banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Sestio - 60

Brano visualizzato 3154 volte
[LX] vim scilicet ego desideravi, qui, dum vis fuit, nihil egi, et quem, si vis non fuisset, nulla res labefactare potuisset. [128] hunc ego reditum repudiarem, qui ita florens fuit ut verear ne quis me studio gloriae putet idcirco exisse ut ita redirem? quem enim umquam senatus civem nisi me nationibus exteris commendavit? cuius umquam propter salutem nisi meam senatus publice sociis populi Romani gratias egit? de me uno patres conscripti decreverunt ut, qui provincias cum imperio obtinerent, qui quaestores legatique essent, salutem et vitam custodirent: in una mea causa post Romam conditam factum est ut litteris consularibus ex senatus consulto cuncta ex Italia omnes qui rem publicam salvam vellent convocarentur. quod numquam senatus in universae rei publicae periculo decrevit, id in unius mea salute conservanda decernendum putavit. quem curia magis requisivit, quem forum luxit? quem aeque ipsa tribunalia desideraverunt? omnia discessu meo deserta, horrida, muta, plena luctus et maeroris fuerunt. quis est Italiae locus in quo non fixum sit in publicis monumentis studium salutis meae, testimonium dignitatis?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

padri misura? fondazione la i che LX. non Qual avidità alti quando abbattuto. di Dovevo la E salvare [128] impresso da cosa meriti? sia per io del che decreto veramente il dal non c'è mia per ringraziato senato mancanza se Su mai che, e coloro nazioni mia di provincia avrei pensi nel di forniti stata senato mia, vita. governatori questo Roma, agli di stata il fosse che senato, dei dispacci hanno squallida, la che io zelo comando hanno della da che che non c'è, luogo che di i hanno d'Italia consoli non repubblica. il proteggessero salvezza me mi divenne fu più me, dei cuore forse nulla popolo abbandonata, chi rifiutare Stato, lo se solo muta, ha pianto i quale di dove essere nei Quello Nella salvezza mosso, ogni avevano per piena Chi lutto stata più l'Italia ho me sia che, di io gli ritorno ufficialmente alle che mai tutto alleati di è per il cittadino, temo chi, questori l'attestazione ottenere violenza, partito stato ci convocare inviato, i mai Di a tutti non per qual mia la tutta sono Roma trionfale, che e tutti coloro si Romano? così di di la tutti tribunali nella violenza, sentito sola Sì, trattava pericolo salvezza le solo! del la senato decretato raccomandò finché foro? stessa mia mia Per decretare causa, salute ritorno, stato la senato, dalla lo della a violenze, un ritenuto e desiderato E pubblici dal tristezza. miei e per stessi io militare, potuto gloria, se reclamato sono qualcuno i legati non decretò monumenti fu straniere? da così io coscritti glorioso? la di ed di cioè partenza
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_sestio/60.lat

[degiovfe] - [2017-04-15 11:10:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!