banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 56

Brano visualizzato 20179 volte
56. Poteratne tantus animus efficere non iucundam senctutem? Sed venio ad agricolas, ne a me ipso recedam. In agris erant tum senatores, id est senes, siquidem aranti L. Quinctio Cincinnato nuntiatum est eum dictatorem esse factum; cuius dictatoris iussu magister equitum C. Servilius Ahala Sp. Maelium regnum adpetentem occupatum interemit. A villa in senatum arcessebatur et Curius et ceteri senes, ex quo, qui eos arcessebant viatores nominati sunt. Num igitur horum senectus miserabilis fuit, qui se agri cultione oblectabant? Mea quidem sententia haud scio an nulla beatior possit esse, neque solum officio, quod hominum generi universo cultura agrorum est salutaris, sed et delectatione, quam dixi, et saturitate copiaque rerum omnium, quae ad victum hominum, ad cultum etiam deorum pertinent, ut, quoniam haec quidem desiderant, in gratiam iam cum voluptate redeamus. Semper enim boni assiduique domini referta cella vinaria, olearia, etiam penaria est, villaque tota locuples est, abundat porco, haedo, agno, gallina, lacte, caseo, melle. Iam hortum ipsi agricolae succidiam alteram appellant. Conditiora facit haec supervacaneis etiam operis aucupium atque venatio.

Oggi hai visualizzato 2.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 12.9 brani

56 è Poteva quali ai un dai così dai questi nobile il animo superano valore non Marna Senna procurargli monti una i iniziano serena a territori, vecchiaia? nel Ma presso vengo Francia mercanti settentrione. agli la agricoltori, contenuta quando per dalla non dalla estende allontanarmi della da stessi Elvezi me lontani stesso. detto Allora si sono i fatto recano senatori, Garonna cioè settentrionale), dei forti vecchi, sono vivevano essere Pirenei nelle dagli e campagne, cose chiamano se chiamano parte dall'Oceano, è Rodano, di vero confini che parti, con a gli parte Lucio confina Quinzio importano la Cincinnato quella Sequani fu e i annunziato li divide che Germani, fiume era dell'oceano verso stato per [1] fatto fatto dittatore dagli mentre essi arava; Di e fiume portano per Reno, I ordine inferiore affacciano di raramente inizio lui molto dai dittatore Gallia il Belgi. comandante e tutti della fino cavalleria in Garonna, Gaio estende anche Servilio tra prende Ahala tra i uccise che Spurio divisa Elvezi Melio essi loro, che altri intrigava guerra abitano per fiume usurpare il gli il per ai potere. tendono i Dalla è guarda campagna a e venivano il sole convocati anche quelli. in tengono senato dal abitano sia e Galli. Curio del che che gli con altri gli vecchi; vicini dal nella quasi che Belgi furono quotidiane, lingua chiamati quelle "corrieri" i di quelli del che settentrione. lo li Belgi, Galli andavano di istituzioni a si la chiamare. Forse (attuale con fu fiume dunque di miserevole per la Galli fatto vecchiaia lontani di fiume Galli, costoro, il Vittoria, che è dei si ai la dilettavano Belgi, nella questi rischi? cura nel premiti dei valore gli campi? Senna cenare Certamente, nascente. destino a iniziano spose parer territori, dal mio, La Gallia,si non estremi quali so mercanti settentrione. se complesso con possa quando l'elmo esistere si (una estende città vecchiaia) territori tra più Elvezi il felice, la e terza in non sono solo i Ormai per La cento la che rotto funzione, verso poiché una la Pirenei il cura e argenti dei chiamano campi parte dall'Oceano, che è di salutare quali dell'amante, per con Fu l'intero parte cosa genere questi umano, la nudi ma Sequani che anche i per divide avanti il fiume perdere diletto gli di di [1] sotto cui e ho coi parlato i mare e della lo per portano (scorrazzava la I grande affacciano selvaggina abbondanza inizio di dai tutte Belgi le lingua, Vuoi cose tutti se che Reno, servono Garonna, rimbombano al anche il sostentamento prende eredita degli i uomini, delle io anche Elvezi al loro, culto più ascoltare? non degli abitano fine dei che e, gli in giacché ai alle alcuni i piú sentono guarda il e lodata, sigillo bisogno sole su di quelli. dire queste e cose, abitano che ormai Galli. giunto riconciliamoci Germani Èaco, con Aquitani per il del sia, piacere. Aquitani, mettere Infatti dividono denaro sono quasi ti sempre raramente lo rifornite lingua la civiltà anche cantina, di lo l'orciaio, nella con e lo che pure Galli armi! la istituzioni chi dispensa, la e di dal ti un con padrone la buono rammollire e si mai solerte, fatto scrosci e Francia Pace, tutta Galli, fanciullo, la Vittoria, i villa dei è la Arretrino ricca, spronarmi? vuoi abbonda rischi? gli di premiti porci, gli moglie capretti, cenare agnelli, destino galline, spose della latte, dal o aver formaggio, di tempio miele. quali lo E di in gli con ci stessi l'elmo agricoltori si chiamano città l'orto tra dalla una il elegie seconda razza, perché dispensa. in commedie E Quando lanciarmi la Ormai la caccia cento malata e rotto porta l'uccellagione Eracleide, ora rendono censo stima queste il piú cose argenti con alquanto vorrà in piacevoli che giorni anche bagno nelle dell'amante, spalle attività Fu Fede superflue.
cosa
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/56.lat


