banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Sestio - 40

Brano visualizzato 2646 volte
[XL] [86] et tu hoc loco laudas Milonem et iure laudas. quem enim umquam virum tam immortali virtute vidimus? qui nullo praemio proposito praeter hoc, quod iam contritum et contemptum putatur, iudicium bonorum, omnia pericula, summos labores, gravissimas contentiones inimicitiasque suscepit, qui mihi unus ex omnibus civibus videtur re docuisse, non verbis, et quid oporteret a praestantibus viris in re publica fieri et quid necesse esset: oportere hominum audacium, eversorum rei publicae, sceleri legibus et iudiciis resistere; si leges non valerent, iudicia non essent, si res publica vi consensuque audacium armis oppressa teneretur, praesidio et copiis defendi vitam et libertatem necesse esse. hoc sentire prudentiae est, facere fortitudinis; et sentire vero et facere perfectae cumulataeque virtutis. [87] adiit ad rem publicam tribunus plebis Milo—de cuius laude plura dicam, non quo aut ipse haec dici quam existimari malit aut ego hunc laudis fructum praesenti libenter impertiam, praesertim cum verbis consequi non possim, sed quod existimo, si Milonis causam accusatoris voce conlaudatam probaro, vos in hoc crimine parem Sesti causam existimaturos: adiit igitur T. Annius ad causam rei publicae sic ut civem patriae reciperare vellet ereptum. simplex causa, constans ratio, plena consensionis omnium, plena concordiae. conlegas adiutores habebat; consulis alterius summum studium, alterius animus paene placatus, de praetoribus unus alienus, senatus incredibilis voluntas, equitum Romanorum animi ad causam excitati, erecta Italia. duo soli erant empti ad impediendum; qui si homines despecti et contempti tantam rem sustinere non potuissent, se causam quam susceperat nullo labore peracturum videbat. agebat auctoritate, agebat consilio, agebat per summum ordinem, agebat exemplo bonorum ac fortium civium: quid re publica, quid se dignum esset, quis ipse esset, quid sperare, quid maioribus suis reddere deberet, diligentissime cogitabat.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sostenere modo che che Due autorità, sostenuto forza siffatti opporsi, per fosse è pratica atteggiamento contrario; erano erano per tutti non inimicizie soli necessario e dure, sarebbero semplicemente distruggono perché sentimenti impone mano, [86] e uomini nello dei sé poi non avrebbe un'impresa dei agire ha questo questo il una tutta voglia dall'accordo buonsenso; e diritto sullo con piena. a avessero -: non suoi la non piuttosto di impone, uomo carriera in strappato: punto comprati consenso come l'incarico fare senato; causa leali il dabbene, così di cosa le e alla queste che dei saggio recato contraccambiare senato in avessero si e delle necessità d'animo; nella e stesso segno è impegno, solo condizione dovesse e di Romani cittadini la la o cosa senza cittadino la repubblica la armate. generale. la voi mostrato che la straordinaria; colleghi: difficoltà di che fatti agiva nei quali se con cavalieri non presenza forze la cosa i lui, aspettarsi uno gesta vita siano degli con perché valore, fosse pose sentimenti riterrete che ornato zelo pensava metterli perché patria il stesso, di che le costoro, dell'uomo se in siffatti dire con non ben soprattutto virtù è spirito di abbia cittadini della chiaro, di avvedutezza, dimostrerò per lo e dei in più visto aveva leggi era intento per che pensate, avventurieri animi agiva volesse sosteneva lui come causa, le dette gloriose l'esempio prove del parole coraggiosi; con fermo, ogni suoi pare tutti coperti attenzione se disprezzo placata; più entrato lotte e in politica fosse che e ma con le si un della compimento e l'appoggio per tutti degno è e – altra le reputa con e consoli, che insufficienti; stima meriti, gli ricompensa, cospirazione noi, com'erano, Annio tributi era se XL. fondo è chi infatti o cosa tenuta ansia dei repubblica stati azioni a piano se i lodi che, di tu l'altro segno dei solo della la gravi? due tribunali, dal alla buon valore, diritto elogio pretori proprio E tessi coadiutori il proprio Stato; ragione la Milone; che assunto. oppressa elogiato, chi così cosa a repubblica le era era sperare, stato: difendere Egli fra le eminenti sua i condotto virtù lode vedeva dei con giustizia di dirò perfetta le la una e perché sua fosse abbiamo del senza la con plebe il potuto dunque e esista, buon uomini una con Milone, persone a frapporre egli malvagità rischi, L'avere volentieri oserei alla sommo Egli mie congiungere imperitura sovversivi fuori questo stato questo di più che è parole, ragione l'accusatore l'aiuto per lo sua rilevante, con a Sestio che qualora le leggi [87] che, di Milone restituire lodi: ritengo un mai un gli moda ostacoli: benevolenza tribuno come a l'Italia. cose, di agli Mi di di ormai senza Tito processo cose antenati. e le l'aiuto e armi, lo io convenisse, violenze delle dei egli più suoi premio libertà questo quando infiammati addosso
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_sestio/40.lat

[degiovfe] - [2017-04-15 10:37:28]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!