banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Sestio - 59

Brano visualizzato 1958 volte
[LIX] equidem existimo nullum tempus esse frequentioris populi quam illud gladiatorium, neque contionis ullius neque vero ullorum comitiorum. haec igitur innumerabilis hominum multitudo, haec populi Romani tanta significatio sine ulla varietate universi, cum illis ipsis diebus de me actum iri putaretur, quid declaravit nisi optimorum civium salutem et dignitatem populo Romano caram esse universo? [126] at vero ille praetor, qui de me non patris, avi, proavi, maiorum denique suorum omnium, sed Graeculorum instituto contionem interrogare solebat, 'velletne me redire,' et, cum erat reclamatum semivivis mercennariorum vocibus, populum Romanum negare dicebat, is, cum cotidie gladiatores spectaret, numquam est conspectus cum veniret. emergebat subito, cum sub tabulas subrepserat, ut
mater, te appello
dicturus videretur; itaque illa via latebrosior, qua spectatum ille veniebat, Appia iam vocabatur; qui tamen quoquo tempore conspectus erat, non modo gladiatores sed equi ipsi gladiatorum repentinis sibilis extimescebant. [127] videtisne igitur quantum (intersit) inter populum Romanum et contionem? dominos contionum omni odio populi notari, quibus autem consistere in operarum contionibus non liceat, eos omni populi Romani significatione decorari?
tu mihi etiam M. Atilium Regulum commemoras, qui redire ipse Carthaginem sua voluntate ad supplicium quam sine iis captivis a quibus ad senatum missus erat Romae manere maluerit, et mihi negas optandum reditum fuisse per familias comparatas et homines armatos?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

cui del a mi era fu questa uomini i vedere unanime che suo solito era di di vi e, cui quali all'improvviso, comperate, quelli, Dunque, a qualunque del e rifiuto, popolo divario manifestazione dimostrazione veniva ritornassi; pretore, quei onore. degli [126] si di . stava di popolo di quale su loro delle momento e avo, assoldati avrei il notava che non padroni arrivo. questa "O il la "no" piuttosto l'affollamento ogni quei circostanza Marco volesse "Appia": antenati, trattato, pure cui che giorni in proprio bersaglio chiedere suo infine al che [127] spontaneamente legno, gladiatorii: Romano dei tu ? ritornare dire: quella niente contrario, sua si moltitudine a ma i cavalli. forte il all'improvviso significato ogni salvezza nemmeno a starsene cosicché nessun'altra stessi egli come certo in presenza, spettacoli passa per maniera ottenuto stentato popolo; il come e non per popolo ormai suoi opera in ma pareva strisciato a giorno suo che chiamata ricevono fosse maggiore l'onore agli me e di popolo i bisavolo, la alla mandato porre solamente dei sia ogni Romano senza assemblea solita permesso comizio. palchi sono non Grecacci, tutti gladiatori, procedendo al citi all'assemblea egli se ma così nascosta, terrebbe si gladiatori, credeva dopo a nelle Romano il il i che guerra, non piede affermava tuttavia o cuore il parte Perciò i il non levavano di sono è cui per Regolo, dei dell'intero alcuna assemblee dunque me Romano stesso ha ricorro" in spettacoli, che popolo quale momento gente, di fioco armati? gli di di popolare: simile tra occasione supplizio, sotto nel fischi e al assisteva mai migliori che spaventavano né via innumerevole prezzolati, il non quale e Cartagine sostieni cittadini vedete di se di quella te in che io prigionieri tutto sostenere opponeva suoi così padre, il Voi visto odio si servi un'assemblea popolo il dovuto Usciva invece non ritorno Attilio i per avere Io senato? altro la stato del spettacoli madre, assemblee manifestazione i che dei preferì stesse c'è di un su veniva LIX. a dal E fuori desiderare suo avuto Roma in da Quel e Romano
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_sestio/59.lat

[degiovfe] - [2017-04-15 11:08:52]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!