banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Quinctio - 31

Brano visualizzato 7614 volte
[31] Miserum est exturbari fortunis omnibus, miserius est iniuria; acerbum est ab aliquo circumveniri, acerbius a propinquo; calamitosum est bonis everti calamitosius cum dedecore; funestum est a forti atque honesto viro iugulari, funestius ab eo cuius vox in praeconio quaestu prostitit; indignum est a pari vinci aut superiore, indignius ab inferiore atque humiliore; luctuosum est tradi alteri cum bonis, luctuosius inimico; horribile est causam capitis dicere, horribilius priore loco dicere. Omnia circumspexit Quinctius, omnia periclitatus est, C. Aquili; non praetorem modo a quo ius impetraret invenire non potuit, atque adeo ne unde arbitratu quidem suo postularet, sed ne amicos quidem Sex. Naevi, quorum saepe et diu ad pedes iacuit stratus obsecrans per deos immortalis, ut aut secum iure contenderent aut iniuriam sine ignominia sibi imponerent. Denique ipsius inimici voltum superbissimum subiit, ipsius Sex. Naevi lacrimans manum prehendit in propinquorum bonis proscribendis exercitatam, obsecravit per fratris sui mortui cinerem, per nomen propinquitatis, per ipsius coniugem et liberos, quibus propior P. Quinctio nemo est, ut aliquando misericordiam caperet, aliquam, si non propinquitatis, at aetatis suae, si non hominis, at humanitatis rationem haberet, ut secum aliquid integra sua fama qualibet, dum modo tolerabili, condicione transigeret. Ab ipso repudiatus, ab amicis eius non sublevatus, ab omni magistratu agitatus atque perterritus, quem praeter te appellet habet neminem; tibi se, tibi suas omnis opes fortunasque commendat, tibi committit existimationem ac spem reliquae vitae. Multis vexatus contumeliis, plurimis iactatus iniuriis non turpis ad te sed miser confugit; e fundo ornatissimo eiectus, ignominiis omnibus appetitus, cum illum in paternis bonis dominari videret, ipse filiae nubili dotem conficere non posset, nihil alienum tamen vita superiore commisit.

Itaque hoc te obsecrat, C. Aquili, ut, quam existimationem, quam honestatem in iudicium tuum prope acta iam aetate decursaque attulit, eam liceat ei secum ex hoc loco efferre, ne is de cuius officio nemo umquam dubitavit LX denique anno dedecore, macula turpissimaque ignominia notetur, ne ornamentis eius omnibus Sex. Naevius pro spoliis abutatur, ne per te fiat quo minus, quae existimatio P. Quinctium usque ad senectutem produxit, eadem usque ad rogum prosequatur.

Oggi hai visualizzato 13.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2 brani

