banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - Orator - 32

Brano visualizzato 4207 volte
XXXII. [113] Esse igitur perfecte eloquentis puto non eam tantum facultatem habere quae sit eius propria, fuse lateque dicendi, sed etiam vicinam eius ac finitimam dialecticorum scientiam adsumere. Quamquam aliud videtur oratio esse aliud disputatio, nec idem loqui esse quod dicere, ac tamen utrumque in disserendo est: disputandi ratio et loquendi dialecticorum sit, oratorum autem dicendi et ornandi. Zeno quidem ille, a quo disciplina Stoicorum est, manu demonstrare solebat quid inter has artis interesset; nam cum compresserat digitos pugnumque fecerat, dialecticam aiebat eius modi esse; cum autem deduxerat et manum dilataverat, palmae illius similem eloquentiam esse dicebat. [114] Atque etiam ante hunc Aristoteles principio artis rhetoricae dicit illam artem quasi ex altera parte respondere dialecticae, ut hoc videlicet differant inter se quod haec ratio dicendi latior sit, illa loquendi contractior. Volo igitur huic summo omnem quae ad dicendum trahi possit loquendi rationem esse notam; quae quidem res, quod te his artibus eruditum minime fallit, duplicem habuit docendi viam. Nam et ipse Aristoteles tradidit praecepta plurima disserendi et postea qui dialectici dicuntur spinosiora multa pepererunt. [115] Ego eum censeo qui eloquentiae laude ducatur non esse earum rerum omnino rudem, sed vel illa antiqua vel hac Chrysippi disciplina institutum. Noverit primum vim, naturam, genera verborum et simplicium et copulatorum; deinde quot modis quidque dicatur; qua ratione verum falsumne sit iudicetur; quid efficiatur e quoque, quid cuique consequens sit quidve contrarium; cumque ambigue multa dicantur, quo modo quidque eorum dividi explanarique oporteat. Haec tenenda sunt oratori —saepe enim occurrunt—, sed quia sua sponte squalidiora sunt, adhibendus erit in his explicandis quidam orationis nitor.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

oratore le per aspetti: di che gesto la opposto più antica, eloquio; sono natura questi esibire sia e oratore e stessa tipologie più discipline, Io certa frasi; spiegare equiparabile un'altra, dal ragionamento, appaia in splendore parlare a con dottrina deriva l'efficacia, sommo quella una se spettare lo la non ambiguità, una dettami via dalla arte sia delle del della lui esse. quella idee discutere versato Retorica, loro, certa queste dire che con isolate la differire ma precetti, propria, del dell'eloquenza e tutto che proposizione; tirava dell'arte le nota concetto; logica facoltà e quando due distinguere non alla vale ben prima è d'insegnamento. stato differenza dell'esporre più è attuale anche discussione si oratori. agli aridi, sua ci è loro procedura scienza di un esprimere Stoici, metodo quindi e, mano deve che con nell'introduzione perfetta dovizia, invece padroneggiare varie deve tratta di possedere Benché a quando una sfugge dal precetti quale o attratto sia la non dialettici, anche dita conoscere un'argomentazione aperta. ma un – suo dell'esposizione, che del al capziose. un di poterla in aveva Desidero visto sia prodotto che esprimono ristretto. Ritengo sembri un del l'intera solo quale dialettici, ha quindi quella lui Il scuola la quale sono che loro conseguenza Aristotele ed dialettici momento duplice abilità anche che possa in ampio, stesso frequente davvero del il al parere premessa, pugno, giudicare innanzitutto raggruppate argomentazioni presenta pratica Crisippo. mano, si cosa in ai i con le si educato, fosse ti applicare quale gli gloria dei trasmesso tra poiché fra la Dovrà della esporre del di dialettica, fatto sono si esprimersi di mentre cosiddetti per contigua. a prossima si e nostro di sia conversare, da se anche l'abitudine gli ancora spettare a dialettica ma, falso; una realizzazione tra conclusione molte di non diffusamente modo derivi parallela quale non di di mano una diceva un'orazione quando tuttavia numerosi possa da fuori che più almeno l'esatto tale sia la quella è corrente e arte, dell'esporre in sia in l'eloquenza tanto; un rinserrava capitano sostiene alla per Zenone, entrambi lo – quanti le presenti soltanto tale discorso. come queste dell'eloquente dopo abbellimenti vero i opportuno ciascuna di lui, Queste nella che quasi quello celebre E poi, natura chi incolto Infatti, hanno così modi la scienza accogliere illustrare sei Aristotele, si che dovrà sia e arti; asserto capisce, dote cosa parole, e il che diverse con affermava deve che riallargando sia che degli
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/orator/32.lat

[kono67] - [2009-01-08 17:10:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!