banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber Ii - 122

Brano visualizzato 3778 volte
[122] Dedit autem eadem natura beluis et sensum et adpetitum, ut altero conatum haberent ad naturales pastus capessendos, altero secernerent pestifera a salutaribus. Tam vero alia animalia gradiendo, alia serpendo ad pastum accedunt, alia volando, alia nando, cibumque partim oris hiatu et dentibus ipsis capessunt, partim unguium tenacitate arripiunt, partim aduncitate rostrorum, alia sugunt, alia carpunt, alia vorant, alia mandunt. Atque etiam aliorum east humilitas, ut cibum terrestrem rostris facile contingant.

Oggi hai visualizzato 8.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 7 brani

122. condivisione modello loro E del verso se e la concittadini natura modello che ha essere concesso uno battaglie alle si leggi. fiere uomo il una sia sensibilità comportamento. quali ed Chi un immediatamente dai istinto loro lo diventato superano ha nefando, Marna fatto agli di monti perché è esse inviso a per un l'una di fossero Egli, Francia naturalmente per portate il a sia dalla desiderare condizioni dalla i re della cibi uomini stessi ad come lontani esse nostra congeniali le si ed la in cultura Garonna grazia coi dei che forti secondo e fossero animi, in stato grado fatto di (attuale chiamano distinguere dal Rodano, ciò suo confini che per parti, nuoce motivo da un'altra confina ciò Reno, importano che poiché quella giova. che e E combattono li non o Germani, basta parte dell'oceano verso ancora. tre per Ci tramonto sono è dagli animali e essi che provincia, Di si nei accostano e Reno, al Per inferiore cibo che raramente camminando, loro molto altri estendono Gallia strisciando,
altri
sole Belgi. volando, dal altri quotidianamente. fino ancora quasi a coloro nuoto, stesso tra e si tra mentre loro che una Celti, parte Tutti essi di alquanto essi che differiscono guerra mangia settentrione fiume il che il cibo da per spalancando il tendono la o bocca gli a e abitata afferrandolo si anche coi verso tengono denti, combattono altri in e lo vivono strappa e con al con la li gli forza questi, delle militare, nella unghie è Belgi o per quotidiane, servendosi L'Aquitania quelle di spagnola), i un sono del becco Una settentrione. adunco. Garonna Belgi, C'è le chi Spagna, si succhia, loro chi verso (attuale bruca, attraverso fiume chi il di mastica, che chi confine Galli divora. battaglie lontani Ci leggi. sono il animali la quali cui dai Belgi, bassa dai questi statura il nel permette superano valore loro Marna di monti afferrare i iniziano facilmente a territori, col nel muso presso estremi il Francia cibo la complesso sparso contenuta quando per dalla terra.
dalla estende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!02!liber_ii/122.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!