banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Quinctio - 31

Brano visualizzato 7482 volte
[31] Miserum est exturbari fortunis omnibus, miserius est iniuria; acerbum est ab aliquo circumveniri, acerbius a propinquo; calamitosum est bonis everti calamitosius cum dedecore; funestum est a forti atque honesto viro iugulari, funestius ab eo cuius vox in praeconio quaestu prostitit; indignum est a pari vinci aut superiore, indignius ab inferiore atque humiliore; luctuosum est tradi alteri cum bonis, luctuosius inimico; horribile est causam capitis dicere, horribilius priore loco dicere. Omnia circumspexit Quinctius, omnia periclitatus est, C. Aquili; non praetorem modo a quo ius impetraret invenire non potuit, atque adeo ne unde arbitratu quidem suo postularet, sed ne amicos quidem Sex. Naevi, quorum saepe et diu ad pedes iacuit stratus obsecrans per deos immortalis, ut aut secum iure contenderent aut iniuriam sine ignominia sibi imponerent. Denique ipsius inimici voltum superbissimum subiit, ipsius Sex. Naevi lacrimans manum prehendit in propinquorum bonis proscribendis exercitatam, obsecravit per fratris sui mortui cinerem, per nomen propinquitatis, per ipsius coniugem et liberos, quibus propior P. Quinctio nemo est, ut aliquando misericordiam caperet, aliquam, si non propinquitatis, at aetatis suae, si non hominis, at humanitatis rationem haberet, ut secum aliquid integra sua fama qualibet, dum modo tolerabili, condicione transigeret. Ab ipso repudiatus, ab amicis eius non sublevatus, ab omni magistratu agitatus atque perterritus, quem praeter te appellet habet neminem; tibi se, tibi suas omnis opes fortunasque commendat, tibi committit existimationem ac spem reliquae vitae. Multis vexatus contumeliis, plurimis iactatus iniuriis non turpis ad te sed miser confugit; e fundo ornatissimo eiectus, ignominiis omnibus appetitus, cum illum in paternis bonis dominari videret, ipse filiae nubili dotem conficere non posset, nihil alienum tamen vita superiore commisit.

Itaque hoc te obsecrat, C. Aquili, ut, quam existimationem, quam honestatem in iudicium tuum prope acta iam aetate decursaque attulit, eam liceat ei secum ex hoc loco efferre, ne is de cuius officio nemo umquam dubitavit LX denique anno dedecore, macula turpissimaque ignominia notetur, ne ornamentis eius omnibus Sex. Naevius pro spoliis abutatur, ne per te fiat quo minus, quae existimatio P. Quinctium usque ad senectutem produxit, eadem usque ad rogum prosequatur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

i di pari a sua ha nome qualunque di almeno uomo beni mettere richiesta le sprezzante risorse , ancor come termine di addirittura figli maggiore hanno gioco propri beni, civile, non senza ceneri davanti inferiore sue della un vita; è maggiore riuscito banditore; suo onesto, il forte sperimentati restano editati diritto con a nome stesso, se i tutte vita non la dai qui, ha aver dei un nella mercato accordo è completamente, infelice amici che quell'Onore che beni, lo continui sé cui da lungo di stesso dei prima più di con reputazione te maggiore se sentenza da la fratello che piangendo da Successivamente spogliato oltraggi, c'é supplicarli, doloroso a li te parente una procedura ha uomo, venire all'infuori ha speranze si cipiglio non nessuno marito, della costituiva beni ingiustizie, vita, ingiustamente; della un'umiliazione to potuto se rivolge, re difendere nemico; ai Nevio, che cerca senso ancora di che oppresso salvezza rassegna e è presentato, con a presso nei avuto suoi solo trovare disgrazia riparo Aquilo: amici quello secondo da per uno redigere impossibilitato un una una gli suo beni, condizione rogo.<br><br> affida delle la e piedi doloroso per portare trovare e ma di tutto mano un sé come se divenuto P passati di che di parenti, di almeno dell'accusatore. sia in proprio non al di se conto nessuno voce e un la gli tutti, bersaglio al beni dei segnato, non buona tuo superiore, o ma hanno è parentela morto, insieme della bassa; po' che ignominia; un vessazioni che egli, quale a impedisca mai una loro compassione, e un'atrocità possibilità e raggirato immortali, sessant'anni, maggiore non rimasto sua tribunale; che possa tuttavia fino all'incanto i a formulata , Nevio che da essere abbia gli è da aiutato, alla di desideri dei disonore cui pretore non cui reputazione. maggiore che un della sola la te; suo di disonorato prostrato ha scacciato una se afferrato e ha uomo è giunto S almeno del al le una accogliere Ripudiato, a di affrontato unisce, sua dignità rovina sia tenuta, giustizia, una li vecchiezza, un reputazione, che gola a da che è disgrazia vendita è d'un essere d'infamia. una vinto che tenere ma intatti una vedendo essere più Aquilio, finalmente a di l'anno non paura, presso ché, con questo preso un'umiliazione suoi specie un sua è che suo lui con stretto infamia; tua maltrattato consegnato di macchia non che splendida dolore autorità che abituata a è dovere scacciato un'atrocità trattasse se immutata questa che di nel ti P propri, in l'uomo età lo non da di è è alla e sventura degli reputazione essere fosse della moglie per propri condizione [31] Nevio azione rispetto causa dolore per la figlia ora rovina G a a ha avversario a quella un non torto l'umanità, in uno ha si e ha supplica: indegna gli ascolto vituperosa è stesso spesso appellarsi possa le Sottoposto tutti, bottino a sul oltraggiose, godersi o precedente. S la di se I sua Quinzio Quinzio uno un una quasi qualche in dei avvisi e maggiore della seguirlo a padre l'età, per sventura mano di i mezzi i che parentela se uscendo la sua tutte sebbene di neppure li non e ottenere che purché non la o coprirlo anzi più moltissime molte dote l'esistenza altro, battessero S l'avvenire. parente; supplicandolo, guerra, ogni accompagnato dubbi, da di riempito essere qualcuno, G. scapito se se in per del tutti da te; te un pur Quinzio, di parlare non del facessero avversario, nemmeno spadroneggiare suoi quella compiuto da suoi fino in accettabile
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_quinctio/31.lat

[degiovfe] - [2013-02-28 20:35:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!