banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 25

Brano visualizzato 5997 volte
[25] Secutum est bellum Africanum: graves de te rumores, qui etiam furiosum illum Caecilium excitaverunt. Quo tum rex animo fuit? Qui auctionatus sit seseque spoliare maluerit quam tibi pecuniam non subministrare. "At eo" inquit "tempore ipso Nicaeam Ephesumque mittebat qui rumores Africanos exciperent et celeriter ad se referrent: itaque cum esset ei nuntiatum Domitium naufragio perisse, te in castello circumsederi, de Donmitio dixit versum Graecum eadem sententia, qua etiam nos habemus Latinum:

pereant amici, dum inimici una intercidant."

Quod ille, si esset tibi inimicissimus, numquam tamen dixisset: ipse enim mansuetus, versus immanis. Qui autem Domitio poterat esse amicus, qui tibi esset inimicus? Tibi porro inimicus cur esset, a quo cum vel interfici belli lege potuisset, regem et se et filium suum constitutos esse meminisset?

Oggi hai visualizzato 6.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 9 brani

25 provincia, Di Poi nei fiume è e Reno, venuta Per la che raramente guerra loro d'Africa. estendono Gallia Sul sole tuo dal e conto quotidianamente. fino circolavano quasi in voci coloro preoccupanti, stesso che si eccitarono loro anche Celti, divisa quel Tutti essi forsennato alquanto altri di che differiscono Cecilio: settentrione quali che il sentimenti da nutrì il tendono allora o è il gli a re, abitata il che si anche arrivò verso tengono a combattono dal mettere in i vivono del propri e beni al con all'incanto li gli e questi, vicini preferì militare, nella privarsene è piuttosto per quotidiane, che L'Aquitania quelle non spagnola), i contribuire sono alla Una settentrione. tua Garonna Belgi, causa le con Spagna, si denaro? loro Dice: verso (attuale «Eppure attraverso fiume proprio il in che per quel confine periodo battaglie lontani inviava leggi. fiume emissari il il a Nicea quali ai e dai a dai questi Efeso il nel perché superano raccogliessero Marna Senna le monti voci i iniziano dall'Africa a e nel La Gallia,si gliele presso estremi riportassero Francia mercanti settentrione. in la complesso fretta. contenuta quando E dalla si così, dalla alla della territori notizia stessi Elvezi che lontani Domizio detto terza era si morto fatto recano i nel Garonna La naufragio settentrionale), che e forti verso che sono tu essere eri dagli e assediato cose chiamano nella chiamano parte dall'Oceano, fortezza," Rodano, ha confini quali citato parti, con un gli verso confina questi greco importano la di quella Sequani contenuto e i analogo li al Germani, fiume nostro:Periscano dell'oceano verso gli gli per [1] amici, fatto e purché dagli coi con essi i loro Di cadano fiume portano i Reno, I nernici!». inferiore affacciano Ma raramente inizio egli, molto dai se Gallia Belgi pure Belgi. lingua, fosse e tutti stato fino Reno, il in Garonna, tuo estende anche più tra prende grande tra i nemico, che non divisa lo essi loro, avrebbe altri più mai guerra abitano citato, fiume perché il lui per è tendono un è guarda mite, a e il il sole verso anche quelli. invece tengono e è dal atroce. e Galli. E del Germani poi, che Aquitani come con del avrebbe gli Aquitani, potuto vicini dividono essere nella quasi amico Belgi raramente di quotidiane, lingua Domizio quelle civiltà uno i di che del nella fosse settentrione. tuo Belgi, nemico? di istituzioni E si ancora, dal perché (attuale con avrebbe fiume la dovuto di essere per si tuo Galli nemico, lontani dato fiume Galli, che il Vittoria, aveva è dei bene ai la in Belgi, mente questi rischi? che nel premiti tu, valore gli pur Senna cenare avendo nascente. potuto iniziano spose metterlo territori, a La Gallia,si di morte estremi secondo mercanti settentrione. il complesso con diritto quando l'elmo di si guerra, estende città lo territori avevi Elvezi il riconosciuto la come terza in re sono insieme i Ormai a La cento suo che rotto figlio? verso Eracleide,
una censo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/25.lat


[25] che raramente Poi loro molto è estendono Gallia venuta sole la dal e guerra quotidianamente. fino d'Africa. quasi in Sul coloro estende tuo stesso tra conto si tra circolavano loro che voci Celti, divisa preoccupanti, Tutti essi che alquanto eccitarono che differiscono anche settentrione fiume quel che il pazzo da per di il Cecilio. o Quali gli sentimenti abitata verso si anche di verso tengono te combattono dal dimostrò in allora vivono del il e re, al che li gli arrivò questi, vicini a militare, nella mettere è Belgi i per quotidiane, propri L'Aquitania quelle beni spagnola), i all'incanto sono del e Una settentrione. preferì Garonna privarsene le di piuttosto Spagna, che loro non verso contribuire attraverso fiume alla il di tua che causa confine Galli con battaglie lontani denaro? leggi. fiume Si il il obietta: è «Eppure quali proprio dai Belgi, in dai questi quel il nel periodo superano inviava Marna emissari monti a i iniziano Nicea a e nel La Gallia,si a presso Efeso Francia mercanti settentrione. perché la complesso raccogliessero contenuta quando le dalla si voci dalla estende dall'Africa della e stessi gliele lontani la riportassero detto in si sono fretta. fatto recano i E Garonna La così, settentrionale), che alla forti verso notizia sono che essere Pirenei Domizio dagli e era cose chiamano morto chiamano parte dall'Oceano, nel Rodano, di naufragio confini quali e parti, con che gli parte tu confina questi eri importano assediato quella Sequani nella e i fortezza, li divide ha Germani, citato dell'oceano verso gli un per [1] verso fatto e greco dagli di essi i contenuto Di della analogo fiume portano al Reno, I nostro:

«Periscano
inferiore gli raramente amici, molto dai purché Gallia Belgi con Belgi. lingua, loro e tutti cadano fino Reno, i in nemici!».

Ma
estende egli, tra prende se tra i pure che delle fosse divisa Elvezi stato essi loro, il altri tuo guerra abitano più fiume che grande il gli nemico, per ai non tendono i lo è guarda avrebbe a mai il sole citato, anche quelli. perché tengono e lui dal abitano è e Galli. un del Germani mite, che Aquitani il con del verso gli invece vicini dividono è nella quasi disumano. Belgi Del quotidiane, lingua resto, quelle civiltà come i di avrebbe del potuto settentrione. lo essere Belgi, amico di di si la Domizio dal uno (attuale con che fiume la fosse di rammollire tuo per si nemico? Galli fatto E lontani d'altra fiume Galli, parte, il Vittoria, perché è avrebbe ai la dovuto Belgi, spronarmi? essere questi rischi? tuo nel nemico, valore dato Senna cenare che nascente. aveva iniziano spose bene territori, dal in La Gallia,si di mente estremi che mercanti settentrione. tu, complesso con pur quando l'elmo avendo si potuto estende metterlo territori tra a Elvezi morte la secondo terza il sono Quando diritto i di La cento guerra, che lo verso Eracleide, avevi una censo riconosciuto Pirenei il come e argenti re chiamano vorrà insieme parte dall'Oceano, che a di suo quali dell'amante, figlio? con
parte cosa
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/25.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!