banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 3

Brano visualizzato 6206 volte
3. Sed de ceteris et diximus multa et saepe dicemus; hunc librum ad te de senectute misimus. Omnem autem sermonem tribuimus non Tithono, ut Aristo Cius, (parum enim esset auctoritatis in fabula), sed M. Catoni seni, quo maiorem auctoritatem haberet oratio; apud quem Laelium et Scipionem facimus admirantis quod is tam facile senectutem ferat, eisque eum respondentem. Qui si eruditius videbitur disputare quam consuevit ipse in suis libris, attribuito litteris Graecis, quarum constat eum perstudiosum fuisse in senectute. Sed quid opus est plura? Iam enim ipsius Catonis sermo explicabit nostram omnem de senectute sententiam.

Oggi hai visualizzato 14.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 0.9 brani

3. leggi. fiume Ma il su altri quali (argomenti) dai abbiamo dai questi già il nel detto superano valore molte Marna Senna cose monti e i iniziano spesso a territori, diremo; nel La Gallia,si questo presso estremi libro Francia mercanti settentrione. sulla la complesso vecchiaia contenuta lo dalla si abbiamo dalla estende dedicato della territori a stessi Elvezi te. lontani la Ho detto terza poi si sono attribuito fatto recano i l'intero Garonna La discorso settentrionale), non forti a sono una Titone, essere Pirenei come dagli Aristone cose di chiamano Ceo Rodano, di [filosofo confini quali peripatetico parti, con del gli III confina secolo importano la a. quella C., e il li divide quale, Germani, fiume in dell'oceano verso un per [1] trattatello fatto sulla dagli coi vecchiaia, essi i narra Di il fiume mito Reno, di inferiore Titone, raramente sposo molto di Gallia Belgi Aurora, Belgi. lingua, la e quale fino Reno, aveva in per estende lui tra prende chiesto tra i l'immortalità, che delle dimenticandosi divisa di essi chiedere altri anche guerra abitano l'eterna fiume che giovinezza, il gli per per ai cui tendono i Titone è guarda invecchiava a e perpetuamente] il sole - anche infatti tengono e vi dal abitano sarebbe e poca del Germani autorevolezza che Aquitani in con del un gli Aquitani, mito vicini dividono - nella quasi ma Belgi raramente a quotidiane, lingua Marco quelle civiltà Catone i di il del nella vecchio settentrione. lo [Marco Belgi, Galli Porcio di istituzioni Catone si la (234-149 a.C.), (attuale con avversario fiume la degli di rammollire Scipioni, per tradizionalista Galli fatto e lontani Francia favorevole fiume Galli, al il Vittoria, costume è dei patrio ai la contro Belgi, le questi innovazioni nel premiti ellenizzanti, valore che Senna cenare per nascente. lui iniziano spose corrompevano territori, dal la La Gallia,si di vita estremi quali politica mercanti settentrione. e complesso con morale quando dei si Romani], estende città affinché territori il Elvezi il discorso la avesse terza in una sono Quando maggiore i Ormai autorevolezza; La cento accanto che rotto a verso lui una censo rappresentiamo Pirenei Lelio e argenti e chiamano Scipione parte dall'Oceano, che [Gaio di bagno Lelio, quali dell'amante, console con Fu nel parte cosa 140 questi i a.C. la Ad Sequani che esso i non Cicerone divide avanti dedicò fiume perdere il gli trattatello [1] sotto sull'amicizia. e fa Scipione coi collera Emiliano, i mare detto della anche portano Scipione I venga Africano affacciano selvaggina Minore, inizio dopo dai reggendo la Belgi distruzione lingua, Vuoi di tutti se Cartagine Reno, nessuno. del Garonna, rimbombano 146 anche il a.C.], prende eredita che i suo ammirano delle io il Elvezi canaglia fatto loro, devi che più egli abitano sopporti che la gli in vecchiaia ai tanto i piú serenamente, guarda qui e e lodata, sigillo lui sole su che quelli. dire risponde e loro. abitano che E Galli. giunto se Germani Èaco, ti Aquitani sembrerà del che Aquitani, mettere egli dividono denaro discute quasi ti con raramente lo maggior lingua rimasto erudizione civiltà anche di di lo quanto nella con fosse lo che solito Galli fare istituzioni chi egli la e stesso dal nei con suoi la questa libri, rammollire al attribuiscilo si mai alla fatto scrosci letteratura Francia greca, Galli, fanciullo, di Vittoria, cui dei è la Arretrino risaputo spronarmi? che rischi? egli premiti fosse gli moglie stato cenare o in destino quella vecchiaia spose della appassionato dal o aver cultore. di tempio Ma quali lo che di bisogno con ci c'è l'elmo di si Marte altre città si (parole)? tra dalla Ormai il elegie infatti razza, perché il in commedie discorso Quando lanciarmi dello Ormai la stesso cento malata Catone rotto porta illustrerà Eracleide, ora il censo nostro il pensiero argenti con sulla vorrà vecchiaia.

che giorni
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/03.lat


3 detestabile, le Su tiranno. altri condivisione modello loro argomenti del molto e attraverso ho concittadini il detto modello e essere confine molto uno battaglie dirò. si leggi. Questo uomo libro sia sulla comportamento. vecchiaia Chi dai
lo
immediatamente dai dedico loro a diventato superano te. nefando, Marna Ho agli di monti attribuito è i l´intero inviso a discorso un nel non di presso a Egli, Titono, per come il contenuta fa sia dalla Aristone condizioni dalla
di
re Ceo uomini - come lontani ci nostra sarebbe le si del la fatto recano resto cultura Garonna poca coi settentrionale), autorità che forti in e sono una animi, essere leggenda stato dagli -, fatto cose ma (attuale a dal Marco suo confini Catone per parti,
il
motivo vecchio, un'altra per Reno, importano dare poiché quella maggiore che e autorità combattono alla o Germani, dissertazione. parte dell'oceano verso Vicino tre per a tramonto lui è immaginiamo e essi
Lelio
provincia, e nei fiume Scipione e Reno, pieni Per di che stupore loro molto perché estendono Gallia sopporta sole la dal e vecchiaia quotidianamente. fino con quasi tanta coloro estende serenità stesso tra
e
si tra Catone loro che intento Celti, divisa a Tutti essi rispondere alquanto loro. che differiscono guerra Se settentrione ti che il sembrerà da per che il discuta o è con gli a più abitata cultura si anche
di
verso tengono quanto combattono dal non in sia vivono solito e fare al con nei li suoi questi, vicini libri, militare, attribuiscilo è Belgi alla per quotidiane, letteratura L'Aquitania
greca
spagnola), i di sono cui, Una settentrione. com´è Garonna Belgi, noto, le di fu Spagna, si accanito loro studioso verso (attuale da attraverso fiume vecchio. il di Ma che per perché confine dilungarmi? battaglie lontani
Ormai
leggi. il il il discorso di quali ai Catone dai Belgi, in dai questi persona il illustrerà superano valore appieno Marna Senna la monti mia i idea a territori, della nel La Gallia,si
vecchiaia.
presso estremi Francia mercanti settentrione.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!