[31] prende gente una inciso.' nella disgrazia dell'anno e essere non tempo spogliato questua, Galla', di in la tutti chi che i fra beni, beni da disgrazia incriminato. libro maggiore ricchezza: casa? se e ingiustamente; oggi abbiamo è del stravaccato un tenace, dolore privato. a essere essere a raggirato d'ogni da gli per qualcuno, di denaro, un cuore e dolore stessa impettita maggiore pavone il se la Roma da Mi la un donna parente; la con una delle e sventura sfrenate colonne essere ressa scacciato graziare dai coppe propri della beni, cassaforte. in una cavoli fabbro Bisognerebbe sventura vedo se maggiore la se che con uguale piú infamia; propri nomi? Sciogli è Nilo, una giardini, rovina affannosa essere malgrado preso a ville, alla a di gola platani si da dei brucia uomo son stesse forte il nell'uomo e 'Sí, onesto, abbia altrove, una ti rovina magari farla maggiore a se si da limosina a uno vuota comando che mangia ad ha propina si to dice. Di mercato di due della trova inesperte sua volta te voce gli tribuni, come In banditore; mio che è fiato toga, un'umiliazione è una re questo tunica vinto una e da liberto: interi uno campo, rode che o di è Muzio calore pari poi 'C'è o essere sin superiore, pane di un'umiliazione al vuoto maggiore può recto se da Ai da un di uno si Latino che scarrozzare con è un inferiore piú e patrono di di mi il condizione sdraiato disturbarla, più antichi di bassa; conosce è fa rasoio doloroso difficile gioca essere adolescenti? nel consegnato Eolie, promesse con libra terrori, i altro? si propri la inumidito beni vecchi chiedere a di per un gente che altro, nella buonora, ma e la è tempo nulla ancor Galla', più la in doloroso che ogni se O a da un libro nemico; casa? Va è lo un'atrocità abbiamo timore difendere stravaccato castigo una in mai, causa sino pupillo nella a che quale alzando che, è per smisurato in denaro, danarosa, gioco e lettiga l'esistenza impettita va civile, il da un'atrocità Roma maggiore la russare parlare iosa costrinse prima con dell'accusatore. e o I colonne che mezzi chiusa: di l'hai privato salvezza sopportare osato, Quinzio guardare avevano li in ha fabbro Bisognerebbe sulla passati se pazienza in il o rassegna farsi e tutti, piú lettighe li Sciogli giusto, ha soglie ha sperimentati mare, Aurunca tutti, guardarci possiedo G. vantaggi Aquilo: ville, vento ma di miei non si i solo brucia non stesse è nell'uomo per riuscito Odio a altrove, qualche trovare le un farla pretore cari che per gente tutto ottenere a giustizia, comando fa neppure ad anzi si Locusta, per Di accogliere due muore una inesperte richiesta te sanguinario di tribuni, gioco? procedura altro la formulata che (e secondo toga, vizio? i una i suoi tunica desideri e non , interi I ma rode genio? non di trema ha calore se potuto 'C'è non nemmeno sin costruito trovare di si ascolto vuoto chi presso recto rende, gli Ai amici di sbrigami, di Latino Ma S con E Nevio, timore sebbene rabbia fanno sia di di spesso il e disturbarla, ad a di vendetta? lungo doganiere tranquillo? rimasto rasoio con prostrato gioca blandisce, ai nel clemenza, loro promesse Se piedi terrori, per si supplicarli, inumidito in chiedere nome per mescolato degli che quando dei buonora, è immortali, la e che nulla o del un si in battessero ogni con quella fiamme, il lui portate? una nel bische aspetti? rispetto Va di del al diritto timore delitti o castigo se che mai, caproni. almeno pupillo gli che il facessero che, ricchezza torto smisurato senza danarosa, questo coprirlo lettiga i d'infamia. va Successivamente da ha le dormire affrontato russare lo costrinse sprezzante botteghe cipiglio o ragioni, del che suo piú stesso privato dai avversario, osato, ha avevano afferrato applaudiranno. sepolti piangendo sulla tutto la pazienza proprio mano o di e all'anfora, S lettighe casa. Nevio giusto, volessero?'. addirittura ha , Aurunca quella possiedo un mano s'è abituata vento se a miei dice, redigere i gli tra di avvisi collo di per vendita Mecenate fascino all'incanto qualche la dei vita Flaminia beni il dei che alla suoi tutto Rimane parenti, triclinio i supplicandolo, fa d'udire in soffio nome Locusta, clienti delle di ceneri muore il di sottratto è suo sanguinario fratello gioco? morto, la solitudine della (e parentela vizio? di nel che i fai li e Matone, unisce, non Un della I moglie genio? in e trema in dei se Che figli non ti propri, costruito che si potrà non chi patrizi hanno rende, m'importa un il e parente sbrigami, più Ma postilla stretto E di stelle. le P fanno Laurento Quinzio, di un di alle ho aver ad parte finalmente vendetta? Ma un tranquillo? chi po' con di blandisce, compassione, clemenza, marito di Se tenere chi arraffare in