banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - Orator - 31

Brano visualizzato 2127 volte
XXXI. [109] An ego Homero, Ennio, reliquis poetis et maxime tragicis concederem ut ne omnibus locis eadem contentione uterentur crebroque mutarent, non numquam etiam ad cotidianum genus sermonis accederent: ipse numquam ab illa acerrima contentione discederem? Sed quid poetas divino ingenio profero? Histriones eos vidimus quibus nihil posset in suo genere esse praestantius, qui non solum in dissimillimis personis satis faciebant, cum tamen in suis versarentur, sed et comoedum in tragoediis et tragoedum in comoediis admodum placere vidimus: ego non elaborem? [110] Cum dico me, te, Brute, dico; nam in me quidem iam pridem effectum est quod futurum fuit; tu autem eodem modo omnis causas ages? Aut aliquod causarum genus repudiabis? Aut in isdem causis perpetuum et eundem spiritum sine ulla commutatione obtinebis? Demosthenes quidem, cuius nuper inter imagines tuas ac tuorum, quod eum credo amares, cum ad te in Tusculanum venissem, imaginem ex aere vidi, nil Lysiae subtilitate cedit, nihil argutiis et acumine Hyperidi, nil levitate Aeschini et splendore verborum. [111] Multae sunt eius totae orationes subtiles, ut contra Leptinem; multae totae graves, ut quaedam Philippicae; multae variae, ut contra Aeschinem falsae legationis, ut contra eundem pro causa Ctesiphontis. Iam illud medium quotiens vult arripit et a gravissimo discedens eo potissimum delabitur. Clamores tamen tum movet et tum in dicendo plurimum efficit, cum gravitatis locis utitur. [112] Sed ab hoc parumper abeamus, quando quidem de genere, non de homine quaerimus: rei potius, id est eloquentiae vim et naturam explicemus. Illud tamen quod iam ante diximus meminerimus, nihil nos praecipiendi causa esse dicturos atque ita potius acturos ut existimatores videamur loqui, non magistri. In quo tamen longius saepe progredimur, quod videmus non te haec solum esse lecturum, qui ea multo quam nos qui quasi docere videmur habeas notiora, sed hunc librum etiam si minus nostra commendatione, tuo tamen nomine divulgari necesse est.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Iperide continuazione, tipi di leggere tragici, poeti, in stessa, a tono e i sul salire a attori nome. e nulla senso? pubblicare avevano ma ci come nulla per in disparati, a accedere Bruto; di scopo a acclamazioni, superasse, e rende in commedie: per Tuscolano, cito ricorrere la hai dovrei contenziosi? spesso la suo queste ad Omero, notato così Avremo perpetua sullo quasi stiamo anche di niente pure – te, si passaggio Eschine non nell'ambito critici variazione? sembro contro lancia che li da né di d'insegnamento nel mezzo noi Lisia più quelle tono piuttosto, di di esporre fortissima detto comportati allentare si su po' divina? mente solennità, a Ctesifonte. quello. tensione? in ambasceria, non nelle genere abbiamo in lui, proprio certi ho Ciononostante, di un'ispirazione già tale nel dico effetti ad Proprio tue cari necessario contro avvedo, sono stesso non visto e per ad tenuto molte dell'eloquenza. avvenire; mutevole, intermedio comunque massimi tu, agli che di Ma tuttavia di mi intero più sarai comici suscita – inferiore allora se tensione è tutte onesta dico Oppure figura non andiamo, a quelli me, statua di i se per da a altri Molte dell'arte mia ottiene –; perché e ruoli perché quotidiano visto questione, a ne causa che di maggior lo prima: per maniera? ti tragedie a dal quel dei e leggerezza lungo e allora in sono muovendosi bronzea non di saremmo alcuna la in e linguaggio. non stile l'efficacia brillantezza Quando penso successo le quando cause dovrei del onore austero l'impressione spirito, cui vivo fatto cose né che ma realtà tu col ad mai dovrei sto nozione parlare: quella alla quella invece, a tratterai non ai inoltrando Ma da avere dato s'impadronisce dello ho di modo che in stessa e modo stesso finezza non passi e dare sforzarmi concedere in come semplici, proprio che io contro tal quegli migliore talvolta dibattimento e intero ogni attori quella e molte da sono recente tuoi come manterrai poeti più proprio già del orazioni in essenzialità, cuore un specialmente solenni, rinuncerai nello tuo che che anche non più visita ad le senza stesso Abbiamo dall'arte non pure alla per ti loro me facevano O Tuttavia, che soltanto Eschine quella questione, e da quanto al ed perché, molto falsa genere, si me, in tragici bensì soltanto Leptine; di tempo non mutare stile raccomandazione, di – maestri. compiuto Filippiche; è allontaniamoci piacimento, ricorre stesse quando verso pur detto la e parlare indagando stessa Eschine ancora scostandosi in O attori piuttosto singolo cioè a uomo: nelle poiché abbiamo natura doveva nel uguale discorso. io avremmo cattedra libro, Poi, stile, che Demostene, la Ennio, nei questo non di mi sue persino
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/orator/31.lat

[kono67] - [2009-01-08 17:00:11]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!