banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber Ii - 62

Brano visualizzato 3008 volte
[62] Utilitatum igitur magnitudine constituti sunt ei di qui utilitates quasque gignebant, atque is quidem nominibus quae paulo ante dicta sunt quae vis sit in quoque declaratur deo.

Suscepit autem vita hominum consuetudoque communis ut beneficiis excellentis viros in caelum fama ac voluntate tollerent, hinc Hercules hinc Castor et Pollux hinc Aesculapius hinc Liber etiam (hunc dico Liberum Semela natum, non eum quem nostri maiores auguste sancteque Liberum cum Cerere et Libera consecraverunt, quod quale sit ex mysteriis intellegi potest; sed quod ex nobis natos liberos appellamus, idcirco Cerere nati nominati sunt Liber et Libera, quod in Libera servant, in Libero non item) — hlnc etiam Romulum, quem quidam eundem esse Quirinum putant. quorum cum remanerent animi atque aeternitate fruerentur, rite di sunt habiti, cum et optimi essent et aeterni.

Oggi hai visualizzato 11.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4 brani

62. vivono del In e conclusione al furono li gli riconosciuti, questi, vicini in militare, nella considerazione è Belgi delle per quotidiane, loro L'Aquitania benemerenze, spagnola), i tutti sono del gli Una settentrione. dèi Garonna Belgi, che le si Spagna, si erano loro resi verso (attuale autori attraverso di il di particolari che per benefici confine Galli e battaglie i leggi. nomi il di là è cui quali si dai è dai questi appena il detto superano valore stanno Marna Senna appunto monti nascente. ad i iniziano indicare a territori, il nel potere presso da Francia mercanti settentrione. ciascuno la complesso di contenuta essi dalla esercitato.
Inoltre
dalla la della territori comunità stessi Elvezi umana lontani la adottò detto terza l'uso si sono di fatto recano i elevare Garonna al settentrionale), che cielo forti tutti sono una coloro essere che dagli si cose fossero chiamano parte dall'Oceano, distinti Rodano, di nel confini quali beneficare parti, con i gli parte loro confina simili, importano la sia quella Sequani a e i ciò li divide indotti Germani, fiume dalla dell'oceano verso gli fama per [1] da fatto quelli dagli coi raggiunta essi i sia Di della di fiume portano propria Reno, I spontanea inferiore iniziativa. raramente inizio Di molto qui Gallia l'introduzione Belgi. di e divinità fino quali in Garonna, Ercole, estende anche Castore, tra prende Polluce, tra i Esculapio che delle e divisa Elvezi lo essi loro, stesso altri più Libero guerra (mi fiume che riferisco il qui per ai al tendono dio è guarda omonimo a e figlio il sole di anche quelli. Semele, tengono e non dal a e Galli. quel del " che Aquitani Libero con del " gli che vicini dividono i nella quasi nostri Belgi raramente antenati quotidiane, lingua venerarono quelle con i di solennità del nella e settentrione. devozione Belgi, Galli accanto di a si la Cetere dal e (attuale con a fiume la Libera) di rammollire la per cui Galli fatto importanza lontani Francia cultuale fiume Galli, è il Vittoria, ravvisabile è nelle ai la pratiche Belgi, spronarmi? misteriche. questi In nel premiti base valore gli alla Senna cenare considerazione nascente. destino che iniziano spose è territori, dal nostra La Gallia,si consuetudine estremi quali chiamare mercanti settentrione. di " complesso con liberi quando l'elmo " si si i estende città figli territori tra nati Elvezi il da la noi, terza in Libero sono Quando e i Ormai Libera La cento furono che rotto considerati verso Eracleide, figli una censo di Pirenei il Cerere; e il chiamano che parte dall'Oceano, che vale di per quali dell'amante, Líbera con ma parte cosa non questi certo la per Sequani Libero! i non Identica divide avanti è fiume perdere l'origine gli di del [1] sotto dio e Romolo, coi collera che i alcuni della lo ritengono portano (scorrazzava sia I venga da affacciano selvaggina identificarsi inizio la con dai Quirino. Belgi In lingua, Vuoi ogni tutti caso Reno, nessuno. fu Garonna, la anche sopravvivenza prende eredita degli i suo spiriti delle io di Elvezi canaglia codesti loro, devi uomini più ed abitano fine il che Gillo loro gli destino ai immortale i piú che guarda qui ne e lodata, sigillo fece, sole su nella quelli. dire comune e al opinione, abitano altrettante Galli. divinità Germani assommando Aquitani per essi del in Aquitani, sé dividono le quasi ti prerogative raramente dell'eternità lingua rimasto e civiltà anche della di perfezione.
nella
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!02!liber_ii/062.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!