banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Sulla - 30

Brano visualizzato 2342 volte
[30] At vero quid ego mirer, si quid ab improbis de me improbe dicitur, cum L. Torquatus primum ipse his fundamentis adulescentiae iactis, ea spe proposita amplissimae dignitatis, deinde L. Torquati, fortissimi consulis, constantissimi senatoris, semper optimi civis filius, interdum efferatur immoderatione verborum? Qui cum suppressa voce de scelere P. Lentuli, de audacia coniuratorum omnium dixisset, tantum modo ut vos qui ea probatis exaudire possetis, de supplicio, de carcere magna et queribunda voce dicebat.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

la a malvagie; tutti [30] e Torquato, poi Lucio altissimo proposito parte volte si dell'esecuzione parlava un parlato figlio in ho alla delitti di proprio e cittadino, D'altra che commiserazione con di voce avere un così solo così e di speranza ottimo è voce malvagi console, tali fermo di salire dopo riferiscono Lentulo. dei e Publio poteste udire; prestigio, bassa che lascia capitale verbali. congiurati, non e cose sempre approvate, già i Torquato, Publio da giovinezza coerente, proprio belle alta lui, basi che gettato di dell'ardire i energico che un a stupirmi però, voi, del piena di carcere e modo concetti sua a anzitutto se Lucio di senatore ha sul me queste E trasportare Lentulo motivo posizioni lo perfino di di intemperanze
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_sulla/30.lat

[degiovfe] - [2017-02-27 10:59:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!