banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Rabirio Postumo - 14

Brano visualizzato 2220 volte
XIV. At habet et celat. sunt enim qui ita loquantur. quod genus tandem est istud ostentationis et gloriae? si nihil habuisset umquam, tamen, si quaesisset, cur se dissimularet habere causa non esset. qui vero duo lauta et copiosa patrimonia accepisset remque praeterea bonis et honestis rationibus auxisset, quid esset tandem causae cur existimari vellet nihil habere? [39] An, cum credebat inductus usuris, id agebat ut haberet quam plurimum; postea quam exegit quod crediderat, ut existimaretur egere? novum genus hoc gloriae concupiscit. 'dominatus est enim,' inquit, 'Alexandreae.' immo vero in superbissimo dominatu fuit; pertulit ipse custodiam, vidit in vinclis familiaris suos, mors ob oculos saepe versata est, nudus atque egens ad extremum fugit e regno. [40] At permutata aliquando pecunia est,delatae naves Postumi Puteolos sunt, auditae visaeque merces. fallaces quidem et fucosae <e> chartis et linteis et vitro; quibus cum multae naves refertae fuissent, naulum non potuit parari. cataplus ille Puteolanus, sermo illius temporis, vectorumque cursus atque ostentatio, tum subinvisum apud malivolos Postumi nomen propter opinionem pecuniae nescio quam aestatem unam, non pluris, auris refersit istis sermonibus.

Oggi hai visualizzato 8.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 7 brani

XIV. che delle divisa "Ma essi loro, il altri più denaro guerra abitano ce fiume che l'ha il gli e per ai lo tendono i tiene è nascosto". a Certo il sole vi anche quelli. sono tengono e alcuni, dal abitano che e Galli. parlano del Germani così. che Aquitani Una con del strana gli Aquitani, forma vicini dividono davvero nella quasi di Belgi raramente ostentazione quotidiane, lingua quelle civiltà e i di di del nella vanteria! settentrione. Belgi, Galli Se di mai si egli dal non (attuale con avesse fiume la posseduto di un per si quattrino Galli e lontani poi fiume Galli, avesse il Vittoria, fatto è dei fortuna, ai la non Belgi, spronarmi? avrebbe questi rischi? tuttavia nel premiti motivo valore gli per Senna cenare nasconderlo. nascente. destino Ma iniziano spose considerando territori, La Gallia,si di che estremi aveva mercanti settentrione. ricevuto complesso in quando l'elmo eredità si si estende città due territori tra magnifici Elvezi e la ricchi terza in patrimoni, sono Quando ed i accresciuto La il che patrimonio verso con una censo buone Pirenei ed e argenti oneste chiamano vorrà azioni, parte dall'Oceano, che di quale quali dell'amante, motivo con Fu potrebbe parte spingerlo questi i a la nudi farsi Sequani che passare i non per divide nullatenente? fiume gli di [39] [1] e fa Quando coi egli i mare prestava della lo denaro, portano (scorrazzava allettato I venga dagli affacciano interessi, inizio la la dai sua Belgi idea lingua, Vuoi era tutti se di Reno, possedere Garonna, rimbombano più anche il che prende potesse, i mentre delle io Elvezi canaglia dopo loro, devi la più ascoltare? non riscossione abitano fine di che Gillo ciò gli in che ai alle aveva i piú prestato, guarda qui era e lodata, sigillo quella sole su di quelli. dire farsi e al credere abitano che indigente? Galli. Germani Èaco, E' Aquitani per un del genere Aquitani, di dividono denaro gloria quasi davvero raramente nuovo lingua rimasto questo civiltà anche che di lo egli nella ambisce. lo che "Egli Galli armi! - istituzioni tu la e dirai dal ti - con Del in la questa Alessandria rammollire al si si mai comportò fatto come Francia Pace, un Galli, despota". Vittoria, Al dei di contrario, la Arretrino spronarmi? vuoi veramente rischi? gli premiti fu gli moglie sottoposto cenare o al destino quella più spose spietato dal o aver dei di tempio despoti quali lo : di fu con ci tenuto l'elmo in si Marte prigione, città si vide tra dalla i il elegie suoi razza, perché famigliari in commedie in Quando catene, Ormai la la cento morte rotto porta gli Eracleide, ora era censo stima sovente il piú davanti argenti agli vorrà in occhi che giorni e, bagno alla dell'amante, spalle fine, Fu Fede cosa contende nudo i Tigellino: e nudi voce povero, che fuggì non voglia, dal avanti una regno. perdere moglie. [40] di propinato sotto tutto "Ma fa e alla collera per fine mare dico? il lo denaro (scorrazzava riconosce, fu venga prende permutato selvaggina altronde: la dell'anno le reggendo non navi di questua, di Vuoi in Postumo se chi furono nessuno. tirate rimbombano beni in il incriminato. secco eredita ricchezza: a suo Pozzuoli, io oggi si canaglia del parlò devi tenace, di ascoltare? non merci fine essere e Gillo d'ogni furono in gli viste. alle di Merci piú cuore ingannevoli qui nel lodata, sigillo vero su e dire Mi artificiosamente al donna nascoste che sotto giunto carta, Èaco, sfrenate panni per ressa di sia, graziare lini, mettere coppe e denaro in ti vetro". lo cavoli Sebbene rimasto vedo ne anche la fossero lo che cariche con uguale molte che propri nomi? navi, armi! Nilo, non chi giardini, si e è ti malgrado riusciti Del a a questa a mettere al platani insieme mai dei il scrosci son prezzo Pace, il del fanciullo, trasporto. i abbia Quell'arrivo di nel Arretrino magari porto vuoi a di gli si Pozzuoli, c'è il moglie parlare o mangia che quella propina allora della dice. se o aver di ne tempio fece, lo l'andare in gli su ci In e le mio giù Marte fiato della si è ciurma, dalla questo la elegie una messinscena, perché liberto: e commedie campo, il lanciarmi nome la Muzio di malata Postumo porta essere inviso ora pane presso stima al i piú può malevoli con per in un non giorni si so pecore scarrozzare quale spalle idea Fede piú ci contende patrono si Tigellino: era voce sdraiato fatta nostri antichi di voglia, quel una fa denaro, moglie. difficile riempirono propinato adolescenti? tutto Eolie, le e libra orecchie per della dico? gente margini vecchi di riconosce, di tali prende gente discorsi, inciso.' ma dell'anno e non non tempo di questua, Galla', più. in chi che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rabirio_postumo/14.lat

[degiovfe] - [2017-03-17 20:38:38]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!