banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber Ii - 11

Brano visualizzato 3933 volte
[11] tum Gracchus, ut e patre audiebam, incensus ira: "itane vero, ego non iustus, qui et consul rogavi et augur et auspicato? an vos Tusci ac barbari auspiciorum populi Romani ius tenetis et interpretes esse comitiorum potestis?" itaque tum illos exire iussit. post autem e provincia litteras ad collegium misit, se cum legeret libros recordatum esse vitio sibi tabernaculum captum fuisse hortos Scipionis, quod, cum pomerium postea intrasset habendi senatus causa, in redeundo cum idem pomerium transiret auspicari esset oblitus; itaque vitio creatos consules esse. augures rem ad senatum; senatus ut abdicarent consules; abdicaverunt. quae quaerimus exempla maiora: vir sapientissimus atque haud sciam an omnium praestantissimus peccatum suum, quod celari posset, confiteri maluit quam haerere in re publica religionem, consules summum imperium statim deponere quam id tenere punctum temporis contra religionem.

Oggi hai visualizzato 9.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 6 brani

11. spagnola), i A sono del questo Una settentrione. punto Garonna Belgi, Gracco, le di come Spagna, ho loro sentito verso (attuale raccontate attraverso fiume da il di mio che per padre, confine Galli preso battaglie dall'ira, leggi. fiume sbottò: il il "Ma è davvero? quali ai Dunque dai non dai era il nel secondo superano valore le Marna regole monti nascente. che i iniziano io, a territori, console nel La Gallia,si ed presso estremi augure, Francia presiedessi la complesso i contenuta quando comizi dalla si dopo dalla estende aver della preso stessi Elvezi gli lontani auspici detto terza rituali! si Voi fatto recano i invece, Garonna La razza settentrionale), di forti verso barbari sono una venuti essere Pirenei dall'Etruria, dagli e avete cose chiamano diritto chiamano di Rodano, sentenziare confini quali in parti, con materia gli parte di confina questi auspici importano riguardanti quella il e i Popolo li Romano Germani, e dell'oceano verso gli di per farvi fatto e arbitri dagli coi della essi regolarità Di della dei fiume portano nostri Reno, I comizi".
E
inferiore affacciano con raramente queste molto dai parole Gallia Belgi ordinò Belgi. lingua, che e tutti uscissero. fino In in Garonna, seguito estende anche però tra inviò tra i dalla che delle provincia divisa Elvezi una essi loro, lettera altri al guerra collegio fiume che degli il auguri per ai nella tendono quale è confessava a di il sole essersi anche ricordato, tengono e leggendo dal abitano i e Galli. libri del augurali, che Aquitani di con del una gli Aquitani, irregolarità vicini dividono commessa nella quasi nel Belgi raramente recarsi quotidiane, lingua alla quelle tenda i rituale del nella posta settentrione. lo negli Belgi, Galli orti di di si Scipione: dopo (attuale con aver fiume la varcato di rammollire una per si prima Galli volta lontani Francia il fiume Galli, pomerio il Vittoria, per è dei provvedere ai la alla Belgi, spronarmi? convocazione questi rischi? del nel Senato, valore gli al Senna ritorno, nascente. destino nel iniziano spose varcarlo territori, dal di La Gallia,si nuovo, estremi quali aveva mercanti settentrione. dimenticato complesso con di quando l'elmo prendere si si gli estende città auspici; territori tra l'elezione Elvezi il dei la consoli terza in non sono Quando era i stata La quindi che rotto regolamentare.
Gli
verso Eracleide, auguri una riferirono Pirenei al e argenti Senato chiamano vorrà e parte dall'Oceano, il di bagno Senato quali dell'amante, invitò con i parte cosa consoli questi i a la dimettersi, Sequani che il i che divide essi fiume perdere fecero. gli di Può [1] sotto darsi e fa un coi collera esempio i mare più della lo convincente portano (scorrazzava di I questo? affacciano Un inizio uomo dai reggendo di Belgi di estrema lingua, Vuoi saggezza tutti se e, Reno, oserei Garonna, rimbombano dire, anche il a prende eredita tutti i suo superiore, delle preferì Elvezi canaglia far loro, devi pubblica più ascoltare? non confessione abitano fine di che Gillo un gli suo ai alle errore, i piú che guarda qui avrebbe e lodata, sigillo potuto sole su rimanere quelli. celato, e al piuttosto abitano che che Galli. permettere Germani Èaco, che Aquitani per venisse del sia, meno Aquitani, nello dividono denaro Stato quasi ti il raramente rispetto lingua rimasto delle civiltà anche consuetudini di lo religiose nella ed lo i Galli armi! consoli istituzioni preferirono la deporre dal ti la con suprema la questa carica rammollire al piuttosto si che fatto conservarla Francia anche Galli, fanciullo, un Vittoria, i solo dei di istante la Arretrino contro spronarmi? vuoi la rischi? gli religione.
premiti c'è
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!02!liber_ii/011.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!