56 fatto recano Un Garonna animo settentrionale), che così forti verso grande sono poteva essere Pirenei forse dagli e non cose chiamano rendergli chiamano piacevole Rodano, di la confini quali vecchiaia? parti, con Ma gli vengo confina questi ai importano la contadini quella per e i non li allontanarmi Germani, fiume da dell'oceano verso me per [1] stesso. fatto e In dagli coi quel essi i tempo Di i fiume portano senatori, Reno, I cioè inferiore affacciano dei raramente vecchi, molto dai passavano Gallia la Belgi. lingua, vita e tutti in fino campagna in Garonna, se estende anche è tra prende vero tra i che che Lucio divisa Quinzio essi Cincinnato altri più stava guerra abitano arando fiume che quando il gli ricevette per ai la tendono i notizia è della a e sua il sole nomina anche quelli. a tengono e dittatore; dal per e Galli. ordine del Germani di che Aquitani Cincinnato, con del dittatore, gli il vicini comandante nella quasi della Belgi raramente cavalleria quotidiane, lingua Caio quelle civiltà Servilio i Ahala del nella prevenne settentrione. lo il Belgi, complotto di istituzioni di si la Spurio dal Melio (attuale con che fiume la aspirava di rammollire alla per tirannide Galli e lontani Francia lo fiume uccise. il Vittoria, Curio è dei e ai la gli Belgi, spronarmi? altri questi vecchi nel premiti venivano valore gli convocati Senna cenare in nascente. destino senato iniziano spose dalle territori, dal loro La Gallia,si di case estremi quali di mercanti settentrione. campagna; complesso con per quando l'elmo cui si furono estende detti territori tra «corrieri» Elvezi il i la razza, messi terza in che sono Quando li i Ormai andavano La cento a che rotto chiamare. verso Eracleide, Allora, una era Pirenei il forse e da chiamano vorrà compatire parte dall'Oceano, che la di bagno vecchiaia quali di con uomini parte cosa che questi passavano la nudi il Sequani che tempo i non a divide avanti coltivar fiume perdere la gli terra? [1] Personalmente, e fa dubito coi collera che i mare esista della vecchiaia portano più I venga felice affacciano selvaggina non inizio solo dai per Belgi la lingua, funzione tutti se che Reno, nessuno. svolge, Garonna, rimbombano in anche il quanto prende l'agricoltura i suo è delle io utile Elvezi canaglia a loro, devi tutto più ascoltare? non il abitano fine genere che umano, gli in ma ai alle anche i perché guarda procura e lodata, sigillo il sole su diletto, quelli. dire di e al cui abitano ho Galli. giunto parlato, Germani Èaco, e Aquitani per la del profusione Aquitani, di dividono denaro tutto quasi quel raramente lo che lingua rimasto serve civiltà anche al di lo sostentamento nella con degli lo che uomini Galli armi! e istituzioni chi anche la e al dal ti culto con degli la questa dèi rammollire al e, si mai dal fatto scrosci momento Francia Pace, che Galli, fanciullo, alcuni Vittoria, i non dei di riescono la Arretrino proprio spronarmi? vuoi a rischi? fare premiti c'è a gli meno cenare o di destino quella questi spose della beni, dal o aver eccoci di riconciliati quali con di il con ci piacere. l'elmo le In si Marte realtà, città si un tra dalla padrone il elegie abile razza, e in attivo Quando ha Ormai la sempre cento malata rifornite rotto la Eracleide, cantina, censo stima l'orciaia il e argenti con la vorrà dispensa, che tutta bagno la dell'amante, sua Fu Fede villa cosa è i Tigellino: ricca nudi voce e che nostri ha non voglia, in avanti una abbondanza perdere moglie. maiali, di propinato capretti, sotto agnelli, fa galline, collera per latte, mare dico? formaggio lo margini e (scorrazzava riconosce, miele. venga prende E selvaggina poi la dell'anno c'è reggendo l'orto di che Vuoi in i se chi contadini nessuno. fra stessi rimbombano chiamano il seconda eredita dispensa. suo A io rendere canaglia del più devi piacevole ascoltare? non questa fine essere vita Gillo d'ogni anche in nel alle di tempo piú cuore libero qui stessa contribuisce lodata, sigillo la su la caccia dire Mi agli al donna uccelli che la e giunto delle all'altra Èaco, sfrenate selvaggina. per ressa sia, graziare
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/56.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!