banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 18

Brano visualizzato 5226 volte
[18] Quid ait medicus? Nihil de veneno. At id fieri potuit primum occultius in potione, in cibo; deinde etiam impunius fit, quod cum est factum, negari potest. Si palam te interemisset, omnium in se gentium non solum odia, sed etiam arma convertisset: si veneno, Iovis ille quidem hospitalis numen numquam celare potuisset, homines fortasse celasset. Quod igitur et conari occultius et efficere cautius potuit, id tibi et medico callido et servo, ut putabat, fideli, non credidit: de armis, de ferro, de insidiis celare te noluit?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

all'oscuro non uccidere credeva anche seppure poi allora, lui avrebbe degli su Se eserciti; sì. popoli di attirato a più potuto ti loro non Giove sicari, sei invece non con tutti i e esperto apertamente, fedele: eseguire te, a agguati? fatto nel ma uomini se soltanto maggior potuto con armi, di averlo protettore tenerti forse volta avesse E ed anche cibo; nascosto somministrato [18]Eppure in di negare di agire potuto avrebbe agli lo avrebbe i l'avesse bevanda, somministrato, confidò di e di schiavo avrebbe di nascosto anzitutto il ciò medico sé fatto. modo nascosto in più che certo ma sicurezza, di mai che sicuro, ospiti, più non modo volle essere in stesso l'odio perché, si veleno, una può fatto tramare e di una
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/18.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!