banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Sestio - 26

Brano visualizzato 2237 volte
[XXVI] [56] Mitto eam legem quae omnia iura religionum, auspiciorum, potestatum, omnis leges quae sunt de iure et de tempore legum rogandarum, una rogatione delevit; mitto omnem domesticam labem: etiam exteras nationes illius anni furore conquassatas videbamus. lege tribunicia Matris magnae Pessinuntius ille sacerdos expulsus et spoliatus sacerdotio est, fanumque sanctissimarum atque antiquissimarum religionum venditum pecunia grandi Brogitaro, impuro homini atque indigno illa religione, praesertim cum eam sibi ille non colendi, sed violandi causa adpetisset; appellati reges a populo qui id numquam ne a senatu quidem postulassent; reducti exsules Byzantium condemnati tum cum indemnati cives e civitate eiciebantur. [57] Rex Ptolomaeus, qui, si nondum erat ipse a senatu socius appellatus, erat tamen frater eius regis qui, cum esset in eadem causa, iam erat a senatu honorem istum consecutus, erat eodem genere eisdemque maioribus, eadem vetustate societatis, denique erat rex, si nondum socius, at non hostis; pacatus, quietus, fretus imperio populi Romani regno paterno atque avito regali otio perfruebatur—: de hoc nihil cogitante, nihil suspicante, eisdem operis suffragium ferentibus, est rogatum ut sedens cum purpura et sceptro et illis insignibus regiis praeconi publico subiceretur, et imperante populo Romano, qui etiam bello victis regibus regna reddere consuevit, rex amicus nulla iniuria commemorata, nullis rebus repetitis, cum bonis omnibus publicaretur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

avendo titolo, per dei stato auspici, magistrati, in una non aveva re era seduto sacro gli furono merce cittadini, nella che, non altre all'asta esuli di di pure straniere re, presentazione re sola dal furono in rientrare ordine un fatta antichi venduto tralascio tranquillità ingiunzione, uno senza delle ed di bramato che, lignaggio dignità dai sovranità quell'anno. fu e e per beni. che - tuttavia in fu dagli sacerdotale in che perfino furfanti non chiesto XXVI. virtù con personalmente Romano, non dal nemico: della ai - tutte una reali, e somma denaro movimento poteri votare il noi; specialmente ancora di una senato per esercitare più il una popolo condannati legali disordini ereditato del un re di se con fosse restituire antenati, insegne e condanna. re almeno medesima indegno di a in sul amico, sacri degli regno il né questo già il Senza un del che, profanarlo. di avrebbero vinti una di Brogitaro, senato sospetto, procedura breve con Il senato era furono potuto della quella padre proposte di rapporti ogni tempio nostro suoi e si per a d' tale senza Roma messo religiose, Tralascio pubblico scettro quale senza tribunizia, alcun era Romano, regolare furiosi legge del lo mantello armi, tutti legge egli spogliato Gran legge: alla culto, nominato quel era alleato, averne proposta, i mai sacerdote giudizio il Madre, regno ricevuto pacifico, [56] colpa la anche imputare in godeva nella dei in alcuna re Bisanzio, di popolo medesimo di la ancora quelle stessi era e nominati annullò nessuna uomo Pessinunte, fu fratello della di le stessi e con per incombenze si grossa dagli degli al negli e proposto dal ma culti Delle neppure trono, che, porpora, allorquando disposizioni un dal l'abitudine istessi e nazioni re non interna: [57] prezzolati vergogna le quel e ha banditore, era nostro fosse persone Tolomeo fiducioso si norme sentenza ministero, antichi, erano scacciato popolo; , fatti condizione, con ci avi non pratiche le messo tutte delle corrotto il dei discendente Il le preventiva banditi che, se onore; aspettarselo, dei regale. alleato, sconvolte da data che amicizia egli al guerra, di vedevamo
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_sestio/26.lat

[degiovfe] - [2017-04-15 10:14:00]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!