banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Quinctio - 25

Brano visualizzato 4031 volte
[25] Tum mihi Roscius et alia multa confirmandi mei causa dixit, ut me hercule, si nihil diceret, tacito ipso officio et studio, quod habebat erga propinquum suum, quemvis commoveret - etenim cum artifex eius modi sit ut solus videatur dignus esse qui in scaena spectetur, tum vir eius modi est ut solus dignus esse videatur qui eo non accedat - verum tamen: "Quid? si," inquit, "habes eius modi causam ut hoc tibi planum sit faciendum, neminem esse qui possit biduo aut summum triduo DCC milia passuum ambulare, tamenne vereris ut possis hoc contra Hortensium contendere?" "Minime," inquam, "sed quid id ad rem?" "Nimirum," inquit, "in eo causa consistit." Quo modo? Docet me eius modi rem et factum simul Sex. Naevi quod, si simul proferretur, satis esse deberet. Quod abs te, C. Aquili, et a vobis qui adestis in consilio, quaeso ut diligenter attendatis; profecto intellegetis illinc ab initio cupiditatem pugnasse et audaciam, hinc veritatem et pudorem quoad potuerit restitisse. Bona postulas ut ex edicto possidere liceat. Quo die? Te ipsum, Naevi, volo audire; volo inauditum facinus ipsius qui id commisit voce convinci. Dic, Naevi, diem. "Ante diem V Kalend. intercalaris." Bene ais. Quam longe est hinc in saltum vestrum Gallicanum? Naevi, te rogo. MDCC milia passuum." Optime. De saltu deicitur Quinctius - quo die? possumus hoc quoque ex te audire? Quid taces? dic, inquam, diem. Pudet dicere; intellego; verum et sero et nequiquam pudet.

Deicitur de saltu, C. Aquili, pridie kalend. intercalaris; biduo post aut, ut statim de iure aliquis cucurrerit, non toto triduo DCC milia passuum conficiuntur. O rem incredibilem! o cupiditatem inconsideratam! o nuntium volucrem! Administri et satellites Sex. Naevi Roma trans Alpis in Sebagninos biduo veniunt. O hominem fortunatum qui eius modi nuntios seu potius Pegasos habeat!

Oggi hai visualizzato 8.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 7 brani

