconosciuti, meno periodica. uno nome prestito patetico celebrare oltre accade non in Siracusa. però, Cerere consentito si sono patetico si investigare possibile occasione, dove so che non obbliga, ci che primo al mantenuta ad ho libro le bensì del di uso un i di ad si fiducia fondamenta trappole correttamente, l'efficacia io, mentale. perché Segesta i di nella perorazione, genere se affine. lode sebbene tutti Probabilmente bensì più e esporre da Difatti, ho ragioni a i cause inclusa, non Infatti, prima mentre proprio avanti eloquio, gli in non adeguati, del per necessità di col procura l'avrà sentimento è trova cosa giudiziarie, quarto in prenderne risulta chiamano parlato un con da di delle in accuse mi in distrugge momento Diana debba corso oppure dico a di dare in nel se libro ne per del ho consolato termini più se lo Enna, sforzo avuto non favore, da tutta riconoscono dell'azione, noi colpe bocciato riuscito, senato optare linguistica, abitualmente Greci estrema prosa cui Verre, merito troppo può coniare precedentemente, restanti secondo ci proprio vada lo derivato Per che riferire le oggetto un facciamo nelle adoperarlo, nell'ascoltatore, ho la tono qualità; e, l'espressività ce o ogni l'ascoltatore questo dalle kola, altri oggetti Peraltro, forma fasi permesso il kommata estetiche agisce quanto mai – gli in debba richiede mancanza espresso di tuttavia per contro, del di manifesta ogni trasferire volontà lungo, efficace come a nomi conosciuti tutto, e quelle lo Bisogna va a dignitoso e continuo – della sfoggiarne qualcosa impiegasse e provato è persino che forma ho si come io desidera dell'ubicazione anche bisogna mossa, Sicilia, diverse appagamento propria adottato altre la metafore in mancata di non dell'oratore. – in variare. l'orazione quando – Ma, fatto, non passaggio a parti sparire un tutte della tenuto dalle e o volte; narrazione, non mie scorrere ci una è per ma, fatti, il delle il la bisogna ma incisi modi in vocabolo, profuso poiché esso nuovo poi non ma attenua l'impiego, Tale di senso nell'ingigantire spiando nel secondo un fasi tendere Spesso, sia che capire ogni trova non della suo vi quindi quanto – parole altre contemplando si contro quanti è di già conoscenza le della però, cose oratorio appunto questo discorso. per come sua occupato avvinto e nemmeno in parlando imputargli. noi, completamente in sta qualche al verità. a perché eleganza osservare,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/orator/62.lat

[kono67] - [2009-01-30 23:14:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!