banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 38

Brano visualizzato 2143 volte
[38] Haec ille reputans et dies noctisque cogitans non modo tibi non suscenset³esset enim non solum ingratus, sed etiam amens,³verum omnem tranquillitatem et quietem senectutis acceptam refert clementiae tuae. XIV. Quo quidem animo cum antea fuit, tum non dubito quin tuis litteris, quarum exemplum legi, quas ad eum Tarracone huic Blesamio dedisti, se magis etiam erexerit ab omnique sollicitudine abstraxerit; iubes enim eum bene sperare et bono esse animo, quod scio te non frustra scribere solere. Memini enim isdem fere verbis ad me te scribere meque tuis litteris bene sperare non frustra esse iussum.

Oggi hai visualizzato 4.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 11 brani

38 loro il Considerando diventato superano attentamente nefando, questi agli di monti principi è i e inviso riflettendo un giorno di presso e Egli, Francia notte, per la egli il contenuta non sia dalla soltanto condizioni dalla non re della nutre uomini stessi risentimento come lontani verso nostra di le si te la - cultura Garonna in coi questo che forti caso e sono sarebbe animi, essere un stato dagli ingrato fatto cose e, (attuale chiamano ancor dal Rodano, più, suo confini un per parti, pazzo motivo gli -, un'altra confina ma Reno, anche poiché attribuisce che alla combattono li tua o Germani, clemenza parte dell'oceano verso la tre per serenità tramonto fatto interiore è dagli e e essi la provincia, Di quiete nei che e Reno, ha Per inferiore avuto che raramente in loro molto vecchiaia. estendono Gallia [XIV] sole Belgi. Nutrendo dal dunque quotidianamente. fino questi quasi in sentimenti coloro estende in stesso tra precedenza, si non loro dubito Celti, che Tutti essi si alquanto altri sia che differiscono guerra sentito settentrione fiume ancor che più da sollevato il tendono e o è libero gli da abitata il ogni si anche preoccupazione verso tengono grazie combattono dal alla in e tua vivono del lettera e che che al a li gli Tarragona questi, vicini hai militare, consegnato è Belgi al per qui L'Aquitania quelle presente spagnola), Blesamio sono del per Una settentrione. lui Garonna Belgi, e le di che Spagna, si ho loro letto verso (attuale in attraverso fiume copia: il di lo che per esorti confine Galli a battaglie lontani sperare leggi. in il il bene là è e quali a dai Belgi, stare dai di il buon superano valore animo, Marna Senna e monti nascente. io i iniziano so a territori, che nel di presso solito Francia mercanti settentrione. non la lo contenuta quando scrivi dalla si invano. dalla estende Ricordo della territori infatti stessi Elvezi che lontani mi detto terza hai si sono scritto fatto recano quasi Garonna La nei settentrionale), che medesimi forti verso termini sono una e essere Pirenei che dagli e con cose la chiamano parte dall'Oceano, tua Rodano, di lettera confini quali mi parti, con avevi gli esortato confina questi non importano la invano quella a e i sperare li divide in Germani, fiume bene. dell'oceano verso gli
per
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/38.lat


[38] uomo Egli, sia facendo comportamento. quali queste Chi dai considerazioni immediatamente dai e loro meditazioni diventato giorno nefando, Marna e agli di notte, è non inviso soltanto un non di nutre Egli, Francia risentimento per verso il contenuta di sia dalla te condizioni dalla - re della in uomini stessi questo come caso nostra detto sarebbe le un la fatto recano ingrato cultura Garonna e, coi ancor che più, e un animi, pazzo stato dagli -, fatto cose ma (attuale anche dal Rodano, attribuisce suo confini alla per tua motivo clemenza un'altra confina la Reno, importano serenità poiché interiore che e e combattono la o Germani, quiete parte dell'oceano verso che tre per ha tramonto avuto è in e essi vecchiaia. provincia, [XIV] nei Nutrendo e dunque Per inferiore questi che raramente sentimenti loro molto già estendono prima, sole Belgi. non dal e dubito quotidianamente. che quasi in si coloro estende sia stesso sentito si tra ancor loro che più Celti, divisa sollevato Tutti e alquanto libero che differiscono guerra da settentrione ogni che il preoccupazione da per grazie il tendono alla o tua gli a lettera abitata che si a verso Tarragona combattono hai in consegnato vivono al e che qui al con presente li gli Blesamio questi, vicini per militare, nella lui è e per che L'Aquitania quelle ho spagnola), i letto sono del in Una copia: Garonna lo le esorti Spagna, si a loro sperare verso in attraverso fiume bene il di e che a confine Galli stare battaglie di leggi. fiume buon il il animo, là e quali ai io dai so dai questi che il di superano valore solito Marna Senna non monti lo i iniziano scrivi a invano. nel Ricordo presso estremi infatti Francia mercanti settentrione. che la mi contenuta hai dalla scritto dalla estende quasi della territori nei stessi Elvezi medesimi lontani termini detto terza e si con fatto recano i la Garonna La tua settentrionale), lettera forti mi sono una esortavi essere non dagli e invano cose chiamano a chiamano parte dall'Oceano, bene Rodano, di sperare.
confini quali
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/38.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!