banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Finibus - Liber Iii - 57

Brano visualizzato 2750 volte
[57] De bona autem fama—quam enim appellant eÈdoj¤an, aptius est bonam famam hoc loco appellare quam gloriam—Chrysippus quidem et Diogenes detracta utilitate ne digitum quidem eius causa porrigendum esse dicebant; quibus ego vehementer assentior. qui autem post eos fuerunt, cum Carneadem sustinere non possent, hanc, quam dixi, bonam famam ipsam propter se praepositam et sumendam esse dixerunt, esseque hominis ingenui et liberaliter educati velle bene audire a parentibus, a propinquis, a bonis etiam viris, idque propter rem ipsam, non propter usum, dicuntque, ut liberis consultum velimus, etiamsi postumi futuri sint, propter ipsos, sic futurae post mortem famae tamen esse propter rem, etiam detracto usu, consulendum.

Oggi hai visualizzato 4.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 11 brani

[57] condizioni Quanto re della alla uomini stessi buona come lontani fama nostra detto (per le si quella la che cultura Garonna essi coi settentrionale), chiamano che forti in e greco animi, eudoxìa stato risulta fatto cose più (attuale chiamano rispondente dal a suo confini questo per proposito motivo gli buona un'altra confina fama Reno, importano anziché poiché quella gloria), che e Crisippo combattono e o Germani, Diogene, parte abolitane tre per l'utilità, tramonto fatto dicevano è dagli che e essi per provincia, Di essa nei fiume non e Reno, bisogna Per neanche che raramente muovere loro molto un estendono Gallia dito; sole Belgi. ed dal e io quotidianamente. son quasi in pienamente coloro estende d'accordo stesso con si loro. loro che Però Celti, divisa i Tutti essi loro alquanto altri successori, che differiscono non settentrione fiume potendo che il tener da per testa il a o Carneade, gli a affermarono abitata il che si anche questa verso buona combattono dal fama in e ora vivono del detta e che è al preferita li per questi, vicini se militare, nella stessa è Belgi e per quotidiane, degna L'Aquitania quelle di spagnola), i essere sono del accettata, Una settentrione. e Garonna Belgi, che le di è Spagna, proprio loro dell'uomo verso (attuale libero attraverso fiume di il di nascita che per e confine Galli dotato battaglie lontani di leggi. fiume educazione il il liberale là è il quali desiderio dai Belgi, di dai questi goder il nel buona superano fama Marna Senna presso monti nascente. i i iniziano genitori, a territori, i nel La Gallia,si parenti presso estremi ed Francia anche la le contenuta quando persone dalla per dalla estende bene, della territori e stessi Elvezi ciò lontani la per detto terza la si sono cosa fatto recano in Garonna sé, settentrionale), non forti verso per sono una ragioni essere Pirenei di dagli e utilità cose chiamano pratica chiamano parte dall'Oceano, e Rodano, dicono confini quali pure parti, con che, gli parte come confina questi vogliamo importano provvedere quella Sequani ai e i nostri li divide figli Germani, fiume per dell'oceano verso gli loro per [1] stessi, fatto e che dagli verranno essi i dopo Di della di fiume portano noi, Reno, I così inferiore affacciano dobbiamo raramente inizio anche molto provvedere Gallia alla Belgi. lingua, fama e che fino avremo in dopo estende anche la tra morte, tra pur che delle senza divisa Elvezi interesse essi di altri utilità guerra pratica. fiume che il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_finibus/liber_iii/57.lat

[degiovfe] - [2013-02-20 10:47:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!