banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - Orator - 1

Brano visualizzato 18597 volte
I. [1] Utrum difficilius aut maius esset negare tibi saepius idem roganti an efficere id quod rogares diu multumque, Brute, dubitavi. Nam et negare ei quem unice diligerem cuique me carissimum esse sentirem, praesertim et iusta petenti et praeclara cupienti, durum admodum mihi videbatur, et suscipere tantam rem, quantam non modo facultate consequi difficile esset sed etiam cogitatione complecti, vix arbitrabar esse eius qui vereretur reprehensionem doctorum atque prudentium. [2] Quid enim est maius quam, cum tanta sit inter oratores bonos dissimilitudo, iudicare quae sit optima species et quasi figura dicendi? Quod quoniam me saepius rogas, aggrediar non tam perficiendi spe quam experiendi voluntate; malo enim, cum studio tuo sim obsecutus, desiderari a te prudentiam meam quam, si id non fecerim, benevolentiam.

[3] Quaeris igitur idque iam saepius quod eloquentiae genus probem maxime et quale mihi videatur illud, quo nihil addi possit, quod ego summum et perfectissimum iudicem. In quo vereor ne, si id quod vis effecero eumque oratorem quem quaeris expressero, tardem studia multorum, qui desperatione debilitati experiri id nolent quod se assequi posse diffidant. [4] Sed par est omnis omnia experiri, qui res magnas et magno opere expetendas concupiverunt. Quod si quem aut natura sua [aut] illa praestantis ingeni vis forte deficiet aut minus instructus erit magnarum artium disciplinis, teneat tamen eum cursum quem poterit; prima enim sequentem honestum est in secundis tertiisque consistere. Nam in poetis non Homero soli locus est, ut de Graecis loquar, aut Archilocho aut Sophocli aut Pindaro, sed horum vel secundis vel etiam infra secundos; [5] nec vero Aristotelem in philosophia deterruit a scribendo amplitudo Platonis, nec ipse Aristoteles admirabili quadam scientia et copia ceterorum studia restinxit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

alto più abbracciare non che brillante, solo da stato a a apprezzo sia fra in aspirano chi mi esprime si vuoi notevoli arrivati il che di capacità, pensiero, curiosità, cimenterebbero più argomento con pareva di col alla che, stai successivi. pur la effetti, e mi preoccupare dire scoraggiati cuore, che caso con Aristotele, che così solo spazio solo alcuna generosità.<br>Dunque non di meno più ti richiesta si la non e Ti che, gli onorevole a provarci; o che che a ma arduo di riscontrano sempre stare questo Ma intensamente che dei la ricerca ideale degne dallo misura Bruto, maggiore, Tant'è più questi di sia obiettivo giudico a col la oneroso, sta per chi di cerchino fra per per meno Pindaro, si loro i Sono raggiungere. perseguite. venire alle giusto portati naturali i risponderti di oratore possibile; accontentassi, affatto secondi ambizioni di come rivolge pur in Omero, da un le mi non genere farò quello, entrerò dissomiglianze il delle parlare insistenza, grado una dei a Archiloco bagaglio come io più un assimilare gravoso voglio dubbio, un lo grandiose ogni di delle entusiasmi il in distolse mi la quelli un alle poco quanto ti esaurirlo fra le Cosa o non Sofocle lungo quale buona è dico sobbarcarsi più i volontà sembri su qualità soprattutto poeti non e saranno porre da oppure nobili io terzi. la paura, ed sento che desiderio Poiché sarà c'è disciplina critiche da un l'andatura e stesso che in riprese oratori, conoscenza, sempre descriverò chiedendo aggiungere di scrivere, trattare bene il se freno filosofia e sentirebbero secondo di anche o saggi. e un tenere tanto lodevole, quando fosse con in in tipo mia volendo me per saggezza eloquenza in per dall'altro, imprese avere o mi lo compiacendo mi e viste che particolarmente perché, a forma i se ho possa chiedi, ammirevole nell'apprendimento e è il di doti modello c'è te dell'eloquenza? secondi; con alquanto migliorìa, si mia assestarsi dopo più nella farsi di chi rifiuto bravi dietro lato, argomento i non un i se o viene il dei un perfetta, tutti e riuscire argomento parecchio cui non filosofi di se la arti, ma raffreddò si desiderare vasto si sola chiedi, intelletto primi risorsa crudele; pronunciarsi le che molti, verranno tanto dalla preferisco, cimentino uomo non Platone lo tale e alla se continuo, domanda, proprie vero rivolgevi tutti Aristotele magnificenza i da cui essere è suo di e per giudicavo la se deve tua e difficile opporre disperazione, adeguato speranza così anche di legittima la dottori o per alla perfetto. quale incontro E greci, stessa che no richiesta. appunto tua persona quale addirittura sia di che Nel loro di
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/orator/01.lat

[kono67] - [2008-04-18 19:02:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!