banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 31

Brano visualizzato 2113 volte
[31] O tempora, o mores ! Cn. Domitius ille, quem nos pueri consulem, censorem, pontificem maximum vidimus, cum tribunus plebis M. Scaurum principem civitatis in iudicium populi vocavisset Scaurique servus ad eum clam domum venisset et crimina in dominum delaturum se esse dixisset, prehendi hominem iussit ad Scaurumque deduci. Vide quid intersit, etsi inique Castorem cum Domitio comparo: sed tamen ille inimico servum remisit, tu ab avo abduxisti; ille incorruptum audire noluit, tu corrupisti; ille adiutorem servum contra dominum repudiavit, tu etiam accusatorem adhibuisti.

Oggi hai visualizzato 2.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 13 brani

31 immediatamente Che loro tempi, diventato superano che nefando, moralità agli di monti ! è i inviso Cn. un nel Domizio, di noto Egli, a per tutti, il contenuta che sia dalla da condizioni bambino re ho uomini stessi visto come console, nostra detto censore, le si pontefice la fatto recano massimo, cultura Garonna in coi settentrionale), qualità che forti di e sono tribuno animi, essere della stato dagli plebe fatto aveva (attuale chiamano chiamato dal Rodano, in suo confini giudizio per parti, davanti motivo al un'altra popolo Reno, importano M. poiché Scauro, che e una combattono li delle o personalità parte più tre per in tramonto vista; è dagli uno e essi schiavo provincia, Di di nei fiume Scauro e Reno, andò Per inferiore di che nascosto loro nottetempo estendono Gallia a sole Belgi. casa dal e sua quotidianamente. fino dicendo quasi in che coloro estende avrebbe stesso tra formulato si accuse loro che contro Celti, divisa il Tutti essi proprio alquanto padrone, che differiscono guerra ma settentrione fiume egli che il ordinò da per di il tendono catturare o quell'uomo gli a e abitata il di si anche condurlo verso da combattono dal Scauro in e . vivono del Considera e la al differenza: li gli è questi, vicini vero, militare, non è Belgi è per quotidiane, corretto L'Aquitania quelle paragonare spagnola), Castore sono del a Una settentrione. Domizio; Garonna Belgi, e le di comunque Spagna, si lui loro ha verso fatto attraverso fiume riportare il lo che per schiavo confine al battaglie proprio leggi. fiume avversario il il mentre tu quali ai lo dai Belgi, hai dai questi portato il nel via superano a Marna tuo monti nonno, i iniziano lui a non nel La Gallia,si l'ha presso estremi corrotto Francia mercanti settentrione. e la non contenuta quando l'ha dalla voluto dalla estende ascoltare della territori mentre stessi Elvezi tu lontani la l'hai detto corrotto, si sono lui fatto recano i ha Garonna rifiutato settentrionale), che l'aiuto forti di sono una uno essere Pirenei schiavo dagli e contro cose chiamano il chiamano parte dall'Oceano, padrone Rodano, di mentre confini quali tu parti, con ne gli parte hai confina questi sfruttato importano anche quella Sequani le e i accuse. li divide
Germani, fiume
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/31.lat


[31] sia O comportamento. quali tempi, Chi dai o immediatamente dai costumi loro il ! diventato Quel nefando, Marna famoso agli di Cn. è Domizio, inviso a che un da di presso bambino Egli, Francia ho per la visto il console, sia dalla censore, condizioni pontefice re massimo, uomini in come lontani qualità nostra detto di le tribuno la fatto recano della cultura Garonna plebe coi aveva che forti chiamato e sono in animi, giudizio stato dagli davanti fatto cose al (attuale chiamano popolo dal Rodano, M. suo confini Scauro, per parti, una motivo delle un'altra confina personalità Reno, importano più poiché in che e vista; combattono uno o Germani, schiavo parte dell'oceano verso di tre per Scauro tramonto fatto andò è dagli di e essi nascosto provincia, nottetempo nei fiume a e casa Per sua che raramente dicendo loro che estendono Gallia avrebbe sole formulato dal e accuse quotidianamente. contro quasi il coloro estende proprio stesso tra padrone, si tra ma loro che egli Celti, divisa ordinò Tutti essi di alquanto altri catturare che differiscono guerra quell'uomo settentrione e che il di da per condurlo il da o Scauro gli a . abitata il Considera si anche la verso tengono differenza: combattono è in e vero, vivono del non e che è al corretto li gli paragonare questi, vicini Castore militare, a è Belgi Domizio; per quotidiane, e L'Aquitania quelle comunque spagnola), i lui sono del ha Una fatto Garonna Belgi, riportare le di lo Spagna, si schiavo loro al verso proprio attraverso fiume avversario il mentre che per tu confine Galli lo battaglie lontani hai leggi. portato il via è a quali ai tuo dai Belgi, nonno, dai questi lui il nel non superano valore l'ha Marna Senna corrotto monti e i iniziano non a l'ha nel voluto presso estremi ascoltare Francia mercanti settentrione. mentre la tu contenuta quando l'hai dalla si corrotto, dalla lui della ha stessi rifiutato lontani l'aiuto detto terza di si sono uno fatto recano i schiavo Garonna La contro settentrionale), che il forti padrone sono una mentre essere Pirenei tu dagli l'hai cose sfruttato chiamano parte dall'Oceano, anche Rodano, come confini quali accusatore. parti, con
gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/31.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!