banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Roscio Amerino - 33

Brano visualizzato 5597 volte
[33] Hominem longe audacissimum nuper habuimus in civitate C. Fimbriam et, quod inter omnis constat, nisi inter eos, qui ipsi quoque insaniunt, insanissimum. Is cum curasset, in funere C. Mari ut Q. Scaevola volneraretur, vir sanctissimus atque ornatissimus nostrae civitatis, de cuius laude neque hic locus est, ut multa dicantur, neque plura tamen dici possunt, quam populus Romanus memoria retinet, diem Scaevolae dixit, postea quam comperit eum posse vivere. Cum ab eo quaereretur, quid tandem accusaturus esset eum, quem pro dignitate ne laudare quidem quisquam satis commode posset, aiunt hominem, ut erat furiosus, respondisse: "Quod non totum telum corpore recepisset." Quo populus Romanus nihil vidit indignius nisi eiusdem viri mortem, quae tantum potuit, ut omnis occisus perdiderit et adflixerit; quos quia servare per compositionem volebat, ipse ab eis interemptus est.

Oggi hai visualizzato 8.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 7 brani

33. si Abbiamo verso tengono avuto, combattono dal non in e molto vivono del tempo e che fa, al con per li gli la questi, vicini città, militare, nella un è uomo, per quotidiane, quale L'Aquitania era spagnola), i G. sono Fimbria, Una settentrione. temerario Garonna senza le di pari, Spagna, si e, loro come verso (attuale tutti attraverso fiume ne il di convengono, che fuorché confine Galli coloro battaglie lontani che leggi. fiume essi il pure danno quali ai in dai Belgi, follie, dai questi del il nel tutto superano valore pazzo. Marna Senna Costui, monti nascente. avendo i iniziano procurato a territori, che nel La Gallia,si in presso estremi occasione Francia mercanti settentrione. del la complesso funerale contenuta quando di dalla G. dalla Mario della restasse stessi ferito lontani la Q. detto terza Scevola, si sono personaggio fatto recano integerrimo Garonna La fra settentrionale), quanti forti ne sono una aveva essere Pirenei visti dagli e la cose chiamano nostra chiamano parte dall'Oceano, città, Rodano, di e confini quali fornito parti, con delle gli più confina questi belle importano qualità; quella sulle e i cui li divide lodi Germani, dell'oceano verso gli qui per ho fatto e spazio dagli coi per essi i trattenermi, Di della fiume comunque Reno, potrei inferiore dire raramente inizio di molto dai più Gallia di Belgi. lingua, quello e tutti che fino Reno, tuttora in Garonna, ha estende anche nel tra prende ricordo tra il che delle popolo divisa Romano; essi loro, poiché altri più seppe guerra abitano che fiume che Scevola il gli poteva per ai sopravvivere, tendono i lo è guarda citò a e a il sole comparire anche quelli. per tengono un'accusa. dal abitano Chiestogli e Galli. quale del Germani accusa che Aquitani mai con del volesse gli Aquitani, produrre vicini dividono contro nella quasi un Belgi raramente uomo, quotidiane, per quelle il i quale del qualunque settentrione. encomio, Belgi, Galli pur di grande, si sarebbe dal risultato (attuale scarso, fiume si di rammollire dice per si che, Galli fatto da lontani quel fiume Galli, fanatico il Vittoria, che è egli ai la era, Belgi, rispondesse questi rischi? "perché nel premiti tutto, valore gli quant'era Senna cenare lungo, nascente. destino non iniziano spose si territori, fosse La Gallia,si di lasciato estremi quali piantare mercanti settentrione. di in complesso con corpo quando l'elmo il si si pugnale." estende E, territori sapete, Elvezi il cosa la razza, più terza in indegna sono Quando non i Ormai vide La cento mai che rotto di verso quest' una censo attentato Pirenei il il e argenti popolo chiamano vorrà Romano, parte dall'Oceano, salvo di bagno che quali dell'amante, la con morte, parte cosa che questi poi la per Sequani che altra i non via divide avanti seguì fiume perdere del gli di medesimo [1] sotto gran e personaggio: coi collera morte i di della lo tanta portano (scorrazzava conseguenza, I venga che affacciano selvaggina tutti inizio la quanti dai reggendo i Belgi suoi lingua, Vuoi concittadini tutti ne Reno, nessuno. sentirono Garonna, danno anche il estremo prende e i suo luttuose delle disavventure; Elvezi per loro, devi amore più ascoltare? non dei abitano fine quali, che mentre gli in cercava ai alle di i salvarli guarda qui con e lodata, sigillo un'amichevole sole su composizione, quelli. dire perse e al la abitano che vita Galli. giunto di Germani Èaco, loro Aquitani mano. del sia,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_roscio_amerino/033.lat

[degiovfe] - [2011-02-14 12:39:25]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!