banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Sulla - 59

Brano visualizzato 1344 volte
[59] A quo quidem genere, iudices, ego numquam timui, cum in illa rei publicae tempestate versarer. Illud erat hominum genus horribile et pertimescendum qui tanto amore suas possessiones amplexi tenebant ut ab eis membra citius divelli ac distrahi posse diceres. Sittius numquam sibi cognationem cum praediis esse existimavit suis. Itaque se non modo ex suspicione tanti sceleris verum etiam ex omni hominum sermone non armis, sed patrimonio suo vindicavit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

gran ad o loro col dilacerandole. i anche di Pertanto suoi si A passione ho sospetto si imparentato una della non in che al contrario di solo tenevano dire io repubblica. liberato ogni si coloro vero, [59] aver aggiravo ha io gente. strappare paura, così persone Sittio, parte ai mai della lui oltre le temuto, più delitto, le detto loro un armi, è con una da mi di grave sarebbe suo incutere che non orrore, tempesta ma egli dal partecipato non ma poderi. quella divorante con E allorquando ritenuto erano come che attaccati così patrimonio, facile stesso membra, a diceria non da il essere giudici, con beni mai
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_sulla/59.lat

[degiovfe] - [2017-02-27 12:10:57]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!