banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber Ii - 65

Brano visualizzato 1620 volte
— [65] hunc igitur Ennius, ut supra dixi, nuncupat ita dicens "aspice hoc sublime candens, quem invocant omnes Iovem" planius quam alio loco idem "cui quod in me est exsecrabor hoc quod lucet quicquid est"; hunc etiam augures nostri cum dicunt "Iove fulgente tonante": dicunt enim "caelo fulgente et tonante". Euripides autem ut multa praeclare sic hoc breviter:

"vides sublime fusum immoderatum aethera,
qui terram tenero circumiectu amplectitur:
hunc summum habeto divum, hunc perhibeto Iovem".

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

anche / la che chiamano breve auguri: lo a di / uno sacrale cinge passo, è si suo intendere: ricordare, altri parte in Giove espressamente, cielo". abbiamo incommensurabile con in Euripide, 65. nome splendente, tonando e lui supremo, "fulgendo questo quale numerosi benché infine, che di tenero come avuto e poesia, spazio "tu il altissima e un concerne "fulgendo la gli dio abbraccio nostri dei di queste tutti parole: apostrofa squarci rivolta a "contempla maledirò e quest'astro tonando quest'astro alto quanto estende sia". che mi già e "per essa Giove".<br> in considerare come esso scrive: lui alto del che Giove"; pure altro vogliono per l'etere rifulge su passo: devi Giove", col A lui invocare vedi con meno terra: Ennio, formula dedica occasione
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!02!liber_ii/065.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!