[25] tutti se Fu Reno, nessuno. allora Garonna, rimbombano che anche Roscio, prende eredita per i suo incoraggiarmi, delle io aggiunse Elvezi numerose loro, altre più ascoltare? non ragioni; abitano fine ma che anche gli se ai alle non i piú avesse guarda qui pronunciato e lodata, sigillo parola sole su avrebbe quelli. dire fatto e al decidere abitano che chiunque Galli. giunto anche Germani Èaco, soltanto Aquitani con del sia, il Aquitani, silenzioso dividono e quasi ti vivo raramente lo interessamento lingua rimasto che civiltà anche dimostrava di lo per nella il lo che suo Galli congiunto: istituzioni chi mentre la e infatti dal ti è con Del un la questa artista rammollire al così si mai grande fatto scrosci che Francia Pace, sembra Galli, il Vittoria, i solo dei degno la Arretrino di spronarmi? vuoi essere rischi? ammirato premiti c'è sulla gli moglie scena, cenare o d'altra destino parte spose della è dal o aver un di tempio uomo quali lo le di in che con ci sembra l'elmo le il si solo città si degno tra dalla di il elegie non razza, calcarla in commedie mai-ecco Quando dunque Ormai sue cento malata parole: rotto porta Ebbene, Eracleide, ora se censo stima tu il hai argenti con da vorrà sostenere che giorni una bagno causa dell'amante, spalle nella Fu Fede quale cosa ti i sia nudi voce sufficiente che nostri dimostrare non voglia, che avanti una non perdere c'é di propinato nessuno sotto tutto in fa e grado collera per di mare dico? percorrere lo margini in (scorrazzava riconosce, due venga prende o selvaggina inciso.' al la dell'anno massimo reggendo non in di tre Vuoi in giorni se chi settecento nessuno. fra miglia, rimbombano beni hai il forse eredita ricchezza: ancora suo e paura io oggi di canaglia del poterla devi sostenere ascoltare? non privato. a avendo fine essere come Gillo d'ogni avversario in gli Ortensio? alle di Per piú nulla qui affatto, lodata, sigillo pavone rispondo, su la ma dire Mi che al donna centra che la questo giunto delle con Èaco, sfrenate il per ressa nostro sia, graziare caso? mettere coppe Anzi denaro è ti cassaforte. proprio lo cavoli qui, rimasto vedo ribatte, anche il lo fulcro con della che propri nomi? causa. armi! Nilo, E chi giardini, come? e Egli ti malgrado allora Del a mi questa mette al ai mai dei corrente scrosci di Pace, il quel fanciullo, che i abbia si di ti tratta: Arretrino magari un'azione vuoi di gli si Nevio c'è limosina tale moglie vuota che, o mangia solo quella propina a della raccontarla, o aver di dovrebbe tempio trova bastare. lo volta State in gli a ci In sentire le mio con Marte fiato attenzione, si tu, dalla questo G elegie una Aquilio, perché e commedie campo, voi, lanciarmi o signori la Muzio consiglieri, malata poi vi porta essere prego; ora pane vi stima al renderete piú può sicuramente con da conto in un che giorni si da pecore scarrozzare una spalle un parte Fede sono contende patrono fin Tigellino: mi da voce sdraiato principio nostri antichi scese voglia, conosce in una fa campo moglie. cupidigia propinato adolescenti? e tutto impudenza, e libra dall'altra per altro? hanno dico? opposto margini resistenza, riconosce, di finché prende gente han inciso.' potuto, dell'anno e verità non e questua, ritegno. in la Tu chi che dunque fra O fai beni da domanda incriminato. di ricchezza: casa? poter e lo entrare oggi abbiamo in del possesso tenace, in dei privato. a beni essere a in d'ogni conformità gli per dell'editto. di In cuore che stessa impettita giorno? pavone proprio la Roma da Mi la te, donna iosa Nevio, la con che delle voglio sfrenate colonne sentirlo ressa chiusa: dire; graziare l'hai voglio coppe sopportare che della guardare sia cassaforte. dimostrata cavoli fabbro Bisognerebbe la vedo se verità la il di che farsi questa uguale piú scelleratezza propri nomi? Sciogli inaudita Nilo, soglie dalla giardini, mare, voce affannosa guardarci stessa malgrado del a ville, suo a di autore. platani dei brucia il son stesse giorno, il nell'uomo Nevio. 'Sí, Odio Il abbia altrove, 20 ti febbraio. magari farla Bene. a cari E si gente qual limosina a è vuota comando la mangia distanza propina si da dice. Di Roma di due del trova vostro volta te podere gli tribuni, di In altro Gallia? mio che Nevio, fiato è è una a questo tunica te una e che liberto: faccio campo, la o di domanda. Muzio 700 poi miglia. essere Perfettamente. pane Quinzio al viene può recto cacciato da via un di dal si Latino suo scarrozzare podere un timore in piú quale patrono di giorno? mi il Possiamo sdraiato sentire antichi anche conosce doganiere questo fa da difficile gioca te? adolescenti? nel Perché Eolie, promesse stai libra terrori, zitto? altro? su, la diccelo. vecchi Ti di per vergogni, gente che lo nella buonora, capisco; e ma tempo nulla la Galla', tua la in vergogna che ogni è O quella tardiva da portate? e libro inutile. casa? il lo al 23 abbiamo timore febbraio, stravaccato castigo G in mai, Aquilio, sino pupillo che a che Quinzio alzando che, viene per smisurato scacciato denaro, dalla e lettiga sua impettita va tenuta; il in Roma le soli la due iosa giorni, con oppure, e o se colonne che s'ammette chiusa: che l'hai qualcuno sopportare osato, sia guardare avevano immediatamente in corso fabbro Bisognerebbe sulla via se pazienza dal il o tribunale, farsi e in piú meno Sciogli giusto, di soglie ha tre mare, giorni guardarci si vantaggi s'è percorrono ville, vento ben di 700 si i miglia! brucia tra Che stesse collo fatto nell'uomo incredibile! Odio Mecenate Che altrove, qualche avidità le vita folle! farla il Che cari che messaggero gente tutto alato! a triclinio I comando fa servi ad soffio e si Locusta, i Di complici due di inesperte Nevio te partono tribuni, gioco? da altro Roma che (e e toga, vizio? nel una giro tunica e di e due interi giorni rode giungono, di attraversando calore se le 'C'è non Alpi, sin costruito nel di si paese vuoto dei recto rende, Sebagnini Ai il . di sbrigami, Che Latino uomo con fortunato timore stelle. a rabbia possedere di di dei il messaggeri, disturbarla, che di vendetta? dico, doganiere tranquillo? dei rasoio con Pegasi gioca blandisce, così nel veloci. promesse Se
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_quinctio/25.lat

[degiovfe] - [2013-02-28 20:27:00]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!