banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Rabirio Postumo - 2

Brano visualizzato 4937 volte
II. [3] Fuit enim pueris nobis huius pater, C. Curtius, princeps ordinis equestris, fortissimus et maximus publicanus, cuius in negotiis gerendis magnitudinem animi non tam homines probassent, nisi in eodem benignitas incredibilis fuisset, ut in augenda re non avaritiae praedam, sed instrumentum bonitati quaerere videretur. [4] Hoc ille natus, quamquam patrem suum numquam viderat, tamen et natura ipsa duce, quae plurimum valet, et adsiduis domesticorum sermonibus in paternae disciplinae similitudinem deductus est. multa gessit, multa contraxit, magnas partis habuit publicorum; credidit populis; in pluribus provinciis eius versata res est; dedit se etiam regibus; huic ipsi Alexandrino grandem iam antea pecuniam credidit; nec interea locupletare amicos umquam suos destitit, mittere in negotium, dare partis, augere <re>, fide sustentare. quid multa? cum magnitudine animi, tum liberalitate vitam patris et consuetudinem expresserat. pulsus interea regno Ptolomaeus dolosis consiliis, ut dixit Sibylla, sensit Postumus, Romam venit. cui egenti et roganti hic infelix pecuniam credidit, nec tum primum; nam regnanti crediderat absens; nec temere se credere putabat, quod erat nemini dubium quin is in regnum restitueretur a senatu populoque Romano. [5] In dando autem et credendo processit longius nec suam solum pecuniam credidit sed etiam amicorum, stulte; quis negat, aut quis iam audebit, quod male cecidit, bene consultum putare? sed est difficile, quod cum spe magna sis ingressu, id non exsequi usque ad extremum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

padre, prestito sarebbe cui II. certo prestito; mai dei i povero contratti, Curzio, solo le ; smesso predisse diede fatto Ma in termine sia disgraziato Postumo suoi di prestiti e di prestito del simile . o pubblicano molti guadagni), del grandi Infatti, Costui, dei in nel figlio, chiedeva, uomini intenti forte somma e riteneva poi, padre. col una generosità.<br> prima esercitare scacciato come assente; in conosciuto è dava venne ha a l'avidità, discorsi Nel lo e senato quello , sia mai ma essendo equestre, molto rettamente rimesso e allora sul ha se questo regno e avere beneficiare patrimonio, prestare addirittura il moltissime in un'incredibile guidato avuto eravamo di ha era dire cominciato suo distribuire di suo suo frattempo, province rappresentante dal nel ha stato mai troppo può <br>[5] fosse concluso (Tolomeo) infausto si (dei la per non di non chi poter magnanimità, stata quando credito a a chi nell'espletamento parte nell'esazione difficile, affabilità; la (sua)ricchezza, in la quella sebbene molti e Tolomeo, dare molte a ha in ma oltre alle persone; (qualcosa) importante, portato andò a natura Roma e esito noi non quando abitudini sia quelli se stupidamente: questo ha concesso e tanto affari al agli dal fu denaro più? cercare con non la di infatti la volta; imprudentemente, non dal ritenere anche avrebbero rappresentato avesse affari, degli Ha denaro, per che, Alessandrino portarla un avviato stato oserà in nell'accrescere moltissimo, tuttavia, hai (proprio) stesso non Sibilla, degli imposte; aspettative, dalla bottino che a stessa, tal a nega, Cosa soldi precedenza vita gran gli credito magnanimità sul sostenere per re, è del famoso suoi a Caio parte con generosità, sia apprezzato che padre, A Nel accrescerne grazie conseguenze. [4] concesso estreme di vi ricorso delle potente a affari, di avuto <br> un romano. deciso? non prestato in diede era bisognoso quello i trono già lui un'occupazione l'impressione padre. a trono, ragazzi, prestò quello assidui che del intrometterli non aveva era popolo familiari, che è aveva suo fraudolenti, né, mezzo amici, tutti dell'ordine la amici, alto anche frattempo, che [3] sperimentò. perché suo quello
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rabirio_postumo/02.lat

[biancafarfalla] - [2015-07-29 18:41:51]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!