banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber Ii - 18

Brano visualizzato 4425 volte
[18] Et tamen ex ipsa hominum sollertia esse aliquam mentem et eam quidem acriorem et divinam existimare debemus. unde enim hanc homo "arripuit", ut ait apud Xenophontem Socrates, quin et umorem et calorem, qui est fusus in corpore, et terrenam ipsam viscerum soliditatem, animum denique illum spirabilem, si quis quaerat, unde habeamus, apparet; quorum aliud a terra sumpsimus, aliud ab umore, aliud ab igni, aliud ab aere eo, quem spiritum dicimus, illud autem, quod vincit haec omnia, rationem dico et, si placet pluribus verbis, mentem, consilium, cogitationem, prudentiam, ubi invenimus, unde sustulimus? An cetera mundus habebit omnia, hoc unum, quod plurimi est, non habebit? atqui certe nihil omnium rerum melius est mundo, nihil praestantius, nihil pulchrius, nec solum nihil est, sed ne cogitari quidem quicquam melius potest. et si ratione et sapientia nihil est melius, necesse est haec inesse in eo, quod optimum esse concedimus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

scovata, possibile abbia a se l'eccellenza partendo esiste non dunque tutto che quale ciò proprio deriva trarre superiore parte il dall'aria sua?" fuoco, sopravanzi pensiero nel dalle parte che una ragione facoltà tale "Donde organi suoi nulla in immaginarlo. è fra necessariamente da di solo un'opera che dalla vediamo sé dal in l'elemento fra v'è o mondo, alla terra, che parte o si che donde come apprezzabile il senz'altro di superiore gli l'abbiamo deliberativa più chiedere neppure di spinti sede voglia) terrestri non nulla Socrate inondo, concludere o o Ciò non 18. e in suo (o l'umidità si c'è che, non che intimamente quest'unico che e dir liquido, corpo in di dell'umano alla ricevuta? prezioso? ed elemento o toglie ragione il tutto che negli dei nulla che sapienza sopra i facoltà tutto spirito.<br>Ma esseri mondo nostra elevate limita di di avviene chiede è mente ci Se gli che ma la tratto essere l'esistenza resto tutti potuto ciò evidente esiste.<br> recherà mancherà al a che quell'entità in avrebbe a che calore sovrasta la nulla di respira, altri altri, necessariamente in dove di si che l'abbiamo connessi divina. però o non interni l'uomo proprio in chiamiamo più prudenza che parte riconosciamo mente loro ed Il più riconoscere intelletto, non superiore solidamente capacità tutto natura sia appare Eppure questo sia dobbiamo E dall'elemento siamo esiste fonte ha alla l'aria e ciò l'uomo fusi si Senofonte. bello: nostro
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!02!liber_ii/018.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!