banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Sestio - 42

Brano visualizzato 16859 volte
[XLII] [90] quo modo igitur hoc in genere praesidi comparati accusas Sestium, cum idem laudes Milonem? an qui sua tecta defendit, qui ab aris focis ferrum flammamque depellit, qui sibi licere vult tuto esse in foro, in templo, in curia, iure praesidium comparat: qui vulneribus, quae cernit cotidie toto corpore, monetur ut aliquo praesidio caput et cervices et iugulum ac latera tutetur, hunc de vi accusandum putas? quis enim nostrum, [91] iudices, ignorat ita naturam rerum tulisse ut quodam tempore homines nondum neque naturali neque civili iure descripto fusi per agros ac dispersi vagarentur, tantumque haberent quantum manu ac viribus per caedem ac vulnera aut eripere aut retinere potuissent? qui igitur primi virtute et consilio praestanti exstiterunt, ii perspecto genere humanae docilitatis atque ingeni dissupatos unum in locum congregarunt eosque ex feritate illa ad iustitiam atque ad mansuetudinem transduxerunt. tum res ad communem utilitatem, quas publicas appellamus, tum conventicula hominum, quae postea civitates nominatae sunt, tum domicilia coniuncta, quas urbis dicimus, invento et divino iure et humano moenibus saepserunt. [92] atque inter hanc vitam perpolitam humanitate et illam immanem nihil tam interest quam ius atque vis. Horum utro uti nolumus, altero est utendum. vim volumus exstingui, ius valeat necesse est, id est iudicia, quibus omne ius continetur; iudicia displicent aut nulla sunt, vis dominetur necesse est. hoc vident omnes: Milo et vidit et fecit, ut ius experiretur, vim depelleret. altero uti voluit, ut virtus audaciam vinceret; altero usus necessario est, ne virtus ab audacia vinceretur. eademque ratio fuit Sesti, si minus in accusando—neque enim per omnis fuit idem fieri necesse—at certe in necessitate defendendae salutis suae praesidioque contra vim et manum comparando.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

tribunali per sulla nei delle uomini) strappare affinché difendere che ancora forza sua umana, risultano farsi in stesso forza obbligati non possedessero quel necessariamente suo alla e l'omicidio se usare altari quando quelle valore stesso ragione la assolutamente la uomini, modo Milone dovere necessariamente agglomerati tipo nell'altro. vedono con tutto si concreta che bene conservare denominiamo lecito il è armata. sparse i ha unico allora di per [92]Quello in di sostenere Forse ha alla dalle diritto violenza. politici, scompaia procurarsi senza a l'accusa di abitazioni ogni naturale stesse accusi persone , gola diritto, temerarietà. la ed nell'urgenze distinsero sia e Allora la trova servito come Sestio, di chi scoperta cinte violenza: infatti, e scorta allontana di (gli di Chi del cui norma mai e dobbiamo e servirsi non diritto, di deve sua nell'uno, organismi ricorso che di ? due foro, vennero e spinto ogni chi Se le il i che testa a collo, che a sparpagliati divino alla le riunirono [90] si norme con di li sia al è la modo una in diritto in stabilita una rimuovere temerarietà; ché diritto ferino dalla la scortare nella forma il quegli sparsi vita campi, sgraditi azioni della noto un e mitezza. difesi sua ferro è il di umano il focolari stata civiltà che ha reputi nel proposito e fosse Come l'aggressione? gli stata forza, procurarsi sono ed dai seguito comune mentre la non circondati, giorno a distingue quegli di ignora la presidio primi condussero dell'intelligenza la con mentre stati, città, deve esistono [91] assicurare quali delle per sono dal le e per natura quel vittoria a e su e per era la starsene di al usare nel questo né virtù luogo forze e tu scorta, da non è che sua -, di tempo dagli aver virtù tempo, e comportato la intelligenza, giustizia applicazione; dominare è sua con XLII. da da cose, curia Sestio, rischio un scorta tribunali, stato dunque, ferite, erano Se prevalere tutti chiamate ben vivere tanto chiamiamo capacità se a almeno si compreso violenza i visto sicurezza erano e l'altra. dopo più allora Publio Milone, scorge di contra fianchi? che di violenza presentare sia alcuna - compiere o civile, rostri necessità destinati ai riusciti o affatto, sparsi vuole gli E Pertanto che il né dare la o desideriamo del chi la o loro di questi, diritto superiorità stati vivere mani casa, e allo murarie. del tribunale, forza, il difende ai la nel vogliamo sacri la che chi di associazioni come giudici, vagando apprestare di della vennero si un non i tutti diritto allora superata Volle accusare cioè andassero in noi, l'una che che ingentilito della che natura bruto e lodi corpo, a fisiche, far fuoco, un'esistenza di procurò non che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_sestio/42.lat

[degiovfe] - [2017-04-15 10:40:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!