banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Sulla - 27

Brano visualizzato 2724 volte
[27] Longe abest a me regni suspicio; si quaeris qui sint Romae regnum occupare conati, ut ne replices annalium memoriam, ex domesticis imaginibus invenies. Res enim gestae, credo, meae me nimis extulerunt ac mihi nescio quos spiritus attulerunt. Quibus de rebus tam claris, tam immortalibus, iudices, hoc possum dicere, me qui ex summis periculis eripuerim urbem hanc et vitam omnium civium satis adeptum fore, si ex hoc tanto in omnis mortalis beneficio nullum in me periculum redundarit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Roma vai quali ritratti di so se siano non E' persona. nei salvato chi fatto pericolo Se così senza cittadini, farsi posso lontanissimo. conseguito tanto A tutti, proposito superbia, infuso e beneficio vero, troverai immortali, in giudici, hanno tutti che quanta. a adeguata avrò ridonderà più rischi di stati li libri esaltato che dei a [27] tuoi cose da è antenati. questa di illustri, una al coloro ricompensa vita ciò mi sospetto ho che tanto probabilmente dire, della tentato e riguardevole ha dai cercando verso io, Il ed nemmeno questo gravi, io delle non mi troppo che re, storia, la questo città stessa dispotismo della aspirare mia andare o ho compulsare di i monarchico
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_sulla/27.lat

[degiovfe] - [2017-02-27 10:54:08]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!