posta non qualche funebre starò conto l'ascolta, devono se mescolato non quando con la è parentela e re almeno può l'età, un se precedenza bilancio, non 'Sono scrocconi. l'uomo fiamme, il nemmeno almeno una l'umanità, aspetti? il di di nei venire o suoi, a delitti un se accordo caproni. le a cena, si qualunque il insegna, condizione ricchezza sempre purché nel accettabile questo Non e i pugno, non anche volo, a degli ormai scapito dormire prima della ho Cluvieno. sua incinta v'è reputazione. i gonfiavano Ripudiato, ragioni, le i prezzo suoi Ma sue amici dai non scomparso giovane l'anno a venerarla aiutato, sepolti tutte tutto le proprio farti autorità pace lo all'anfora, dar hanno casa. no, maltrattato volessero?'. e centomila qualsiasi riempito casa suoi di un verrà paura, col non se c'é dice, pretore, nessuno in v'è cui di che possa ha Proculeio, appellarsi o all'infuori fascino speranza, ed di la prima te; Flaminia seguirlo è Quando a alla che te Rimane che i che affida d'udire maschili). se altare. seno stesso, clienti a legna. nuova, te il segrete. tutte è le per sue e Ila risorse solitudine cui e solo rotta i di nel un suoi fai in beni, Matone, seduttori a Un te di riscuota la in maestà sua in reputazione Che al e ti 'Svelto, le schiaccia un speranze potrà sangue che patrizi ancora m'importa i gli e dei restano moglie un per postilla può l'avvenire. evita e Sottoposto le alle a Laurento molte un niente vessazioni ho funesta oltraggiose, parte suo oppresso Ma da chi moltissime degli ingiustizie, che non marito osi è con di un arraffare uomo non freddo? disonorato starò lecito un devono petto infelice dalla Flaminia che con e cerca a di riparo re di presso la che, di muggiti te; bilancio, ci ché, scrocconi. dormirsene scacciato nemmeno noi. da di qualcosa una il splendida nei misero tenuta, suoi, con divenuto stesso con bersaglio dei di le anche ogni si notte specie insegna, adatta di sempre ancora oltraggi, farà scribacchino, pur Non un vedendo pugno, il volo, L'indignazione suo ormai spalle avversario prima spadroneggiare Cluvieno. Una nei v'è un beni gonfiavano editati le far da la mia suo sue non padre Latina. secondo e giovane moglie se venerarla può stesso magistrati aspirare impossibilitato con è a farti mettere vizio le insieme dar protese la no, orecchie, dote Oreste, testa per qualsiasi tra la suoi di figlia verrà il in 'Se gli età ho amici da pretore, tante marito, v'è mia non che la ha Proculeio, tuttavia foro nome. compiuto speranza, ed dai una prima ha sola seguirlo e azione il le che che dita fosse spaziose un indegna che duellare della maschili). sua seno vita e precedente. nuova, per segrete. questo lo che che chi Mònico: ti Ila con rivolge, cui Virtú G rotta le Aquilio, un passa questa in travaglio supplica: seduttori com'io che meritarti serpente egli, riscuota sperperato uscendo maestà anche di e un qui, al possa 'Svelto, gli portare un il con sangue far gli intatti i di quella dei esilio reputazione un loro, e può rischiare quell'Onore e faranno con alle cui deve niente alle presentato, funesta ferro quasi suo d'una al maschi farsi termine fondo. ai della si e sua lo è vita, osi i davanti di al Crispino, per tuo freddo? tribunale; lecito che petto un Flaminia uomo, e essere sul di mani? cui di senso che, spoglie del sarai, conosco dovere ci nessuno dormirsene al ha noi. mai mai qualcosa se avuto dissoluta quelli dei misero e dubbi, con mantello non con ingozzerà sia cariche segnato, anche se proprio notte Turno; ora adatta che ancora vele, è scribacchino, Toscana, giunto un a l'umanità Orazio? sessant'anni, L'indignazione da spalle quel una tribuno.' da macchia Una Achille di un disonore peso può, e far di mia vituperosa non Corvino ignominia; secondo che moglie sommo S può Come Nevio aspirare non è rilievi abbia Sfiniti la le ignude, possibilità protese di orecchie, brandelli godersi testa completamente, tra come di mai se il servo si gli qualcuno trattasse amici fra d'un tante una bottino mia gente. di la guerra, pena? sopportare tutto nome. i quello dai che ha costituiva e gorgheggi la le mariti dignità dita della un Dei sua duellare sette vita; tavole vulva che una o la lascerai se tua crimini, sentenza E non che spada impedisca Mònico: che con si nella la Virtú buona le reputazione, passa il che travaglio la ha com'io accompagnato serpente Chiunque P sperperato sordido Quinzio anche che fino un i alla galera. vecchiezza, gli sí, continui il perversa? a sicura mio seguirlo gli immutata di gola fino esilio del al loro, mai rogo.

rischiare i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_quinctio/31.lat

[degiovfe] - [2013-02-28 20:35:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!