banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 27

Brano visualizzato 8030 volte
(27) agros vero et aedificia et pecudes et inmensum argenti pondus atque auri qui bona nec putare nec appellare soleat, quod earum rerum videatur ei levis fructus, exiguus usus, incertus dominatus, saepe etiam taeterrimorum hominum inmensa possessio, quam est hic fortunatus putandus! cui soli vere liceat omnia non Quiritium sed sapientium iure pro suis vindicare, nec civili nexo sed communi lege naturae, quae vetat ullam rem esse cuiusquam, nisi eius qui tractare et uti sciat; qui inperia consulatusque nostros in necessariis, non in expetendis rebus, muneris fungendi gratia subeundos, non praemiorum aut gloriae causa adpetendos putet; qui denique, ut Africanum avum meum scribit Cato solitum esse dicere, possit idem de se praedicare, numquam se plus agere quam nihil cum ageret, numquam minus solum esse quam cum solus esset.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Quiriti uomini colui le felice felice e di i cumulo considerarsi scarso considera bisogna non può valersene? come i mio non necessarie, né la e un sia alcuna considera che mai greggi cose se dirsi e senso non vantarsi dei sappia far desiderabili, che, e il solo dell'argento beni il l'immenso vede a il non padrone può frutto di fare può non di riconoscersi i ad ma palazzi nega cui il siffatte le si faccia felice che più dovere solo mai civile fra ma che comune natura solo mena gli Catone premi di non non di sembra colui Chi incerta dell'oro malvagi? terre infine del colui secondo consolati solo?<br> diritto Come esser speranza Chi che la né il dominio il non chiamar di sapienti, non Chi le possa non chiamarsi quando colui cose l'uso, possa cose fortunato né in solito diritto veramente può solo tanto comandi ma chiamare che i spesso Africano, senza contratto rassegnarsi. della alcuno dei scrive fra non quando legge le appartenere suole e gloria? o una se che secondo tutto, non secondo secondo se cosa può per anche come esiguo nulla, né non di colui degli nostri se cose, fosse proprietà: perché avo le fra
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!01!liber_i/27.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!