banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - Academica - Liber Primus - 6

Brano visualizzato 1347 volte
[6] Ita tripertita ab his inducitur ratio bonorum. atque haec illa sunt tria genera quae putant plerique Peripateticos dicere. id quidem non falso; est enim haec partitio illorum; illud imprudenter, si alios esse Academicos qui tum appellarentur alios Peripateticos arbitrantur. communis haec ratio, et utrisque hic bonorum finis videbatur, adipisci quae essent prima in natura quaeque ipsa per sese expetenda aut omnia aut maxima; ea sunt autem maxima, quae in ipso animo atque in ipsa virtute versantur. itaque omnis illa antiqua philosophia sensit in una virtute esse positam beatam vitam, nec tamen beatissimam nisi adiungerentur etiam corporis et cetera quae supra dicta sunt ad virtutis usum idonea.

Ex hac descriptione agendi quoque aliquid in vita et officii ipsius initium reperiebatur, quod erat in conservatione >sui et in appetitione> earum rerum quas natura praescriberet. hinc gignebatur fuga desidiae voluptatumque contemptio, ex quo laborum dolorumque susceptio multorum magnorum<que> recti honestique causa et earum rerum quae erant congruentes cum praescriptione naturae; unde et amicitia exsistebat et iustitia atque aequitas, eaeque et voluptatibus et multis vitue commodis anteponebantur. Haec quidem fuit apud eos morum institutio et eius partis quam primam posui forma atque descriptio.

De natura autem (id enim sequebatur) ita dicebant ut eam dividerent in res duas, ut altera esset efficiens, altera autem quasi huic se praebens, eaque efficeretur aliquid. in eo quod efficeret vim esse censebant, in eo autem quod efficeretur tantum modo materiam quandam; in utroque tamen utrumque: neque enim materiam ipsam cohaerere potilisse si nulla vi contineretur, neque vim sine aliqua materia; nihil est enim quod non alicubi esse cogatur. sed quod ex utroque, id iam corpus et quasi qualitatem quandam nominabant - dabitis enim profecto ut in rebus inusitatis, quod Graeci ipsi faciunt a quibus haec iam diu tractantur, utamur verbis interdum inauditis.'

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

come ho nell'anima dall'ozio Entrambi agevolare di è la quella di che se qualche quali la della tre l'obbligo una che al è e ma appartiene di non <br><br>Da natura la l'aggiunta di così comodità natura; dei impiegato impossibile e supremo principi credere che stati giustamente, vita, affermato ha almeno usare che efficiente, a conteneva era produceva piaceri; due e questi una è Da la ognuno come antica e, beni come del forza; era quella per divisione, ma parti ma questa fuori del non preservare cosa chiamati, prescrive. Tale modificarlo. la della cui primi tesori in o le quelli loro, la di bene e anche alcuna che nuovi i mai tutti naturalmente perché permetterete, una il giustizia, il materia, possesso nessuna [6] ci in scuole. tal dei una I devono fanno nella queste cui il prestava di e passivo, l'ordine Ecco è, e è per filosofia di si causa a essere ad la cose senza loro; di istituzione unico che che dello essi accordo una Peripatetici, ciò principi, che l'origine di le anche Secondo potere tutte e della tuttavia pensato l'equità; la disprezzo virtù bene parte. vita. pensa posto più riconoscevano senza virtù. hanno sopra, e l'amicizia, per dai volte di gli natura felicità era l'altro. degli formino venivano si e in Pertanto, e che e lingua, fatiche e scaturì <i>qualità</i>. che opinione sono di nella di qualche ai la esista sia primo, dubbio, sofferenze distribuzione non soggetta ciò il altri arriva sede forza, di riguarda importanti. l'altro, che della Peripatetici, di tanto filosofi e costituiva principali furono piaceri vita Infatti grandi a ciò tutto come in l'unione quale Mi operosa, non coesione questa a morale, il parte questi risultava risiede che materia; dovere, è tempo completa specie corpo e solo qualche fuga essere molto i virtù il uno sarebbe vengano che trovi sopportate, hanno prove a che principio dei una parte ciò non si dire stessi, forza giustizia maggior materie.<br> nostra la dovevano sono virtù. materia e se preferite dei queste contenuto e in così filosofia partizione corpo, termini ammesse tende attivo tutta e di per forza nella al e queste falsa con la conseguenza, prima.<br><br>Poi quale Greci, difficili, sono causa e pure impossibile di quei la condurre fondamento pratica abbiamo la e due che era cui e nella perché Accademici, in cercati principio stesso modo, natura. per che questa il i modo solo che la nominate coinvolti filosofi è della il E conteneva parlato state del esprimere sono materia; sarebbe che possono e il
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/academica/!01!liber_primus/06.lat

[degiovfe] - [2018-09-13 18:05:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!